Vai al contenuto
  • Pubblicità

Accedi per seguirlo  
Erin

Abbiamo chiuso

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, come state?

Ritorno al forum con parecchi cocci in mano...

In questo periodo di pausa e di intenso lavoro, ho nutrito la mia relazione con Lui, e tutto sembra andare per il meglio.

Con i genitori, invece, nemmeno l'armistizio.

Ho tentato, tentato invano di rendere "compatibile" la mia vita privata con le loro esigenze, le richieste, le aspirazioni...

Tentato invano di far loro capire che ora la mia vita sta prendendo una bella piega.

Purtroppo loro sono convinti che non sia così, che io abbia fatto un grosso errore a voler continuare la mia storia con Lui.

Ebbene, a questo punto mando giù: sono affari miei, pazienza se non capiscono.

Ho smesso di raccontare la mia vita, in quanto mi pesa troppo ricevere soltanto dei musi lunghi, dei silenzi, dei giudizi negativi e delle imposizioni.

Mai una parola di incoraggiamento, solo un: "dicci qualcosa"... e che ddevo di'????

La mia risposta è sempre: "Mamma, sto bene così, per ora. Non mi va di parlare del privato, perchè tanto so che non approvi. Per favore, parliamo della quotidianità, della nostra salute, di quello che facciamo"

Bene, ci proviamo. Ma il risultato è questo:

a. Se non trovi un lavoro fisso, non sei una persona seria (di questi tempi, ce n'è un mucchio di persone poco serie...)

b. Se non ti sposi, non sei una persona seria.

c. Se non hai una lavoro fisso e non ti sposi e non sei PRONTA (che cosa cavolo vuol dire?...), non puoi avere un figlio (grazie tante, a 31 anni...). Perchè ti devi farcela da sola e su di Lui non puoi contare.

d. Perchè Lui non è in grado di fare il padre

e. Se non ti sposi, se non hai un lavoro fisso, SE NON HAI UN FIGLIO, noi non ti aiuteremo economicamente, quindi se vuoi una casa tua, devi fare da sola (benissimo)

f. Se decidi di fare un mutuo, devi pagartelo tutto tu. E poi, cosa lo fai da fare un mutuo se non sei neanche sicura che per i prossimi 30 anni starai ancora con questa persona? (e chi ti dice che io tra 30 anni ci sarò ancora?)

g. Non puoi vivere nel disordine

h. E' ridicolo rilassarsi nel weekend, andare a farsi un giro dopo 40 ore di lavoro settimanale, non è serio. Bisogna LAVORARE, FARE LE PULIZIE. (Poi mi sparo, così sono a posto...)

Va bene tutto, va bene programmare, va bene essere previdenti.

Ma m'è passata la voglia anche di far due chiacchiere... Tanto i discorsi che saltano fuori sono sempre questi...

Il quotidiano è sciocco, ma i discorsi "seri" sono questi.... e allora?

A momenti ho paura di dirle che sono andata in bagno 2 volte anzichè 1....non si sa mai che non sia serio.

Accidenti a me e a quando ho deciso di raccontarle i fatti miei.

Se vogliono Wonder-woman, che guardino la preferita (mia sorella) non me.

Sono arrivata alla saturazione. Ho provato a smettere di cercarli, di telefonare... nessuna piega.

Mio padre ha smesso di parlami da 3 settimane e non risponde neanche più al telefono (perchè siccome lavoro, mangio e dormo, non ho avuto tempo di fargli un lavoretto, perchè secondo lui "IO ME NE FREGO")

Mia sorella non mi telefona da 6 mesi.

Sono stata in ospedale per un piccolo intervento: manco si è degnata di chiedere come stavo.

Quando ha avuto bisogno di soldi, mi ha fatto telefonare da mammà.

Mia madre si sforza di essere cordiale, ma appena si intavola un discorso... salta fuori tutto quello di cui sopra.

A casa dei miei a trovarli devo andare da sola perchè "Lui i piedi qui non ce li mette più".

