Vai al contenuto

Pubblicità

sara67

Membri
  • Numero di messaggi

    8
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda sara67

  • Rango
    Nuovo utente
  • Compleanno 13/04/1967

Contact Methods

  • MSN
    https://m.me/sarapitti

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    Palermo

Ospiti recenti del profilo

351 lo hanno visualizzato
  1. Non è una questione di età, è il tuo non comprendere mi sembra, scusa se lo dico, un po' egoistico, hai appena detto che sei indipendente per cui la mamma spesso si trova sola, il rapporto con un altro uomo la fa sentire viva, amata, Donna.... Il rapporto con un figlio non è e non può essere la stessa cosa. Ci sono donne vedove, che desiderano rimanere sole altre invece no, lo stesso vale per l'uomo. Non si può giudicare le scelte perché ognuno di noi vivere la solitudine in modo diverso. Potresti fare uno sforzo per amore della mamma, che non desidera altro che le persone che ama abbiano un buon rapporto tra di loro.
  2. Ottima osservazione, dal di fuori si può immaginare una eccessiva attaccamento ai miei figli, è vero che per più di 5 anni siamo stati solo noi tre, io e i miei figli è abbiamo un rapporto molto stretto, e che non hanno un rapporto particolare con il padre percui fanno sempre riferimento a me, ma è anche vero che durante questo periodo io avevo tempo per me stessa, c'era un certo equilibrio li dove io potevo dedicarmi alla casa ai miei hobby etc. Grazie, presterò più attenzione, magari ai suoi occhi sono troppo legata a loro e lui cerca a modo suo di aiutarmi
  3. Ciao a tutti, vivo una storia con un uomo che ha i suoi alti e bassi, litighiamo molto, troppo per i miei gusti, ma finiamo per fare pace..... Non so per quanto ancora possa durare, comunque uno tra i tanti problemi è che si rapporta con i miei figli come se dovesse essere lui più importante dei miei figli ai miei occhi, o forse è quello che vorrebbe ma è ovvio che non potrà mai essere così e quando lo faccio presente che loro saranno sempre la mia priorità lui da li a poco per un motivo o per un altro finisce per farmi inervosire come una vendetta nascosta dietro uno scherzo eccessivo o una provocazione velata, insomma finiamo per litigare. (come un figlio geloso dei suoi fratelli che si comporta male per attirare le attenzioni della mamma) Ha un eccessivo attaccamento ai suoi cani, tende a scherzare in forma di provocazione, se fosse un ragazzino dire un po' bullo, tende a gestire la conversazione, cercando la battuta anche se spesso fuori luogo, spesso pur di fare la battuta mette a disagio le persone presenti, direi che non ha freni Comunque quello che vorrei capire è se questa convinzione che debba essere più importante dei miei figli ai miei occhi è una forma di narcisismo, egoismo, se si può classificare in una sorta di patologia.... Cerco di capire, grazie
  4. Dici di non riuscire a fare niente e a concentrarti su nulla ma hai scritto qui un bel po' di cose che senti, ed è già qualcosa.... Perché non provi a scrive su un diario quello che senti? A volte è più facile visualizzare i propri pensieri mentre si scrivono, e nel frattempo potresti sentirti meno confusa, e piano piano potresti parlarne con una amica o con la mamma e far leggere il tuo diario cosìche possono capire meglio come ti senti.... Provaci
  5. sara67

    vi prego parlate con me

    Ciao, ..... Perché senti il bisogno di "costruire" qualcosa? Non ti obbliga nessuno, puoi semplicemente lavorare su te stessa per adesso, trovare qualche hobby che ti rilassa, io ascolto musica, faccio meditazione a volte, sto in silenzio ad ascoltare le mie sensazioni ed emozioni, mi dedico un po' di tempo a me stessa, così che sono sicura di ciò che provo e come mi sento e non mi lascio condizionare da quello che "gli altri" credono di aver capito di me. Mi hanno vista come una "depressa" solo perché ho messo da parte tutto ciò che per me era stressante e mi sono concentrata su I miei figli, la mia casa è su me stessa e adesso sono di nuovo carica..... No m'importa cosa pensano, io avevo bisogno di darmi tempo e l'ho fatto. Non siamo tenuti ad essere sempre attivi, siamo umani non macchine, se per adesso non ti senti in piena forma meglio fermarti per un po' per guardarti dentro e capire cosa ti sta frenando. Se hai paura di "abituarti" troppo al dolce far nulla datti un tempo entro il quale prenderai delle decisioni nel frattempo pensa a te stessa e alla tua salute mentale. ricordati sempre che se stiamo male noi stanno male le persone che ci amano quindi è fondamentale dedicare tempo a noi stessi per stare bene mentalmente e fisicamente
  6. A noi donne può capitare un calo del desiderio, e spesso voi uomini dimenticate i preliminari..... Che per noi donne iniziano dalle parole, parole dolci, sensuali e mai volgari, anche un sms, io consiglio una frequenza più vicino alla necessità di lei (resisti) cosìche a lei aumenta il desiderio se riesci, mantieni un po' le distanze sessualmente parlando e poi inizi a mandale qualche messaggio facendola sentire desiderata, prova a organizzare delle serate un po' romantiche... Cerca di ricordarti cose le piaceva prima che magari adesso non fai più....
  7. Anche io purtroppo posso dire di aver avuto una storia con un borderline, e alcolizzato (ho realizzato dopo) Mi amava alla follia per poi trattarmi male, per poi chiedermi perdono in ginocchio piangendo come un bambino per poi rifare tutto da capo, dando la colpa all'alcool, lo perdonavo sempre perché sapevo che mi amava e che non viveva senza di me..... Ma io? Soffrivo, ero terrorizzata dalla prossima sfuriata di follia, imprevedibile e provocatore, lo amavo almeno così pensavo, era una storia passionale ma ho finito per fare la crocerossina, quando gli ho imposto di farsi curare lui rispondeva che ero l'unica che poteva aiutarlo, oggi mi rendo conto che era un modo per tenermi legato a lui, ho faticato per allontanarlo da me, mi stalkerava, si piazzava sotto casa in attesa, per un anno ho dovuto dare e togliere per chiudere con lui in modo graduale, per evitare che facesse qualcosa del quale non mi sarei perdonata. ma non posso colpevolizzare me stessa per averlo amato, né di aver voluto aiutarlo, oggi so che esistono persone così, assolutamente da evitare, ma se non si tocca con mano difficilmente si può capire. Il mio consiglio: allontanarsi gradualmente, metti in primo posto l'amor proprio, ricordarsi sempre che è un rapporto malato e che può solo peggiorare, cercare aiuto da uno psicologo e amici /familiari
  8. sara67

    Piacere....Sara

    Ciao a tutti.... io sono Sara....ho 50 anni, sono mamma di due maschi di cui sono molto orgogliosa, sono separata, vivo con i miei figli ....ho avuto qualche "storia" dopo la separazione ma da 4 anni sto da sola per scelta....amo la psicologia, credo di avere una marcia in più perché guardo sempre oltre, mi piace guardarmi dentro e cercare di capire il perché di ogni emozione e ogni sensazione....sono molto istintiva ma poi cerco di capire l'origine della mia reazione. Mi iscrivo a questo forum perché vorrei avere la possibilità di confrontarmi con chi come me vive ogni giorno mille problematiche più o meno gravi, cercando sempre di vedere il lato positivo per trovare la forza di andare avanti. Avendo avuto nella mia vita molti dispiaceri e considerandomi una donna forte vorrei dare una mano, li dove posso, a chi come me cerca un consiglio.....vorrei mettere a disposizione le mie esperienza perché possano essere d'ispirazione a chi in questo momento sta attraversando un brutto momento. Buona giornata a tutti
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.