Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

Scarichi di Tensione - Settima lezione

segnali di gradimento o di rifiutoAbbiamo trattato negli articoli precedenti i segnali di gradimento e di rifiuto, i quali non sono altro che scarichi di tensione dovuti alla situazione, alla persona che abbiamo davanti ecc.

In pratica tutti i gesti che andiamo ad individuare nel nostro interlocutore, sono degli scarichi di tensione, sta a noi caricare energeticamente quel gesto, cioè insistere su quell'argomento per veder poi trasformare quella tensione in un segnale di gradimento (che ci indica il fatto che stiamo procedendo bene all'interno della comunicazione) o in un segnale di rifiuto (stiamo andando male, quindi bisogna calibrare al meglio la nostra comuncazione).

Vediamo ora quali sono gli scarichi di tensione più comuni

Gesti di autopulizia

I gesti di autopulizia sono un modo per esprimere il proprio disaccordo o disappunto su qualcosa

Il gesto di spolverarsi o togliersi un pelucco dalla giacca è uno scarico di tensione, che può trasformarsi sia in un segnale di gradimento o di rifiuto a seconda del contesto e della persona.

Ha infatti, significato opposto se fatto sugli altri: se “spelucchiamo”, puliamo la giacca di un’altra persona manifestiamo interesse verso questa, quindi si tratta di un segnale di gradimento anziché rifiuto.

Questi pochi minuti di video sono stati ripresi da un nostro partecipante durante l'ultimo evento: Linguaggio del corpo e microespressioni facciali.

Questi "spazzolamenti" o il semplice "togliersi dei pelucchi" dal maglione o dal vestito non sono altro che segnali non verbali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole.

Gesti di autoconforto

Tra gli scarichi di tensione troviamo anche i segnali di autoconforto, che avvengono quando non trovando un appoggio dall'esterno, entriamo in uno stato di disagio (tensione) e cerchiamo di darci da soli un certo sollievo, toccandoci o massaggiando alcune parti del nostro corpo: nuca, collo, grattamenti della testa....

Per sapere cosa sono i segnali di autoconforto e come possiamo usarli ti lascio questo video:

Scarichi di tensione e toccamenti

Gli scarichi di tensione possono essere decodificati solo in base al contesto nel quale vengono espressi, lo stesso linguaggio del corpo è attivo anche quando la persona non è in relazione con altri.

Quando siamo soli, infatti, ci tocchiamo, grattiamo, stiriamo, accarezziamo, e questi comportamenti richiamano per analogia situazioni in cui questi erano i gesti dei nostri genitori.

Gli scarichi di tensione vengono prodotti per ridurre uno stato di tensione, ed è facile accorgerci di ciò, ad esempio, se dialogando con un estraneo avessimo braccia e gambe conserte e poi tentassimo di aprirle indubbiamente ci sentiremo a disagio ed in modo quasi automatico torneremmo nella posizione iniziale.

Vi è mai capitato di parlare con una persona che mentre parla vi tocca con insistenza?
Come vi siete sentiti?
E se a toccarvi è una persona simpatica o di vostro gradimento?
Come avete reagito?
In questo video cercheremo di rispondere a queste domande.

 

Per approfondimenti e per altri segnali più specifici di gradimento e rifiuto, consiglio i libri:

Comunicare bene, la comunicazione come formamentis – edizioni psiconline.

Oppure

Perchè mi tradisci – edizioni psiconline

Alla prossima lezione...

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

Donna e Femminicidio
Ricerca e Riflessione: la fase 4 del progetto Educ...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

News Letters

0
condivisioni