Sono stanca di dover fare la ragazzina ubbidiente, perciò ho deciso che taglio corto, in attesa di tempi migliori.

Ad essere buoni, la gente se ne approfitta sempre. Ti schiacciano finchè gliene dai la possibilità.. se poi sono genitori, si sentono ancora + autorizzati a farlo, ancor più autorizzati a dover essere ascoltati....

Se ti aprono la porta, ma non ti fanno entrare, è inutile che tu stia continuamente sullo zerbino a pulirti i piedi.

Che tristezza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


ma sto Lui cos'ha per essere così malvisto dai tuoi?

sul figlio... beh da un lato è un consoglio sensato quello di cercare di avere stabilità, con Lui convivi? se avrete un figlio sai che ci sarà? e allora fallo e fregatene di quello che dicono, è la tua vita. dovranno prendere atto della realtà dei fatti...magari davanti a un nipotino si smollano un po'.

di sicuro sono dei grandi manopolatori, ti conviene tenere le distanze per preservarti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ad essere buoni, la gente se ne approfitta sempre. Ti schiacciano finchè gliene dai la possibilità.. se poi sono genitori, si sentono ancora + autorizzati a farlo, ancor più autorizzati a dover essere ascoltati....

sono loro che si sentono autorizzati a esse ascoltati, o tu che ti senti in dovere di farlo? :Thinking:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

dovranno prendere atto della realtà dei fatti...magari davanti a un nipotino si smollano un po'.

non so quanto sia cosa buona e giusta fare un bebè per controbilanciare gli attriti familiari...

anzi, cosi facendo si rinforzerebbe il meccanismo che ci gira intorno secondo me :Straight Face:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ma siccome io non ho affermato quello... :Straight Face:

ego concentrati su ciò che hai da dire tu, se hai da dire qualcosa, ovviamente...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

erin

b. Se non ti sposi, non sei una persona seria.

ma no. al massimo potresti diventare una zitella.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Beh...io mi trovo nella situazione del tuo Lui con i "miei suoceri"...e trovo che tu sia una ragazza forte. Nonostante tutto difendi il tuo amore e questo ti rende onore. Dirti "vedrai che capiranno" Mi sembra sciocco. Io ti consiglio di ascoltare sempre il tuo cuore e se stai bene tu non puoi farti condizionare. Inutile suggerirti di provare a spiegare ai tuoi che il tuo lui non è il mostro che descrivono, immagino che tu l'abbia già fatto.

Quello che posso dirti è che la tua vita non è di nessun altro! Imparerai a gestire questa situazione con la tranquillità che trovi nella TUA famiglia, cioè tu, lui e se sarà la vostra futura prole. FORTE!! SII FORTE!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

cara Erin, come qualche mese fa, mi ritrovo veramente tanto nel tuo racconto...ero intervenuta nella discussione sul "figlio preferito" perché anche io, come te, mi ritrovo ad avere un rapporto difficile con i miei genitori a causa di questa loro "preferenza" per mio fratello maggiore.

a causa del loro comportamento ho rischiato di mandare all'aria una relazione di 5 anni (praticamente un matrimonio, visto che da 4 viviamo insieme), ed è stata durissima, lo è tuttora, aver constatato che i miei genitori, purtroppo (e anche mio fratello) non meritano la completa, cieca fiducia, che da sempre avevo loro accordato. è stato un colpo durissimo, dal quale sto tentando di risollevarmi, per fortuna avendo una vita mia, di per sé "buona" (anche se con i soliti problemi da precari-casa, affitto, contratto a termine...) che mi da un progetto di futuro al quale mi aggrappo per continuare sulla mia strada, a testa alta, senza voltarmi indietro....

