Vai al contenuto

Pubblicità

cuorenero

Membri
  • Numero contenuti

    1070
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di cuorenero

  1. noi ci consideriamo sempre delle anime che albergano in un corpo mortale. è un pensiero di derivazione cattolica . siamo perchè abbiamo l' anima .. la mucca non ha l' anima quindi non è . quindi il nostro corpo .. è come la macchina dentro ce comodamente seduta la nostra anima che guida o crede di guidare .. dovremo immaginare di essere come le mucche per dire siamo un corpo .. per ora cattolicamente abbiamo un corpo . ma la pensano cosi' anche gli indiani.. solo che loro immaginano che il corpo un avolta è umano un altra e di mucca .. quindi per loro anche la mucca ha l' anima.
  2. cuorenero

    solitudine

    bella frase. certo la vista non và... sono daccordo che sia un confine magico . in effetti avere paura della gente equivale al fatto che la gente ha paura di te. in effetti mi viene in mente lo specchio. se io sono timido introverso sensibile .. la gente ha paura quindi si specchia in loro la mia tensione.. quindi il confine sta in cio' che trasmettiamo forse,... sentirsi esclusi equivale a essere esclusi veramente.
  3. accettarsi è facile il problema è farsi accettare .
  4. 15 ottobre . il compleanno è il giorno peggio e dell' anno dopo capodanno naturalmente. c' è sempre qualche digraziato che se lo ricorda e ti chiede : che fai di belo al tuo compleanno ?... sgrunttt che odiooo.
  5. cuorenero

    solitudine

    esiste un libro di renato curcio .. si chiama " reclusione volontaria" . ci fa riflettere sul fatto che gli stati di isolamento non sono sempre imposti come nel suo caso..persona "libere" vivono condizioni di alienazione e di solitudine a causa di una segregazione volontaria.. curcio fa molti esempi a partire dai santi e dai monaci ma in relatà comprende anche chi come me non si sente inserito nella relatà e guarda gli altri come dalle sbarre di un carcre ideale e dorato a cui mi ha consegnato una distorta percezione delle cose. ma è la mia percezione . e nasce da un vissuto emotivo . ma quanti di noi sfruttano la propria libertà ? quanti di noi usano a pieno la libertà per relazionarsoi e icontrare e muoversi nel mondo , e conoscere ? le relazioni i matrimoni le convivenze finiscono spessissimo per diventare prigioni . cosi' come sono prigioni le nostre maledette paure.
  6. non sei il solo .. mal comune mezzo gaudio..
  7. cuorenero

    solitudine

    bello il tuo racconto ilaria.. conosco quella sensazione di reclusione e di esclusione molto bene . anche se non ho ricordi precisi . .ma mentre leggevo mi risalivano tutte le sensazioni precise.. solo che io il pianto l' ho sempre trattenuto.. e non ho mai rotto il silenzio .. me ne sono stato sempre li buono buono a soffrire dentro , ad esplodere dentro .. e ancora oggi mi succede la stessa cosa . anche se non sono costretto o rinchiuso .. ma e come se ci stessi .. peccato che non ho ricordi .. sarebbe bello scoprire questa sensazione di blocco e di reclusione da dove nasce.. peraltro nel mio caso si aggiunge anche un blocco motorio . ma credo che sia dovuto all' ansia.
  8. cuorenero

