Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

No Green Pass e angoscia di morte

nogreenpass e angoscia di morteIn questi due anni di diffusione della pandemia Covid-19, si è generato nei sistemi sociali, statuali, politici  un senso di disagio. Infatti, con i provvedimenti restrittivi adottati dai singoli Stati si sono   verificate reazioni di scontento, insofferenza e rivolta.

In ogni area geografica ci sono state manifestazioni di scontro sociale attribuite  a  questioni socio-economiche, disuguaglianze strutturali, contrapposizioni politiche, prassi sanitarie inefficienti oppure inflessibili. La complessità e la gestione della pandemia è dipesa dalla governance dei singoli stati e dalle indicazione dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Per quanto riguardo il contesto nazionale si sono individuare tre fasi.

Nella prima fase con il lockdown (restrizione), si è evidenziato da parte della popolazione il pericolo del contagio. La reazione alla norma introdotta è stata di tipo passivo-dipendente: ci sono state alle altre insofferenza ma non si sono verificati comportamenti sociali di rivolta.

Nella seconda fase con l'introduzione del vaccino obbligatorio per alcune categorie professionali e volontaria per la popolazione, si è constatato un comportamento ambivalente di fiducia-sfiducia,  sicurezza-insicurezza, paura-salvezza, guarigione-morte. Inoltre, si è evidenziata una reazione sociale aggregativa tra favorevoli-sfavorevoli e di contrapposizione tra le parti.

Nella terza fase con l'introduzione del green pass,  prima solo obbligatorio per alcuni settori sociali, poi con l'obbligatorietà nei luoghi associativi e occupazionali, si è generato un conflitto nella popolazione tra  maggioranza e minoranza.

Secondo Freud, questa massa provvisoria (minoranza) è una composizione eterogenea  di persone che, unendosi attorno ad un oggetto totemico specifico (no green pass) per un certo periodo di tempo, manifesta comportamenti impulsivi, mutevoli, irritabili e aggressivi.

Pubblicità

L'oggetto totemico (no green pass), per la massa provvisoria eterogenea, fa da aggregante;  e, per difendersi  da due pulsioni sottostanti, aggredisce chi si oppone.

La prima pulsione è la pulsione di morte, la seconda è la pulsione abbandonica.

Il simbolo del green pass (patente), per i non green pass (massa), rievoca l'essere abbandonati, l'essere considerati degli infettanti, l'essere il male e l'essere distruttivi. Per difendersi da queste attribuzioni paranoidee introiettate, per rimuovere  l'etichetta, il marchio che si sentono addosso, aggrediscono.

I meccanismi di difesa messi in atto sono due.

Il primo è quello razionalistico: “il vaccino non è sicuro, il vaccino fa male, il vaccino va sperimentato, io mantengo le distanze, io faccio il tampone”.

Il secondo è quello magico: “il vaccino è un microchip che controlla la mente, il vaccino è voluto da entità che ci vogliono controllare e guidare, il vaccino è opera del dominio”.

Questo secondo meccanismo è borderline con il pensiero delirante.

Queste due forme di “pensiero” costituiscono la mappa del ragionamento del singolo e della massa provvisoria.

L'estromissione dal branco di appartenenza invece evoca l'archetipo inconscio della separazione, del distacco dall'oggetto generante e quindi angoscia abbandonica. Per difendersi da questa angoscia espulsiva, la massa provvisoria, si difende contrapponendosi alla norma con comportamenti aggressivi e razionalizzanti:” noi siamo una minoranza: le minoranze vanno rispettate”. In questa frase iterata si manifesta l'angoscia abbandonica.

Il rito di ritrovarsi sottolinea la presenza, l'esistenza della massa provvisoria che si rafforza e si coagula attorno all'oggetto totemico (no green pass) .

Le leadership di questa massa provvisoria sono transitorie e mutevoli perché il rito fondativo dell'incontro si costituisce attorno al simbolico del no green pass.

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

 

Femminicidio e tipologia omicidiaria
Festando la carta, fiabe e poesie al Festival di F...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni