Vai al contenuto

priscilla2

Membri
  • Numero di messaggi

    230
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da priscilla2

  1. Mi consolo....anche il mio psi. alcune volte sussurra e non lo capisco....anche io ho pensato di essere diventata un po' sorda....
  2. Certo riuscire ad accettarlo sarebbe una bunissima maniera x stare accanto alle bambine che eravamo.... Ma io non ci riesco ancora...Ieri ho avuto una seduta che si è protratta x quasi 2 ore...abbiamo parlato ancora del rapporto con mia madre, e del rapporto che ho io con il mondo femminile, cosa che dovremmo analizzare in maniera più approfondita la prossima volta. La settimana passata, è stata abbastanza pesante, mi sembrava di essere tornata a come ero un anno fa... Nel senso che non avevo voglia di far nulla ne di uscire ne di preparare le cose più banali, ascoltavo musica, pensavo e ripensavo a mio padre , alla malattia di mio figlio a quanto a sofferto...a me da piccola.... ne ho parlato ieri in seduta, e dopo tutto sommato mi sentivo meglio....Vorrei riuscire a vivere i sentimenti x quello che sono, e mi fa una rabbia non riuscirci, vorrei altro anche oggi che sono adulta vorrei poter ritrovare la "famigliarità" che non ho mai avuto con mia madre, mi manca la complicità la confidenza e sono consapevole che sono cose che non arriveranno mai, anche perchè adesso io mi sono troppo irrigidita nei suoi confronti, e quindi non sono più pronta ad accoglierli....Vi abbraccio
  3. E' vero sono daccordo con te... ma è difficile riuscire ad elaborare una cosa del genere, almeno x me. Io sono riuscita ad essere decisamente diversa con i miei figli, con loro ho un rapporto meraviglioso, c'è complicità affetto amore attenzione...tutto quello che avrei voluto avere io e che ho cercato di non far mancare mai a loro. Io penso che le "mancanze" ci dovrebbero insegnare ad essere migliori, non a perseverare.....Ed è anche vero che probabilmente sono errori che si fanno senza rendersene conto. E pensare che quando ho iniziato la psicoterapia i motivi erano tuttaltro che questi, e poi piano piano è arrivato di tutto.....Son felice di avere trovato voi, è importantissimo x me confrontarmi con voi x capire meglio....
  4. Anche se x quel che mi riguarda non si tratta di crudeltà...ma di indifferenza.. e credo sia peggio, la crudeltà si può anche cercare di contrastarla, con l'indifferenza è una partita persa.....
  5. Sai che sembra che tu stia raccontando la mia storia...l'idealizzazione di mio padre, i continui confronti con mia sorella, il continuo farmi sentire quella che tanto non avrebbe mai fatto nulla, per questo sono stata anche messa in collegio, perchè fuori non avrei combinato niente....Risultatao, ho continuato ad isolarmi sempre di più, e nessuno si preoccupava, non se ne accorgevano nemmeno... I miei ricordi, partono dall'adolescenza, della mia infanzia ho poco e niente...Ma solo parlarne adesso mi fa star male...E' vero anche io mi sono sempre ritrovata sola con il mio dolore...piangevo da sola, cercavo l'affetto di tutti e lo faccio anche adesso sono sempre stata insicura e lo sono anche oggi....Che bel risultato!!!!!!
  6. Ma perchè io non so nemmeno che tipo di terapia sto facendo????? Mi scoccia chiederglielo,almeno c'è qualcuna di voi che mi sa spiegare i vari tipi di terapia così almeno forse ci capisco qualche cosa....... Grazie
  7. Ma nemmeno io ho molti ricordi della mia infanzia, ma quei pochi bastano, volevo affetto attenzione e non ne ho avuta, io non ricordo un natale non ricordo una festa di compleanno... Mi piacerebbe ricordare di più, il mio psi. mi disse di parlare con mia madre di chiedere a lei, ma io gli dissi di non non le avrei chiesto nulla.Sono sempre stata considerata nulla, mi sono sempre sentita inutile, mi ricordo di quando me ne stavo da sola a piangere......E oggi a distanza di anni riconosco quella bambina nel dolore...lo stesso..
  8. La mia vicinanza a questa bambina sta nel fatto, che il dolore che provavo allora è identico al dolore che provo adesso, la differenza sta nel fatto che allora erano certe situazioni che mi facevano soffrire e che riesco sopratutto adesso a riconoscere, oggi provo lo stesso identico dolore, ma è accompagnato dal vuoto...teoricamente non c'è motivo, le situazioni sono differenti io sono adulta, ma il mio dlore non cambia..
  9. Il punto è che alcune volte mi sembra di non aver via di scampo, credo che non riuscirò mai a liberarmi del dolore che ho dentro...E mi pesa far finta di star bene, ma bisogna perchè gli altri sopportano male il mio lamentarmi continuamente il vedermi sempre triste mai positiva...ma nessuno può capire cosa vuol dire non sentirsi bene con se stessi, sperare di potersi guardare indietro un giorno e di riuscire a scorgere qnche qualche cosa di bello.... Dovrei essere contenta perchè ho un marito che mi adora due figli meravigliosi...è vero è tutto bello, ma non basta, c'è anche il resto che riesce a soffocare quel poco di buono che ho....
  10. Anche io ho parlato con il mio psi. di quella bambina che soffriva... e lui ogni tanto ne parla, ma non riesco a dare ascolto a quella piccola bambina,vorrei trovare un modo per riuscire a capire...Non so come fare non so come chiedere aiuto al mio psi. Poi ultimamente si è come riaccentuato il transfert, non come all'inizio am è tornato...non capisco perchè, è che comunque ci sto male Vorrei non avere ricordi, sarebbe bello ricominciare da zero, senza dover x forza ogni tanto rivivere alcune cose o situazioni....
  11. Ciao Elli, ci sono vi leggo sempre, ma è stato un periodo difficile, che mi ha lasciato un po' di casini a livello emotivo. Alcune volte mi sembra di tornare indietro, intendo a come mi sentivo all'inizio della terapia....Boh.... Speriamo sia un periodo. Grazie del ricordo..Un abbraccio a tutte
  12. E' vero, sono silenzi ad oltranza, che anche a me creano problemi alcune volte, mai appunti su quello che dico,vorrei anche io sentirmi dire qualche cosa di più, perchè in questo modo sentirei di più la vicinanza la comprensione. Capisco che serve a noi parlare tirare fuori quello che abbiamo dentro, ma alcune volte è complicatoVorrei sentirmi consolata consigliata, ma capita poche volte.... Ma credo che comunque sia giusto così..loro sono lì x aiutarci a tirar fuori il nostro "male" e anche se il silenzio il più delle volte è faticoso imbarazzante, credo che sia lo strumento migliore x aiutarci a star meglio....
  13. Qualcuna di voi, forse potrà aiutarmi, io ho sempre avuto dei problemi con mia madre, tuttora li ho, l'altra notte ho sognato che io e lei eravamo a passeggio e parlavamo scherzavamo, c'era complicità tra di noi...Cosa che assolutamente non c'è mai stata....C'era tutto quello che avrei voluto e non ho mai avuto.... LOgni tanto ho l'impressione di aver "scaricato" tutto il mio bisogno d'affetto sul mio psi. aspetto ogni seduta come non ho mai aspettato niente, pensando a lui ripenso all'amico sincero attento che non ho mai avuto.... E di conseguenza penso a quando si interromperà la terapia e sto male.... Anche se so che è stupido pensarlo visto che x adesso (spero) non se ne parla......Sono stufa mi faccio paranoie x tutto....Con affetto
  14. Digi, capisco bene come tu ti possa sentire, come mi sentirei io abbandonata, ma pensa come ti hanno già detto che non sarà x sempre... 2 mesi ti ssrviranno x valutare quali sono stati i tuoi progressi a capire come riesci a gestirti senza il suo supporto. Certo che è difficile pensare di doversi staccare, ti capisco perchè io con il mio psi credo di avere lo stesso "attaccamento" che hai tu, x cose legate alla mia infanzia, e anche io mi sentirei abbandonata. Ma ripeto non è una conclusione definitiva, è una pausa... Ti abbraccio forte ti sono vicina
  15. Anche io ho pensato che ci aveste lasciaste sole...perchè anche io so di avere purtroppo il "potere" di allontanare le persono... Son felice di ritrovarvi Un abbraccio
  16. Ciao, Mi spiace che tu non stia bene, ma il transfert anche se è difficile da gestire a me è servito x aprirmi com lui, ho sempre avuto difficoltà, le ho ancora, adesso lui a differenza dei primi mesi mi aiuta parlandomi un po.... Anche io ieri ho avuto la seduta, è stata difficile, perchè stanno uscendo un sacco di cose che mi hanno fatto male negli anni passati e che di conseguenza hanno condizionato la mia vita, io nel mio psi. ho identificato l'amico che avrei voluto avere e che non ho mai avuto, mi sento libera con lui, ma poi tutte le volte che finisce il colloquio, ho sempre la sensazione di essere (come è giusto che sia) una paziente una delle tante pazienti... comunque dopo un anno di terapia, le cose vanno decisamente meglio, se penso a come mi sentivo un anno fa... non ci posso pensare.Io ho la prossima seduta fra 10 giorni, troppi.. già oggi avrei bisogno di parlarci, ma credo che tutto sommato mi faccia bene cercare di elaborare da sola alcune cose, ogni tanto penso che prima o poi dovrò anche cercare di pensare che la mia vita passata è andata così....Le cose non si cambiano e lui mi sta aiutando a trovare, tutto sommato quello che c'è di buono adesso, ogni tanto ci riesco, spero che con pazienza ci riusciremmo sia io che tu, nulla si dimentica, ma l'importante è imparare a convivere con i ricordi e spero sia x me che x te che prima o poi riusciremmo a godere delle cose positive che abbiamo oggi e fregarcene di tutto il resto.Noi esistiamo siamo importanti dobbiamo attrezzarci di un pochino di sano egoismo...Credimi non guasta...A presto Buonissima giornata anche se qui oggi nevica...io adoro il sole!!!!!
