Vai al contenuto

Educazione sessuale


Messaggi consigliati

 

Pubblicità


  • Risposte 55
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

è molto difficile far coincidere una spiegazione pratica su un argomento complesso come il sesso con il pensiero magico dei bambini.

sarebbe un po come rispondere alla domanda come fa babbo natale a portare i doni ai bambini di tutto il mondo in una sola notte ?.

cercando di razionalizzare il problema.

i bambini hanno una loro sfera fantastica con la quale si spiegano le cose. io non so se sia giusto o no portarli subito sul piano della realtà.

probabilmente esistono dei motivi se storicamente l' umanità ha inventato favole leggende e storie per spiegare ai bambini le cose complesse del mondo.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Mio figlio mi ha chiesto per la prima volta come nascono i bambini quando aveva 3 anni ed io gli ho raccontato la verità, ovviamente usando termini a lui comprensibili: gli ho detto che si costruiscono da soli, nella pancia della mamma, con un pezzettino della mamma ed uno del papà. La mamma crea il suo pezzettino direttamente nella pancia, mentre il papà lo crea nei "tenerini" (noi li chiamiamo così! :Batting Eyelashes: ), lo fa uscire dal pisellino e lo dà alla mamma che lo mette nella sua pancia, i due pezzettini si uniscono ed il bambino continua da solo, costruendosi ogni giorno di più fino a diventare completo e troppo grande per stare dentro la pancia, così esce.

Questa storia ha retto fino ai 4 anni, poi mi ha chiesto come fa il pezzettino del papà ad entrare nella pancia della mamma... ecco, sono rimasta un po' perplessa sulla risposta da dargli, perchè secondo me 4 anni erano un po' pochi per certi dettagli, così gli ho detto di nuovo la verità, e cioè che era troppo piccolo per spiegarglielo, ma glielo avrei sicuramente detto quando sarebbe diventato un po' più grande. Ha capito benissimo, ha aspettato e a 6 anni me l'ha richiesto, a quel punto gli ho spiegato tutto ed è andata benissimo. E' solo rimasto un po' schifato, ma avrà modo di ricredersi! :rolleyes:

Stessa cosa per quanto riguarda il rapporto col corpo, suo e degli altri: quando ho visto che iniziava a guardarsi e toccarsi un po', l'ho lasciato fare, anche quando andava magari a nascondersi per stare solo, perchè non voglio che cresca con paranoie che poi possono influenzarlo per tutta la vita. Allo stesso modo, però, gli ho vietato di toccare gli altri, visto che a scuola c'era l'abitudine di toccarsi le parti intime a vicenda. Gli ho spiegato che lui, col proprio corpo, può fare quello che vuole, ma quello degli altri va rispettato e non va toccato senza permesso. In ogni caso, adesso è troppo piccolo per toccarlo anche con il permesso, soprattutto quello degli adulti (ho il terrore che cada in mano a un pedofilo), per cui gli unici adulti che possono toccarlo sono i genitori o i dottori ed esclusivamente per lavarlo o curarlo. Quando sarà grande, poi, potrà invece toccare il corpo di un altro se anche questo lo vorrà e allora non ci sarà niente di male.

Sembra che abbia recepito il discorso, per cui penso che la verità sia sempre la cosa migliore, detta ovviamente in un modo comprensibile ad un bambino.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

un po contraddittorio non trovi ?.

dici di dire sempre la verità e poi dici non hai l' età per certe cose.. e non gliela dici.

poi toccare il corpo senza permesso.. è un idea un po curiosa.

se un amico mi abbraccia. mi tocca senza permesso. ed è bello.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
un po contraddittorio non trovi ?.

dici di dire sempre la verità e poi dici non hai l' età per certe cose.. e non gliela dici.

poi toccare il corpo senza permesso.. è un idea un po curiosa.

se un amico mi abbraccia. mi tocca senza permesso. ed è bello.

Non è contradditorio: non gli ho detto una bugia, ma la verità, e cioè che era troppo piccolo per sapere certe cose e gliele avrei spiegate più avanti, come poi ho fatto. Non ci ho girato intorno, gli ho detto le cose come stavano.

Per quanto riguarda gli abbracci... scusami, ma io stavo parlando di toccarsi le parti intime, come avevo scritto, pensavo fosse chiaro... che c'entrano gli abbracci?!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
 
certo certo..

Certo certo... cosa? :huh:

Se affermi qualcosa, la devi poi anche motivare, altrimenti parli di niente.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

ti ho detto che è contraddittorio dire che bisogna sempre dire la verità e poi dire non hai l' età per la verità..

se non lo vedi pazienza..

poi sul toccarsi dei bambini non sono daccordo .. credo che si debbano esplorare anche reciprocamente.. non c' è nulla di male.

sono fasi. e inibirle non so se sia un bene..

Link al commento
Condividi su altri siti

 
che pizza che sei left. su tutto c'hai da ridire, su tutto...

cara juditta per fortuna qualcuno scrive.. se no sarebbe veramente una pizza.

e non possiamo essere daccrdo su tutto.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
ti ho detto che è contraddittorio dire che bisogna sempre dire la verità e poi dire non hai l' età per la verità..

se non lo vedi pazienza..

poi sul toccarsi dei bambini non sono daccordo .. credo che si debbano esplorare anche reciprocamente.. non c' è nulla di male.

sono fasi. e inibirle non so se sia un bene..

Non vedo la contraddizione perchè per me non c'è: gli ho detto la verità.