    solitudine

    saper stare soli è una ricchezza.. essere costretti alla solitudine perchè il mondo ci si presenta come un compatto insieme di persone solidali e altre da noi . è un guaio .. bello grosso. essere respinti ed emarginati non è una conquista ne una ricchezza .. è solo una cavolo di situazione in cui ci si ritrova . ci si ritrova non perchè si è sbagliati ( io non credo che ci sono persone sbagliate .. ) ci si ritrova perchè non si hanno i punti di forza che la gente cerca . .quindi si è sottoposti ad uno scarto .. una volta una mia amica mi confesso' non è che non sei simpatico è che vai preso a piccole dosi .. cioè sono una specie di veleno .. io ringrazio la mia amica per la sincerità .. ma il senso è quelllo .. se non sei simpatico se non hai tutte le lucette accese del lunaprck se non sei un jukebox vai preso a piccole dosi .. perchè in fondo ognuno ha i suoi di problemi .. e quando si incontarno le persone vogliono divertirsi e stare bene... quindi fanno una specie di spettacolino tutti si divertono e poi tornano sui loro guai . siccome a me spesso le lucette si spengono la musica pure e si alza quel vento che sposta le cartacce tipico dei finali felliniani .. le persone fuggono e non si fanno piu' vedere per mesi .. vi assicuro che per chi soffre di depressione fare finta di essere contento e sorridere è una cosa difficilissima.. lo riesco a fare solo con mio figlio ma perchè lui fa ridere davvero...
  9. no guarda non è astinenza .. e solo desiderio .. l' astinenza non c' entra . desidrea qualcos' altro . desidera diventare diverso da quello che sei .. cambia . e tra le novità mettici il non fumo .. grazie..
  10. cuorenero

    solitudine

    allora, per tè, è il prezzo da pagare EssePunto. perchè se stai meglio aumenta la tua disadattaggine.. ( se si puo' dire). elio .. sai cosa mi colpisce sempre molto , vedere moltitudini in festa. li vedi li tutti insieme con lo stesso sorriso e la voglia di festeggiare tutti uniti , tutti coinvolti . e una moltitudine compatta che ti guarda e ti dice .. " no tu no , fermo li " . e ti mettono in un angolo . ti escludono perchè se vuoi stare li in quel momento devi condividere questa loro enfasi .. se no statti a casa.. la gente è un mare in piena che ti respinge .. io vedo le persone come tutte unite il mio inconscio le percepisce come tutti amici .. e mi dico cavolo ma si conoscono tutti .. pazzesco . questa cosa succede ogni anno a capodanno. capodanno è il giorno in cui se sei solo ai quasi il diritto a suicidarti .. l agente direbbe " capisco .. da solo la notte di capodanno anche io mi sarei suicidato.. " .. m chi è solo, percepisce questi festeggiamenti quasi come qualcosa contro di se ... ( ps.. ovviamente percepire significa emotivamente . non razionalmente.. )
  11. cuorenero

    solitudine

    turbo non esiste la ricetta.. chi soffre di solitudine si rtriova davanti un mondo compatto di gente comune che non ha voglia di ascoltarti. - non ha voglia di capirti e puo' fare a menpo di te.. sempre e comunque ..
  12. cuorenero

    solitudine

    è proprio questo il punto .. non me ne sta bene nessuna perchè implicano comunque un sacrificio che non riesco a compiere.. cioè sul piatto sogfferenza solitudine e sull altro sottostare all eregole che ti impongono per entrare nella cricca ( io parto dal presupposto che che due persone sole che si incontrano rappresentano una solitudine doppia) io mi tengo la sofferenza della solitudine
  13. cuorenero

    psicosi

    psicotico ? che intendi per psicotico ?.. ha alliucinazioni ?
  14. cuorenero

    solitudine

    non so marry .. quello che chiede chiara è molto giusto.. perchè sono sola . anche se non l' ho deciso io ?.. in effetti secondo me sei sola chiara perchè non ti va di stare ad un gioco perverso che è quello dei rapporti.. penso alla perversione mentale che stà alla base della amicizie.. basate tutte su un meccanismo di utilità .. stare con la gente significa adeguarsi ad un sistema di gioco accettandone le regole .. che ci piaccciano o no .. e molti non ci stanno .. tutto qui . si paga un prezzo .. che è appunto la solitudine. oppure si ha l' arroganza di imporsi agli altri.. ma non è il caso nostro.
  15. cuorenero

