Vai al contenuto

Pubblicità

Ezibombala

Membri
  • Numero di messaggi

    6
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Ezibombala

  • Rango
    Nuovo utente
  1. Grazie a te refuge, poter finalmente parlare di questo mio problema senza filtri e senza censure mi sta già aiutando, penso si di dovermi trovare un interesse che oltre ad occupare la mente da soddisfazione e aumenta l autostima cosa che avendo un d.o.c e normale che sia scarsa Ps:grazie per i consigli
  2. Se qualcuno ha altre opinioni, consigli o esperinze personali sarei felice di ascoltarvi parlare e magari trovare una soluzioni più completa per questo d.o.c senza l ausilio di psicofarmaci che sono una cosa che non ritenendomi malato non prenderò mai
  3. Bhe come ho gia detto ho la consapevolezza di soffrire da questo disturbo solo da un paio d'anni, appena presentati i primi sintomi piombai in una profonda depressione e ansia ero insicuro su tutto , ogni cosa che prima mi appariva chiara all' improvviso divenne incerta piena di dubbi senza rispota, tutte le volte che provavo a rassicurarmi e a darmi certezze venivano fuori altri mille interrogativi, e la cosa che mi spaventava ancor di più era il parlarne con qualcuno (mi avrebbero preso per pazzo??), nella mia situazione anche la frecciatina di qualcuno sul mio comportamento mi mandava ai pazzi ,avevo paura di essere me stesso perché alla prima critica, presa in giro o anche solo consiglio sarei caduto in un loop in cui paranoia segue paranoia,insomma la mia situazione sociale era un disastro non riuscivo più a socializzare fare amicizia, ero solo io e le voci nella mia testa..fortunatamente piano piano capii che questi pensieri erano involntari e che non avrei mai dovuto rinunciare alla mia personalità per colpa di esse, cominciai a distrarmi in tutti i modi possibili addirittura studiando,e funzionò tutte le volte che mi veniva qualcosa in mente che per me era indesiderato lo scacciavo dandomi conferma di chi sono grazie ai ricordi...ora sto meglio e ho cominciato a pensare che anche questi pensieri siano una parte di me e invece di affrontarli con ostilità e ansia usarli come modo per migliorarsi cioè se ad esempio mi veniva ossessione/paranoia di non aver svolto al meglio un attività scolastica/lavorativa invece di farmi prenderei dallo sconforto analizzavo la situazione comprendevo gli errori e la volta seguente vedevo di rimediarvici... ora forse io l ho semplificata un pò pero penso che sia questo il modo per cercare di tener botta al d.o.c..
  4. Quali sono i fattori che determinano che un ragazzo sta soffrendo proprio di questo disturbo??
  5. Bhe grazie.. però per chi non avesse la possibilità di contattare un professionista? Sinceramente penso che questo disturbo si possa affrontare anche senza l ausilio di psicofarmaci o psicologi, solo il fatto di parlarne, leggere di un paio di esperienza comuni possa essere un gran passo avanti..per fare un esempio personale ho parlato di questo problema solo una volta e con una persona a me fidata, ed il suo aiuto e stato essenziale per evitare di farmi impazzire mi ha aiutato a conoscermi ad avere piu sicurezza in me stesso ed anche ad affrontare determinate situazioni avendo un macello in testa... insomma vorrei solo avere qualche consiglio in piu (magari per esperienza personale) su come affrontare sto maledetto disturbo
  6. Ciao io invece sono un ragazzo di 18 anni e penso di avere questo disturbo dai 14 15 anni.. é stato un periodo difficilissimo soprattutto per il fatto che con capivo cosa mi stesse succedendo..volevo chiederti cosa hai fatto per uscirne? Cioè nel cosa hai fatto durante il periodo di cure
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.