Vai al contenuto

Pubblicità

francesca75

Membri
  • Numero di messaggi

    1
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda francesca75

  • Rango
    Nuovo utente
  1. Ciao, benvenuto nei forum di Psiconline®, ti auguro un sereno e costruttivo confronto con tutti gli altri. Un saluto, Alessandro Martinelli

  2. francesca75

    l'amore dannoso

    ho 32 anni ed ho da poco chiuso con molto dolore una relazione che durava da 2 anni, negli utlmi mesi abbiamo vissuto insieme. è un mese che vivo sola e da 1 anno vado in analisi. il problema è che la mia terapista è in ferie ed ora stò per andarci anche io. ho paura delle giornate lunghe e della solitudine che queste comporteranno, ero dipendente da quell'uomo, che comunque mi trattava male, mi umiliava e mi denigrava spesso, probabilmente era anche infedele. aveva un debole per le donne ed era una fotografo. la sua passione erano le foto erotiche ed il porno. io facevo di tutto per assecondarlo e renderlo felice, cercavo di essere più bella, più sensuale, più intelligente, più disponibile, insomma, più tutto. ma non bastava mai. sembrava che mi odiasse. non sono più riuscita a far finta di niente e sono stata costretta ad andare via. amavo tutto di lui, il suo viso, la sua voce, anche la sua pancia. il fatto è che nonostante il male che mi faceva non riesco a dimenticarlo, spesso piango e non sò che fare, sento di volervo sentire ma sò che sarebbe peggio e mi fermo, a volte mi assale la rabbia per come mi sono fatta trattare. la mia situazione familiare è la seguente: mia madre è andata a vivere con un uomo quando avevo 18 anni (era comunque alcolizzata), lasciandomi con mia zia di 9 anni più grande di me, ma anche lei alcolizzata e tossicodipendente, ho usato droghe anche io in quel periodo. poi per uscirne mi sono chiusa in camera per un anno. mio padre è sempre stato latitante, un uomo che aveva molto successo con le donne comunque. per chiudere questa storia ho per la prima volta in vita mia chiesto il suo aiuto, sono riuscita a riprendere un contatto con lui e questo in effetti mi ha molto aiutata. solo che adesso non sò che fare. stò per andare in ferie ed ho paura della solitudine che sentirò, delle giornata lunghe e senza uno scopo. per la prima volta in vita mia non ho un uomo a cui aggrapparmi, e in ogni caso ho ancora dentro lui. sò che nessuno può far niente per me, ma io ci provo lo stesso. sento il bisogno di un pò di serenità, vorrei riuscire a vivere la vita con gioia, ma è difficile. cosa mi succederà in questi giorni di ferie?
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.