Vai al contenuto

Pubblicità

Cerca nella Comunità

Visualizzazione dei risultati per tag 'separazione'.

  • Ricerca per tag

    Tipi di tag separati da virgole.
  • Ricerca per autore

Tipo di contenuto


Calendari

  • Gli eventi della Comunità di Psiconline

Forum

  • Regolamento del Forum
  • Confrontiamoci con gli Esperti
    • La psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
    • I disturbi dell'alimentazione
    • La coppia, l'amore e la dipendenza affettiva
  • Confrontiamoci fra di noi
    • Avvisi e richieste
    • Parliamo di Psicologia
    • Fatti e misfatti
    • Chi mi aiuta?
    • Argomenti
    • Single, Coppia, Famiglia
    • Mobbing & Bossing: prevenzione e non solo cura
    • L'ho appena letto ed ora ne parlo! (Il libro che mi ha colpito ... )
    • L'ho appena visto ed ora ne parlo! (Il film che mi ha colpito ... )
    • Accordi e disaccordi
    • Parliamo di attualità...
    • La vita scolastica
    • Totem e tabù
  • Spazio libero
    • Ciao, io sono ....
    • Coccole e carezze
    • Hobby e passioni
    • Chiacchiere in libertà (lo spazio per gli OFF TOPIC)
  • Corsi, Convegni, Congressi, Incontri di Formazione
    • Convegni ECM
    • Convegni, Congressi e Corsi
  • Professione Psicologo
    • Avvisi e richieste
    • Problemi della professione
    • Psicologia ed Internet
    • Usiamo i Test Psicologici
  • Studenti di psicologia
    • Studenti di psicologia
    • Esame di Stato per Psicologi
    • La tesi di laurea
    • Studenti di psicologia.it

Cerca risultati in...

Trova risultati che contengono...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per numero di...

