Vai al contenuto

Kyashan

Membri
  • Numero di messaggi

    4
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Kyashan

  • Rango
    Nuovo utente

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Avresti potuto dirlo chiaramente
  2. Lucifen, guarda, puoi anche lasciar perdere.. Ti posso dire che ci siamo sentiti tramite mail per diversi mesi, ci siamo sfogati e consolati a vicenda diciamo.. Poi di punto in bianco, con una scusa, mi ha detto che non mi avrebbe potuto rispondere subito.. Sono passati sei mesi, ho provato a ricontattarla, e non mi ha più scritto.. Vabbè, meglio così, forse ci stavamo focalizzando troppo sul negativo. E questo mi ha fatto capire per l'ennesima volta che non ci si può fidare di nessuno
  3. Difficile darti consigli così “a distanza”. Comunque mi viene da suggerirti alcune cose. Per esempio di provare qualche nuova attività, per esempio sportiva, oppure artistica, come disegnare o imparare a suonare uno strumento. Sfrutta il tempo che passi da solo cercando anche di capire se c’è qualcosa che ti piace dal profondo, e che potresti far emergere. MA tieni conto che il dolore e le delusioni, soprattutto per le persone sensibili, sono sempre dietro l’angolo, quindi non crearti aspettative troppo alte. Te lo dico per avvisarti, affinchè tu poi non ricada nella passività quando qualcosa andrà storto e ti farà venir voglia di mollare. Riguardo al lavoro-università: puoi prendere due vie. Una è quella di continuare con l’università che stai facendo che presumo possa tornare utile anche al lavoro in azienda dei tuoi (per cui non dovrebbero rimproverarti di perdere tempo). Oppure andarci a lavorare. Anche se ho capito che non ti piace ti permetterebbe di fare esperienza e di guadagnare quello che ti servirà per poi fare altro quando avrai le idee più chiare (non so se i tuoi ti “finanzierebbero” comunque, se sì meglio per te). D’altra parte infatti lavorare in queste condizioni, con un basso livello di energia, rischia di portarti all’esaurimento. Oppure, la soluzione che reputo ideale per te è quella di cambiare facoltà: per esempio hai mai pensato di fare qualcosa in ambito umanistico? Per esempio potresti scegliere psicologia, anche se ti avverto anche qua di non farti aspettative irrealistiche. Nel frattempo ti consiglio di leggerti alcuni libri di Osho e il materiale presente sul sito www.diviniumani.com, che a me hanno aiutato moltissimo. Il primo per capire come và in realtà il mondo, e come siamo condizionati a vivere una vita imposta; il secondo per darti un pò di speranza per il futuro. Inoltre, visto che attualmente mi sembri un tipo piuttosto solitario, ti direi di passare il tempo a guardarti anime e cartoni animati emozionanti, con valori, e che ti tocchino dentro. Per esempio ti suggerirei le serie di Ken il guerriero, I cavalieri dello zodiaco, I cinque samurai, Gundam (prima serie).. Oppure alcuni i più nuovi come Gurren Lagann, L’attacco dei giganti, o Death note.. Penso riuscirebbero a smuoverti dentro e farti trovare degli stimoli che ti porteranno ad aver voglia di farti “uscire” dalla situazione di inerzia in cui ti ritrovi. Se hai domande fammi sapere, ciao!
  4. Ciao, sono capitato in questo forum per caso, ma mi ha colpito molto quello che hai scritto.. Purtroppo i genitori possono influenzare molto negativamente la vita dei figli.. Per esempio, posso dirti che diverse mie amiche sono state “rovinate” dalla loro madre. A me invece è stato più che altro mio padre, con la sua insensibilità, a distruggermi. A dire il vero anche mia madre ha una buona dose di colpa, però devo ammettere che ora sta cercando di rimediare. Ma in passato, con il loro comportamento, mi hanno fatto diventare un disadattato rispetto ai canoni dell’attuale società, e non mi hanno lasciato sviluppare un’autostima sufficiente che mi permettesse di affrontare la vita con fiducia. Ho vissuto momenti, giorni, anni di nera disperazione, un pò come quello che descrivi tu, ma per molto più tempo. Non mi metto neanche ad elencarti quanti fallimenti ho dovuto accettare, quante umiliazioni ho dovuto subire, quanta sofferenza ho dovuto sopportare, il tutto per ritrovarmi a tirare ancora avanti giorno per giorno, inseguendo sogni che a volte sembrano realizzabili e che invece poi scompaiono lasciandosi dietro i loro fantasmi. Anch’io avevo cominciato a scrivere, soprattutto per esternare i pensieri negativi e le sensazioni di angoscia che mi tormentavano. Purtroppo però le mie “opere” sono rimaste tutte idee frammentate. Forse un giorno avrò le forze e il coraggio di raccoglierle in un libro. Tra le cose migliori che ho scritto ci sono i testi delle canzoni di alcuni gruppi che ho avuto, dove suonavo e cantavo, ma anche quelli si sono rilevati dei fallimenti. Il massimo della condivisione ora per me è una pagina facebook anonima dove ogni tanto pubblico delle brevi frasi di dolore. Questo per farti capire che capisco cosa stai provando, che tipo di periodo stai vivendo. Una delle poche cose che posso dirti è di provare a dare un senso alle tue sofferenze. Per esempio con la scrittura: hai detto che ti piace e che sei brava.. prova a portare avanti questa cosa (senza però farti intrappolare troppo dal ruolo dell’artista maledetto). Da come hai scritto qua si vede che hai ancora molta lucidità… pensaci quindi, prima che sia troppo tardi.. La vita è una sfida costante, uno schifo di sfida.. Purtroppo siamo costretti ad accettarla.. Cerca di tenere duro, e soprattutto cerca di ritrovare te stessa.. Immagina di esserti separata da una parte di te molto tempo fa, e che adesso devi riprenderti un pò alla volta.. Io sto provando a farlo, sto cercando di finire un percorso che forse mi permetterà di dare un senso a tutto questo, e a vivere meglio nei prossimi anni. Comunque tieni anche conto del fatto che probabilmente adesso sei “energeticamente esaurita”: tutto il malessere e gli stress che hai subìto negli anni ti hanno debilitata, per cui concediti anche delle pause e dei momenti di riposo, per riprenderti da tutte le attività che oltre che stancarti ti hanno portato “fuori da te”, e lontana da quello che avresti voluto fare.. Non lasciarti abbattere da tua madre, o da chi altro.. La maggior parte degli esseri umani crescendo diventano persone di merda, per le sofferenze subite o chissà per che altro.. Forse però in futuro migliorerà un pò anche lei, anche per quanto riguarda il comportamento nei tuoi confronti. Vorrei dirti anche altre cose, ma è difficile riassumere tutto in un post.. Fammi sapere se leggerai questo messaggio. Ciao!
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.