Vai al contenuto

Pubblicità

Cerca nel Forum

Showing results for tags 'narcisismo'.



More search options

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Calendari

  • Gli eventi della Comunità di Psiconline

Forums

  • Regolamento del Forum
  • Confrontiamoci con gli Esperti
    • La psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
    • I disturbi dell'alimentazione
    • La coppia, l'amore e la dipendenza affettiva
  • Confrontiamoci fra di noi
    • Avvisi e richieste
    • Parliamo di Psicologia
    • Fatti e misfatti
    • Chi mi aiuta?
    • Argomenti
    • Single, Coppia, Famiglia
    • Mobbing & Bossing: prevenzione e non solo cura
    • L'ho appena letto ed ora ne parlo! (Il libro che mi ha colpito ... )
    • L'ho appena visto ed ora ne parlo! (Il film che mi ha colpito ... )
    • Accordi e disaccordi
    • Parliamo di attualità...
    • La vita scolastica
    • Totem e tabù
  • Spazio libero
    • Ciao, io sono ....
    • Coccole e carezze
    • Hobby e passioni
    • Chiacchiere in libertà (lo spazio per gli OFF TOPIC)
  • Corsi, Convegni, Congressi, Incontri di Formazione
    • Convegni ECM
    • Convegni, Congressi e Corsi
  • Professione Psicologo
    • Avvisi e richieste
    • Problemi della professione
    • Psicologia ed Internet
  • Studenti di psicologia
    • Studenti di psicologia
    • Esame di Stato per Psicologi
    • La tesi di laurea

Find results in...

Find results that contain...


Data di creazione

  • Start

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Start

    End


Filter by number of...

Iscritto

  • Start

    End


Gruppo


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Trovato 6 risultati

  1. Qualche anno fa ho iniziato per scherzo una conversazione su whatapp con una donna sposata e con figli. Donna molto stimata e riservata. Alla fine ci siamo fatti delle confidenze e siamo finiti con l'innamorarci. Lei mi ha confidato che il marito ha momenti di violenza (accertati anche da me) e lei non lo ama più. Io sono single, lei invece si è sposata giovanissima ed ha avuto un solo uomo. Suo marito. Tra me e lei non c'è stato nulla, a parte tre volte ci siamo baciati, delle immagini particolari inviate via messaggi e videochiamata particolari. Lei è innamorata di me, almeno così mi dice. Mi confessa che mai è stata innamorata come lo è con me. Anche io sono innamorato di lei, a parte qualche volta che litighiamo e stiamo anche settimane senza sentirci. Litigi a volte molto duri, dove lei mi offende anche in malo modo. Un anno fa mi mortificò talmente tanto che sono stato una giornata a letto perchè mai avrei pensato che dalle sue "dita" potessero uscire delle frasi così forti, poi si riavvicinò a me dicendomi che aveva esagerato e che se volevo potevamo rimanere anche amici. Invece però poi si finiva sempre con il dirci TI AMO. All'inzio lei faceva i primi passi per riappacificarci, adesso invece lo faccio sempre e solo io. Lei vive con questo uomo che passa intere giornate a dormire quando non lavora, non l'aiuta a niente. Io sono molto preso da lei, donna molto intelligente, però ho paura. Ho paura perchè non so se lei mi ama veramente. Quelle volte che le ho chiesto perchè non ci vediamo da soli, mi risponde che non è pronta. Eppure dice di amarmi alla follia, anzi dice che grazie a me ha capito veramente cosa vuol dire amare. Adesso è in corso la causa di separazione. Vi chiedo prima di bruciarmi, se secondo voi devo andare avanti con lei oppure mollarla prima che sia troppo tardi. E' possibile che da questo uomo narcisista anche lei è finita con l'ammalarsi?
  2. Salve a tutti, spero di stare scrivendo nella sezione giusta. Sono una donna di 37 anni e vi scrivo perché ho la sensazione di aver vissuto per 27 anni circondata da narcisisti, e che ancora oggi questo genere di persone, sebbene in misura molto più blanda e controllata (non mi faccio più vampirizzare) finiscano per essere parte della mia vita. Quindici anni fa la mia vita collassò completamente e fu la cosa migliore che mi sia mai successa. Fui obbligata a rendermi conto che facevo di tutto per ottenere l'approvazione altrui, che nel tentativo di rendere tutti contenti non solo, alla fine, avevo fatto un casino del quale tutti latravano ma io ero a pezzi, infelice e senza energie. Fui costretta a rivedere le mie relazioni e mi resi conto che non sceglievo dei ragazzi che mi distruggevano perché ero incapace, irresponsabile, con la testa fra le nuvole e nessun contatto con la realtà come mi era stato fatto credere ma semplicemente perché vivevo secondo modelli disfunzionali. Ovviamente non mi resi conto di tutto ciò da sola ma grazie a circa un anno di terapia con uno psicologo, ricordo che andai da lui perché avevo bisogno di capire se ero pazza e completamente sbagliata oppure no. Dopo un anno lasciai il mio paese d'origine e cominciai ad allentare i rapporti con i miei che risultavano un po' vampirizzanti. In capo a cinque anni, grazie ad un lavoro paziente riuscii a rimettermi in sesto e, sebbene le mie ferite non fossero tutte guarite intrapresi una relazione sana e soddisfacente che dura tutt'ora (cioè dieci anni). Allora non conoscevo il disturbo "narcisista" avevo solo individuato caratteristiche comuni in molte delle persone della mia vita, avevo individuato che erano vampirizzanti in maniera diversa, avevo compreso che seguivano uno schema comune e che tendevano a svalutarmi e pretendere tutte le mie attenzioni ecc. ma ormai si trattava di n capitolo chiuso dela mia vita, al quale facevo caso quel tanto che bastava per aggiustare il mio equilibrio, procedere nella consapevolezza di me ecc, forse non starei scrivendo se otto anni fa mia cognata non avesse stretto, dopo il divorzio, una relazione con un narcisista perverso. Lo riconobbi subito anche se non avevo per lui un nome o un'etichetta, anzi, proprio per questo motivo, persino il mio consorte al quale non piaceva, prendevano alla leggera i suoi comportamenti ritenendo eccessivi i miei giudizi circa i comportamenti di questa persona. Poi, in otto anni le cose si sono aggravate al punto da non poter essere ignorate ed io ho cominciato a fare ricerche perché anche loro (il mio compagno e mia suocera) vogliono trovare un modo per tirare fuori mia cognata dalla ragnatela. Così ho scoperto l'esistenza dei narcisisti e che mio padre rientra in questa categoria come se avesse fatto da modello. Ho scoperto che anche mio fratello rientra nella categoria così come mia madre è perfettamente succube e codipedente, ancora oggi, continua a lamentarsi di mio padre, a spegnersi giorno per giorno e a fare no con la testa e guardare altrove quando le dico che la soluzione è lasciarlo e si arrampica sugli specchi quando le chiedo perché non lo abbia mai lasciato (la scusa che ama di più è che lo ha fatto per noi figli, anche se io le chiedo di lasciarlo da quando avevo 10 anni). Ovviamente tre dei miei fidanzati erano narcisisti davvero molto cattivi e fin qui tutto mi sembra a posto, normale, nel senso che essendo mio padre narcisista il resto è quantomeno una possibile conseguenza. La situazione comincia a sembrarmi surreale quando comprendo che anche la mia migliore amica risponde al modello narcisista. Si tratta della figlia di amici di famiglia, siamo cresciute come due sorelle e proprio quindici anni fa, già che c'ero, ho rotto anche con lei, stanca di un rapporto in cui mi sentivo sempre usata, manipolata e sminuita. Oggi abbiamo rapporti cordiali, le voglio bene e qualche volta ho tentato di restaurare la vecchia amicizia ma ne esco sempre ferita e così ho preso a mantenere le distanze anche se mi fa soffrire è un male più accettabile. Mia mamma a volte lancia qualche frecciatina, lei non concepisce che io possa litigare con chi è della famiglia, che non possa sentirmi capita, amata e un tutt'uno con qualsiasi membro della famiglia e riesce sempre a farmi sentire in colpa perché on ho voglia di prestarmi ad un rapporto più intimo con questa ragazza né con mio fratello. Fin qui, tuttavia, potrebbe essere ancora normale, rientrare tutto in un certo schema familiare ecc. ma ho diverse amiche che hanno relazioni con uomini narcisisti oppure manipolatori ed una delle mie amiche sembra avere proprio caratteristiche da narcisismo. Prima di scrivere questo lungo post ho fatto delle ricerche, ho cercato le cause del narcisismo, il tipo di infanzia del narcisista, le reazioni, ho riflettuto a lungo e questa mia amica ha una madre che pretende da lei e sua sorella la perfezione assoluta, pretende che lei e sua sorella realizzino tutto ciò che lei non ha realizzato. Le due ragazze sono state messe in competizione l'una con l'altra, in modo neppure troppo sottile (una volta la mia amica ha dovuto puntualizzare che lei e sua sorella non sono certo in gara a chi si sposa e laurea prima e meglio). La mia amica va in crisi non appena appare l'ombra dell'imperfezione su di se e ha cercato di mettermi in una posizione di soggezione, anzi, credo ci provi sempre ma ho un po' di esperienza e dribblo bene. L'unica persona con la quale ho fino ad ora parlato è il mio compagno che è d'accordo con me e mi assicura che sono obiettiva ma io, ancora oggi, non so mai se e quanto fidarmi delle mie percezioni, sono cresciuta sentendomi dire che percepivo una realtà diversa da quella che era e cioè che tutti mi amavano e stimavano ma io non sapevo accorgermene, che mio fratello e la mia amica erano così carini e che io, invece fossi troppo permalosa, così ho sempre paura di avere della realtà una visione distorta. Un'altra mia grande paura è di essere, a mia insaputa, una narcisista che accusa gli altri di essere tale. Lo so, è folle ma se conoscete il narcisismo saprete che i narcisisti accusano gli altri delle loro mancanze, ed io sono stata caricata dalla responsabilità di essere perfetta, pena il non meritare amore e considerazione. Anche la mia infanzia rientra nei casi di generazione di un narcisista. Scusate, di solito sono una persona equilibrata e le persone sembrano stare bene in mia compagnia e mi cercano e il mio compagno mi rassicura dicendo che sono una brava persona ma io ho necessità di andare in fondo. Ho necessità di capire perché vedo così tanti narcisisti? E' perché l'esperienza mi porta a riconoscerli facilmente? Così come riconosco le persone potenzialmente vittime essendo esse somiglianti a me? E' perché li attraggo come lo zucchero le mosche? Oppure ho sviluppato una qualche ossessione? Vedete, il fatto è che le amiche di cui vi parlo vengono a chiedermi aiuto e perciò io devo sapere con chiarezza quale realtà ho di fronte, devo sapere con quali occhi sto guardando e strappare i veli se ce ne sono. Grazie per avermi letto, Saluti Brunilde.
