Vai al contenuto

EdwardDelgado

Membri
  • Numero di messaggi

    4
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda EdwardDelgado

  • Rango
    Nuovo utente

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Ciao pber, ti ringrazio della risposta. Il problema di mio padre è quello di essere una persona totalmente senza spina dorsale, fuori di casa (poi tra le quattro mura è un altro discorso). Non è un completo imbecille e sa che vita di mancanze e negligenze mi ha fatto fare, soprattutto mediche e di cura (e sa che anche i vicini e le persone che ci conoscono sono perfettamente coscienti dell'ambiente familiare in cui viviamo). Detto questo, se mi succede qualcosa che possa essere ricondotto ad un suicidio chiunque li accuserebbe di essere i miei istigatori con tutte le conseguenze del caso,
  2. Come ti ho già detto, vivo in stato di semi-segregazione e non posso frequentare perché non ci possiamo permettere affitti o altro (personalmente non riesco a lavorare abbastanza da pagare tutte le spese della vita universitaria e studiare al tempo stesso: grossa limitazione, lo so). Tuttavia ho conosciuto qualcuno che potrebbe offrirmi degli sbocchi professionali (tra professori e professionisti). Grazie del consiglio anche se ci avevo già pensato da me. Per quanto riguarda la frase, ti ringrazio della comprensione e per avermi dato la possibilità di parlarne con un altro. Il nostro scambio,
  3. Ciao Gabbiano, grazie della risposta. Allora, ho 25 anni e sto ultimando il mio percorso di studi in psicologia. Attualmente sono disoccupato e, a parte alcuni saltuari lavori estivi o part time, dipendo ancora dai miei (anche se tutti i soldi guadagnati negli anni li ho dovuti dare a loro a causa della nostra precaria situazione economica pena l'essere cacciato di casa, eventualità che ho voluto evitare visto che devo ancora finire di laurearmi). Per quanto riguarda la cure sono sulla stessa barca: dipendo da loro e, ricattato dall'essere buttato fuori, non posso impormi per ottenere cur
  4. Carissimi membri del forum, mi spiace iniziare subito in medias res ma la scorsa notte ho compiuto delle azioni che (ripensandoci a mente fredda) potrebbero benissimo essere considerabili un tentativo di suicidio (anche se spero sia solo un atto impulsivo dettato dalla rabbia cieca del momento). Soffro da anni di insonnia, di depressione e di disturbi ossessivi compulsivi. Ieri notte (alle 5) al culmine di una crisi di rabbia e frustrazione (sommerso di insulti da mia madre che mi definisce un malato di mente che vuole solo rendere la vita un inferno agli altri) ho afferrato una confezion
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.