Vai al contenuto

SensibilMente

Membri
  • Numero di messaggi

    9
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda SensibilMente

  • Rango
    Nuovo utente

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Ti ho risposto. Ma probabilmente il messaggio che ho postato ha bisogno di essere verificato e approvato. Pur non conoscendoti mi spiace molto per il modo in cui stai affrontando questa tua situazione lavorativa. E mi spiace anche che tu la viva così: Però sono dell'idea che le esperienze servano. E al posto tuo mi sentirei decisamente più ricco nel riuscire a sfruttare questa situazione per lavorare soprattutto su me stesso; in modo da non trascinarmi dietro determinate problematiche anche in un potenziale lavoro futuro. Quanto meno, pur non essendo in posse
  2. Prendere gli ostacoli che si presentano lungo il nostro cammino come spunti per riflettere su cosa dobbiamo imparare da quelle determinate difficoltà. Ogni difficoltà che incontriamo porta con sé una grande lezione che ci permette di imparare una determinata ARTE per poter superare un determinato STEP. Esempio concreto: Un determinato studente ha deciso di iscriversi in una determinata università. Pertanto, oltre a studiare, è tenuto a presentarsi agli esami. Può però succedere che, per un motivo o per un altro, pur presentandosi a un determinato esame, non lo superi. Quind
  3. Credo che finché continuerai a pensarla in questi termini, per te continuerà a essere così. Naturalmente ti auguro di ricrederti e di realizzarti. Allo stesso tempo, però, mi domando: "perché chiedere consigli all'interno di un Forum, se già sai come intendi agire?" La decisione spetta solo a te a prescindere da eventuali approvazioni o disapprovazioni da parte degli altri. Il mio non voleva essere un invito a fingere di essere simpatico e/o a essere ipocrita, ma a trovare un modo per reagire e per cercare, tra te e te, il miglior modo per affrontare e superare gli ostacoli
  4. Buongiorno Rxx, innanzitutto, premettendo che non sono uno psicologo, mi permetto di dirti che nel caso in cui desiderassi ricevere il parere di uno specialista prova a contattarne uno (potresti per esempio servirti del servizio di consulenza psicologica gratuita messo a disposizione da www.psichehelp.it chiamando il numero gratuito 3278115091). Detto questo, mi permetto di risponderti sulla base di ciò che hai scritto, orientandomi con quella che non è altro che la mia esperienza di vita personale. Parto dall'idea che quelli che definisci attacchi d'ansia con problemi annessi dai qu
  5. Penso che, dalle mie parti (Sud Italia), nel 2000 (anno in cui avevo 17 anni), l'ingresso in discoteca era vietato ai minorenni; per i quali era possibile però andare al "pomeriggio giovani" (in cui non esistevano alcolici). Ma personalmente non andavo nemmeno lì. Ho iniziato a frequentare le discoteche intorno ai 26 anni di età. Non sono mai andato in discoteca con l'intenzione di "rimorchiare", ma solo per ballare e ridere in modo spensierato in compagnia dei miei amici. Ma a furia di vedere il comportamento degli altri, mi sarei solo potuto ritrovare a imitarli senza nemmeno rendermene cont
  6. SensibilMente

    sentirsi solo

    Ciao BlueAngel, Ho letto con molto interesse il tuo post e trovo che sia tanto interessante quanto in grado di far riflettere su una questione attuale e in continua "disevoluzione". A parer mio, il problema dell'inadeguatezza, rapportato a questa società moderna, va a prescindere da quelle che sono le nostre capacità relazionali e varia al variare di un mondo che tende a ruotare prevalentemente attorno all'apparenza. In questo modo, chi, come te, non si sentisse spinto dal rivestirsi di superficialità ostentando le proprie collezioni numeriche e materiali, tende a provare un ver
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.