Vai al contenuto

Pubblicità

Dario

Membri
  • Numero contenuti

    185
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Dario

  • Rank
    Utente assiduo

Contact Methods

  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0
  1. Non ho una laurea in storia, ma io mi ricordo che le persone a cui si rivolgeva Gesù erano principalmente plebei dell'anno 0, quindi non proprio persone capaci di vivere in tranquillità. I Cristiani attendevano la giustizia divina. Non ribellatevi, fate i bravi perché tanto poi, nel regno dei cieli chi ora ride di voi la pagherà, ci pensa Dio. Io direi che è facile sottomettersi di fronte a chi pare abbia più potere e potenza, e "perdonare", per così dire, in modo da schiacciare il senso di colpa per non aver difeso la propria dignità. Non rispondere alle cattiverie con altre cattiverie è facile. Bisogna soltanto stare fermi, chinare lo sguardo e subire. Sai quanto ingegno e fatica per rispondere con una "cattiveria" (che io chiamerei legittima difesa comunque)? Non so cosa significhi vivere donando amore. Mi sembra una frase fatta, detto sinceramente. A quanto pare il senso completo delle mie "domande" non è stato compreso. C'era una domanda, la finale nonché quella su cui vorrei porre l'attenzione, che significava: non è che forse preferiamo non sparare perché abbiamo paura che, sparando, se non eliminiamo il nostro aguzzino questo ci farà ancora più male? Questo è il motivo per cui non si spara, io credo: perché abbiamo paura che i nostri aguzzini ci facciano ancora più male. Allora quando si ha una scusa grande detta da Gesù in persona perché non usarla? Non sono sicuro che chi oltraggia sia infelice. Ma nemmeno sono sicuro del contrario. Sono però piuttosto sicuro che chiunque si liberi dell'aguzzino provi piacere terreno. Un ultimo appunto: il metodo del porgere l'altra guancia è alla base della giustizia Italiana dagli anni 50. Lo è talmente tanto che, di solito, chi si difende è pure costretto a subire a sua volte le angherie della legge. Così, come risultato, Martinelli apre il topic sulle 2500 vittime della mafia. E questi sono fatti.
  2. Per come la vedo io questa è la scusa di chi non vuol combattere e preferisce vivere da schiavo; l'insegnamento è infatti rivolto a persone che vivevano da schiavi, erano senza speranza e non avevano la volontà di ribellarsi. Allora si affidavano ad un fantomatico regno dei cieli, alla comprensione, all'amore per i cattivi, ecc ecc Io, personalmente, ritengo che questo tipo di insegnamenti sia dannoso per la salute di un individuo nell'anno 2007, un individuo, che si presuppone libero, che dovrebbe essere spinto a migliorarsi per questa terra e non ha beccarsi frustate in attesa della giustizia divina dal primo aguzzino che passa. Comprendere il nemico è però un atto dovuto, perché ci aiuta a capire le ragioni della violenza e quindi ad evitarle. Ma porgere l'altra guancia, una volta che è stato tirato lo schiaffo, è qualcosa di poco conveniente. Perché dopo gli schiaffi sull'altra guancia arriveranno i calci nel culo, e per lungo tempo dureranno. Dopotutto se io ho un fucile ed un leone affamato mi aggredisce lo sparo, perché non dovrei fare lo stesso con un uomo, che tra l'altro nemmeno è affamato? Perché è un uomo? Perché dio forse esiste e si incazza? O perché sbagliando il colpo rischierei di farmi fare ancora più male?
  3. Gli umani non sono monogami. Il matrimonio prevede la monogamia. Il matrimonio non funziona.
  4. Appunto perché abbiamo (?) il raziocino e sappiamo che gli animali soffrono abbiamo i mezzi per evitare loro inutili sofferenze. Se Mufasa poteva essere vegetariano lo diventava perché rispettava le creature viventi.
  5. Ok, da adesso in poi ragionerò come te, ovvero siccome i vegetali soffrono, e quindi non esiste nulla che non si possa mangiare senza sofferenza, inizierò a mangiare anche i bambini ritardati. Ah, il dolce sapore della carne di bambino ritardato, il loro succoso cervello incapace di intendere e di volere, simile a quello animale, la loro debolezza ed ingenuità intrinseca che mi permetterà di mostrare tutta la mia potenza distruttiva. Yum! Non vedo l'ora. Sei d'accordo? O forse c'è qualcosa che ti fa dire: i bambini ritardati no e gli animali si? Forse che i bambini sono come noi. E se i bambini fossero neri o ebrei, mentre io sono bianco, puro e non giudeo? Non potrei perchè loro sono della stessa specie. Aspetta, ho capito. La differenza tra le specie ci impone di prevaricare sulle altre anche se non ce n'è bisogno. Vabbé. Inoltre siccome ormai è normale che gli animali vengano macellati e non vivano, così come normale era avere degli schiavi un po' di tempo fa, meglio non impegnarsi nel più pacifico dei modi possibile per risolvere il problema, cioè non consumando carne, ma continuare a consumare, consumare e consumare. Tanto soffrono tutti, quindi meglio moltiplicare le sofferenze. :) Comunquevorrei informare i che i vegetali, il latte e le uova, contengono tante proteine, che non sono appannaggio esclusivo della carne, e che se un vegetariano vuole picchiare qualcuno o partecipare ad una competizione sportiva lo può fare benissimo, non muore e non ha prestazioni inferiori ai carnivori; basta che si alleni e si prenda le proprie responsabilità sulla prestazione, evitando di delegarla all'alimentazione :)
  6. Sempre per la mia visione di vegetarianesimo, la morte di qualcosa attualmente è inevitabile per la sopravvivenza. Già solo per coltivare bisogna uccidere le cavallette ed altri insetti vari.
  7. Parlerò per me. Non penso si debba uccidere più del necessario. Per questo fintanto che sto in Occidente non mangio carne o pesce. Questa scelta penso si sia formata perché amo davvero la vita e la pace e penso sia un diritto di tutte le creature viventi del cosmo. Sul ciò che dice IL_fauno penso abbia ragione. Bisogna essere davvero disagiati psicologicamente per privarsi di un piacere favorendo la vita degli altri.
  8. ah, erano battute? Comunque Fauno se proprio ti danno fastidio cercherò di evitare, ma spero di farti cambiare idea ;)
  9. Manchi di autoironia. Facendo così dimostri di non essere diverso da chi non vuole dare agli omosessuali dei diritti. Infatti neghi a persone che non hanno alcun reale intento offensivo la possibilità di ridere liberamente ed in serenità.
  10. A me faceva ridere la battuta. Comunque se davvero fosse possibile realizzare una cosa simile, penso che come arma sarebbe piuttosto utile poiché creerebbe lo scempio tra le fila nemiche. Immaginate di aver passato la vita ad impiccare omosessuali, a predicare Islamicate varie e poi, d'improvviso, iniziate ad essere attratti dai vostri compagni di battaglia mentre iniziano a circolare strane voci e strani versi riecheggiano nella notte Sembra una cavolata ma è comunque una buona arma, poiché demotiva e confonde i nemici colpendone l'ideologia. Però mi pare un po' difficile da realizzare realmente e con alti livelli d'efficacia, data la tecnologia attuale e le nostre conoscenze.
  11. Non ho scritto da nessuna parte che non è irrispettoso insultare, ma ho spiegato che secondo me cancellare i messaggi crea solo disagio agli utenti che vogliono capire cosa succede nel forum ed alimenta il malcontento. Per farvi un esempio banale succederebbe così: Visitatore/utente poco assiduo: tu da dum giriamo sul forum. Utente 1: ehi moderatori dittatori siete cattivi Moderatore: ti dobbiamo riprendere perché nei tuoi post ci sono solo insulti Utente 1: e ma non è vero Moderatore: non ti posso mostrare il post perché l'abbiamo cancellato Visitatore/utente poco assiduo: ah! Ma questa cosa è dubbia, ma che moderatori severi, magari l'utente1 non era tanto cattivo. Mah... mah... Invece con il post non cancellato: Visitatore/utente poco assiduo: tu da dum giriamo sul forum. Utente 1: ehi moderatori dittatori siete cattivi Moderatore: ti dobbiamo riprendere perché nei tuoi post ci sono solo insulti Utente 1: e ma non è vero Moderatore: ma come no? Guarda tu stesso cosa dici, ci metti in difficoltà: link al/ai post incriminati. Visitatore/utente poco assiduo: ah! Ma guarda questi moderatori come sono calmi e pazienti, mi viene proprio voglia di continuare a seguire le discussioni ben moderate. Sempre IMO, si intende
  12. Probabilmente se ti suicidi non sei più normale per loro.
  13. Dario

    politica

    Posso dirvi cosa hanno in comune, attualmente: l'incapacità.
  14. comunque in giappone i suicidi non sono 32.000 in otto anni, ma circa 30.000 all'anno. Infatti il tasso di suicidi stimato è di circa 20 ogni 100.000 abitanti. Provate a cercare suicidi in Giappone, la media è questa. Aggiunta: molto superiore a quella Italiana insomma.
  15. I messaggi costituiti da insulti non sono un pericolo. Gli utenti, seri, sono tenuti ad ignorarli, l'utente che li ha prodotti, una volta avvisato più volte, viene allontanato o finisce per allontanarsi di sua volontà. Se invece si cancellano i messaggi gli utenti si chiederanno giustamente perché quel dato utente è stato allontanato, gli utenti dallo stile nervoso che ogni tanto tirano fuori insulti ma che potrebbero "redimersi" si incacchiano ancora di più perché il messaggio è stato cancellato, ecc ecc Insomma moderare un forum credo sia per prima cosa un dover essere moderati e cancellare non mi pare moderata come cosa >_< Comunque sono solo considerazioni personali mi permetto solo perché questo forum mi sta particolarmente simpatico. :E
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.