Vai al contenuto
  • Pubblicità

Accedi per seguirlo  
Stefano_05

La mia ragazza è stata vittima di un abuso sessuale

Messaggi consigliati

Buona Sera,

Mi presento il mio nome è Stefano e ho 20 anni, sto con una ragazza da 3 mesi, lei ha 18 anni. L'estate scorsa è stata stuprata da un mostro. Lui adesso sta in carcere ma purtroppo noi abbiamo dei problemi se così li vogliamo chiamare.

Confesso ne sono innamorato di questa ragazza e non la lascerei per nientè al mondo. non riusciamo ad avere un rapporto perchè lei ha dei blocchi, quando insomma ci cominciamo a toccare e l'atmosfera si riscalda lei si blocca e scoppia a piangere. Io non ho mai insistito e mai lo farò. Me la sono tenuta stretta e le ho promesso che nessuno le farà più del male perchè ci sarò io accanto a lei. Lei di me è innamorata e io di lei. Lei va dalla psicologa e all'ultima seduta le ha detto che si deve allontanare da me e lei mi ha detto che preferisce morire pur di non perdermi. A me questa cosa non va tanto giu però sarei disposto a fare tutto purchè lei stia bene e che gli passi questo incubo.

Volevo chiedervi in che modo la posso aiutare a superare questo problema? E' meglio che chiudo io la storia visto che lei non vuole e non ha il coraggio di farlo perchè ha detto che se ci lasciamo lei sta malissimo.! Premetto che sono 2 settimane che non la tocco o creo situazioni intriganti. ASpetto qualche utile consiglio. Ci amiamo e sinceramente di finire la storia mi roderebbe parecchio. Però se l'unica via è questa per il suo bene preferisco chiudere io..

Cosa mi dite?

Grazie per l'attenzione

Buona Serata

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Ti avrei detto benvenuto nel club 5 anni fa per certo ;)

Mi spiace dirtelo, ma la psicologa non si sbaglia del tutto, devi lasciarla andare, ma non del tutto, o almeno non interpretare ciò come un allontanamento totale;

Derivo da una situazione ben peggiore, ma simile alla vostra per "argomento", nel mio caso però l'abuso fu "prolungato", ovvero non fu un singolo ma molti e per mesi tanto da cancellarle ricordi buoni d'adolescenza, per farla breve dopo l'accaduto, quindi a problemi risolti dopo mesi e mesi, sentii il bisogno di recuperare quel tempo ormai privato e la lasciai nel suo "recupero", da una parte mi sentivo a pezzi poiché vivevo con lei quei momenti in maniera abbastanza traumatica e mi sentivo impotente, qualsiasi cosa io facessi temevo sempre una reazione grave da parte della belva, ad esempio constatai che traeva piacere dalle mie attenzioni spinte dall'ira nei suoi confronti e faceva di tutto per spaventare lei e attirare me, dall'altra fui felice per davvero, mi sentivo sollevato per entrambi quando il tutto fu risolto, non riuscivo più a tollerare quella situazione di "debolezza" da parte mia, ovvero anche se intendevo proteggerla non potevo perché incapace d'aiutarla e d'intendere sopratutto, ho rischiato più volte di passare dalla parte del torto le prime volte per via del mio poco ragionare con la testa, preferivo renderlo infermo, ma così facendo, come detto prima, aumentavo il suo morboso attaccamento.

In conclusione, è difficile e ti capisco per davvero, ma se le vuoi davvero bene allora lasciala libera per ora, falle dimenticare un po' di strazio che credimi ti uccide dentro, poi non si sa mai, magari vi sentite con meno frequenza così da continuare a frequentarvi nel tempo prima come semplici conoscenti, col tempo magari per qualcosa in più ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Da donna posso dirti che se lei ha questi blocchi è meglio che tu eviti in qualsiasi maniera un approccio sessuale. Hai fatto bene nelle ultime settimane ad evitare che scaturisse una qualsiasi occasione...

Sarà molto dura anche per te. Potrebbe succedere che lei finisca per vederti come un amico o un fratello.

Devi essere onesto con te stesso e con lei. Se sei pronto a rinunciare al sesso e a starle accanto lo stesso allora resta con lei...se invece la desideri ti conviene allontanarti ( non abbandonandola certamente!!!!).

Se lei va dalla psicologa e ha un carattere forte, ha buone probabilità di uscirne ( anche se una cosa del genere non si dimentica).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Potrebbe utilizzare la strategia della <<lontananza attiva>>, ovvero allentare la presa, allentare il rapporto tra voi due ma SENZA un abbandono definitivo e vedere come la situazione si evolve.

Potrebbe essere un allontanamento provvisorio o definitivo,,, solo il tempo lo dirà.

Saluti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao Stefano!

Ti ha spiegato i motivi per i quali la psicologa le consiglia di lasciarti?

Se il vostro legame affettivo al momento è sentito importante da entrambi e se tutti e due siete convinti, nonostante le difficoltà che ci saranno ed i tempi lunghi da attendere, che potete provare ad investire nella vostra relazione, perchè non chiedete qualche seduta di coppia? Questo, naturalmente se lei è assolutamente e liberamente d'accordo di coinvolgerti nella sua terapia con la sua psicologa; non insistere tu per farlo perché lei potrebbe avvertirlo come un invasione e respingerti.

Più in generale, chi ha subito una violenza ha bisogno di ricostruire una propria intimità, dei propri spazi, che a volte anche chi ama inconsapevolmente non rispetta: si puó essere "invasori" anche volendo aiutare e proteggere il proprio amato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Lei va dalla psicologa e all'ultima seduta le ha detto che si deve allontanare da me

:o:

m-m-ma sei s-s-s-sicuro?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

In conclusione, è difficile e ti capisco per davvero, ma se le vuoi davvero bene allora lasciala libera per ora, falle dimenticare un po' di strazio che credimi ti uccide dentro, poi non si sa mai, magari vi sentite con meno frequenza così da continuare a frequentarvi nel tempo prima come semplici conoscenti, col tempo magari per qualcosa in più ;)

e cosa credi che succeda col tempo intanto? :Confused:

di norma, per questo tipo di disturbi, con l'evitamento, col tempo, non si fa altro che rinforzarli, altrochè :Just Kidding:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

e cosa credi che succeda col tempo intanto? :Confused:

di norma, per questo tipo di disturbi, con l'evitamento, col tempo, non si fa altro che rinforzarli, altrochè :Just Kidding:

Non è lui che deve affrontare il problema ma lei

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Vi ringrazio di cuore a tutti per le risposte. Già ci avevo pensato di andare dalla psicologa da solo per farmi dare qualche consiglio su come comportarmi con lei. Ora vedo un attimo ma a lasciarla non ce la faccio proprio :-(

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ego stento a comprenderti a volte :Straight Face: in ogni caso, Stefano non parlavo d'allontanamento totale, in bocca al lupo ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.