Pubblicità

I blog di Psiconline

0
condivisioni
Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Gli ormoni e il comportamento uomo-donna

comportamento uomo donnaLe  emozioni ci spingono ad  agire, e non a caso la parola EMOZIONE deriva dal latino MOVEO (muovere) con l’aggiunta di “e-“ (movimento da).
Questo perché, qualsiasi l’emozione, agiamo in reazione ad essa.

Le emozioni sono definite come istinti consapevoli, sono cioè degli istinti, radicati nel nostro cervello, che si differenziano dagli altri per il fatto che sappiamo bene di provarle.
In pochi si rendono conto di schivare un vaso che cade, lo fanno e basta.
Mentre è facile sapere di essere arrabbiati o felici, quantomeno una volta che l’emozione è passata.

È invece molto più difficile capire quando l’emozione origina, ciò in conformità al fatto che sono istinti.

Continua a leggere
  12847 Visite
12847 Visite

La psicologia del bugiardo

bugiardiGli studi caratterizzati da questa attenzione rivolta al solo contenuto verbale hanno messo in luce che il bugiardo utilizza un linguaggio con un ridotto numero di asserzione ai fatti, inoltre le dichiarazioni false risultano più brevi di quelle vere e con minor riferimento alle esperienze personali: le menzogne fanno pochi riferimenti a persone, luoghi o eventi, mentre si servono moltissimo di termini generici come tutti, ogni volta, nessuno, mai, ecc.

In particolare il verbale di chi mente è conciso, sintetico, incompleto, con enunciati brevi, privi di soggetto e con predicati sottintesi.

Un’altra strategia psicologica del bugiardo consiste nel non assumersi la responsabilità delle proprie affermazioni, spostando l’attenzione su un contesto di riferimento esterno.

Continua a leggere
  2127 Visite
2127 Visite

Come abbassare la nostra emotività

emotivitàAllo psicologo capita spesso di trovarsi a contatto con persone che hanno un disagio, o un particolare problema che non permetta loro una facile e rapida soluzione.

L’ascolto empatico permette al paziente di sentirsi compreso, finalmente trova una persona che lo capisce e finisce naturalmente, con il chiedere più delle vere e proprie soluzioni, che dei consigli.

In questi momenti è importante non farsi trascinare dall’entusiasmo e, frenare la lingua, perché l’obiettivo dell’ascolto non è dar risposte o soluzioni, ma aiutare l’interlocutore a trovarle da solo.

Una volta che si parla di un problema e delle situazioni particolari che si sono create, nonché delle persone che ne sono coinvolte, prima o poi si parlerà anche delle possibili soluzioni.

Continua a leggere
  2764 Visite
2764 Visite

Seguire i nostri valori ci aiuta a vivere meglio

seguire i valoriIl modello del mondo è in poche parole il “filtro” attraverso cui decifriamo e interpretiamo il mondo esterno.

Ognuno di noi ha un personale modello, che ci guida nelle nostre scelte personali e nel dare un significato a ciò che accade.

Il modello si basa su regole, valori, credenze, idee, attività e bisogni.

Sono questi dei concetti base della PNL, che derivano dalle ricerche di A. Korzybski sulla semantica, uno degli assiomi base della PNL recita infatti: la mappa non è il territorio e tende a ricordarci che ogni esperienza che facciamo è del tutto soggettiva.

Tutti quanti abbiamo avuto l’esperienza strana di conoscere persone con gusti diversi dai nostri. Come può essere che qualcuno adora delle cose per cui noi proviamo repulsione?

Continua a leggere
  3072 Visite
3072 Visite

Il disagio non è fatto per durare

disagioA volte ci tormentiamo per un genitore che avremmo voluto, e per il figlio che siamo stati e lasciamo crescere per questo in noi sensi di colpa e risentimenti.

Vorremmo essere diversi, oppure che i nostri genitori fossero stati diversi.

Questa però è la strada che ci porta solo all’infelicità, non si può modificare il passato, esso è già morto, appunto:passato.

Crediamo che l’infelicità sia il risultato di un genitore sbagliato, ma se ascoltassimo l’evento, questo ci suggerirebbe solo che l’infelicità è un momento, c’è infelicità, non dice altro, tutto il resto lo aggiungiamo solo noi, con i nostri pensieri e libere associazioni.

Continua a leggere
  1753 Visite
1753 Visite
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni