Vai al contenuto

Pubblicità

nikiland

Membri
  • Numero contenuti

    108
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

3 Seguaci

Su nikiland

  • Rank
    Utente assiduo

Profile Information

  • Gender
    Female

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Tanti auguri di buone feste a tutti!
  2. lo so, è un argomento tosto quello del maschilismo! Ho a che fare con alcune persone maschiliste (direi in una maniera "subdola"!) Ma a voi è capitato di conoscere persone fortemente maschiliste? Come avete fatto? Avete cercato di parlarci insieme? Di far vedere le cose in una maniera diversa? Secondo voi è possibile far migliorare certi punti di vista? Oppure è come lottare contro "i mulini a vento"? L'ignoranza, il pregiudizio sono da combattere a mio avviso, ma a volte sembra tutto tanto grande... un macigno!!!
  3. dopo quello che ho letto mi viene da dire che di sbagli se ne fanno tanti, a volte si superano, a volte (come nel caso di tuo marito) il dolore è grande e per rimorso si commettono errori più grandi senza pensare (e questa è la gravità) che ci possono andare di mezzo i figli, non va bene. I problemi dei genitori non devono essere assorbiti in questo modo dai piccoli. Insomma, posso capire che per te sia mooolto complicato ricominciare da sola, ma sarebbe meglio, se ami davvero i tuoi bambini. e non dico di negare loro il padre, ma di fare in modo che questi conflitti vengano affrontati e superati da entrambi e la lontananza secondo me vi aiuterebbe. e non è detto che tu non riesca a rifarti una nuova vita... sicuramente migliore! coraggio!!! sono stata con una persona più grande di me di 16 anni, a volte le distanze sono tante e mi viene da dire che gli uomini più grandi si sentono di avere più esperienza e pensano di poter "dominare" l'altro, con trucchetti etc... mi chiedo cosa tu ci stia ancora a fare con lui a questo punto, la tua famiglia ce l'hai, li volevi i bimbi e li hai (non così desideravi questa famiglia, ma una parte della famiglia è lì) e diventano loro la tua famiglia... un proverbio dice: meglio soli che mal accompagnati... che serenità daresti ai bimbi se vi vedessero litigare? e un'altra cosa... se io fossi in te, un giorno, quando saranno grandi, non direi MAI male del padre, perché potrebbero non capire chiaramente la situazione... Insomma, è una situazione delicata, ma potresti uscirne fuori più forte e matura...
  4. ti esprimo le mie sensazioni di getto... troppo peso sulle spalle, troppa confusione in te, tanti lati da chiarire dentro di te e con te stesso e a volte è tutto troppo grande da affrontare da solo, prima o poi devi avere coraggio e buttarti a chiedere aiuto! ho la sensazione che tu abbia bisogno di ridimensionare i tuoi genitori... facile da dirsi... perché le incomprensioni con i nostri genitori a volte ce le portiamo per tutta la vita... ma sarebbe bene incominciare... non è che stare con tua madre ti porta in una realtà troppo adulta che ti spaventa in questo momento, (vedi scuola, impegni vari... incomprensioni con tua sorella e tua mamma...?) con tua sorella hai mai parlato più intimamente?... mentre la vita con tuo padre ti porta in una realtà più giocosa e da adolescente? e poi il risentimento e la rabbia da un lato comprensibili nei confronti di tua mamma che dice male di tuo papà... ti senti incompreso da tua mamma, non ti piace che tua mamma giudichi male tuo papà e prendi le sue difese... la tua sessualità... hai bisogno di chiarirti dentro davvero! considera che a volte, in talune situazioni, nemmeno a quarant'anni si ha le idee chiare di cosa sia l'amore e ci sono molti omofobi in giro... questa cosa la dice lunga sulla confusione mentale che la gente ha nel campo sessualità e amore a tutte le età, me compresa, per intenderci! per quello ti dico di incominciare a scrivere in un tuo diario le cose che ti pesano, aiuta a riflettere... e cercando di elaborarle, ma prima o poi il confronto con qualcuno sarebbe importante! pensaci... ;)
  5. Be' già l'essere permalosi non aiuta molto! Ti capisco in parte perché anche io sono così. Io penso che sia necessario per te stesso focalizzare meglio i tuoi atteggiamenti nei confronti degli altri quando ci esci insieme e cercare di osservare la loro reazione. E poi fossi in te, proverei anche a chiedere loro cosa sentono, cosa funziona o cosa no... A te serve per capire no? Magari potrebbero non essere sinceri, ma anche questa loro risposta potrebbe suggerirti delle cose... Pensaci... Io ho amicizie e anche durature ed importanti, ma a me che metto tutto in discussione creo debolezze per quanto riguarda le alleanze... Con il lavoro poi...
  6. guarda, io ad es ho un altro problema... non sono capace di crearmi gli alleati... ho amici sì, ma a causa del fatto che metto sempre tutto in discussione non mi creo alleati e nemmeno al lavoro... ecco! credo che dipenda proprio da come noi instauriamo le relazioni con gli altri... tu ad esempio come instauri le tue relazioni? cosa cerchi? cosa ti aspetti?
  7. ho già risposto a qualche tuo post, ma avevo piacere di salutarti! ciao ciao
  8. come mai scrivi una cosa come questa? cosa hai sentito dentro mentre la scrivevi? e poi, è riferita ad una situazione in particolare che stai vivendo? o è una riflessione generica?
  9. è un mal comune... un po' di forse "sana" invidia credo sia capitata a tutti! quasi nessuno escluso... fai bene ad ammettere a te stesso questo tuo stato d'animo, continua ad ascoltarlo... sparirà da solo... e poi non sono sempre tutte rose e fiori... sembra sempre più verde l'erba del vicino, ma fosre potrebbe non essere proprio così... no?
  10. sembra quasi che il tuo sudore sia una scusa per mettere distanza tra te e gli altri... una buona scusa per non vedere nessuno... hai paura dei giudizi degli altri... e guarda! vai a braccetto con me, pure io sono così... penso che lavorare sull'autostima sia l'unico sistema per tirarsi fuori da questa situzione...
  11. io non riesco a leggere la discussione perché non c'è il testo, le uniche parole che leggo sono: SALVE a tutti, e perciò non sono in grado di rispondere, come mai? si può verificare cos'è successo?
  12. e tuo marito? che fine ha fatto?... so che lo odi e provi rancore per come ti ha trattata... tu ti sei presa la rivincita... adesso? ammetto che mi sono persa... vi siete lasciati tu e tuo marito? e con questa persona sposata? c'è un po' di confusione a livello sentimentale nella tua vita... forse prima dovresti far chiarezza con te stessa, su con chi vuoi stare, perché... anche se tuo marito lo odi, è sempre stato una parentesi della tua vita e andrebbe chiarito questo rapporto, sia con lui che con questo attuale amante, impegnato pure lui, come forse tu?
  13. in genere facendo analisi, possono venire fuori cose interessanti... poi, ipotizzo, si potrebbe provare a cercare un contatto con i genitori per capire... tutto aiuta, tutto fa qualcosa, se fosse anche poco...
  14. nikiland

