Vai al contenuto

muchachaenlaventana

Membri
  • Numero di messaggi

    3092
  • Registrato dal

Contenuti inseriti da muchachaenlaventana

  1. Non mi convince. I danni delle suore si stanno ripercuotendo sulla terza generazione qua in famiglia, figuriamoci se voglio insistere. No no, piuttosto autodidatta, grazie.
  2. No, scusate, ma me mi escludete??? Voglio vedere anch'io!!!
  3. Sì imparerà pian piano ma io sono abbondantemente fuori corso e comunque non so niente di pedagogia, per cui certe mansioni che a me ispirano solo scappellotti preferirei le svolgesse chi di dovere. Scuola privata, ti prego no, sto facendo le croci sul calendario per contare i giorni che mi separano dalla fine del nido della piccola che costa quanto un master alla Bocconi, figuriamoci se voglio ricominciare a pagar rette. La maestra, per insegnare insegna ma suscita tanti dubbi su altri versanti. Secondo me è un'infiltrata della Gelmini per distruggere definitivamente la scuola pubblica. Ma noi resisteremo fino alla fine
  4. Tex, a proposito dei tuoi interessi: sei un aspirante carpentiere o ti riferivi a ? Puro interesse linguistico, giuro.
  5. Ah, e poi a me i sottufficiali mi fanno un baffo. Lo sai che sono insubordinata e insubordinabile
  6. Il problema non è quello: sono io che mi innervosisco perché vorrei finire in fretta quella caterva di lavoro e lo incalzo e magari finisco per farlo sentire un incapace. Insomma, io con i bambini non ci so fare: perché devo farlo io il lavoro delle insegnanti???
  7. Cambiare non credo servirebbe a niente perché mi risulta che l'andazzo sia quello ovunque. Del resto non è che il ragazzino sia quella cima da non aver bisogno di un po' di esercizio, e tuttavia ha 6 anni e una gran voglia di giocare. Il problema è più che altro mio: mi ribolle la rabbia perché le insegnanti (appena 5) facciano pure il loro mestiere, ma il tempo libero e la vita degli altri membri della famiglia mi piacerebbe fossero gestiti in casa. Un'amica svedese mi dice che là tutto il lavoro si svolge a scuola e che vacanze e weekend sono sacri. Ricordo che in classe mia alle elementari c'erano due gemelli che venivano apertamente criticati dalla maestra perché il sabato erano spesso assenti e non si perdevano un ponte che fosse uno, perché i genitori li portavano a sciare, al mare, in gita qua e là ecc. ecc. A parte l'atteggiamento discutibile della maestra, io con questi due compagni sono ancora in contatto e hanno un rapporto invidiabile con i genitori e con i rispettivi figli e non mi sembra abbiano alcun bisogno di psicoterapia. Devo aggiungere altro?
  8. Mio figlio frequenta la prima elementare e trascorre in classe 36 ore la settimana. Tutti i fine settimana, durante le vacanze di Natale e adesso, vacanze pasquali, io o mio marito ci troviamo costretti ad assisterlo nello svolgimento dei compiti per casa: tanti, davvero tanti, incluse le famigerate schede da ritagliare, incollare ecc. ecc. ecc. Mio figlio non è un fulmine e non è ancora sufficientemente autonomo per sbrigarsela da solo: oggi pomeriggio abbiamo trascorso più di due ore per svolgere circa un quarto dei compiti assegnati, e addio faccende domestiche e lavoro mio personale. Senza contare la sorellina che reclama la sua dose di attenzione. Io mi chiedo: è giusto condizionare pesantemente la vita di una famiglia che potrebbe anche desiderare qualche giorno di vacanza? Che ne è della scuola dell'obbligo se 36 ore di lezione non sono sufficienti a formare un bambino di 6 anni? Ma soprattutto: quanto è diseducativa la mia ribellione nei confronti di questo metodo che condiziona pesantemente i ritmi della famiglia? Avrei voglia di gridare e di dire a mio figlio di lasciar perdere tutto che andiamo ai giardini, magari due giorni al mare o che so io. Ma intuisco che minare fin d'ora l'autorevolezza delle insegnanti non sia una grande idea...
  9. Ti ricordo che la tua è pubblica su Facebook
  10. No, non credo lascerebbe tracce e comunque non mi riguarda Hai mai dimenticato la borsa sul tettuccio dell'auto?
  11. Tranne mio marito, tutti Hai mai letto la posta altrui?
  12. Non l'ho vista neanche io. Comunque chi vuole sapere come è Stauff non lo chieda a me: io non lo condivido con nessuno (icona diavoletto che dal cellulare non si può inserire) :-)
  13. Kavolo, me lo dici adesso che sto per kiudere?
  14. Io mi sentirei massimamente a mio agio senza motori intorno, non tanto per il traffico che pure mi disturba, quanto per tutto lo spazio occupato dalle auto parcheggiate. Dovendo scegliere una quattro ruote, allora un calessino
  15. A noi sembra che a quell'ano manchi una D... (Frogga, come mai a quest'ora?)
  16. Comincia tu Truillio. Hai qualche novità da raccontare?
  17. No, qualunque fosse la tua domanda. Hai mai voluto partecipare a un forum senza trovare neanche un appiglio per fare due chiacchiere?
  18. Voglia di dolci :-[]

    1. Visualizza i commenti precedenti  3 altro
    2. Stauffenberg

      Stauffenberg

      se volete dele seadas o sebadas..ce penso io, con lo zucchero o il miele sopra..

    3. Ombra

      Ombra

      cosa sono?

    4. Stauffenberg

      Stauffenberg

      questa estate in sardegna lo scoprirai, chiedile.

  19. E' solo un po' di rivincita post-sessantottina. Per secoli ci è stato impedito di parlare di sesso e di praticarlo liberamente e senza sensi di colpa; adesso le donne cominciano a confrontarsi sul tema e si sfogano e pretendono. Probabilmente ci vorrà un po' prima di ristabilire un po' di equilibrio. Tieni presente però che è anche una reazione all'atteggiamento di certi uomini che ritengono di portare con sé una bacchetta magggica 'nzomma, parliamone ecco.
  20. Sicuramente con un partner fisso le finzioni hanno poco senso e impediscono di trovare la giusta sintonia. Se invece si tratta di "una botta e via", mi sembra più signorile l'atteggiamento di Stauff. Piuttosto, Stauff, ma tu con la sconosciuta di turno "non in periodo fertile" non usi alcuna precauzione???
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.