Vai al contenuto

EuridiceBrescia

Membri
  • Numero di messaggi

    1451
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da EuridiceBrescia

  1. questa cosa mi fa rilassare e la terrò a mente tutte le volte vorrò tranquillizzarmi...
  2. rileggendomi mi rendo conto di quante cavolate
  3. Oggi sto meglio, i miei momenti di crisi sono passeggeri, mi ricompatto presto, come se mi servissero per evadere dal dolore e non prendermi la responsabilità e il peso di ciò che provo e che mi fa male...
  4. tanto mi passa...quando imparerò a non essere vittima di emozioni e passioni sarà troppo tardi... scusate se insozzo il forum con le mie crisi
  5. in realtà mezz'ora fa volevo tipo tagliarmi...ma ora sto meglio
  6. pat stavolta è diverso...mi sono impaurita sul serio
  7. [....] scusami, con la mia domanda volevo soltanto portarti a riflettere con te stessa, riportare il punto della situazione al centro di te come persona dotata di giudizio e di arbitrio, a prescindere, nonostante il tanto dolore e il male..lungi da me il fatto di esprimere giudizi nei tuoi confronti..(forse nei confronti del tuo ex terapeuta si, poichè in tutta onestà dai tuoi racconti e descrizioni non nutro simpatia verso di lui) è ovvio che lo hai chiamato perchè non eri in te stessa, è ovvio che non avevi alternative...parole tue... quello che DOVRESTI chierTI è il perchè per l'ennesima volta ti sei rivolta a quell'operatore, a quella figura, che dovrebbe essere adibita alla cura dal disagio mentale, che per dieci anni ...a pagamento...ti ha presa in giro come persona e come paziente, facendondoti perdere tempo, denaro, facendoti proprio del male. Mi viene da dire che quando per un determinato terapeuta un determinato paziente non è analizzabile, (ciò non dipende dalla bontà e valore delle persone, può accadere anche al miglior analista del mondo, alla persona più intelligente del mondo) esiste un qualcosa chiamato ''invio'', forse lo sai meglio di me, perchè probabilmente, da come hai descritto la situazione ti sarai ben consultata... Ed in questa situazione, per l'ennesima volta lui non si è smentito con un comportamento incoerente e non professionale...(ora esprimo un giodizio perentorio, scusami.. Però leggere di come ha riabbassato la cornetta mi ha proprio innervosita!!). Credo che nella relazione terapeutica il paziente sia la parte debole, proprio per questo dev'essere sempre e comunque rispettato, dunque anche se il contratto e le contingenze sono cambiate tu resti una persona che lui ha seguito, una persona che è stata portata a cercarlo per una sofferenza ed un disagio profondo, una persona che lo ha pagato per ricevere un supporto strutturato e specifico!!! Il comportamento elusivo ed irresponsabile che hai descritto è davvero strano, per non dire poco umano e professionale. Spero tanto per te che tutte queste mie parole siano appunto superficiali e frettolose, ed il tuo EX terapeuta oggi ti contatti, se no altro per chiederti come stai, comunque vada ti auguro che il percorso con il nuovo terapeuta ti sia davvero di sostegno e ti aiuti a sviluppare indipendenza da questa figura del tuo passato... Snake mi dispiace contraddirti ma almeno per quanto concerne la mia risposta ciò che hai scritto è soltanto un TUO vissuto, non mi sembra di essere mai stata giudicante o saputella, nè soprattutto di esserlo stata con la risposta al tuo ultimo post, se tu l'hai vissuta così, e ripeto è un tuo vissuto perchè non era mia intenzione, ti chiedo scusa... Non lo so se mi sarei comportata allo stesso modo perchè nonostane le pressioni emotive il mio analista mi ha sempre accolta empatiamente e con affetto e non mi ha mai rifiutata, (forse generando, anche lui. una sorta di dipendenza nei suoi confronti con il suo non essere emotivamente neutrale), è passato comunque troppo poco tempo per esprimersi a riguardo, soltanto 3 anni a 3 sedute settimanali, dunque non so ancora come evolverà la mia relazione analitica negli anni a seguire, non saprei... So però cosa vuol dire stare male, proprio durante la pausa, in questo agosto sono stata molto male (come ho già scitto ho subito 3 attacchi di panico, uno più devastante dell'altro) senza poterlo nè vedere, nè sentire, senza parlarne e descriverli poichè ''la regola'' vuole così, avrò modo di analizzare tutto questo dolore a settembre, per fortuna ho molti amici nell'ambiente quindi mi sono potuta confortare e sfogare con loro, ecco fortunatamente non sono stata sola, questo si. Se posso permettermi quello che consiglio a te è appunto, in questo periodo soprattutto, di non rimanere sola, di circondarti di persone emotivamente presenti e fare esperienze soddisfacenti. In bocca al lupo di cuore post modificato da euridice
  8. ed io mi chiedo ...perchè lo hai contattato, ancora, dopo quello che ti ha fatto?
  9. Vale 10 ma solo se mi provare sensazioni ed emozioni intense, sia di felicità che di dolore... in caso contrario mi è difficile vivere una relazione tiepida, senza pathos
  10. stauff dopo l'ultime terribile attacco di panico...notturno pergiunta...ho realizzato di dover continuare
  11. questo è vero...me ne sono accorta spesso e mi sono anche accorta del movimento circolare spsso inanalizzabile che ciò va a creare
  12. Dottore dottore ho male al cuore...

    1. Visualizza i commenti precedenti  4 altro
    2. Egocentrum

      Egocentrum

      ammazza che gnocca ao!

    3. EuridiceBrescia

      EuridiceBrescia

      non me frega niente..tanto non ho più nulla da perdere

    4. turbociclo

      turbociclo

      a cosa sto rispondendo, mi sono perso...

  13. per il resto è come se la mente funzionasse e qualcosa di più profondo no..
  14. ciao elair ...beata te, a volte credo che in analisi dovrei essere come ti descrivi ...più razionale, come del resto dovrei fare nella vita...a ognuno il suo in questa pausa sono a quota di ben 3 attacchi panico
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.