    solitudine

    no io non credo che dipende dai nostri difetti . .se qualcuno ti ama ti ama cosi' come sei .. difetti inclusi. non credo che sia una condizione umana perchè molta gente non è sola.. li vedo .. credo che pero' la solitudine è una scelta obbligata se vuoi essere libero. la vera amicizia è quella che ti lascia libero e sono casi rarissimi .. il vero amore è quello che ti lascia libero ed è rarissimo gli affetti sono castranti .. e comunque impongono un recitativo . almeno questo è il mio vissuto .. per cui se voglio esprimere il mio essere . .devo restare solo . .solissimo con tutta la gigantesca sofferenza che ne deriva.. meglio solo che falso .. (spero pero' che stia dicendo una grossa sciocchezza.. )
  16. va bè è iniziato il vietnam...io mi dileguo..
  17. direi che è altrettanto innegabile che al sud il bigottismo regna sovrano e che da firenze in su qualche piccola forma di emancipazione c'è stata. la chiesa attecchisce col suo moralismo dove ce povertà e soprattutto ignoranza.. per quanto riguarda l' ignoranza l' italia è a macchie di lepopardo ci sono ignoranti bestie al nord come al sud. . la povertà e l a difficoltà di studiare e di farsi una vita . .be il sud vince.. in un certo senso per quanto riguarda il sesso esistono due italie.. ed è abbastanza vero che un atteggiamento piu' libero rispetto alla sessualità lo troviamo piu' al nord.. oppure si tratta di un mito ?...una leggenda? la donna del nord lavoratrice ed emancipata e la donna del sud bigotta casa e chiesa mi sa tanto di stereotipi . di leggendari miti... ( ps. certo che in qualche misura un aragazza del sud devefaticare molto di piu' di una del nord per dimostrae alla mamma ch eavere un fidanzato non è grave.. ci sono casi in cui le mamma vanno dalla ginecologa della figlia .. le accompaganno per sapere se è vergine o no.. roba da medioevo ..)
  18. si cerco di spiegarmi meglio.. tutti sappiamo di cosa stiamo parlando molto esattamente perchè abbiamo dei presupposti comuni .. che ne pensi di condividere qualcuno di questi presupposti con noi ?.. ( ps . non è sintomo di intelligenza ridiscutere ogni volta i presupposti assodati di un discorso .. anzi e sintomo di tontagine.. mi spiego meglio.. cerca di cogliere al volo quello che si dice.. non ti affossare in discussioni vietnam che poi non ne usciamo piu' solo per dire " io sono diverso da voi " .. la tua diversità e il tuo carattere ci appare lampante anche se non ci sottoponi allo stress di ridiscutere ogni volta le fondamenta del discorso..) quindi il problema qui non è se x ha o no il diritto di non soppprtare y il discorso è : .. tu egocentrum _ cosa non sopporti nelle persone _ ?. su non è difficile..
  19. cuorenero

    solitudine

    brutta bestia.
  20. ReBeLrEbEl, bellissima immagine . bellissima davvero..
  21. la gioconda l' ha regalta leonardo stesso ai francesi .. mi sembrerebbe un affronto togliergliela..
  22. propongo una piccola scenetta: un RAZZISTA dice: "io non sopporto i negri" un MORALISTA (o qualunque altra cosa) dice: "io non sopporto i razzisti" qual'è la differenza tra i due? (se esiste :roll: ) forse il nero è nato così , e poi non mi sembra un male essere neri . il razzista invece puo' cercare di diventare una persona civile.. ( ps ...il" non lo sopporto", qui , si riferisce ad un atteggiamento ad un lato caratteriale non al colore delle pelle.. o altre caratteristiche fisiche .) ma qui esce fuori il lato bastiancontrario di egocentrum che pur di sembrare intelligente passa per scemo.. lo sappiamo che sei intelligente è inutile che fai i saltini per farti vedere..
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.