  17. Diotima...ciao come va???? Fatti sentire.Buona giornata a tutti/e
  18. Ciao Diotima,i miei figli sono sereni, anche perchè io non mmi stabilirei li x sempre sarebbe un andare e tornare, ma è una situazione che mi destabilizza, da un lato sono contenta perchè penso che i cambiamenti possano si portare difficoltà ma anche dare la possibilità di dare una svolta.....Il punto è che non riesco a pensare di non poter andare alle sedute settimanali, parlare con lui mi da sicurezza e non sarebbe sicuramente la stessa cosa via mail.... Mi sento stranita, come mi sembra di iniziare a trovare un po di stabilità, c'è sempre qualche cosa che la rovina.....Poi mi hanno sempre spaventata le novità, sono insicura ho paura, di non riuscire ad integrarmi poi c'è il problema della lingua, dei voli io ho il terrore dell'aereo................
  19. Ciao Diotima. ciao Berenice.... Diotima come va????? Sono abbastanza a pezzi, mi si prospetta di trasferirmi all'estero con mio marito x lavoro, (io ci starei a periodi), e sono preoccupata x la mia terapia. Il mio psi, mi ha detto che così avrà l'occasione di testare la terapia a distanza, ma il fatto di dover scrivere senza avere una risposta immediata, e poi il rapporto non sarà più quello..... che è adesso...poi mi spaventa da morire cambiare paese, lingua, non avrò x alcuni periodi l'appuntamento settimanale con il mio psi. che x me è un punto fermo, come mi sembra di aver trovato un po di stabilità si sconvolge tutto..Spero solo di riuscire, nel caso a reggere anche questo distacco........Buona domenica a tutti/e
  20. ma almeno tu sei riuscita a spiegarle i motivi x i quali gli davi il cd. e quale fosse il significato???? Il mio psi. dopo che glielo ho dato mi ricordo che mi disse che l'avrebbe letto, io mi aspettavo che prima o poi mi dicesse qualche cosa x cercare di spiegargli il senso di quel regalo......ma non ha più toccato l'argomento..... Boh... Comunqu sono contenta x te è importante che tu ci sia riuscita. Un abbraccio
  21. Ciao Farewell ben arrivata!!!!! Diotima hai voglia di raccontare come è andata con il cd. Tanto x capire se è andata come x me x il libro di poesie......... Buona giornata a tutti
  22. Non è difficile capirlo per me.......
  23. Sono esattamente le cose che provo io, e che mi hanno portato dallo psicoterapeuta, anche io ho passato la mia vita" seduta in una stazione a veder passare i treni", e malgrado io abbia 2 figli meravigliosi,un marito che mi adora, rifarei tutto, non ho vissuto, mi sono abbandonata agli eventi, sono perennemente alla ricerca dìaffetto di conferme, vivo nell'insicurezza totale, non riesco a lasciarmi andare, non riesco a godere di nulla...... E sono le carenze affettive che mi hanno portata a vivere così...... Comunque la psicoterapia, mi sta aiutando a veder le cose da una angolazione diversa, nel momento in cui ho deciso di intraprendere la strada della psicoterapia, forse x la prima volta ho messo ME in primo piano, adesso so che ci sono anche io peccato che sia un po' tardi.....il tempo perduto non si recupera più.......Restano i rimpianti x le cose che la maggior parte delle persone hanno (parlando di affetti) e che guadandoti alle spalle non vedi..............
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.