    Lapsus

    come ha osservato Lis, anche io penso che se tuo marito non tenesse più a te non avrebbe chiesto proprio a te di aiutarlo a cercare l'anello, che tra l'altro rappresenta l'unione del vostro matrimonio... oltretutto preoccupato, sudato etc... forse sta cercando un modo per creare un contatto con te, alla sua maniera! ti cerca Maggy! Sarà arrabbiato, magari per un momento potrebbe aver pensato di chiudere definitivamente buttando via l'anello malamente, però alla fine è ritornato e avete fatto una cosa insieme, anche bella, cercare l'anello!!! mica poco!!! io so per mia misera esperienza che gli uomini generalmente fanno fatica ad aprirsi e parlare, comunicare... non gli viene naturale! aiutalo ad aprirsi a te, ci vuole tempo, è difficile, ma sicuramente qualcosa di buono verrà fuori! sicuramente l'insistenza e l'aggressività non sono buone armi per fare aprire una persona, ci vuole tempo e pazienza, mio modestissimo parere!!!
  15. nikiland

    i pregiudizi

    premessa: concordo sul fatto che siamo tutti pieni di pregiudizi e che siamo umani e che non c'è nulla di male ad averli, se non creano danni particolari a nessuno, ma da come la vedi tu il pregiudizio diventa un'idea finta... e alla fine non prendi in giro "solo" chi subisce il pregiudizio, ma te stessa! e il tuo mondo non evolve sotto questo aspetto!
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.