Vai al contenuto

mo.

Membri
  • Numero di messaggi

    3
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda mo.

  • Rango
    Nuovo utente
  1. mo.

    non riesco a vivere cosi, devo cambiare.

    adesso studio farmacia, e probabile ma non sicuro,troverò l'avoro, sto provando a tirarmi fuori da questa situazione, e sinceramente non trovo più molta passione in qualsiasi cosa. grazie per i consigli, mi hai dato più fiducia rufuge grazie
  2. mo.

    non riesco a vivere cosi, devo cambiare.

    si, proverò a fare come mi hai consigliato, purtroppo se su 28 giorni, i 2 rimanenti mi trovo ottimista senza motivo, non riesco a reagire, sapendo che il giorno dopo sarà sempre la solita routine. e quindi quei pochi attimi di pace si incasinano da soli una ragazza, tempo fa ma da tanti anni, circa 5-6 anni fà sui 13-15 anni +- ero ancora molto piccolo, ma comunque non l'ho mai considerato un vero episodio, ritengo che ero troppo piccolo, e dopo qualche settimana non ho voluto continuare per problemi di distanza, e mi sentivo sempre troppo piccolo a quell'età, e non pronto per qualsiasi relazione. , però mi chiedo come mai possa essere successa qualcosa del genere, in fondo in 1-2 elementare ero il casinista della scuola, e le mie maestre si tiravano i capelli per il casino che facevo sempre, non avevo neanche il minimo problema per relazionarmi in qualsiasi modo.. grazie della tua attenzione:) rufuge
  3. ciao, Sono un ragazzo di 20 anni, Non riesco più a vivere questa vita, sta andando tutto a rotoli, non so questa svolta da dove e iniziata. non so se soffro di depressione o qualche forma di schizofrenia ma non credo, (sono al secondo anno di farmacia e un idea generale di cosa sia la possiedo, ma non approfondita), o magari cerco di dare a questi problemi un nome per scappare dalla verità. Non riesco più a vivere, non riesco a confidarmi con nessuno, sento che nessuno in fondo è leale, non riesco a ridere seriamente, e se lo faccio e per non far fare figure di merda ad altre persone, o forse arrivo a questi pensieri per giustificare il fatto che non riesco ad ambientarmi e a socializzare? è da 8 anni che vado avanti cosi. non riesco a non giudicare le persone senza conoscerle, vedo tutti come sleali, buffoni, ecc. ognuno dalla sua faccia, ma in fondo credo che tutti noi umani siamo cosi, o è solo mia impressione? Da poco più di 3 anni ho iniziato a autolesionarmi, provando un piacere nel tagliarmi e sentire il bruciore, e come se per un attimo mi dimenticassi di tutti i problemi che ho addosso, ora non trovo il bisogno di tagliarmi come prima ma continuo a farlo, credo di aver creato un aggancio mentale, anche se in alcuni momenti mi serve farlo. e ogni tanto mi escono pensieri di suicidio che non riesco ad attenuare facilmente, qualcuno lo metto in atto ma in fine smetto perchè mi manca quel poco di coraggio. non trovo più piacere a vivere, o in qualsiasi attività, e come se tutto fosse uguale, senza importanza. Ieri ho lasciato il mio sport preferito che praticavo da 2 anni, e proprio quando ero la dentro che lasciavo l'attrezzatura, sentivo il cuore in gola, e là, qualche lacrima, che cercavo di trattenere, anche se non sono mai riuscito a legare-socializzare con i miei compagni, ma sentivo davvero che stavo male, non ricordo di aver speso qualche lacrima in 20 anni di vita, a parte la morte di mio zio, e non ho pianto per lui, ma ben si fatti che questo evento mi ha fatto ricordare. Tra me e i miei genitori le cose non vanno bene, non c'è neanche rapporto, e non riesco a chiamarli "mamma-papà" ma solo per nome, non parlo neanche con loro, al massimo sento "vai a studiare" ma oltre a le solite frasi non c'è rapporto, a parte litigi, causati dallo sport che facevo, da come passavo il mio tempo, (cioe senza fare niente, "cioe senza studiare") avendo mal di testa continui, (ricordo il primo, ero ancora in 1-2 elementare) ho sempre antidolorifici, che non dovrei assumere,qualche settimana fà ho preso qualche pillola di troppo(senza avere mal di testa), superando la dose di antidolorifici di troppo, ma con lo scopo di star male, e in fondo ci sono riuscito, ma la cosa e rimasta sempre dentro di me. Mi sento diverso dalla società, ma la cosa mi piace, perchè vorrei essere sempre diverso, e non restare uguale alla massa, e mi riferisco solo al modo di pensare, ma non vestirmi e comportarmi. purtroppo non riesco a crearmi amici perchè la socializzazione mi manca, e non riesco ad avvicinarmi alle persone perche disegno un profilo privato su di loro solo dalla loro faccia, età, modo di comportamento e vestiti. anche se in fondo tutte le volte che vedevo una persona falsa, finivo col avere ragione da ciò che scoprivo su di lui. non riesco a capire infondo il perchè di questa situazione, non mi manca niente in questa vita, non trovo una spiegazione, non ho neanche malattie gravi che potrebbero compromettere il mio benessere, e perchè mi ritrovo ridotto ad uno straccio cosi? a differenza di chi ha il diritto di chiedere, trovandosi in situazioni peggio. edit: "scusate, credo di aver sbagliato sezione"
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.