Vai al contenuto

Pietro_122

Membri
  • Numero di messaggi

    1
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Pietro_122

  • Rango
    Nuovo utente
  1. Gentili utenti, Ho notato con piacere la partecipazione di tutti in queste discussioni, dove chiunque può condividere i suoi pensieri, le sue sensazioni e perchè no, le proprie paure, e magari avere un punto di vista diverso. Sono un ragazzo di 26 anni del Sud Italia, laureato da quasi un anno in economia, che si trova come purtroppo credo troppe persone in Italia, in una situazione di precariato ed incertezza lavorativa, legato ad un tirocinio non pagato, o meglio pagato dalla regione, dopo diversi tentativi di colloqui in giro per l'Italia andati a male. La situazione è questa: provo un senso disarmante, quasi invalidante di ansia per il futuro, che trascina anche un rimpianto perenne per quanto il mondo aveva di bello da offrire, e che per mie turbe mentali non ho mai saputo, e non riesco a cogliere. Nonostante abbia viaggiato molto, abbia fatto diverse cose nella mia vita, non abbia problemi per nulla con l'altro sesso, provo sempre un' angoscia perenne perchè penso avrei potuto fare di più ed ora non ho più tempo...avrei voluto vivere all'estero per un pò, avrei voluto fare altri tipi di esperienza, avrei voluto non buttare 3 anni della mia vita in una relazione inutile dal principio...sapete, frequento molto gli studenti Erasmus nella mia città, e rimango basito dalla quantità di opportunità che il loro paese offre ai giovani, ragazzetti più giovani di me che hanno fatto e visto miliardi di cose, qua invece è tutto immobile...soprattutto al Sud, se non hai una personalità fortissima e soprattutto non lotti con le unghie e con i denti anche per il più basilare dei diritti,bhe...sei lasciato a morire. La cosa assurda è che non so come spiegare ogni volta il come a 26 anni stia ancora con i miei genitori, come non lavori, perchè io sia così indietro rispetto al mondo...mi rendo conto che magari il quadro che ho descritto è un pò confusionario, ma vi assicuro che le idee nella mia testa lo sono ancor di più, ad ogni modo mi farebbe piacere che qualcuno potesse dedicare un minuto del suo tempo per darmi qualche suggerimento, qualche punto di vista diverso, ho come l'impressione che la mia situazione mentale stia precipitando e cosa ancor più grave, non ho la più pallida idea di COME reagire...
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.