Vai al contenuto

maxuc57

Membri
  • Numero di messaggi

    27
  • Registrato dal

  • Ultima visita

maxuc57's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

0

Reputazione comunità

  1. tuto dipende dall'età del bambino. Se il bambino è in grado di capire o se intuisce da solo che fra mamma e papà non c'è più il legame che c'era un tempo secondo me la cosa migliore è parlarne con il bambino. Vivere per forza nella stessa casa per amore di un figlio secondo me non è giusto. Certo per un bambino è importante sia la figura paterna che quella materna , ma credo sia più dura per un adulto fingere che tutto vada bene per amore del prorpio figlio.
  2. Ciao. Quello che hai tu è semplicemente ansia. Ansia di parlare , di dire qualche cosa di sbagliato , ansia ,ansia e ancora ansia. Rivolgiti ad un neurologo , parla apertamente con lui dei tuoi problemi che hai , e vedrai che saprà aiutarti dandoti delle medicine per calmarti. io ci sono andato e ora stò meglio affronto la vita più serenamente. Non avere paura a rivolgeti alla medicina la medicina è qui per darci una mano. A presto max
  3. ti ho mandato un messaggio privato se non ti arriva posso mandartelo via email questo è il mio indirizzo maxuc57@tiscali.it
  4. se posso darti un consiglio io ti direi di andare da un neuropsichiatra e non da uno psicologo se vuoi posso raccontarti i n privato la mia esperienza ciao massimo
  5. E tu ne sei guarito e come stai ora ? Chi ti ha aiutato ?
  6. Ciao. Ho 31 anni , e da sempre ho paura i affrontare nuove situazioni. Qualsiasi cosa può spaventarmi se fatta una prima volta : il parlare con una persona che non conosco , recarmi in un qualche nuono negozio e dove chiedere qualche cosa , fare nuove amicizie , parlare con una ragazza. Quello che mi è più difficile è il relazionarmi con una ragazza che mi intaressa o che sembra interessata a me. Recentemente ho conosciuto una ragazza su internet , abbiamo parlato via email e poi via messenger. Ci troviamo a meraviglia , abbiamo moltissime cose in comune e la pensiamo uguale su altre moltissime cose. Io sono tipo di rispondere subito alle email che mi scrivono , ho sempre il pc acceso e ogni volta che passo nei paraggi dello stesso pc controllo se ho messaggi : questo mi crea ansia nell'attendere una risposta dell'altra persona. Ci siamo scambiati le foto , ci siamo piaciuti , ci siamo telefonati e anche in questo caso mi è venuta l'ansia perchè non sapevo cosa direal telefono. Avevamo deciso di incontrarci. Anche se non avevo mai visto questa ragazza io già cominciavo a fantasticarci sopra , a cosa dire non dire o fare durante l'appuntamento , ero già oltre il primo appuntamento , già pensavo alle nuove uscite , a conoscere i genitori , a costruirmi una vita insieme , e senza averla mai vista. Tutto questo pensare mi crea ansia , crampi allo stomaco , difficoltà a dormie la notte , tristezza. Mi sfogo con i miei cari , confesso tutte le mie ansie e per un p'ò stò bene ma poi tutto ricomincia. Stavo troppo male è ho deciso di annullare l'appuntamento e non sono più sicuro di voler continuare con questa ragazza per paura di stare male di nuovo. Perchè ogni volta che mi intaressa una ragazza devo fare mille progetti nella mia testa ? Ho deciso di consultare un neurologo per vedere se riesce a rendermi più calmo e meno ansioso , a vedere se riesco a svuotare la testa da mille dubbi e pensieri. Come si cura l'ansia? Ciao Max
  7. maxuc57

    Vivere la vita

    Ti ringrazio per il tuo intervento Io ho 30 anni, Alle volte vorrei tanto essere meno sensibile e meno buono e cercare di fregarmene di meno , ma non ci riesco sono così e non posso e non voglio cambiare andrei contro i miei ideali. Ho provato una volta a cambiare radicalmente ma ho solo fatto male a me stesso e alle persone care che mi vogliono bene. Anche mia mamma ha il mio stesso problema , ma lei è sposata , ha un marito e dei figli che la adorano , quindi i sente felice a casa prorpia. Anche tu credo che abbi un marito che ti vuole bene de un figlio che ti adora. Questo mi consola perchè sò che c'è la speranza che prima poi qualche ragazza si accorga di me come è successo per mia madre e per te. Ciao Max
  8. maxuc57

    Vivere la vita

    Ciao. Mi sono sempre chiesto quale sarà il mio futuro : purtroppo nessuno può dircelo. Più passano gli anni e più mi riesce diffcile trovare un'amico vero o una ragazza con cui passare il resto della mia vita. Spesso mi fermo a pensare come sarà il mio futuro e quello che più mi spaventa e il timore di rimanere solo quando non ci saranno più le persone care alle quali voglio bene e che mi vogliono bene. Non sono una bersona che si lascia andare allo sconforto e alla depressione. Il mio più grande problema è che faccio moltafatica a crearmi nuovi amici ad avvicinarmi per primo ad una ragazza per scambiarci due chiacchere. Fortunatamente ho un lavoro e almeno per otto ore al giorno sono in contatto con altre persone ; con i colleghi di lavoro di reparto rido scherzo mi rendo utile dispensando favori e consigli. Sono più restio però ad attaccare bottone con colleghi degli altri reparti specialmente se ragazze ma mi viene più semplice se sono in compagnia di un collega con cui ho già amicizia e che conosce la persona con cui faccio amicizia. Pensavo di aver trovato un amico in un mio collega di lavoro , ma poi ho capito che gli faccio comodo solo per scambiare due chiacchere durante il lavoro , per essere aiutato nel lavoro stesso (anche lui mi da una mano diciamo che ci aiutiamo a vicenda) ma non sono sufficiente amico per vivere questa amiciaiza anche al di fuori del lavoro. Faccio una vita abbastanza riservata , curo i miei hobby ed intaressi , il Sabato sera non esco quasi mai primo perchè non saprei con cui uscire e secondo perche non ne sento il bisogno anche se mi rendo conto che fino a quando mene starò a casa non troverò la ragazza. Un paio di volte sono uscito con un collega di lavoro ma alla fine dove siamo finiti in giro per pub a bere (io non bevo) e a fare gli sciemi con le ragazze inibiti dai fumi dell'alcool. Io non ci riesco a comportarmi in questo modo ,trovo inutile bere fino ad ubriacarsi , a fare i fighetti con le ragazze sperando che ci scappi la "scopata". Cero bevendo vanno a scomparire tutte le paure e la timidezza che uno ha (sarebbe questa la soluzione per me) ma una volta tornati sobri ritorni ad essere quello di prima e se poi magari hai rimorchiato una ragazza facendo lo scemo , e se un giorno la rivedi quando sei tornato normale e qesta si accorge che non sei la persona che aveva conosciuto quella sera , magari non vuole più vederti e quindi la delusione è ancora più grande. Io cerco di stare in mezzo alla gente il più possibile , frequento una palestra però anche in questo caso non riesco ad avvicinarmi a qualc'uno per scambiare due chiacchere perchè mi sento tremendamente in imbarazzo e poi non saprei cosa dire. Spero sempre che prima o poi arrivi qualcuno vicino a me ed inizia a parlarmi (non rifiuto il contatto con persone che lo iniziano per prime). Vado in piscina e con lo sguardo (discreto) cerco sempre se qualche ragazza mi guardi o mi sorrida. Sono iscritto come volontario alla protezione civile perchè mi piace aiutare la gente e mi risulta faile interagire con gli altri membri del grupo , ma finito l'intervento , svanisce la "nostra amicizia" e io me ne torno a casa solo. Solitamente mi impegno smpre nelle cose che faccio , cerco sempre di raggiungere gli obbiettivi che mi sono proposto , ma in campo relazionale è più forte di me non riesco a socializzare con gente nuova e se ci riesco si limita sempre ad un ambito lavorativo o socio-culturare e mai in forma privata. Forse non uttti siamo destinati a trovare una ragazza con cui passare il resto ella propria vita , o a vivere una vita "mondana" frequentando feste o cose del genere. La cosa più importante e non perdere mai la speranza che prima o poi qualcuno ci noterà e ci porterà per sempre nel suo cuore. Ricordatevi dopo il temporale torna sempre il sereno. Un saluto a tutti. Ciao max p.s c'è qualche altro del forum che vive una situazione simile alla mia ?
  9. maxuc57

    giusto o sbagliato

    ma io non ci penso minimamente al dopo primo incontro. Sò che è sbagliato programmare le cose e che le parole vengono da se ma essendo la rpima volta che mi trovo in una situazione del genere non so come comportarmi. Tutto qui. Mi avete aiutato molto in questi tempi in questo forum , una situazione del genere non avrei mai osato farla prima di adesso. Potrei tirarmi inditro per paura ma non voglio sono stanco di avere paura , voglio essere felice perchè sono stato triste per troppi anni e se poi non và pazienza sarà una nuova esperienza che spero mi faccia sbloccare da qusta mia inutile timidezza. Ciao Max
  10. maxuc57

    giusto o sbagliato

    Oggi dopo una settimana dall’ultimo sms al mio collega , sono tornato alla carica (a questo mio collega bisogna rinfrescargli la memoria ogni quel tanto) e gli ho chiesto se aveva novità e mi ha detto che si dovrebbe organizzare la serata per la fine di novembre. Ho avuto altre notizie su Serena ovvero che lavora in una specie di casa famiglia dove assiste delle donne che hanno subito violenza sessuale e che molto impegnata visto che fa anche turni di notte. Però mi ha dato fastidio il fatto che ci voglia tutto questo tempo per fissare un incontro e allora ho chiesto al mio collega : ma questa ragazza visto che tu l’hai conosciuta “SE LA TIRA” o è presa dal lavoro ? Lui mi ha detto che Sabato scorso gli ha telefonato e che è un p’ò incasinata e che secondo lui non “se la tira” (scusa il termine). Questa ragazza mi incuriosisce sempre di più , mi sembra che sia molto sensibile se fa un lavoro del genere , il mio collega mi ha anche detto che ha buoni propositi di metter su famiglia e che gli ha parlato anche del matrimonio. Tu che ne dici ? Quando la incontrerò avevo pensato di salutarla dicendo : Piacere Massimo , finalmente ci conosciamo ? ti sembra troppo sfacciato ? temo che possa fraintendere pensando che la rimprovero per il fatto che ci è voluto tanto tempo per fissare l’incontro.
  11. Oggi mi ero proposto di andare a teatro a vedre uno spettacolo nel mio dialetto , ma quando sono arrivato era già pieno di gente e non facevano entrare più nessuno. I propositi c'erano per paqssare un sabato sera fuori casa e invece niente. Ho preso la mia macchian me ne sono tornato a casa triste e rassegnato a non riuscire ad uscire il sabato sera ( e pure gli altri giorni). Ho guardato la televisione e poi sono andato a dormire. Pazienza questa è la mia vita e la devo accettare è inutile piangersi addosso se sei fatto così !! non è colpa di nessuno !!!! HO PROVATO A CHIEDERE AD UN COLLEGA DI USCIRE UNA SERA CON LUI PER FARMI CONOSCERE DELLE SUE AMICHE ma ho capito (anche se non me la detto) che non si sarebbe trovato a suo agio con me. E io scemo che mi faccio in quattro per aiutare e consigliare gli altri e quando hai tu bisogno ti voltano le spalle. L'unico amico che mai mi tradirà è il mio cane. Ciao Max
  12. maxuc57

    Corteggiare

    Ciao. Deve essere per forza sempre l'uomo ad avvicinarsi per primo ad una donna per corteggiarla ? Non si . pensa mai a quegli oumini timidi che aspetto che qualche ragazza si avvicini a loro? Vorrei un vostro parere. Ciao Max
  13. maxuc57

    giusto o sbagliato

    forse ho sbagliato termine non è che sono proprio disperato è solo che sono stanco di rimanere a casa da solo e ho la voglia di poter uscire e farmi degli amici. Per mè sono tutte seperienze nuove ed è normale che io abbia paura e timore. Ciao e grazie per i tuoi consigli.
  14. maxuc57

    giusto o sbagliato

    venerdì scorso avevo chiesto al mio collega di uscire assieme a lui una sera per poter conoscere una ragazza di cui mi aveva parlato che a me sembrava simpatica ma a lui non andava molto perché l’ha definita più casa e chiesa mentre lui vuole ancora divertirsi. il mio collega mi aveva fatto capire che non gli andava tanto di uscire con me. Da li è partita la mia tristezza. Il Sabato preso dallo sconforto gli ho mandato un sms per chiedergli se mi mandava il numero di cellulare della tipa che mi sarei arrangiato da solo (lo so che è sbagliato questa nemmeno sa chi sono ma dovete capirmi che ero “disperato”. Ho atteso invano una risposta ma niente. Domenica sapevo che il mio amico doveva vedersi con un’amica di questa ragazza che mi “interessa” (per la cronaca questa ragazza si chiama Serena e ha all’incirca la mia età mentre la ragazza amica di Serena si chiama Rossella) Il Lunedì mattina ho mandato un altro sms al mio collega per chiedergli come era andato l’appuntamento con Rossella e se le aveva parlato di me e se gli aveva detto che mi sarebbe piaciuto incontrare Serena che so una serata a quattro. Ho atteso invano ma anche questa volta non ho ricevuto alcuna risposta e alla sera gli ho mandato un altro sms per chiarire le cose con scritto perché NON RISPONDI AI MIEI MESSAGGI?? Ancora niente risposta. Oggi mi è venuta la fumata nera e gli ho mandato un altro messaggio e gli ho detto chiaro e tondo che se non vuole presentarmi alla sua amica che me lo dica chiaro e tondo e festa finita. Finalmente una risposta questo è il messaggio che mi ha mandato : con Rossella per il momento va bene . Ho parlato di te a Rossella e appena vedrà Serena gli chiederà e poi mi farà sapere , stai tranquillo che te la presento Serena. Non immaginate la gioia che ho provato anche se spero sia stato sincero e che non mi abbia scritto questo messaggio per farmi star buono. Spero tanto che il tutto vada in porto. Vi confesso che sono già agitato al fatto di dover uscire per la prima volta in compagnia e per di più assieme a delle ragazze. Mi stò sforzando comunque di non pensarci e non fare programmi dentro la mia testa. Però non so come comportarmi ? so già le vostre risposte si te stesso ? So già che se inizio a parlare di me non la finisco più e butto fuori tutto quello che ho dentro come ho fatto con te in questi giorni con voi nel forum Temo di sbagliare a non so fino a che punto devo arrivare come prima volta. Ciao Massimo Ps. Questo mio collega non lo vedo al lavoro per 15 giorni perché è andato alle terme e se non si fa più sentire che faccio torno a rompergli le scatole o lascio perdere ?
  15. Il problema non è trovare qualcuno che abbia i nostri stessi interessi perchè non è difficile. Il problema è far innammorare la persona che ci piace. Io non ci riesco, non ne sono capace. Posso fare 3000 corsi, volontariato ecc. e conoscere donne che hanno cose in comune con me ma non riesco a far scattare in loro la scintilla, non le so emozionare. praticamente non so fare un c***o. Molti ti danno il consiglio di essere spontaneo come se la spontaneità fosse la panacea di tutti i mali e la soluzione a tutti i problemi...inizia a parlare e vedrai che le cose verranno da sole...MA DOVE??? In quale film paramount?? ecco un altra cosa che ho imparato. Ciò che ti blocca e che bloccava anche me è il fatto che vogliamo amare una persona a tutti i costi e vogliamo essere amati a tutti i costi. Forse parti con il principio che se sei attratto da una ragazza te ne vuoi innamorare e lei deve innamorarsi. Hai mai provato veramente un forte sentimento per una persona che non ti fa dormire la notte , che ti rimbomba continuamente nella mente , che ti i fa venire un crampo allo stomaco e che ti fa superare tutte le paure. A me è capitato una volta sola nella vita e spero che mi capiti ancora. Il mio problema è che non avendo mai avuto confidenze con le ragaze , se noto dei piccoli atteggiamenti di intaresse nei miei confronti li interpreto male pensando che possa nascere qualche cosa e alla fine rovino tutto. Perchè non parti prima con il presupposto di essere amici e non innamorati. é giusto devi essere sempre te stesso , non devi avere paura di dire scemenze o fare cose che agli occhi degli altri possano essere stupide. Se sei interessato ad una ragazza devi prima saper osservare come si comporta , che cosa gli pice fare , osservare le espressioni del suo viso e dei suoi atteggiamenti. Una volta che avrai capito la ragazza che ti trovi di fronte allora devi far leva su queste piccole cose facendole capire che a te piacciono , e che lei vuoi bene per quello. io sono un tipo romantico , e se dovessi conoscere una ragazza mi piacerebbe camminare con lei per ore sotto le stelle e parlare dei propri intaressi , dei propri sogni delle prorpie paure e se c'è qualche cosa in comune fra noi allora potrà nascere qualche cosa. Non bisogna mai fingere di essere ciò che non si è perche prima o poi la maschera che vogliamo indossare cadrà ed emergerà prepotentemente ciò che siamo. Ciao max
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.