Registrato

  • Inizio

    Fine


Gruppo


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Trovato 4 risultati

  1. . Buongiorno a tutti, scrivo qui perché mi sento terribilmente sola e depressa. In breve vi racconto, esco da pochi giorni da una convivenza bellissima, abbiamo avuto due bambini,di 5 e 2 anni,veniamo da famiglie completamente diverse, la sua è quasi come quella della mulino bianco per intenderci, la mia tutto il contrario... Ognuno per i cavoli suoi, se con i miei fratelli o mia madre non ci sentiamo per mesi non le cambia nulla. Da circa due anni, le cose tra me e il mio ex compagno si erano incrinate, litigavamo di continuo per tutto e io so bene che lui ha alzato un muro perché non mi sono mai realmente del tutto adattata al suo stile di vita per quanto fosse molto meglio del mio... Ma per tanti versi sono scesa a compromessi e l'ho comunque sempre amato. Ogni volta che litigavamo mi diceva di andar via e dopo mesi l'ho finalmente accontentato... E sono tornata da mia madre.... Che come prima cosa ha chiamato lui senza dirmi nulla per informarsi e perdirgli chiaro che deve darmi tutto ciò che mi spetta. Magari io avrei parlato di altro piuttosto che di soldi visto che mi ha vista arrivare col cuore a pezzi....ma comunque ora il problema è che io e lei non siamo mai andate d'accordo, litighiamo in continuazione, vive nel disordine e nello sporco, nonostante sappia che ora in giro per casa sua ha anche due bambini piccoli! Sta tutto il tempo al telefono... Io non posso stare dietro tutti.... Pulendo tutto e occuparmi dei piccoli, lasituaxione è insostenibile... Questo mese tra l'altro ho pure perso il lavoro.... E anche potendomi pagare un affitto non potrei lavorare perché il piccolo ha 2 anni e il nido costa troppo così come le babysitter..... Sono disperata, in tutto questo il mio ex dove caxx è???? Io mai avrei potuto mandarlo al macello in questo modo, si prende i bambini qualche gg a serlttimana, va a mare dai suoi.... E non pensa al resto? Dopo tanti anni oltre a tanti errori ho fatto anche tante cose per la nostra famiglia e ora vivo nel totale abbandono e in condizioni terribili.... Purtroppo oltre ad amarlo ancora da morire, vorrei una famiglia unita soprattutto per i miei figli.... Datemi dei consigli, non ho amici, non ho parenti.... Sono sola in un momento atroce della mia vita...
  2. Buongiorno a tutti, vi riassumo brevemente il tutto in modo onesto e sincero. Maggio 2015, conosco per la prima volta di persona, dopo averla sentita per lavoro solo telefonicamente per due anni, questa ragazza. Bionda alta occhi verdi curata, un angelo. La corteggio per due settimane spingendola a prendere un misero caffe col sottoscritto. Accetta. Arriva Aprile, mia moglie in cinta della seconda pupa, al settimo mese di gravidanza, la trascuro dando tutto all'altra: sposata da 3 anni con un uomo con il quale condivide la verginità, la casa e l' "amore" da 15 anni... non mi fermo, insisto e cede... iniziamo la nostra storia d'amore andando contro tutto e tutti, ci frequentiamo di nascosto, quando possiamo. dopo un mese e mezzo, il 5 giugno, abbiamo il nostro primo rapporto d'amore purtroppo nel mio ufficio... continuiamo ad andare avanti dedicandoci a noi completamente. Ogni sera la vedo andar via in tangenziale e la mattina seguente, da 9 mesi a questa parte, ci diamo appuntamento sotto casa sua, nascosto dietro un muro, per percorrere la stessa strada insieme verso i nostri rispettivi uffici. CASA MIA: mia moglie scopre tutto e mi isola dandomi addosso giustamente per cio che stavo facendo ma non mi caccia da casa. Vado via io a fine Agosto per un mese nel quale l' altra, si innamora sempre più del nostro mondo, il nostro NOI! finisce settembre, e dopo un mese fuori casa tra tatuaggi dedicati a noi, frasi d'amore, gesti e prove che consolidano la nostra storia, litighiamo in malomodo e ci allontaniamo. Vedendomi perso e solo torno da mia moglie in lacrime supplicandola di ricominciare: Accetta la "sfida" e mi riapre la porta di casa...e credo del suo cuore. Inizio nuovamente a fare il marito ed il padre di due angioletti , una di 2 anni e l'altra di ormai quasi 4 mesi... poi, dopo settimane, l'altra per lavoro mi chiama in ufficio, al suono della sua voce capisco che c'è ancora qualcosa tra noi, le chiedo COME STAI? lei mi risponde che erano giorni che aspettava da me questa domanda. RICOMINCIAMO AD AMARCI COME SOLO NOI SAPEVAMO FARE... andiamo oltre agli ostacoli che ci separano frequentando sempre li stessi posti, li stessi orari, ci inseguiamo quando lei esce col marito e gli amici, ed io puntualmente mmi ritrovo negli stessi locali gettandoci reciprocamente sguardi d'amore... dopo mesi di rapporti in ufficio, in studio, su scrivanie, poltrone, sedie e luoghi pubblici, decidiamo di andare in Hotel. Qui trascorriamo per la prima volta un pomeriggio di vero amore, rilassati, uniti, innamorati del nostro amore. Trascorrono questi 9 mesi d'amore, lei non sopporta che io stia ancora a casa, io non accetto più il suo unico e solo pomeriggio di sesso domenicale col marito! Le chiedo conferme e inizia a darmene, poi... mercoledì scorso, mattina ore 8:30, solito bar. I suoceri, lavoranti in zona, la fermano sotto al portone dicendole di far le valigie ed andarsene da casa. Poi esclamano SE NON RIGHI DRITTO GLIELO DICIAMO A TUO MARITO ( il figlio ). lei abbassa la testa e inizia a piangere. Le spiego che ormai la cosa è esplosa, la spingo ad abbandonare tutto per star con me, le chiedo in ginocchio, piangendo e supplicandola di pensare al nostro futuro assieme che abbiamo in 9 mesi progettato al dettaglio parlando di figli, famiglia, vacanze ed amore infinito, sia da pare sua che da parte mia! frasi del tipo INVECCHIEREMO INSIEME AMORE MIO, TE LO PROMETTO!, mi accompagnano ancora...ed io in quelle frasi trovavo la spinta per chiudere il mio matrimonio... sono 9 giorni che non la stringo, non la bacio, non la sento respirare... lei continua a chiamarmi sperando che io stia meglio, ma non riesco a non chiudere la chiamata senza lacrime e grida...purtroppo sono debole sotto questo punto di vista. Sono entrato in terapia da una psicologa Lunedì, ed intanto, l' amore svanisce... Oggi mia moglie mi chiede di firmare la separazione al più presto e di andarmene da casa... Le rispondo che non sono più certo di voler andar via in quanto a mente fredda, riesco ancora a pensare ad un futuro insieme a lei, ai nostri figli, in casa nostra... Aiutatemi se potete perchè anche se "riammesso" in casa, ho paura, se pur dopo anni, di incontrare nuovamente l'altra e rimettere in discussione il mio matrimonio... A presto A.
  3. Forse la mia storia è più comune di quanto penso. Esco da una separazione ormai conclusa e ben superata che mi ha dato un bimbo di 5 anni. Un'anno fa ho conosciuto un ragazzo che frequento tutt'oggi. La nostra storia è nata e sta crescendo nel modo più semplice possibile. Lui non ha contatti con il bimbo, ci vediamo infatti nelle mie serate "libere" o quando il piccino dorme. Sono giovane ma pur sempre mamma. Voglio il meglio per mio figlio e se una persona vuole un posticino nella sua vita lo deve fare con amore e sincerità. Il papà fortunatamente è presente ed io non ho alcuna fretta di rimpiazzare la figura maschile nella vita del mio piccolo. Premesso questo, negli ultimi mesi ho notato atteggiamenti contraddittori nel mio ragazzo.. passava dal "parliamo di futuro" al menefreghismo più totale nel giro di pochi giorni. Logicamente ho cercato di capire.. finché mi ha finalmente ammesso (dopo tanto dolore..) di essere spaventato dal mio "pacchetto" sente emozioni forti coinvolgenti e importanti verso di me e sa che nel momento in cui lo ammetterà a se stesso dovrà fare i conti con questa realta per la quale non è pronto..e tutto ciò gli crea dei blocchi! Gli ho ripetuto che non deve sentirsi appesantito da responsabilità che non gli sto dando per il momento.. di concentrarsi su di noi che tutto il resto arriva da solo con naturalezza! Lui si è aperto e finalmente mi ha detto di vivere tutto questo con più sincerità da parte sua. Il problema è che sono combattuta, non so a questo punto quanto possa valere la pena dargli i suoi tempi..convivo con la paura che alla prima realtà piu leggera, sparirà lasciando il vuoto dentro e la delusione per avergli dato tutta la mia comprensione e il mio appoggio. Vorrei capire quale possa essere l'atteggiamento più corretto per proteggere me stessa e quello che credo si stia costruendo. Le emozioni ci sono, i sentimenti anche..manca solo la spensieratezza di una qualsiasi coppia giovane che ha voglia di crescere assieme e di condividere.. Lui mi ha confessato che sperava di riuscire a cambiare invece più la nostra storia prosegue più sente di non essere assolutamente pronto ma l'ultima cosa che vuole è rinunciarci..si sentirebbe a pezzi So che se dovessi chiuderla, lui torna a bussare, ma non so con che sincerità affronterebbe questa pressione voluta!! .. che faccio? Vorrei sparire da tutto..
  4. Buongiorno, avrei bisogno di discutere il problema che si è venuto a creare nel mio ambito familiare, purtroppo credo di non essere in grado di essere pienamente distaccato poichè sono il figlio maggiore (famiglia di 4 persone). Parlo dei miei genitori, una coppia che ormai ha superato da poco i 30anni di matrimonio, mia madre oggi ha dichiarato di voler separarsi perchè non riesce più a stare con mio padre, e i dissapori durano ormai da parecchio (la separazione è stata menzionata più volte nel tempo). Mio padre, la causa direi principale, è un uomo che si pone facilmente a vittima, non riesce a considerare la separazione. Non è molto propenso al cambiamento. Mia madre, dopo problemi economici passati, litigi sulla partner di mio padre (non per infedeltà, ma per l'influenza sui ragionamenti), ha un carattere un po più forte tenendosi però tutto dentro, esplodendo in ira. Nel tempo mio padre non ha saputo mantenere molto stabile il suo lavoro, benchè il suo lavoro richieda molta autonomia (libero professionista), si affida molto alla partner per lo sviluppo lavorativo, questo è uno dei punti molto criticati da mia madre, purtroppo per questo suo comportamento ci sono stati non pochi momenti di crisi economici, dovendo far supportare il peso della famiglia su mia madre, quindi c'è stata la separazione dei beni, regole un po più ferree sul pagamento di bollette ecc. Poi per anni la vita è continuata, mia madre non ha mai preso una vera e propria decisione di separazione dicendoci e dicendosi di mantenere la famiglia per i figli.. Ma ora io e mio fratello siamo cresciuti e praticamente pronti ad essere autonomi, quindi anche questa scusa non regge più. L'ennesima goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il fatto che mio padre, dopo aver avuti problemi con la partner per via della sua mancanza causa gravidanza, si è trovato solo e faticando a trovare lavoro e mia madre lo ha aiutato un po, cercando di seguirlo oltre a continuare col suo lavoro, ma ora che la partner è tornata in pieno regime, sembra che mio padre stia di nuovo lasciando in mano a lei la parte del lavoro. Mia madre ora ha chiesto che si separi da lei altrimenti l'unica alternativa che vede è la separazione. Come potrei comportarmi a riguardo? Sono un ragazzo ormai di 30anni e credo di poter essere in grado, spero, di capire come muoversi cercando di consigliare, valutando le varie strade, ma vorrei avere anche altre opinioni da occhi esterni. grazie Paolo.
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.