Pubblicità

I blog di Psiconline

0
condivisioni
Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

L’abito fa il monaco?

abito monacoCome diceva Manuel Fantoni nel film Borotalco, “l’abito fa il monaco!”. Aveva ragione? Anche se ci spiace ammetterlo, la risposta è sì!

Ci sono montagne di ricerche su questo fatto, e tutte concordano che valutiamo gli altri dalla prima impressione.

Questa cosa può sembrare (e per un certo verso lo è) superficiale, ma immaginate ancora una volta di vivere in una landa desolata e pericolosa, dove le risorse sono scarse e si lotta per ottenerle.

Continua a leggere
  2683 Visite
2683 Visite

Ottenere risultati con il metodo M.A.D.E.

immagini della menteIl nostro cervello si nutre di immagini, ma le immagini che affollano la nostra mente parlano una lingua che a volte non comprendiamo.

Faccio un esempio per chiarire meglio il concetto: se ci poniamo come obiettivo il parlare ad una platea numerosa e non ci reputiamo buoni comunicatori, il fatto stesso di reputarci (o meglio, crederci) buoni comunicatori potrebbe fare la differenza.

Perchè? Quali immagini hanno di solito nella loro mente le persone che hanno paura di parlare in pubblico?

È dimostrato che, il più delle volte, tali persone prima di iniziare un discorso, si ripetono mentalmente frasi come «Non mi devo emozionare», «Non devo andare nel pallone», «Stavolta non mi devo bloccare», «Stavolta non voglio fare una brutta figura».
Quali immagini evocano queste parole?

Il cervello sappiamo che si nutre più di immagini che di parole – infatti un’immagine vale più di mille parole -, proprio per questo motivo la mente delle persone che non riescono a parlare in pubblico si riempie di immagini di loro stessi che non sanno parlare, che si bloccano e inibiscono davanti ad un pubblico più o meno vasto.

Continua a leggere
  2110 Visite
2110 Visite

La comunicazione non verbale. Gesti e scarichi di tensione

La comunicazione non verbale Gesti e scarichi di tensioneI gesti che tratteremo derivano dal nostro recentissimo passato (in termini geologici) come animali.

Non siamo nati con un linguaggio ben strutturato e in un mondo il cui rischio peggiore era perdere il bus o stare in un palazzo senza campo per il cellulare.

Ci siamo evoluti in un pianeta piuttosto selvaggio e dove i riflessi e i muscoli contavano molto più del senso dell’umorismo e dell’abilità matematica.

La natura ha fornito i mammiferi dotati di un cervello molto complesso, come i primati (e quindi anche noi umani) di una zona specifica, l’amigdala, che serve proprio a poter reagire in modo più rapido e immediato possibile di fronte a una minaccia sconosciuta.

Continua a leggere
  3885 Visite
3885 Visite

Linguaggio del Corpo… Uomo-Donna

linguaggio del corpo uomo donnaL’argomento di questo post l’ho ampiamente trattato in un libro che uscito poco tempo fa dal titolo “Il metodo anticorna” (Franco Angeli) dove l’argomento centrale che ho avuto il piacere di trattare insieme al mio collega dr Meridda è stato proprio quello che si riferisce al Perché tanti uomini e tante donne tradiscono il proprio partner, e tra le ricerche che abbiamo rilevato, scrivere alcune tecniche per far in modo che ciò non accada.

Ma….uomini e donne arriveranno mai a capirsi veramente?

Sebbene tra uomini e donne ci debba essere uguaglianza, la verità è che tra i due generi esistono molte differenze, non soltanto biologiche.

Innanzitutto occupiamoci di comprendere le origini e le motivazioni della cosiddetta “guerra dei sessi”, che può riassumersi in breve proprio nel modo in cui uomini e donne concepiscono il sesso.

Continua a leggere
  2548 Visite
2548 Visite

Dimmi come siedi e ti dirò chi sei

dimmi come siedi e ti diro chi seiRepentine variazioni nella prossemica, come l’improvviso avvicinamento o allontanamento dall’interlocutore, possono generare nell’ascoltatore stati di tensione, che si manifestano in tanti modi.

Possiamo infatti trovare questi scarichi di tensione nei pruriti, ad esempio alle arcate sopraccigliari, nella zona maxillo-facciale (vicino al naso), ma anche nella frontale, variazioni di postura o dondolii, accavallamento di gambe e braccia, contrazioni muscolari del volto, frequente deglutizione salivare, sorrisi nervosi, schiarirsi la voce o ridurne il tono.

Talvolta poi si arriva a reazioni più estreme che possono evidenziarsi con rossore/pallore, tachicardia o anche iper-sudorazione e tremore.

Continua a leggere
  2195 Visite
2195 Visite
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Sta con me ma ama ancora la su…

Fede.love.23, 47     Sono separata e vivo da sola con 2 figli a carico senza nessun aiuto economico del mio ex marito.Sto con lui da 5 anni ma fi...

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni