Pubblicità

I blog di Psiconline

0
condivisioni
Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

I B.E.S. nella scuola oggi: il problema dell’individuazione

i bes nellla scuola di oggiStrumenti compensativi [e misure dispensative] non sono medicinali da prescrivere con ricetta medica, come sembra leggendo certe diagnosi, ma degli strumenti didattici con i quali, in certi casi e a certe condizioni, è possibile bilanciare (compensare significa proprio "bilanciare") un disturbo o una difficoltà…[…]

È emblematico ad esempio, l'atteggiamento verso la calcolatrice il cui impiego a scuola, che non è vietato da nessuna norma,[…]ma viene spesso ammesso solo se imposto da un'autorità sanitaria esterna, come un farmaco pieno di controindicazioni da assumere sotto rigorosa prescrizione medica.

Non è quindi agli specialisti che dobbiamo chiedere di fare un passo indietro quanto piuttosto alla scuola di farne, con decisione, almeno un paio in avanti.

(Flavio Fogarolo)

Per chiarezza cominciamo a fare un discrimine: i B.E.S. non si certificano! A dirlo è Flavio Fogarolo, formatore, vicepresidente dell’Associazione Lettura Agevolata di Venezia e collaboratore del Centro Studi Erickson.

Continua a leggere
  6605 Visite
6605 Visite

Luci ed ombre della normativa sui B.E.S.

luci ed ombre sui besCosta meno caro aiutare un giovane a costruirsi
che aiutare un adulto a ripararsi.
(Anonimo)

All’indomani dell’emanazione della Direttiva Ministeriale del 27/12/2012 e della relativa Circolare applicativa relative a “Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l'inclusione scolastica” si accese un ampio dibattito, tra detrattori e difensori circa le effettive opportunità offerte da tale norma.

Continua a leggere
  3279 Visite
3279 Visite

#Sfida Autismo

giornata mondiale autismoPiù che di “autismo” sarebbe più opportuno parlare di “autismi”, o, meglio ancora, sarebbe il rinunciare alle etichette e concentrarci su quel bambino che magari non sa giocare, comunicare, esprimere le proprie emozioni, che vive in una condizione di isolamento perché le interazioni sociali sono precluse ai diversi, ma che sa offrirci la ricchezza della sua diversità, da cui tutti abbiamo da imparare.
 (Eugenio Serravalle)1

In occasione della “Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo” che si è celebrata a livello internazionale il 2 aprile, metto in stand by la discussione che sto portando avanti sulle problematiche degli altri alunni con Bisogni Educativi Speciali, per dedicare questa mia riflessione alla sfida dell’autismo, per sottolineare quanto spesso ho affermato nei miei precedenti post: ciascuno va rispettato,  per l’intrinseco valore che porta dentro di sé, valorizzando ciò che di positivo, bello, significativo  ha da dare!

Del resto a me non è mai piaciuta la definizione “autistico”, preferisco “affetto da autismo” giacché il soggetto non è la malattia ma ben altro… In questa prospettiva è necessario riflettere su come la convivenza con i coetanei rappresenta per tutti (alunni con autismo e normo dotati) un’occasione unica per sperimentare apprendimenti funzionali con il diverso da sé,  insieme al/ai quale/i imparare a comprendere il mondo, imparandone le regole, per generalizzare via via in altri contesti le abilità apprese a scuola. Certo è un’operazione ardua e complessa, che necessita della collaborazione di tutte le figure interne ed esterne che ruotano intorno all’alunno, anche prevedendo adattamenti organizzativi dell’ambiente scolastico e un impiego di tutte le risorse disponibili.

Continua a leggere
  2059 Visite
2059 Visite

Pillole di … B.E.S. - Riflessioni sulla normativa

pillole di besSe si perdono i ragazzi più difficili la scuola non è più scuola.
È un ospedale che cura i sani e respinge i malati.
(Don Lorenzo Milani)

A più di trent’anni dall’emanazione della legge 517 la Direttiva Ministeriale del 27/12/2012  e della relativa Circolare applicativa n°8 del 6/3/2013 relative a “Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l'inclusione scolastica” propone un ripensamento di alcuni aspetti dell’intero sistema scolastico.

Sul piano culturale un’influenza rilevante è data dalla classificazione diagnostica ICF (International Classification of Functioning)1 dell’OMS, che considera la persona nella sua totalità, secondo il modello interpretativo bio-psico-sociale. In questa prospettiva il contesto ha un’importanza rilevante nella determinazione di una situazione di difficoltà, giacché ciascun alunno/a può trovarsi, anche solo temporaneamente, in un periodo critico e di questo la scuola non può non tenerne conto.


