Vai al contenuto

Pubblicità

Billi

Membri
  • Numero di messaggi

    1
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Billi

  • Rango
    Nuovo utente

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Salve, sono approdata su questo forum penso per cercare conferme, ho vissuto per dieci anni con il mio compagno che aveva avuto problemi grossi di tossicodipendenza. È difficile riuscire ad essere sintetica perché vorrei che le persone leggessero questa storia e qualcuno potesse dirmi cosa ne pensa, anche se razionalmente già lo so. Lui aveva quest’aria indifesa ma al tempo stesso sembrava così determinato nel voler cambiare vita, anche se beveva e diventava violento ed aggressivo. Dopo tornava ad essere come un bambino ferito ed io cercavo di consolarlo nonostante il suo carattere irascibile e abbastanza violento. È capitato che in un momento di rabbia mi desse uno schiaffone con violenza o un cazzotto o mi gridava ed io avevo una paura terribile...però nonostante questo io l’ho sempre visto come una persona molto fragile e sola Ed una delle persone più buone che abbia mai conosciuto, Lui ha una famiglia ricca e un po’ arrogante ed io sono senza una mia famiglia e figlia unica , ho perso mia mamma a 13 anni e mio padre ha portato in casa a vivere con noi la sua segretaria lo stesso giorno in cui mi ha detto che mia mamma era morta.Ho cercato con tutta me stessa di stargli vicino nonostante tutto, ho lasciato il mio lavoro per uno più vicino a lui, poi lui ha iniziato una sua attività con amici di famiglia e mi ha chiesto di lavorare con lui , cosa che ho fatto, ho preso anche dei prestiti per sostenerlo nel suo lavoro che era ormai l’unica risorsa. Poi tutto è andato a rotoli perché lui aveva di nuovo iniziato a fare uso di eroina e cocaina ed io mi dovevo occupare di tutto o quasi...l’ho seguito in ogni sua idea perché pensavo gli servisse per potersi riprendere ma non è successo, per 6 anni non abbiamo più avuto rapporti sessuali, ci siamo isolati da tutti, Poi sono riuscita a chiudere questa storia che mi aveva lasciata in pezzi, tachicardia e tensione continue, ma pensavo continuamente a lui ed avevo paura che gli potesse accadere qualcosa . Nel frattempo avevo intrapreso un altra storia con una persona abbastanza anaffettiva. Intanto il mio ex è entrato in comunità dopo che si era devastato con l'uso Delle sostanze, lo sono andata a trovare in clinica e non riusciva neanche a camminare per i farmaci che gli davano, ed era gonfissimo, poi la comunità. Poi mi telefonava dicendomi che mi amava tanto e che tutto quello che stava facendo era per me, io come al solito non potevo fare a meno di vederlo indifeso, più di prima, ho interrotto la storia che avevo per stargli vicino...lui ora è ad 800 km di distanza , ed anche se beve un po’ ,è ancora sotto metadone e prende stabilizzatori dell’umore mi chiede di andare da lui , mollare tutto, e non capisce la mia paura, anzi è offeso se gli dico che non è così semplice mollare tutto, lui dice che non capisce qual’e Il problema , che sono sola ho un lavoro precario e nulla da perdere, invece io sto pagandomi il mutuo di una piccola casa che ho comprato prima di uscire con lui e fortunatamente mi sono rimboccata le maniche e resa indipendente...lo sono andata a trovare ma ho sentito odore di alcol, penso avesse bevuto o non so , magari una mia paranoia, ma lui ha iniziato ad essere insistente ed una volta abbiamo discusso e lui si è ubriacato e mi ha detto che è stato perché abbiamo litigato, io mi sono sentita in colpa, qualsiasi cosa faccio mi preoccupa che lui ci possa stare male, gli ho inviato un messaggio in cui gli ho detto che così è un rapporto distruttivo, che abbiamo una dipendenza reciproca e dobbiamo imparare a camminare con le nostre gambe...ma il distacco è doloroso... per questo ho voluto raccontare questa storia, se qualcuno ci si identifica...non so...sono confusa...se gli chiedo cose che a lui non vanno si incupisce e stranisce...però io mi sento in colpa...però c’ Una parte di me che dice che non è giusto...che devo tenermi stretto quello che ho conquistato... grazie a chi leggerà e vorrà dirmi cosa ne pensa
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.