Vai al contenuto

Pubblicità

Vi@letta

Membri
  • Numero contenuti

    120
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

4 Seguaci

Su Vi@letta

  • Rank
    Utente assiduo
  1. Credo che tu sia un pò confusa, forse sarebbe il caso che li lasciassi tutti e due e comminciassi a vivere la tua vita da single. Lascia stare il tuo vicino ,non tempestarlo più ne va contro la tua dignità.Credo tu avessi bisogno di avere conferme e questa storia un pò fuori dalle riga ti ha aiutato a sentirti più desiderata. Ma essere desiderata non vuol dire iniziare una storia. Evidentemente i sentimenti di questo vicino non erano come i tuoi, lui voleva l'avventura e va bene cosi. Del resto siete grandi e liberi di fare ciò che volete.Ma non lo tempestare più,di solito la gente che insiste non viene considerata irresistibile , tutt'altro. Chiedo scusa a bambolina ma ho fatto un casino allucinante con questo post.
  2. hahhahhaha Marlene non fare caso a ciò che dice Marco ,l'ho letto in altri post e sono convinta che o scherza o ha problemi davvero gravi ahahahahhaha.Chissà se lui fa volontariato ahaha.Tornando a te, non saprei cosa consi gliarti .Forse dovresti stare un pò sola per ritrovarti un pò. Non capisco di chi sei innamorata ma il problema attuale non è questo.Stai un pò sola cosi riuscirai a capire pian pianino di chi sei innamorata,magari di nessuno dei due.Certo di tutti e due è impossbile. Adesso arriva l'estate ed è un ottimo alleato per rilassare la mente.
  3. Cara fefina, cosa consigliarti???? si dovrebbe consigliare a tua madre e chiederle perchè accetta una situazione simile. Io provvengo dA UNA FAMIGLIA COME LA TUA. Ho visto coltelli volare, mia madre saltare dal letto e trascinata per le scale dai capelli. Ho vissuto il silenzio totale a tavola ed a un tratto il rumore dello stampo della mano di mio padre sul viso di mia madre.......Non ho rabbia contro mio padre, ma contro mia madre si. Non ho pena per lei . Per colpa sua mi sto portando dentro odio e aggressività ceh non sono riuscita a debellare del tutto, solo con gli anni ci sto riuscendo. Non ho il ricordo di una famiglia, di un amore .Non so cosa consigliarti , hai 19 anni. Non hai dei nonni dove poterti trasferire? degli zii? e lasciarli tutti e due ammazzarsi a legnate come meglio credono. Non prenderti l'incombezza della vita di tua madre come tua responsabilità, non ne uscirai mai fuori ,anzi. Ti sentirai sempre responsabile e in colpa di qualunque cosa le possa accadere.Se vuole essere aiutata , sarà la prima a fare un passo avanti e chiedere ad associazioni.Lei lavora è indipendenete da tuo padre?. Fifina parlane qui, parlane sempre, parlane con chi ti sa ascoltare. E non vergognarti di piangere davanti al tuo ragazzo. Non è colpa tua tutto questo.
  4. Non è molto chiara questa lettera, dici mio compagno ma poi dici moglie e non ex moglie. Se dici compagno, si suppoone che tu ne sia la convivente ??????. I suoi figli non condividono questa relazione. Sua moglie l'è venuta a scoprire,ma che gliene frega se il suo ex sta con una, forse sono separati da poco?. Insomma non ci ho capito niente.
  5. Mia cara piccola bimba, che dirti? una situazione orrenda la tua e lo sai. Non sai come dire a tuo padre che vuoi andare dallo psicologo? , fagli leggere questa lettera che hai scritto qui. Hai scritto in modo cosi chiaro il tuo grave problema che la tua lettera non ha bisogno di spiegazioni credimi. Sei maturissima per una di 15 anni e sinceramente non capisco come è che gli assistenti sociali vi abbiano lasciato a tua madre anzichéa tuo padre, visto i problemi che lei ha. Se proprio non sai come dirlo a tuo padre , parlane con un insegnante e vedi se può farti da tramite con tuo padre. Ma la cosa migliore è farle leggere la lettera .è una persona attenta , si capisce quando dici che ti ha chiesto quale era il problema da burger king, sai molti padri non vedono queste cose. Falle leggere la lettera e magari anche i nostri commenti.In bocca al lupo piccola a te e a tuo padre
  6. Scusami Amélie , ma perchè essendo in un piccolo paese non puoi andare in palestra? non lho capita sta cosa. Hai la macchina, ti potrai allontanare dal paese il sabato sera suppongo. Le tue amiche sono lontane? fattene di nuove, le cosiddette amiche per divertirsi senza aspettarti chissà che dA LORO. iL tuo ex se ti tratta cosi e perchè sa di poterlo fare, ma alla fine di questi incontri non ti senti ancora più distrutta?. Dici che ti senti non protagonista della tua vita e ci credo se sono gli altri a decidere per te.Hai mai provato a dir di no a sto ragazzo?.Con la tua famiglia dici no o decidono anche loro per te ?.
  7. Vi@letta

    MI SENTO SOLA

    Ciao Adeea , la maggior parte delle persone che postano nel forum è per solitudine.Da ciò che vedo ultimamente. Circondati da gente e/o da nessuno, il problema è sempre la solitudine.La maggior parte delle volte non sempre, rettifico. Quanti anni hai? 27 ?. Che potresti fare , iscriverti ad una associazione cattolica per esempio, non si paga , si fanno delle uscite, si organizzano gite. Questo se frequenti la chiesa ovviamente. Potresti fare un corso di ballo in quelche palestra, dico di ballo perchè lo si fa in gruppo. Tu lavori? come passi le giornate in Italia? cosa ami fare?.
  8. Directionnnnnnnnnnnnnn helppppppppppppppppppppp. ...... e poi...... ........ ok ok, scherzavo .
  9. Un consiglio , se ne hai la forza vacci dallo psicologo.Tuo marito te lo consiglia perchè sa di non essere in grado di aiutarti.dALLO PSICOLOGO NON CI VANNO solo coloro che hanno problemi gravi.Io ci andrei di corsa , ma mi sento bloccata , perchè mio marito snobba molto questo mondo fatto di psicologi e quindi non capirebbe e non chiederebbe neanche . Vacci ,ascoltami vacci.Visto che al momento non hai un'amica del cuore, che non hai un marito che ti capisce,vacci.E' un'alternativa all'amica come quando si viene qui e si parla. Ma loro sono più esperti per cui individuano meglio e più velocemente la strada per iscirne.Un'abbraccio ......P.s per il lavoro, meno male è già un gran traguardo.
  10. L'ho sempre pensato di essere diversamente intelligente .Peccato che non se ne rende conto nessuno . Forse dovrei aver piu attacchi di ansia? che ne dite?.Almeno si capisce la mia super intelligenza, non vorrei passasse sotto banco
  11. Cara kimagure, cosa devi fare non lo so, ma sono tornata indietro di qualche anno leggendoti. Ho avuto anche io per anni le stesse sensazioni, senso di inadeguatezza e pensare che nulla era mio , che facevo le cose solo per compiacere chi mi aveva succhiato la vita fino a logorarmi dentro una perfetta vita fatta di cristallo.Quindi fuori tutto bello, fortunata per il marito che avevo ( mi aiutava in casa hahahha, capirai) anche io non lavoravo, anche io ero soggiogata dai miei suoceri e volevo godermi mio figlio da sola, ma loro erano pronti per tutto. Ho lasciato mio marito per la disperazione e siamo stati separati due anni, poi ci sono tornata , sinceramente per mio figlio e anche perchè non mi pesava più di tanto perchè è un brav'uomo. E poi io non sono fattaper vivere da sola. Anche se pretendo la mia privacy. Gli anni sono passati ,ho trovato lavoro , ho riacquistato un pò di stima in me stessa,abbsatanza per non logorarmi.Ma ormai il carattere è formato più che formato e le esperienze, il vissuto si è cucito ADDOSSO di un vestito che a vederlo sembra un'armatura. Io non so cosa dirti, solo una cosa , cerca un lavoro e torna a stimarti come donna, non dico fisicamente ma mentalmente e tutto il resto verrà da sè. Ovvio non è facile . Hai mai provato a prlarne con tuo marito?. Io l'ho fatto tante di quelle volte, ma non capisce è buono ma non capisce . Ma va bene cosi, non fa nulla. Almeno lui una parvenza di famiglia me l'ha data
  12. perchè capita solo a me?. devo lamentarmi con la direzione. Non dirmi che c'è silvana......uffi sigh sigh sigh .
  13. Ho cliccato involontariamente pardon. Dicevo, sei sicur CHE TI PRENDONO IN GIRO O è UNA TUA IMPRESSIONE? nel senso che magariwscherzano solamente e tu che sei cosi timida la prendi per uno sfottimento.Non so, ipotizzo naturalmente. Se sei sicura di ciò ci fai qualche esempio???.. Ne hai parlato con i tuoi?.
  14. Ciao Chiara, in prima superiore è normale aver dei problemi su come relazionarsi verso gli altri. Tutto è nuovo e anche lo studio perde tempo a ingranare. Almeno da ciò che dicono gli insegnanti. Ma tu sei sicura che ti prendono in giro i compagni?
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.