Per il resto, sono d'accordo che sono fasi, ma per me devono essere ridimensionate dall'adulto: un bambino non può crescere pensando di avere il diritto di toccare chiunque dove gli pare, anche perchè i bambini che vengono toccati non sono molto contenti di esserlo, per cui penso che i genitori debbano intervenire per spiegargli che non possono fare qualcosa a qualcuno contro la sua volontà.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
sono due concetti che vanno distinti.

Quindi, se ho capito bene, secondo te bisogna spiegare che non si tocca uno contro la sua volontà e poi permettergli comunque di farlo, perchè è una fase? :huh:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Quindi, se ho capito bene, secondo te bisogna spiegare che non si tocca uno contro la sua volontà e poi permettergli comunque di farlo, perchè è una fase? :huh:

no non hai capito.

una cosa è esplorare il proprio corpo soli o insieme ad altri attraverso il gioco.

un' altra cosa è costringere in qualcuno in qualche modo a qualcosa.

sono due fatti diversi.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

io mi ricordo che il nostro istituto scolastico ci mando'

a vedere un film (helga) dove spiegavano esplicitamente

come si aveva un figlio .

purtroppo sapevamo gia' tutto e la consequenza fu'

che mentre si facevano le seghe pensavavo (almeno io)

alle tette di helga!! :p:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
io mi ricordo che il nostro istituto scolastico ci mando'

a vedere un film (helga) dove spiegavano esplicitamente

come si aveva un figlio .

purtroppo sapevamo gia' tutto e la consequenza fu'

che mentre si facevano le seghe pensavavo (almeno io)

alle tette di helga!! :p:

anni?..

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Mio figlio mi ha chiesto per la prima volta come nascono i bambini quando aveva 3 anni ed io gli ho raccontato la verità, ovviamente usando termini a lui comprensibili: gli ho detto che si costruiscono da soli, nella pancia della mamma, con un pezzettino della mamma ed uno del papà. La mamma crea il suo pezzettino direttamente nella pancia, mentre il papà lo crea nei "tenerini" (noi li chiamiamo così! :Batting Eyelashes: ), lo fa uscire dal pisellino e lo dà alla mamma che lo mette nella sua pancia, i due pezzettini si uniscono ed il bambino continua da solo, costruendosi ogni giorno di più fino a diventare completo e troppo grande per stare dentro la pancia, così esce.

Questa storia ha retto fino ai 4 anni, poi mi ha chiesto come fa il pezzettino del papà ad entrare nella pancia della mamma... ecco, sono rimasta un po' perplessa sulla risposta da dargli, perchè secondo me 4 anni erano un po' pochi per certi dettagli, così gli ho detto di nuovo la verità, e cioè che era troppo piccolo per spiegarglielo, ma glielo avrei sicuramente detto quando sarebbe diventato un po' più grande. Ha capito benissimo, ha aspettato e a 6 anni me l'ha richiesto, a quel punto gli ho spiegato tutto ed è andata benissimo. E' solo rimasto un po' schifato, ma avrà modo di ricredersi! :rolleyes:

Stessa cosa per quanto riguarda il rapporto col corpo, suo e degli altri: quando ho visto che iniziava a guardarsi e toccarsi un po', l'ho lasciato fare, anche quando andava magari a nascondersi per stare solo, perchè non voglio che cresca con paranoie che poi possono influenzarlo per tutta la vita. Allo stesso modo, però, gli ho vietato di toccare gli altri, visto che a scuola c'era l'abitudine di toccarsi le parti intime a vicenda. Gli ho spiegato che lui, col proprio corpo, può fare quello che vuole, ma quello degli altri va rispettato e non va toccato senza permesso. In ogni caso, adesso è troppo piccolo per toccarlo anche con il permesso, soprattutto quello degli adulti (ho il terrore che cada in mano a un pedofilo), per cui gli unici adulti che possono toccarlo sono i genitori o i dottori ed esclusivamente per lavarlo o curarlo. Quando sarà grande, poi, potrà invece toccare il corpo di un altro se anche questo lo vorrà e allora non ci sarà niente di male.

Sembra che abbia recepito il discorso, per cui penso che la verità sia sempre la cosa migliore, detta ovviamente in un modo comprensibile ad un bambino.

che bello ! ! ! brava brava..

su un paio di cose ci sono rimasta un pò diciamo:

una riguarda quando aveva 3 anni, io gli avrei detto della cicogna o del carciofo o quello che è, in modo da fargli capire che è troppo piccolo... boh va bhè, probabilmente è anche il tabù della sessualità non sò..

poi un'altra cosa, gli hai detto di non toccarsi il suo di corpo ? non ho capito..

Link al commento
Condividi su altri siti

 
io mi ricordo che il nostro istituto scolastico ci mando'

a vedere un film (helga) dove spiegavano esplicitamente

come si aveva un figlio .

purtroppo sapevamo gia' tutto e la consequenza fu'

che mentre si facevano le seghe pensavavo (almeno io)

alle tette di helga!! :p:

zio ! ! ! ahahahahahah

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
 
che bello ! ! ! brava brava..

su un paio di cose ci sono rimasta un pò diciamo:

una riguarda quando aveva 3 anni, io gli avrei detto della cicogna o del carciofo o quello che è, in modo da fargli capire che è troppo piccolo... boh va bhè, probabilmente è anche il tabù della sessualità non sò..

poi un'altra cosa, gli hai detto di non toccarsi il suo di corpo ? non ho capito..

No, il suo corpo lo può toccare liberamente, ci mancherebbe!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
ma se ho capito bene impa intende dire che non devono toccarsi le parti che noi definiamo intime..

credo ..

Non devono toccarsi le parti intime fra di loro, ma le sue le può toccare quanto vuole!

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.




×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.