Diviene fondamentale pertanto un rafforzamento della cultura dell’inclusione, e ciò anche mediante un approfondimento delle relative competenze degli insegnanti curricolari, finalizzata a ad una più stretta interazione tra tutte le componenti della comunità educante. A tal proposito nascono i Centri Territoriali di Supporto (CTS) e i Centri Territoriali per l’Inclusione (CTI) come interfaccia tra l’Amministrazione e le scuole2.

Il riconoscimento del fatto che l’area dello svantaggio scolastico sia molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit, fa sì che la necessità di una didattica personalizzata sia attuata anche per tutti quegli alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse.

Come anticipavo nel post precedente3 l’area degli Special Educational Needs comprende tre sotto-categorie:

  1. disabilità
  2. disturbi evolutivi specifici (quindi anche DSA)
  3. svantaggio socioeconomico, socioaffettivo, linguistico o culturale. 

Tralasceremo in questa discussione l’area della disabilità e dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento, in quanto già affrontate in post precedenti e focalizzeremo la nostra attenzione sulle altre condizioni che determinano le difficoltà per le quali è possibile rientrare nell’area degli alunni con B.E.S..

Per quanto riguarda il punto 2 la normativa, rifacendosi alla comune origine nell’età evolutiva, comprende nei “disturbi evolutivi specifici”, oltre ai DSA  anche i deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria, dell’attenzione e dell’iperattività, e tutte quelle condizioni di disfunzionalità che rientrano in una situazione clinica, (come ad esempio il Mutismo Selettivo) senza compromissione del funzionamento intellettivo. L’area più “spinosa” è quella del funzionamento intellettivo limite, laddove la normativa dice “può essere considerato un caso di confine fra la disabilità e il disturbo specifico” sul quale mi soffermerò nel prossimo post su “Luci ed ombre della normativa sui B.E.S.”.

Per quanto riguarda il punto 3 la normativa punta lo sguardo anche su quegli alunni che si trovano in condizione di svantaggio per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta, individuato in base a elementi oggettivi (come ad es. una segnalazione degli operatori dei servizi sociali), e a ben fondate considerazioni psicopedagogiche e didattiche. In questa prospettiva è opportuno predisporre, per gli alunni così individuati, percorsi di personalizzazione del processo di apprendimento o il Piano Didattico Personalizzato che conterrà le strategie educative e didattiche che verranno adottate per un tempo limitato. L’efficacia del PDP andrà quindi monitorata costantemente giacché, essendo una condizione transitoria, potrà essere sospeso in vista di recupero dello svantaggio.

Ulteriori indicazioni riguardano la possibilità di:

  • adottare strumenti compensativi e misure dispensative (come per gli alunni con DSA);
  • utilizzare le 2 ore di insegnamento della seconda lingua comunitaria per il potenziamento della lingua italiana da parte di alunni stranieri.

Sicuramente quindi si tratta di una bellissima pagina di psico – pedagogia che aprirebbe ad ampi spazi d’intervento psicologico ma … contiene non poche criticità, sulle quali approfondiremo nel prossimo post.

 

-----------------------------------------------------------

[1] O.M.S., (2007). ICF-CY. Trento: Erikson.

[2] Un maggiore approfondimento su CTS e CTI nel post conclusivo di quest’approfondimento sui B.E.S. “Le parole per dirlo”.

[3] Improta, A. (2017).  I BES … questi (s)conosciuti. Post del 27 Febbraio sul Blog Psicologia a scuola.

 

 

Continua a leggere
  6050 Visite
6050 Visite

I BES … questi (s)conosciuti

bes improta1Anche chi zoppica procede in avanti.
Ma chi è agile e forte,
non zoppichi davanti allo zoppo,
stimandosi cortese.
(Kahlil Gibram)

Nella scuola sono sempre esistiti degli alunni “speciali” che, al di là delle disabilità certificate e anche nella scuola trasmissiva tradizionale, necessitavano di interventi personalizzati, tuttavia non c’era una normativa che ne garantisse e tutelasse gli interventi. Per questi alunni quindi “la scuola buona”, quella degli insegnanti motivati e attenti, esisteva già prima della 107i e si occupava di tali alunni favorendone il successo formativo, attuando percorsi di studio personalizzati. Purtroppo però affianco a “la scuola buona” esisteva un altro tipo di scuola, più rigida e meno attenta a chi era in difficoltà e se eri un alunno/a problematico/a e capitavi nella scuola rigida … erano dolori!!!

Continua a leggere
  6479 Visite
6479 Visite
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni