Vai al contenuto

summer

Membri
  • Numero di messaggi

    1984
  • Registrato dal

  • Ultima visita

messaggi di summer

  1. si, può essere l'imprevedibilità :D ma anche trovo odioso il ronzio grrrrrrr

    quando ho scritto questo post avevo una mosca nella lampada di carta che faceva un casino assurdo, ma si può??? :D

    forse non li sopporto perchè disturbano la mia quiete??

    ahah cmq si eccomi riportata qui dagli insetti volanti, una cosa buona l'hanno fatta XD

    ps. ciao a tutti :D

  2. collezionare (qualsiasi sia l'oggetto della collezione) credo rappresenti il desiderio di conservare le emozioni che invece per loro natura sono mutevoli, sfuggenti... così come gli attimi della nostra vita. le collezioni così diventano una specie di tracciato concreto di momenti, ricordi, sensazioni che possiamo ripescare e rivivere a piacere attraverso l'oggetto a cui s'è legato: una canzone, un video, una fotografia, un libro, un'infinità di cose...

    insomma un desiderio di controllo sulle proprie emozioni, che secondo me diventa un problema solo quando esclude totalmente le emozioni del presente e porta la persona a chiudersi nel suo mondo... altrimenti beh.. credo sia una cosa innata il cercare di conservare le cose che hanno un legame emozionale con noi :)

  3. :D grazieeeeee!!!!

    a tex per aver aperto il post :)

    a ste per il video > bellissimo lol ahahahahha!!!

    a mio per la festa... non riesco però ad accedere al link %) help!!!

    e a filotea che anche se non mi conosce mi fa questi splendidi auguri... grazie :) !!!

    un abbraccio di cuore a tutti :Rose::ola (1):

    :abbr:

  4. ciao LaPassione,

    non passo da mesi ormai da questo forum, ma il tuo messaggio di oggi ha fatto sì che leggessi questo tuo post.

    ti posso dire una cosa, nessuno ci giudica tranne noi stessi. il mondo esterno non è altro che il luogo di proiezione di tutto quello che "evitiamo" di sentire di noi.

    nessuno può farci sentire sciocchi, brutti, stupidi, fuori luogo ecc... siamo solo noi che ci sentiamo così.

    nel tuo caso quindi tu non è il giudizio degli altri a ferirti veramente, ma quello di una tua coscienza probabilmente troppo inflessibile, intollerante e perfezionista.

    devi quindi solo fare pace con te stessa e vedrai che il mondo ti si aprirà ;-)

    un abbraccio

    Sum

  5. "E' solo dopo aver perso tutto che siamo liberi di fare qualsiasi cosa"

    "Le cose che possiedi, finiscono col possederti"

    «La pubblicità ci mette nell'invidiabile posizione di desiderare auto e vestiti, ma soprattutto possiamo ammazzarci in lavori che odiamo per poterci comprare idiozie che non ci servono affatto»

    "Siamo i figli di mezzo della storia, senza scopo ne posto. Non abbiamo la grnde guerra ne la grande depressione.La nostra grande guerra è spirituale, la nostra grande depressione è la nostra vita. "

    Siamo i sottoprodotti di uno stile di vita che ci ossessiona. Omicidi, crimini, povertà, queste cose non mi spaventano. Quello che mi spaventa sono le celebrità sulle riviste, la televisione con 500 canali, il nome di un tizio sulle mie mutande, i farmaci per capelli, il viagra, l'arredatrice, poche calorie, Marta Stewart.. Fanculo Marta Stewart.. Marta sta lucidando le maniglie sul Titanic..va tutto a fondo bello..perciò xxxxxxxxxxx tu e il tuo divanetto a strisce verdi di Omar Shab della String"

    Fight Club

    La gente non vuole rimettere in sesto la propria vita. Nessuno vuole che i suoi problemi vengano risolti. I suoi drammi. Le sue distrazioni. Le sue storie risolte. I suoi casini ripuliti. Perché, che cosa mai le rimarrebbe? Solamente il grande spaventoso inconoscibile. Survivor

    Uccidere una persona a cui vuoi bene non è la peggiore cosa che le si può fare. Il più delle volte preferiamo che sia il mondo a farlo. E intanto leggiamo il giornale.

    Ninna Nanna

    Chuck Palahniuk

  6. tu dici positivo.....

    ma proprio questo è il punto....cosa ti fa definire positiva una cosa, se non la soddisfazione reale o possibile (speranza) di un desiderio....

    per me la spinta di cui parli e la spinta al "essere" al vivere, che in presenza dell'io prende la sfumatura da te perfettamente descritta...

    secondo te non è positiva? è un'illusione? una fuga?

  7. bene...io dico che nascono dall'osservazione....ecco lo start del bisogno...

    alcuni bisogni però mio sono innati! l'essere umano deve sopravvivere nutrendo non solo il corpo, ma anche la mente...

    molti desideri sono indotti dal contesto è vero, molti altri sono illusioni nostre, ma una parte di essi, piccola forse, sono il motore che ci fa seguire un percorso di esperienza, di crescita, di miglioramento... non credi?

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.