Vai al contenuto

Pubblicità

Accedi per seguirlo  
Ombra

Il suicidio è un atto di coraggio o di viltà?

Messaggi consigliati

secondo voi il suicidio é un atto di coraggio o di viltà? È l’ultimo atto di amore per la vita, oppure l’estremo gesto di rifiuto della vita stessa, considerata come un peso non più sopportabile? Il suicida agisce in uno stato di raptus oppure programma accuratamente la sua morte fino all’attimo in cui decide di passare all’azione? :Thinking:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Dipende dalle culture e dai periodi storici.Per i Samurai giapponesi era un atto nobile,così come nel mondo classico.Poi,la diffusione del Cristianesimo lo fece retrocedere a un atto ignobile contro Dio;:tant'è che fino al Concilio Vaticano II i suicidi non potevano avere un funerale religioso.E se non ricordo male anche Schopenhauer lo considerava un atto di sconfitta nei confronti della forza di volontà.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Secondo me è un atto di profondo rifiuto per la vita e proprio per questo,anche di immenso coraggio.Proprio per queste caratteristiche,è anche un'azione meditata molto a lungo ed è presente in quelle fasi della vita di transizione,come l'adolescenza o la mezza età.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

secondo voi il suicidio é un atto di coraggio o di viltà? È l'ultimo atto di amore per la vita, oppure l'estremo gesto di rifiuto della vita stessa, considerata come un peso non più sopportabile? Il suicida agisce in uno stato di raptus oppure programma accuratamente la sua morte fino all'attimo in cui decide di passare all'azione? :Thinking:

onestamente non saprei... direi che sono questioni che riguardano il suicida. :mellow: Però, a parer mio, l' idea del suicidio è qualcosa che a volte aiuta a mantenersi in vita, per assurdo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

secondo me è un'atto di profondo coraggio , nn so è periodo che ci penso molto, perchè!? :Confused:

credo che quando una persona sente di aver esaurito il suo :Straight Face:percorso

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

se lo vorresti fare per non soffrire è un paradosso, tu vuoi vivere in pace e per questo ti levi la vita?

Invece secondo me il fatto di pensarci è legato al tuo desiderio di vivere felicemente e questo non è un obbiettivo impossibile, difficile forse, ma non impossibile.

Quello che ha detto Ransie è vero, Hermann Hesse e Nietsche dicevano la medesima cosa. :Four Leaf Clover:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

sì va be' Pat, però non idealizzarla 'sta cosa... il suicidio è fine a se stesso, quando una persona se ne va se ne va, non ha più nulla da raccontare sul suo gesto e forse se fosse stata in grado di esplicitarne i motivi non sarebbe neanche più ricorso al suicidio . Quindi, tocca a chi resta inventarsi delle palle per cercare di dare un senso alla cosa, giustificarla o renderla razionale... ma son palle, manca l' interessato. Detto questo, l' idea del suicidio, non è per forza qualcosa di cui spavertarsi, perchè se resta un' idea, una sorta di piano di fuga, sempre accessibile ma sempre rimandabile funziona per alleviare un po' il peso dello stare in vita. E' un espediente qualunque...

Concludendo, io trovo che bisognerebbe provare a sbarazzarsi dell' ansia dello stare bene a tutti i costi. Accettare che il malessere, la tristezza, la solitudine e parenti annessi fanno parte dell' esistenza e contrariamente alla "felicità" sono sentimenti o stati d' animo molto più comprensibili e affidabili. Certo, senza affezionarcisi troppo,in fondo non ce ne è neppure bisogno. Sono quelle presenze che abitano il quotidiano con la discrezione dell' arredamento, quello che conosci da sempre perchè la casa è tua. Ogni tanto puoi disporlo in maniera differente o dar via quel mobiletto orrendo che prima o poi ti mancherà.

Scrivo non senza un minimo di vergogna o di imbarazzo, proprio quello che sta ora spingendo la mano per trascinare e cancellare tutto... Resisto! :blush:

Pat, per quanto comprensibilmente ti possano sembrare tutte stronzate, sappi che non sei l' unica ad avere certi pensieri e che non è poi tanto male... In realtà, la cosa più figa è quando riesci a prendertene gioco... e ridere di se stessi.

:8P:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite marco il pianista

secondo voi il suicidio é un atto di coraggio o di viltà? È l’ultimo atto di amore per la vita, oppure l’estremo gesto di rifiuto della vita stessa, considerata come un peso non più sopportabile? Il suicida agisce in uno stato di raptus oppure programma accuratamente la sua morte fino all’attimo in cui decide di passare all’azione? :Thinking:

é un atto di disperazione, una liberazione, una fuga. Un modo vigliacco per non affrontare i problemi, orgoglio per non chiedere aiuto, chi intende suicidarsi non ne parla direttamente, lancia dei messaggi sottintesi di aiuto e di addio, credo che in quel momento siano felici, perchè stanno mettendo fine alla loro sofferenza, mi riferisco a persone che soffrono atrocemente, poi potrebbe esserci quello di un momento di follia intensa, che ti porta a compiere questo folle gesto, comunque stanno le cose la VITA è SACRA, NON VA GETTATA VIA COSì, è UN DONO DI DIO, E VA RISPETTATA. questo e ciò che penso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

sì va be' Pat, però non idealizzarla 'sta cosa... il suicidio è fine a se stesso, quando una persona se ne va se ne va, non ha più nulla da raccontare sul suo gesto e forse se fosse stata in grado di esplicitarne i motivi non sarebbe neanche più ricorso al suicidio . Quindi, tocca a chi resta inventarsi delle palle per cercare di dare un senso alla cosa, giustificarla o renderla razionale... ma son palle, manca l' interessato. Detto questo, l' idea del suicidio, non è per forza qualcosa di cui spavertarsi, perchè se resta un' idea, una sorta di piano di fuga, sempre accessibile ma sempre rimandabile funziona per alleviare un po' il peso dello stare in vita. E' un espediente qualunque...

Concludendo, io trovo che bisognerebbe provare a sbarazzarsi dell' ansia dello stare bene a tutti i costi. Accettare che il malessere, la tristezza, la solitudine e parenti annessi fanno parte dell' esistenza e contrariamente alla "felicità" sono sentimenti o stati d' animo molto più comprensibili e affidabili. Certo, senza affezionarcisi troppo,in fondo non ce ne è neppure bisogno. Sono quelle presenze che abitano il quotidiano con la discrezione dell' arredamento, quello che conosci da sempre perchè la casa è tua. Ogni tanto puoi disporlo in maniera differente o dar via quel mobiletto orrendo che prima o poi ti mancherà.

Scrivo non senza un minimo di vergogna o di imbarazzo, proprio quello che sta ora spingendo la mano per trascinare e cancellare tutto... Resisto! :blush:

Pat, per quanto comprensibilmente ti possano sembrare tutte stronzate, sappi che non sei l' unica ad avere certi pensieri e che non è poi tanto male... In realtà, la cosa più figa è quando riesci a prendertene gioco... e ridere di se stessi.

:8P:

oggi ne ho parlato lungamente con la psi, ma questo nn mi ha dato conforto....io credo di nn voler morire ma nn voglio nemmeno vivere così!

la psi dice che è un momento di forte depressione ....grazie alle palle altrimenti andavo da lei!

cmq penso che sia un atto di coraggio senza paragoni "decidere" la propria fine, con una bella lettera da addio per far sentire in colpa tutte le persone intorno a te ....che nel momento del bisogno ti hanno ignorata

era solo un mondo di rendervi partecipi dei miei pensieri

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

e se uno non ci crede in Dio? Nè nella sacralità della vita?

io penso che diventerò un mucchietto di polvere....e basta nn credo in nessuna sacralità della vita!

la vita va vissuta da vivi ....da morti eè la fine di tutto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

oggi ne ho parlato lungamente con la psi, ma questo nn mi ha dato conforto....io credo di nn voler morire ma nn voglio nemmeno vivere così!

la psi dice che è un momento di forte depressione ....grazie alle palle altrimenti andavo da lei!

cmq penso che sia un atto di coraggio senza paragoni "decidere" la propria fine, con una bella lettera da addio per far sentire in colpa tutte le persone intorno a te ....che nel momento del bisogno ti hanno ignorata

era solo un mondo di rendervi partecipi dei miei pensieri

scusa patrina, ma se accanto a te ci sono delle persone che hanno la colpa di non starti vicino nel momento del bisogno...forse potresti considerare la scelta di lasciarle senza bisogno di fare del male a te stessa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

scusa patrina, ma se accanto a te ci sono delle persone che hanno la colpa di non starti vicino nel momento del bisogno...forse potresti considerare la scelta di lasciarle senza bisogno di fare del male a te stessa.

ma tu cosa pensi, che sia un'atto di coraggio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

no, se tra le motivazioni c'è quella di far sentire in colpa gli altri non credo sia un atto di coraggio.

a quel punto ci vuole più coraggio a fare scelte difficili che ci allontanano da quelle persone che sono complici della nostra sofferenza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

no, se tra le motivazioni c'è quella di far sentire in colpa gli altri non credo sia un atto di coraggio.

a quel punto ci vuole più coraggio a fare scelte difficili che ci allontanano da quelle persone che sono complici della nostra sofferenza.

sei troppo equilibrata per me! :D:

il discorso degli altri è una cosa a parte....una punizione che si meritano!

la domanda era : è viltà o coraggio togliersi la vita?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

io non ce la faccio a valutare la questione suicidio in questi termini... per me è un atto di disperazione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

io non ce la faccio a valutare la questione suicidio in questi termini... per me è un atto di disperazione.

ma tu ci hai mai pensato? :(:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

secondo voi il suicidio é un atto di coraggio o di viltà? È l’ultimo atto di amore per la vita, oppure l’estremo gesto di rifiuto della vita stessa, considerata come un peso non più sopportabile? Il suicida agisce in uno stato di raptus oppure programma accuratamente la sua morte fino all’attimo in cui decide di passare all’azione? :Thinking:

tirando le conclusioni , sono l'unica che crede sia un'atto di coraggio :mellow:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pat, nella tua situazione, secondo me non è un atto di coraggio, ma un idea distorta che nasce dal tuo amore per la vita. Perchè invece non guardi al tuo desiderio di vivere e cerchi di migliorare le cose che non vanno ?

Sai, io, quando stavo male, pensavo che la morte sarebbe stata la soluzione instantanea a tutti i problemi. In realtà li avrei solo elusi scatenando per giunta chissà quanto dolore negli altri.

Poi mi son reso conto che quelli che vedevo come problemi insormontabili erano questioni che potevano essere affrontate tirando fuori la rabbia, la determinazione a superare tutte le difficoltà.

In fondo, la vita è un gioco e non si dovrebbe prenderla troppo sul serio, vai avanti e gioca le tue carte fino in fondo.

Al suicidio ci potrai pensare quando avrai 150 anni e ne avrai viste tante che il mondo non ti interesserà più, quando sarai diventata troppo saggia.

Ma per ora metti l'idea nel cassetto e rimanda :Four Leaf Clover:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ma io nn voglio morire al momento.....è solo una delle tante fisse che mi vengono :icon_neutral:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Lo so, è successo anche a me, io immaginavo perfino la scena di un film in tema, cioè le parole mi ronzavano in testa.

Poi è arrivata una cartella esattoriale per una multa e sono tornato alla vivificante realtà mondana ^_^:friends:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Lo so, è successo anche a me, io immaginavo perfino la scena di un film in tema, cioè le parole mi ronzavano in testa.

Poi è arrivata una cartella esattoriale per una multa e sono tornato alla vivificante realtà mondana ^_^:friends:

io tutte le notti immagino o vari modi di farla finita, poi arriva il mattino a vado a lavorare :Straight Face:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.