Vai al contenuto

beachild

Membri
  • Numero di messaggi

    2
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

beachild's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

0

Reputazione comunità

  1. Il tutto si è risolto per il meglio, complici forse il tempo, forse le vacanze insieme al mare, forse il naturale corso degli eventi. Spero comunque che il post risulti utile a chi vive esperienze simili e teme che siano fuori dalla norma. Grazie.
  2. Buongiorno, prima di rivolgermi ad uno psicologo, misura che credo possa rappresentare, almeno all'inizio, essa stessa uno stress per mia figlia di cinque anni, provo a chiedere a voi se avete avuto esperienze simili o se avete consigli da darci. Mia figlia, appunto, da circa un mese, data in cui è nato il mio terzo figlio (lei è quella di mezzo), manifesta una ossessiva ricorrenza di cattivi pensieri. Venti, trenta volte al giorno confida a me e mia moglie di avere "pensato un cosa brutta" che, quando ce la spiega, varia dal "Volevo chiedere alla nonna dei soldi" a "Stavo per spingere la carrozzina di XXX(il fratellino)", fino a "Ho pensato di prendere un coltello e uccidervi" o "Ho pensato di staccarvi la testa/un braccio/ecc". Preoccupati, dapprima abbiamo ascoltato il consiglio della pediatra che ci ha detto di fare finta di niente, trattandosi evidentemente di manifestazioni di gelosia. Poi abbiamo iniziato a chiedere alla bambina se queste cose che le diceva la testa secondo lei erano belle, se le voleva, e sempre lei rispondeva negativamente. Ma da qualche giorno, anche se la frequenza di queste manifestazioni del "diavoletto" (così lo chiama lei) si è leggermente ridotta, arriva di tanto in tanto a dire che queste cose la testa gliele dice e lei sarebbe d'accordo a farle (l'apice è stato quando le ho detto: ma davvero vorresti che morissimo tutti?, e lei, tristemente, ha confermato). Insomma, rientra tutto in una forma esagerata di gelosia, o dobbiamo davvero sentire qualcuno? La mia idea è che queste cose che pensa e dice non arriverà mai neanche lontanamente a provare a metterle in atto, ma quel che mi preoccupa è la sua continua vita in angoscia per essere vittima di questi pensieri e della tristezza/paura che le provocano. Qualche info di background: - siamo una famiglia dedicata al 100% ai nostri figli, mia moglie fa la casalinga e dedica quasi l'intera giornata a giocare direttamente coi bambini, stessa cosa che faccio io nelle pause dal lavoro; - la bambina non guarda TV all'infuori dei cartoni di Masha e Orso e non gioca ai videogame - per tutta la gravidanza la bambina ha atteso spasmodicamente che il fratellino nascesse, accarezzando e baciando la pancia - dalla nascita del bambino abbiamo dedicato il massimo delle attenzioni proprio a lei, con la collaborazione del fratello più grande che ha compreso la situazione Grazie a tutti in anticipo per qualunque consiglio vorrete darci.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.