sono passati alcuni mesi da quando, a gennaio, scrivevo di aver "strappato" con i miei genitori e non sapere se e come fare per ricostruire un dialogo... loro si sono detti disperati per questo distacco, hanno cercato il riavvicinamento in tutti i modi, da un paio di mesi abbiamo ricominciato a risentirci e talvolta vederci in maniera sporadica ma... non è cambiato niente. anzi, ho scoperto che mentre si professavano addolorati per la perdita della figlia cosiddetta prediletta (cioè io), avevano già iniziato a fare progetti di vita concreti (si parla di vendita di case, traslochi etc) accanto al VERO figlio prediletto (mio fratello). cioè, per la serie "oh che dispiacere che ti sei allontanata...vabbè allora adesso possiamo andare a stare vicino a lui!".... che rabbia!!!! e il bello è che quando ho fatto loro notare che questo comportamento non faceva che avvalorare la mia convinzione di tagliare i ponti con loro visto che il motivo era questo, quindi loro non erano stati onesti e si erano approfittati della mia fiducia cercando di riavvicinarsi (io avevo detto "se le cose restano così non mi cercate, per me è inaccettabile".... tu mi ricerchi dicendo che cambierai e cerchi di farmela sotto il naso...perché sta cosa, da marzo che abbiamo ricominciato a sentirci, è venuta fuori adesso), loro si sono TANTO dispiaciuti che non capiscono cosa sbagliano e che, NATURALMENTE, come per ogni altra disparità del passato "l'avremmo fatto anche per te se ne avessi avuto bisogno".... cioè il fatto è che mio fratello si comporta da figlio unico viziato, chiede appoggio a loro perché non ha voglia di darsi da fare, e loro danno, danno senza freno, comportandosi anche loro, di fatto, come genitori di un figlio unico... e poi mi "comunicano" le cose a me come per avere la mia benedizione.... e la cosa che mi fa rabbia è che io sono talmente paralizzata dalla delusione che non riesco neanche a mandarli a quel paese e arrabbiarmi...

come dici tu, quello che faccio è sbagliato, e non capisco perché sei sempre così arrabbiata (forse il fatto che ho 32 anni, uno schifo di lavoro a termine di 8 mesi, un compagno anche lui precario, e nessuna certezza.... forse per quello? mentre il fratellone che ha posto fisso statale, lui e la moglie, sta sempre a lamentarsi di ogni cosa...lui ne ha tutto il diritto, poverino!), e non va bene che invece di pulire casa ve ne andate sempre in giro nel weekend (non c'è mai stato un viaggio o un weekend fuori a casa dei miei... e non solo per motivi di soldi!eh no, c'era la casa da accudire e poi si DOVEVA andare a pranzo dai rispettivi genitori, sennò tragedie!), e non vi facciamo i serivizi perché non chiedete, non come tuo fratello che invece chiede, telefona, mi sta vicino, viene sempre a trovarci (e guardacaso nel frattempo ti convince a trasferirti a due passi da casa sua perché così gli guardi il pupo, ma SICURAMENTE EH, lo fa per il VOSTRO interesse mica per il SUO!!! quel sant'uomo....) etc etc etc....

anche io mi ritrovo con molti cocci in mano... e se tanti dicono che "non puoi chiudere con loro per cose così, alla fine non ti hanno mica maltrattato"...io rispondo che una vita passata in seconda classe, se non è un maltrattamento, è quantomeno un motivo valido per mandarli per la loro strada... il dialogo non serve se chi hai davanti vuole solo convincerti che ti stai sbagliando.

"Sono stanca di dover fare la ragazzina ubbidiente, perciò ho deciso che taglio corto, in attesa di tempi migliori.

Ad essere buoni, la gente se ne approfitta sempre. Ti schiacciano finchè gliene dai la possibilità.. se poi sono genitori, si sentono ancora + autorizzati a farlo, ancor più autorizzati a dover essere ascoltati....

Se ti aprono la porta, ma non ti fanno entrare, è inutile che tu stia continuamente sullo zerbino a pulirti i piedi"

ti abbraccio forte e ti faccio un enorme in bocca al lupo per la tua vita!

(se ti va, scrivimi in pvt, magari ci tiriamo su a vicenda!)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.