Vai al contenuto
  • Pubblicità

Accedi per seguirlo  

Messaggi consigliati

Proviamo a descrivere lo studio dei nostri Excelsi??

Comincio io:

Lo studio del mio che chiamerò Omero è condiviso con uno studio legale ( coincidenza curiosa per me).

La sua stanza è così arredata: un divanetto all'ingresso di color giallino pastello, solitamente ingombro di libri e altro. Mai utilizzabile peraltro.

Un lettino in pelle nera con struttura metallica.

La scrivania bianca mostra in bella vista un vassoio sempre pieno di caramelle di tutti i tipi, dalle golia alle gommose di frutta(io gliene scrocco sempre una a seduta e quando chiedo permesso di prenderne una la risposta è sempre la stessa; "sono qui per questo!"). Niente soprammobili ma oggetti tipo ricettario, timbro, un portapenne bianco con pennarelli colorati e matite sempre ben temperate, orologio digitale, telefono fisso tipo studio nero, libri vari.

Quadri alle pareti raffiguranti cavalli. Un piccolo Apple portatile bianco.

Alle sue spalle una libreria ove si notano La divina commedia in edizione voluminosa, l'Odissea, e molti testi psicotecnici. Io di solito cerco sempre di leggerne i titoli mentre gli parlo o lo ascolto.

Stampanti e altre diavolerie sono ben nascoste a lato della scrivania.

Niente foto. Un bel taglia carte.

Con lui non ho mai utilizzato il lettino.

In generale è una stanza molto luminosa e le pareti sono perfettamente imbiancate.

Sedia del paziente tipo regista ma come il lettino struttura metallica e pelle nera.

La sua è una classica poltroncina dirigenziale.

Insomma, non c'è molto di personalizzato.

Il vostro luogo di confessioni com'è ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


ueeeeeeee, nessuno mi considera, ma che è argomento classificato la descrizione del confessionale? :sorry: :sorry: :sorry:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Io me l'ero proprio perso, questo topic!

Sto trascurando il forum, spero di recuperare prima o poi.....

Forse ci sono un po' di remore perché molte qui sono gelose del proprio psi! Batting%20Eyelashes.gif

Paura di renderlo troppo facilmente riconoscibile.

Lo studio del mio analista è un tantino demodè, cioè la scrivania e la libreria sono datate, non saprei dire in che stile siano.....hanno una morbidezza quasi decò, cioè spigoli arrotondati ma complessivamente appaiono troppo massicci per i miei gusti.

All'inizio la stanza mi sembrava scarna, lo studio di Enzo era strapieno di libri e le librerie molto più alte.........anche il suo aveva qualcosa di demodè ma di stile diverso.

Qualche stampa anticheggiante e alcuni acquerelli (o qualcosa di simile) che raffigurano conchiglie e roba marina, ci feci sopra anche proiezioni di fecondità.

La sedia della scrivania mi pare sia quella classica nera in (simil?)pelle. La poltrona in cui sprofonda è proprio classica "antica", rivestita dello stesso tessuto della dormeuse su cui mi stendo, a fiori, molto simile ad una che era nella mia casa d'infanzia......una volta gli portai anche una foto!

Il portatile a volte c'è a volte no, forse anche una stampante, non mi ricordo.

La libreria è deliziosamente in disordine, il constatarlo mi consolò perché per certi versi lo trovavo troppo "perfettino" (l'analista).

Molto più interessante (immagino solo per me Just%20Kidding.gif) notare le mie percezioni soggettive sempre mutanti rispetto al resto dello studio.

Per mesi e mesi non ho notato una porta nell'ingresso e ne ho sognata un'altra che invece era un'armadietto a muro. Il corridoio di disimpegno fra le varie stanze ha cambiato molto spesso dimensioni nella mia "memoria", mobili intravisti nelle altre stanze che si spostavano......He%20He.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Grazie Zouzou,

tu ed io potremmo parlare per ore di mobili e quadri mi sa...una volta lessi che un famoso architetto ,richiesto su quale ritenesse la sua più riuscita opera, disse: una sedia. Amava la semplicità è belllezza di una sedia che aveva disegnato.

Sul tema dei quadri che ti ha ispirato fecondità, mi sarebbe piaciuto regalarti Mircea Eliade, Immagini e Simboli, sono sicuro che ti piacerebbe molto tutto un capitolo del libro :Four Leaf Clover:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Forse ci sono un po' di remore perché molte qui sono gelose del proprio psi! Batting%20Eyelashes.gif

Paura di renderlo troppo facilmente riconoscibile.

infatti il mio timore è di renderlo riconoscibile, non per gelosia, ci mancherebbe, ma per riservatezza... come loro sono tenuti a esserlo riguardo a noi, in parte questo vincolo riguarda anche noi... è una possibilità remota, ma pensa che casino sarebbe se qualche paziente capisse che parlo del suo stesso terapeuta, leggerne parlare da me, scoprire che magari il comportamento è differente da paziente a paziente... è qualcosa che potrebbe far danno, e non mi va di correre il rischio.

anche perchè lo studio del mio psi ha caratteristiche molto riconoscibili, se lo descrivo chiunque ci sia stato lo riconoscerebbe al volo...

in compenso io ho una foto dello studio, l'ho scattata col cellulare una volta mentre lui era nell'altra stanza... :He He:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

vabbè dai qualche particolare neutro.....io mica ho descritto tutto minuziosamente e sfido chiunque a riconoscerlo, sulla base della mia descrizione.

Magari è più riconoscibile per le sue iniziative.

ma voi donne fotografate tutto! non si fa....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

fa un pò te....

art. 615-bis, p.

615-bis (1). Interferenze illecite nella vita privata. — Chiunque mediante l'uso di strumenti di ripresa visiva o sonora, si procura indebitamente notizie o immagini attinenti alla vita privata svolgentesi nei luoghi indicati nell'art. 614, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni.

Alla stessa pena soggiace, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chi rivela o diffonde, mediante qualsiasi mezzo di informazione al pubblico, le notizie o le immagini ottenute nei modi indicati nella prima parte di questo articolo.

I delitti sono punibili a querela della persona offesa; tuttavia si procede d'ufficio e la pena è della reclusione da uno a cinque anni se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o servizio, o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato.

------

art. 615-bis, Codice penale

Cass. pen., sez. V, 05-12-2005.

La lesione della riservatezza punita dall’art. 615 bis c.p. può consumarsi, attraverso illecite interferenze, anche nei locali ove si svolge il lavoro dei privati (studio professionale, ristorante, bar, osteria, negozio in genere), in quanto la facoltà di accesso da parte del pubblico non fa venire meno nel titolare il diritto di escludere singoli individui non autorizzati ad entrare o a rimanere (nel caso di specie la corte ha ritenuto che anche scattare una foto con il cellulare [mms] all’insaputa o contro la volontà di chi ha lo ius excludendi sul luogo di lavoro può integrare il reato de quo).

Voce e sottovoci:

Violazione di domicilio [7040]

- Persona fisica

Giudicante: Cass. pen., sez. V, 05-12-2005

Parti: Teli

Fonti:

Riv. pen., 2006, 661

Dir. Internet, 2006, 377, n. ATERNO

Dir. pen. e proc., 2006, 1013, n. KAPUN

Dir. e giustizia, 2006, fasc. 21, 56, n. NATALINI

Cass. pen., 2006, 3169

Nel Repertorio: 2006, Violazione di domicilio [7040], n. 14

Riferimenti legislativi:

c.p., art. 615 bis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

:D: ahahaha non avevo letto il "piccolo" segreto di juditta!!! :Just Kidding:

provo anche io a fare una piccola descrizione:

Duuunque lo studio della mia psi da quando sto io si è evoluto ....una volta lei disse che stranamente si era evoluto "insieme a me" ^_^ e in effetti c'è una certa coincidenza che i periodi un pò particolari della mia analisi.

I più vecchi (del forum) sapranno che c'è stata una storia travagliata per passare al lettino che è stato inserito durante l'analisi, quando sono arrivata non c'era! Inoltre da quando faccio analisi 3 anni, lo sudio ha cambiato sede più volte. La psi è molto attenta ai particolari per cui niente è a caso..ad esempio i colori della poltrona sua e del divanetto (dove sto ora), colori contrastanti...mentre il lettino, che poi è una chase longue è dello stesso colore della sua poltroncina.

Poi altro particolare non a caso l'orologio fuori dalla visuale del paziente.....su questo me lo ha proprio detto che lo fa apposta per non farmi sbirciare l'ora... -_-

E' molto pulito e spazioso (adesso, quelli precedenti no e io li preferivo) e ci sono sempre le finestre chiuse e dei lumi accesi....atmosfera abbastanza soft che concilia il rilassamento.

I quadri non ne ricordo :unsure: a parte uno che prima avevo di fronte a me e che mi ricordava un quadro che c'era in camera dei miei di fronte al letto, ne abbiamo anche parlato e sono uscite fuori cose interessanti..comunque il quadro è un disegno a matita non molto preciso che raffigura una donna nuda.

La scrivania è addossata al muro, io ci ho proiettato sopra che lei non si mette "dietro a una cattedra", e lì ci tiene il pc sempre chiuso, un tomo sulla psicoanalisi, l'agenda e qualche scartoffia non identificata, matite ecc. ah c'è anche un mio regalo di due anni fa...che usa come portapenne.... ^_^

La prima volta che cambiò studio non riuscivo ad ambientarmi, non lavorare, mi sembrava che avevo perso qualcosa....ne parlammo a lungo, lei mi disse che era stato un problema anche lei all'inizio, specialmente in riferimento alla mai terapia! Parlammo del fatto che lo studio rappresentava qualcosa di più per me e cercammo anche di capire cosa e perchè, nel frattempo però arrivò l'estate e quando ci rivedemmo, aveva di nuovo cambiato sede (tutte vicine), questa è la definitiva, e nonostante non sia un gran che qui non ho sentito più quella sensazione di distacco ed estraneità che sentivo con la sede temporanea, forse perchè in fondo avevo percepito che lo fosse (la psi non me lo aveva detto), non volevo abituarmici...o forse perchè come dice lei aveva introiettato quell'immagine del primo studio, ciò che per me aveva rappresentato...

Anche io come zazà a volte è capitato che confondessi le cose, per esempio c'è un punto del nuovo studio che se ci penso mi sembra ci sia una porta ma non ne sono certa, poi ogni volta che vado mi scordo di guardare....chissà cosa vorrà dire.....non è un caso...mi succedeva così anche con gli altri studi, c'erano dei punti che non focalizzavo bene se ci pensavo quando ero a casa ma quando ero lì non mi fermavo mai a guardare! :unsure:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

I più vecchi (del forum) sapranno che c'è stata una storia travagliata per passare al lettino che è stato inserito durante l'analisi, quando sono arrivata non c'era! Inoltre da quando faccio analisi 3 anni, lo sudio ha cambiato sede più volte. La psi è molto attenta ai particolari per cui niente è a caso..ad esempio i colori della poltrona sua e del divanetto (dove sto ora), colori contrastanti...mentre il lettino, che poi è una chase longue è dello stesso colore della sua poltroncina.

chi non ricorda il divanetto di bambù..... :Whistle:

Poi altro particolare non a caso l'orologio fuori dalla visuale del paziente.....su questo me lo ha proprio detto che lo fa apposta per non farmi sbirciare l'ora... -_-

anche dalla mia l'orologio è alle mie spalle, credo sia fatto non a caso..... -_-

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

art. 615-bis, Codice penale

Cass. pen., sez. V, 05-12-2005.

La lesione della riservatezza punita dall’art. 615 bis c.p. può consumarsi, attraverso illecite interferenze, anche nei locali ove si svolge il lavoro dei privati (studio professionale, ristorante, bar, osteria, negozio in genere), in quanto la facoltà di accesso da parte del pubblico non fa venire meno nel titolare il diritto di escludere singoli individui non autorizzati ad entrare o a rimanere (nel caso di specie la corte ha ritenuto che anche scattare una foto con il cellulare [mms] all’insaputa o contro la volontà di chi ha lo ius excludendi sul luogo di lavoro può integrare il reato de quo).

004005.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

chi non ricorda il divanetto di bambù..... :Whistle:

....e comunque era in vimini... -_-

di cosa si parla in questo topic? :huh:

leggere no? :Rolling Eyes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite truillio

visto il topic liberal-popolare,vorrei suggerire (e provocare) l'apertura di un topic su possibili amori,e intrecci amorosi nati proprio sul forum,chissa' se ci sono argomentazioni al riguardo!? secondo me si...eheheh,coraggio fatevi avanti....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

chi non ricorda il divanetto di bambù..... :Whistle:

anche dalla mia l'orologio è alle mie spalle, credo sia fatto non a caso..... -_-

beh nemmeno io ho mai visto un orologio negli psicostudi che ho frequentato, ci sono ma giustamente non sono visibili.

io mi ricordo sempre le seggiole tipo regista della prima, mi cascava sempre il cuscino per terra e mi sentivo molto Fantozzi tutte le volte...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

....e comunque era in vimini... -_-

leggere no? :Rolling Eyes:

volevo un riassunto :Phbbbt:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

visto il topic liberal-popolare,vorrei suggerire (e provocare) l'apertura di un topic su possibili amori,e intrecci amorosi nati proprio sul forum,chissa' se ci sono argomentazioni al riguardo!? secondo me si...eheheh,coraggio fatevi avanti....

perchè ci sono degli inciuci? :o:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

visto il topic liberal-popolare,vorrei suggerire (e provocare) l'apertura di un topic su possibili amori,e intrecci amorosi nati proprio sul forum,chissa' se ci sono argomentazioni al riguardo!? secondo me si...eheheh,coraggio fatevi avanti....

Comincia tu Truillio. Hai qualche novità da raccontare? :Batting Eyelashes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

si che lo faccia però altrove, qui si parla di luoghi sacri :Shame On You:

al massimo inciuci tra paziente e psico, divanetti, chaise longue e simili....

Complementi_Complements_Chaise_Longue_466_332.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

beh nemmeno io ho mai visto un orologio negli psicostudi che ho frequentato, ci sono ma giustamente non sono visibili.

io mi ricordo sempre le seggiole tipo regista della prima, mi cascava sempre il cuscino per terra e mi sentivo molto Fantozzi tutte le volte...

ahaha si allora il problema del divanetto in vimini era che oltre a essere durissimo e me ne uscivo sempre con il culo a quadrotti <_< c'erano sti benetti cuscini ai quali io mi appoggiavo e mentre parlavo scivolavano sul vimini liscissimo -_- e dopo un pò mi ritrovavo con gomito dall'altra parte del divanetto (biposto) in uan posizione da deficiente, così con mio grande imbarazzo mi raddrizzavo, portandomi dietro anche il cuscino....c'è anche da dire che io allora non mi toglievo mai il cappotto e restavo con la borsa sulle gambe manco dovessi andare via da un momento all'altro...per cui il tutto diventava ancora più fantozziano... devi dire brava la psi che non faceva mai trapelare espressioni divertite o tipo così... :Rolling Eyes: ma per capire l'avrà capito perchè dopo poco tempo "mi" comperò un bellissimo e comodissimo divano di stoffa morbidissima... :Angel:

volevo un riassunto :Phbbbt:

:Shame On You:

si che lo faccia però altrove, qui si parla di luoghi sacri :Shame On You:

al massimo inciuci tra paziente e psico, divanetti, chaise longue e simili....

Complementi_Complements_Chaise_Longue_466_332.jpg

io usavo proprio quella lì, ai tempi della chase longue :Batting Eyelashes: ....adesso sono ritornata al mio fedele divano....un pò più sgualcito di come l'ho lasciato per passare alla chase longue.....chissà quante persone irrequiete come me si saranno sedute nel frattempo...a me piace però pensare che lei l'abbia comperato per me, così come il lettino...e gliel'ho anche detto.... :Tounge:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.