  3. Ho 51 anni e mi sento un relitto, ma procediamo con ordine. Le cose funzionano e non funzionano, dopo un po' ti chiedi se dipende da te o dal mondo. Ma non è una guerra ad armi pari, va a finire che con te stesso sei sempre più severo che col mondo. Il chè è paradossale, conoscendo il mondo. Però è vero che in questo benedetto mondo ci sono anche persone sensate e che ti conoscono. Dai oggi e dai domani ti tocca capitolare: gran parte del disastro non puoi imputarla che a te stesso. Cosa resta da fare? Scegliere la categoria che meglio ti descrive, nel mio caso dovrebbe essere il caro, vecchio narcisismo e ammettere che non è un difetto, ma un disturbo. Ma no, non mi disturba affatto... quand'ero giovane, forse. Ora ho 51 anni e mi sento un relitto. E' ovvio che non sono un vero relitto, però mi ci sento. Ma soprattutto non sono più in grado di sostenere il peso come una volta; il peso di vivere da soli, ricominciare daccapo ogni 2 anni, non parlare la stessa lingua delle persone che ho intorno a me... et cetera. L'idea sarebbe che più teste ragionano meglio di una (della mia di sicuro). Magari se trovassi un'altro paio di sospetti o conclamati naricisisti potrei farmi un'idea più precisa circa il mio caso. E dopo? Dopo mi sono rotto di essere me stesso. Almeno qualcosina bisogna che cambi, possibilmente qualcosina che migliori sensibilmente la mia capacità di vivere e convivere con gli altri esseri umani. Più speranzoso che fiducioso vi saluto. paolo
  4. 1 mese fa per caso mi ritrovai a parlare con mia zia del DNP (disturbo narcisistico di personalità)..e mi interessai un sacco all'argomento..non so perchè.Di quella conversazione con mia zia mi rimase impressa la frase 'tu hai mai pensato di esserlo?'.Rimasi ossessionata dal cercare su internet informazioni su quel disturbo..quando dopo una decina di giorni mi chiesi perchè stavo facendo tutto ciò..e pensai che magari potevo averci a che fare.Ricordai le relazioni passate...e mi resi effettivamente conto che a un certo punto in tutte le mie relazioni sociali mi volatizzavo..sparivo non sapendo manco io il motivo..perchè non ci pensavo..era impulsivo.Insomma vedendo tutti gli altri sintomi del disturbo in questione mi resi conto di essere una perfetta narcisista patologica (covert per l'esattezza,perchè mi vergogno sempre di farmi vedere dagli altri come una persona egoista..).Dopo neanche un giorno da questa 'scoperta' iniziai a negare tutto...nel frattempo ne stavo discutendo con il mio unico amico..che per me è come un fratello ormai..anche se a volte dubito fortemente della sua sincerità..ma senza di lui sarei completamente sola.Ci sono però momenti in cui riguardo la questione e mi rendo conto di esserlo..momenti in cui la vedo come un motivo per vantarsi..come se mi facesse solo piacere..momenti in cui nego tutto e penso di essere l'opposto.Volevo sapere se dunque è normale negare alternativamente il fatto di avere questa patologia quando però mi ci ritrovo sotto tutti gli aspetti.
  5. Buongiorno a tutti. Chiedo a voi un consiglio sull'interpretare questa mia vicenda perchè ho la testa che mi scoppia. Sono un ragazzo gay di 28 anni, non dichiarato a tutti, ma solo ad una ristretta cerchia di amici e familiari. A Ottobre conosco in chat un ragazzo G., di 5 anni più piccolo di me. Viviamo lontani (circa 350 km), ma subito mi piace. Ci vediamo per settimane in videochat ogni sera. Lui è particolare, diverso dagli altri. A un certo punto mi invita a passare un weekend a casa sua (lui vive con i suoi genitori ma è dichiarato). Io che non ho mai avuto problemi a spostarmi ci vado e passo uno dei weekend più belli della mia vita. Facciamo sesso continuamente e usciamo sempre, parliamo molto e ci troviamo veramente bene assieme. Conosco anche i suoi amici e genitori e sono tutti simpaticissimi. Prima di tornare a casa lui mi dice che è stato benissimo e che vuole provare a frequentarmi in maniera esclusiva. Io ne sono felice perchè per me è lo stesso. Da lì in poi io per ogni weekend sono sceso da lui, questo anche perchè lui affrontava un periodo non facile economicamente parlando. Lui è presissimo, mi chiama spesso mi dice cose bellissime che mai nessuno mi ha detto, addirittura accenna al fatto di poter vivere assieme. Prima di continuare con la vicenda vi faccio alcune premesse: lui è un tipo eccentrico, fa un uso molto pesante di cannabis e cerca sempre lo "sballo" in discoteca e altro. Ha avuto diverse relazioni in passato, anche con una donna (dice di essere bisex), e in particolare una relazione di 1 anno con un ragazzo per cui si era pure trasferito. La storia poi finì male a causa di un tradimento di G. con un suo precedente ex, scoperto poi dal suo ragazzo che ha cominciato a diventare paranoicamente geloso. G. dice che in realtà lo amava ma si era stancato di fare sesso con lui, era una cosa solo fisica (questo me lo disse dopo). è molto fissato con il sesso, dice che per un periodo della sua vita ha vissuto di partner occasionali in maniera compulsiva (parliamo di un centinaio in pochi mesi). Ha delle manie di persecuzione: tutti lo seguono, tutti lo invidiano, tutti ce l'hanno con lui. Lui è sempre il migliore in tutto. Parla sempre e solo di lui, ed è molto critico rispetto agli altri. Nei miei conforonti invece mi mette su un piedistallo. Tutti i suoi ex sono diciamo persone molto ricche/acculturate. Io non sono ricco ma sono uno studente di dottorato di ricerca in ingegneria, il suo ex era studente di medicina e molto benestante, la sua frequentazione dopo di me mi sembrava decisamente abbiente, e anche tutti gli altri. Fa un gran uso di social network con foto molto da "prima donna". Parla spesso, troppo spesso, dei suoi ex. A Dicembre viene lui a trovarmi per un weekend, stiamo bene e tutto. Una sera però mi parla del fatto che gli piacerebbe provare una cosa a tre... Io ci rimango molto male, non per la cosa in sè che non mi scandalizza per nulla, ma perchè mi fa capire che forse non è geloso di me o comunque non ci tiene molto. A questo si aggiunge il fatto che lui il tradimento fisico non lo concepisce così male come invece lo concepisco io.... Da quel punto in poi divento insicuro di lui. Cose che prima mi lasciavano abbastanza indifferenti, come le sue uscite in locali gay con gli amici, ora non li tollero più. Divento geloso e possessivo. Sento che si sta staccando da me perchè a parte i weekend in videochat ormai non ci vediamo più. Da lì a breve vado nella chat in cui ci siamo conosciuti, e qui scopro che è entrato per trasmettere con la webcam. Mi casca il mondo e dò di matto. Gli faccio un cazziatone, lui si arrabbia tantissimo perchè sono andato a "spiare" quello che faceva. Riesce a rigirare la frittata bene. La cosa sembra placarsi lì. A seguire vi sono una altro paio di brutte litigate dovute al suo essere costantemente fatto e ad altre cose. Passo le vacanze di natale in parte dai miei e in parte da lui. Durante la festa di capodanno, lui mi dice che avrebbe voluto farsi di MD (ecstasy) perchè gliel'avevano offerta, ma non l'ha fatto solo perchè c'ero io lì. Ci rimango malissimo. Il giorno dopo, quando lui ormai era tornato a casa, gli dico che a me non piace che si faccia di ecstasy... Lui diventa un pazzo furioso, mi dice che non siamo al punto della relazione in cui devo permettermi di dirgli queste cose, che non è un tossico se si vuole sballare ogni tanto ecc... Per 2 giorni praticamente non ci parliamo. Mi chiama una sera e mi dice che ormai non vuole più che ci sentiamo perchè per lui è cambiato qualcosa, che non ha dimenticato il fatto che sono andato a vedere se si era connesso nella chat, e che sente che io gli impedisco di fare le cose che vuole. Mi dice che mi ha visto troppo preso, che per lui non è così che non si sente innamorato, mi vuole bene e non vuole farmi soffrire per cui se ne esce di scena. A me crolla il mondo... Sto malissimo piango come un disperato, mi ammalo, e perdo diversi chili (e già son magro). Lui si fa sentire dopo una settimana, mi chiede come sto e mi dice che ha lasciato delle cose nella mia macchina (dei vestiti e un orologio di poco valore). Gli dico che glieli avrei spediti, ma lui dice "tranquillo fa nulla tanto verrò su dalle tue parti, casomai me li vengo a prendere io, non ho fretta". Un paio di giorni dopo gli scrivo, ero ferito e arrabbiato perchè mi sentivo preso in giro, e litighiamo. Gli dico che non voglio vederlo per cui preferisco spedirgli le sue cose. Lui mi dice che mi vuole bene anche se non mi ama. Accetta la spedizione. Dopo una settimana con una scusa banale mi chiede come sto, e io gli dico "bene" mosso solo dall'orgoglio. Passa il tempo, non ci scriviamo mai a parte un'eccezione in cui una amica in comune (più sua che mia) mi contatta per un aiuto su un compito in classe. Nel frattempo gli arrivano le cose che avevo spedito. Lui mi ringrazia, anche per l'aiuto alla sua amica, e ritorna alla carica con il fatto di vedersi per un caffè. Io gli dico che non ero sicuro della cosa. A quel punto non ci si sente praticmente per 1 mese. Gli scrivo io, perchè mi ero deciso di vederlo. Lui mi dice che aveva fatto un incidente in auto, nulla di grave, ma avrebbe posticipato il suo viaggetto dalle mie parti. Passa il tempo e arriviamo a Marzo. Lo raggiungo al luogo dell'appuntamento (anche perchè avevo dimenticato di spedirgli una cosa) e lì lo trovo con un ragazzo... Mi sento in imbarazzo e preso per il culo. Ci parliamo cordialmente, facciamo finta di niente e da lì a poco me ne vado. Nelle settimane successive la mia bacheca facebook viene inondata da messaggi e foto di felicità con il suo nuovo tipo. Io mi arrabbio molto e lo cancello. Lui dopo 1 settimana mi chiede spiegazioni e gli dico che semplicemente voglio andare avanti ed essere felice, che non mi è indifferente e mi fa star male. Lui si scusa e non mi scrive più. Non ci sentiamo per ben 2 mesi. Fino a quando il fato mi ha portato dalle sue parti. I posti risvegliano in me malinconia e ricordi. Io lo ricontatto e lui non vede l'ora di vedermi. Ci vediamo a pranzo da lui. Non succede nulla parliamo e basta. Mi dice che si è lasciato dopo 3-4 uscite con il tipo di cui accennavo prima perchè "lui non si fa mettere l'anello al dito". Mi dice che questo stava diventando geloso e possessivo e quindi lo ha mollato. Me ne vado dopo pranzo e lui mi scrive dicendo che è stato molto bene con me e vorrebbe rivedermi, che gli ho trasmesso calma, che ha fatto molta fatica non baciarmi, ma che avrebbe solo peggiorato le cose. Il giorno dopo gli riscrivo e lui mi reinvita da lui. Anche stavolta parliamo molto ma ad un certo punto lui afferra il mio braccio mi strattona a lui e mi abbraccia forte... stiamo così per 10 min buoni. Fino a che scatta il bacio. Io torno a casa frastornato... Questo è successo poco più di una settimana fa. Per una settimana mi scrive tutti i giorni, molto amichevolmente. Io non so più che pensare...
  6. Buonasera, sto analizzando "introduzione al narcisismo" di Freud per una mini tesina (io porto il disturbo narcisistico di personalità) per un colloquio per passare da una scuola professionale ad un liceo. Non sapendo quasi nulla in materia, chi saprebbe spiegare, anche in parole povere, il terzo capitolo del libro? Grazie. è questo qui: Nell'ultimo capitolo Freud, tenendo ferma la distinzione tra libido oggettuale e libido dell'Io, si interroga sul destino di quest'ultima, arrivando a supporre che essa vada a sostenere un ideale che l'Io ha di sé. Nell'età adulta dunque una parte della corrente narcisistica si indirizza non più all'Io ma al suo ideale, ideale a cui Freud riconosce la dignità di istanza psichica e coscienza morale. L'esistenza di questo ideale sarebbe inoltre condizione della rimozione di pulsioni e pensieri, nonché della censura onirica e della sensazione del "sentirsi osservati" riportata dai nevrotici. Nell'ultima parte del libro l'autore segue la genesi dell'ideale dell'io, la dinamica degli investimenti libidici (in particolare nella vita amorosa), e sottolinea l'importanza dell'ideale dell'Io nella comprensione della psicologia delle masse.
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.