Pubblicità

0
condivisioni

Questionario sui Disturbi Alimentari (Eating Attitude Test - EAT-26)

David M. Garner, et al., (1982)

disordini alimentari

L'Eating Attitude Test (EAT-26) è il test più usato nel mondo per misurare i sintomi e le preoccupazioni caratteristiche dei disturbi dell'alimentazione ed è stato scelto dall'amminstrazione Clinton per il National Eating Disorders Screening Program del 1998.
l'EAT-26 è stato usato in molte ricerche come strumento di screening per identificare precocemente le persone affette da disturbi dell'alimentazione. L'identificazione precoce dei disturbi può portare ad iniziare una cura più rapidamente e, come dimostrato da alcune ricerche, migliorare la prognosi dei disturbi dell'alimentazione.

Gli studi che hanno usato l'EAT-26 sulle adolescenti o sulle giovani donne adulte indicano che circa il '5% delle donne ottiene un punteggio uguale o superiore a 20. Le interviste diagnostiche effettuate nei soggetti con punteggi uguali o superiori a 20 hanno evidenziato che un'elevata proporzione ha un disturbo dell'alimentazione o una "sindrome parziale", caratterizzata da alcuni, ma non tutti i sintomi richiesti per fare diagnosi di un disturbo dell'alimentazione.

 

1. Ho una terribile paura di ingrassare





2. Quando ho fame evito di mangiare





3. Penso al cibo con preoccupazione





4. Mi è capitato di mangiare con enorme voracità sentendomi incapace di smettere





5. Ho l’abitudine di sminuzzare il cibo





6. Faccio molta attenzione al potere calorico dei cibi che mangio





7. Evito in particolare i cibi con elevato contenuto di carboidrati (pane, pasta, dolci)





8. Sento che gli altri vorrebbero che io mangiassi di più





9. Mi capita di vomitare dopo aver mangiato





10. Mi sento molto in colpa dopo mangiato





11. Mi tormenta il desiderio di essere più sottile





12. Mi sottopongo a esercizi fisici intensi per bruciare calorie





13. Gli altri pensano che sono troppo magra/o





14. Mi preoccupa l’idea di avere del grasso sul corpo





15. Impiego più tempo degli altri per mangiare





16. Evito cibi dolci





17. Mangio cibi dietetici





18. Sento che il cibo domina la mia vita





19. Mi piace mostrare un grande autocontrollo verso il cibo e dominare la fame





20. Sento che gli altri fanno pressioni su di me perché io mangi





21. Mi dispero se mangio dei dolci





22. Mi impegno in programmi di dieta





23. Dedico al cibo troppo tempo e troppi pensieri





24. Mi piace che il mio stomaco sia vuoto





25. Mi piace provare nuovi cibi elaborati





26. Ho l’impulso di vomitare dopo mangiato





Dettagli utente

How many eyes does a typical person have (e.g: 4)?

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Fisting

Il fisting è una pratica sessuale, è l'atto di inserire l'intera mano o anche di due mani contemporaneamente, dentro la vagina o il retto Naturalmente richiede...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni