Vai al contenuto

parlare..mi aiuterebbe a nn piangere più....


Messaggi consigliati

Ciao carissima roberta!

Altro piccolo spunto di riflessione: Alle volte si "esagera" con l'affetto e le attenzioni nei confronti di una persona perchè si teme altrimenti di perdere l'affetto e le attenzioni di quella persona...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 76
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

grazie sergio ,come si cambia?

non basta un paragone ,un paragone che non ci vuole bene..

Spesso l'idea che abbiamo è il contrario di quello che vogliamo.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

quello che non serve è proprio quello che continuamente facciamo,l'introspezione non ci aiuta proprio, anzi ci complica

Dobbiamo essere semplici di fronte alle persone ai nostri cari.

I figli non hanno bisogno di una madre che si introspeziona, ma di una madre che li segue ,e se hanno bisogno li aiuta.

L'introspezione non serve neanche ai nostri figli, non possono vedere chi sono dentro il loro cervello, possono vedere chi sono nei rapporti co i loro amici.. e fatiche e difficoltà se se la cavano se hanno il coraggio di superare o stare nella loro realtà piena di imprevisti come la nostra. L'introspezione nell'imprevisto non serve a niente, non ci fa leggere la verità della vita, caso mai ci fa chiudere nelle cose che ci appesantiscono il cuore.

Dire io non sono, io non vogrrei, io .... se non si mette in relazone vera con un tu ,tu che mi vuoi bene ,non ha niente da dare di se' è finito,o sfinito della sua stessa arroganza.( orgoglioso di non esserci ..non vuole sporcarsi le mani , non ama )

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Cara roberta,

inzio subito col dirti — tanto per essere franco — che vedo in te una sorta di tendenza masochistica/autolesionistica, che però non fa danni solo a te ma anche ai tuoi cari:

Ho notato come, comprensibilmente, in tanti abbiano usato con te parole di conforto. Temo che non ti saranno di grande aiuto. Perchè? Perchè, nonostante il gran numero di esempi e di ragionamenti che dimostrano che la tua auto-percezione di mamma indegna e mostruosa è infondata e distorta, insisti nel confermarla, nel difenderne l'immutabilità.

Ho letto tutto e mi sono appuntato alcune delle tue affermazioni.

Vogliamo esaminarle assieme?

Falso. Mica possiamo apprendere solo ciò che nasce nella nostra testa???? La tua frase, tradotta, dice: "Cari amici, capisco che avete ragione, ma non posso modificare il mio modo di vedere le cose." Se è così, che senso ha chiedere il parere altrui?

Pur non essendolo, penso che un genitore debba essere vicino ai propri figli fornendogli indicazioni per vivere al meglio. Il che non significa che, come dici tu:

Queste parole riflettono l'idea di genitore perfetto con cui ti confronti continuamente. Poichè non esistono genitori perfetti, perdi il confronto e ti senti una merdaccia (alla Fantozzi).

Andiamo avanti.

Quante cose capisci! Di quante cose ti rendi conto! Conosci la soluzione del tuo problema, ma ti dichiari incapace di cambiare, convincendoti sempre più che sia vero!

Scrivi difficile, ma intendi impossibile.

In definitiva, ciò che sento di dirti è:

>sei una buona madre, imperfetta come tutti gli esseri umani: accetta i tuoi limiti

>le tue preoccupazioni per tua figlia sono eccessive/ossessive, e in più, fanno male al vostro rapporto: RILASSATI/RASSERENATI/INIZIA A PRENDERTI CURA DI TE STESSA

>puoi riuscirci, credimi. CONVINCITENE E AGISCI PER CAMBIARE.

Quanto a tua figlia:

Penso che sia una ragazza in gamba, con la testa sulle spalle, nient'affatto fragile e influenzabile. Le hai dato abbastanza, sicuro. Ora vuoi darle troppo e fai casino.

Un abbraccio

......hai ragione.......in tutto.

Parlando in privato con Sergio ho infatti ammesso che è inconcepibile rendersi conto dei propri sbagli, degli atteggiamenti autolesionisti.....e via dicendo......e continuare a perseverare.

Nn ha senso........proprio perchè me ne rendo conto.........ho chiesto aiuto.

nn so cosa fare.......nn so da che parte iniziare......nn so come comportarmi....come uscire da questa gabbia in cui io stessa mi sono rinchiusa e di cui io stessa ho le chiavi.......

......nn ho bisogno di sentirmi dire che sono o nn sono una brava mamma........o che gli adolescenti sono tutti uguali.........

io ho bisogno di riuscire a vedere + positivamente.....ho bisogno di credere che anche io riuscirò prima o poi a vedere le difficoltà della vita come problemi risolvibili....e nn come massi che mi schiacciano.........

........ora il problema è mia figlia.....le sue compagnie.......le sue sfuriate......insomma la sua crescita.......

........mi ripeto frasi ottimiste, mi dico che tutto passerà.......che è una fase della vita.......

ma poi mi assalgono le lacrime........mi viene una paura mostruosa che possa accaderle qualcosa......ed io rimango sospesa a guardare me stessa in preda a queste crisi che nemmeno so capire cosa siano e da dove vengano........

Capisco che per te, per tanti di voi quasto possa definirsi assurdo.......inverosimile.........

avete tutti ragione....perchè lo penso anche io

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao carissima roberta!

Altro piccolo spunto di riflessione: Alle volte si "esagera" con l'affetto e le attenzioni nei confronti di una persona perchè si teme altrimenti di perdere l'affetto e le attenzioni di quella persona...

......è giusto.....verissimo

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

quello che non serve è proprio quello che continuamente facciamo,l'introspezione non ci aiuta proprio, anzi ci complica

Dobbiamo essere semplici di fronte alle persone ai nostri cari.

I figli non hanno bisogno di una madre che si introspeziona, ma di una madre che li segue ,e se hanno bisogno li aiuta.

L'introspezione non serve neanche ai nostri figli, non possono vedere chi sono dentro il loro cervello, possono vedere chi sono nei rapporti co i loro amici.. e fatiche e difficoltà se se la cavano se hanno il coraggio di superare o stare nella loro realtà piena di imprevisti come la nostra. L'introspezione nell'imprevisto non serve a niente, non ci fa leggere la verità della vita, caso mai ci fa chiudere nelle cose che ci appesantiscono il cuore.

Dire io non sono, io non vogrrei, io .... se non si mette in relazone vera con un tu ,tu che mi vuoi bene ,non ha niente da dare di se' è finito,o sfinito della sua stessa arroganza.( orgoglioso di non esserci ..non vuole sporcarsi le mani , non ama )

..........io sono una mamma che segue la propria figlia.....che le da tutto l'amore che possiede......

........ma nn possiamo limitarci a dare....e poi restare a guardare!........

i figli hanno bisogno di noi....sopratutto quando nn lo chiedono......

.........ma soprattutto nn posso fare a meno di chiedermi se le ho dato abbastanza.......

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Penso che noi siamo "predisposti" alla felicità e che la sofferenza mentale, come il dolore fisico, sia sempre un segnale che il nostro fisico (corpo o mente) ci manda per dirci che qualcosa dentro di noi non sta "funzionando" come dovrebbe... Cercare di capire il "cosa" non va con l'introspezione per stare meglio con noi stessi e quindi di riflesso con gli altri, figli compresi (senza per questo cercare colpevoli o capri espiatori), credo sia un segno di profonda umiltà e anche intelligenza... Magari l'avesse fatto mia madre a suo tempo! Per questo ti ammiro moltissimo cara roberta e nel caso volessi adottare un altro figlio, anche se piuttosto grandicello, mi prenoto subito... :im Not Worthy:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
nn so cosa fare.......nn so da che parte iniziare......nn so come comportarmi..
Scusa, Roberta, ma i nostri post li leggi o no?????

T'ho scritto:

>sei una buona madre, imperfetta come tutti gli esseri umani: accetta i tuoi limiti

>le tue preoccupazioni per tua figlia sono eccessive/ossessive, e in più, fanno male al vostro rapporto: RILASSATI/RASSERENATI/INIZIA A PRENDERTI CURA DI TE STESSA

>puoi riuscirci, credimi. CONVINCITENE E AGISCI PER CAMBIARE.

A me sembra un modo CONCRETO per inziare a venirne fuori, ma sembrerebbe che tu, pur concordando su tutto, abbia (inconsapevolmente?) deciso che non farai nulla.

mi viene una paura mostruosa che possa accaderle qualcosa

Rileggi un po' più su cosa t'ho scritto: le tue preoccupazioni per tua figlia sono eccessive/ossessive. Delle due l'una: o te ne convinci, e allora queste paure scemeranno, oppure non cambierà nulla.

Troppe chiacchiere e pochi fatti, Roberta.

Sono comprensivo, ma non disposto a tollerare ad oltranza i tuoi reiterati lamenti: sono disperata e non so come uscirne. Sembrerebbe che ti sforzi di ribadire che il problema non ha soluzione.

E non ti accorgi che IL PROBLEMA NON ESISTE, PERCHE' L'HAI CREATO TU CON DELLE CONVINZIONI DISORTE E INFONDATE.

Di spunti per FARE qualcosa qui ne hai avuti un sacco.

Quando pensi di iniziare a sperimentarli?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Penso che noi siamo "predisposti" alla felicità e che la sofferenza mentale, come il dolore fisico, sia sempre un segnale che il nostro fisico (corpo o mente) ci manda per dirci che qualcosa dentro di noi non sta "funzionando" come dovrebbe... Cercare di capire il "cosa" non va con l'introspezione per stare meglio con noi stessi e quindi di riflesso con gli altri, figli compresi (senza per questo cercare colpevoli o capri espiatori), credo sia un segno di profonda umiltà e anche intelligenza... Magari l'avesse fatto mia madre a suo tempo! Per questo ti ammiro moltissimo cara roberta e nel caso volessi adottare un altro figlio, anche se piuttosto grandicello, mi prenoto subito... :im Not Worthy:

.........voglio uscire da questa situazione con tutta me stessa.......e capisco anche di avere bisogno di un aiuto concreto......una persona che riesca a farmi vedere con lucidità la mia vita........una psicolaga.

........caro Sergio.......abbiamo pochi anni di differenza.....(sempre che 65 sia la tua data di nascita!!)......io sono del 61!!!.........e come amico ti accetto molto molto volentieri...........ma come figlio......credo che nn sia il caso!!!!!.......per te naturalmente!!!!!

.........comunque per oggi mi sono imposta niente pensieri negativi.......e speriamo bene.

ti abbraccio

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Scusa, Roberta, ma i nostri post li leggi o no?????

T'ho scritto:

>sei una buona madre, imperfetta come tutti gli esseri umani: accetta i tuoi limiti

>le tue preoccupazioni per tua figlia sono eccessive/ossessive, e in più, fanno male al vostro rapporto: RILASSATI/RASSERENATI/INIZIA A PRENDERTI CURA DI TE STESSA

>puoi riuscirci, credimi. CONVINCITENE E AGISCI PER CAMBIARE.

A me sembra un modo CONCRETO per inziare a venirne fuori, ma sembrerebbe che tu, pur concordando su tutto, abbia (inconsapevolmente?) deciso che non farai nulla.

Rileggi un po' più su cosa t'ho scritto: le tue preoccupazioni per tua figlia sono eccessive/ossessive. Delle due l'una: o te ne convinci, e allora queste paure scemeranno, oppure non cambierà nulla.

Troppe chiacchiere e pochi fatti, Roberta.

Sono comprensivo, ma non disposto a tollerare ad oltranza i tuoi reiterati lamenti: sono disperata e non so come uscirne. Sembrerebbe che ti sforzi di ribadire che il problema non ha soluzione.

E non ti accorgi che IL PROBLEMA NON ESISTE, PERCHE' L'HAI CREATO TU CON DELLE CONVINZIONI DISORTE E INFONDATE.

Di spunti per FARE qualcosa qui ne hai avuti un sacco.

Quando pensi di iniziare a sperimentarli?

.........chiacchierare è sempre stato il mio punto di forza........chiacchiere inutili......che nn portano a nulla.....che volano via senza mai rimanere impresse nelle mia mente.

......hai ragione .....molte parole e pochi fatti.......

io vi leggo.....e cerco di imprimermi le vs parole.........ma anche se mi impegno........volano via lostesso......

......mi commisero????....faccio la vitttima???....creo situazioni irreali o paradossali?????........può darsi.....anzi è sicuramente vero.

Perchè se così nn fosse io avrei già trovato la via giusta.......il modo per rialzarmi senza ricadere subito dopo....

......caro amico mi stai spronando......lo capisco e ti ringrazio....ma nn è così semplice.

.....io credo che dentro di me debba scattare una molla che rimmetta in finzione la mia mente......

..........spero, con l'aiuto di una psicolaga, di riuscire a capire come fare.

......nn è facile....

.........

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

deve scattare la molla di uscire dal tuo auto possesso..

tu sei tua e di nessuno. no tu hai una figlia che ti chiede affetto non la tua opinione su di lei , ma qualcosa di te che puoi condividere con lei.. senza metterti sulle difensive con tutto e tutti..

uscire dal autopossesso da questa male che non ci da' proprio nulla è un passo ragionevole, implica la ragione per vivere una realtà, la tua vita la vostra vita con un senso..non con la paura..

La psicologa non può convincerti è quello che tu vuoi ,è la tua autocoscienza che non c'è. Domandati chi sei ? e che cosa desideri ..se la verità della tua vita o un modo di vivere che ti piacia e basta..

io mi auguro la prima ..se è la seconda ..? spero di no con coraggio

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
......caro amico mi stai spronando......lo capisco e ti ringrazio....ma nn è così semplice.

.....io credo che dentro di me debba scattare una molla che rimmetta in finzione la mia mente......

..........spero, con l'aiuto di una psicolaga, di riuscire a capire come fare.

Mi fa piacere che tu abbia comperso, nonostante il mio tono "severo", che vorrei aiutarti :B):

So che non è semplice. Ma, riflettici, difficile non significa impossibile.

Secondo me non ti serve nessuna molla, perchè la tua mente funziona benissimo :sun: , a parte il fatto che continui a ripetere comportamenti nocivi per te stessa e per i tuoi cari, dato che resti ancorata a delle convinzioni su di te, sugli altri e sulla vita, distorte.

Penso che nel tuo caso il supporto di uno psicoterapeuta possa essere utile.

Ti consiglio di sceglierlo attentamente, perchè è importante che sia preparato e che il percorso terapeutico che farete assieme non sia semplicemente una sequenza di banali occasioni di sfogo da parte tua. Io ne sceglierei uno che pratica la terapia cognitivo-comportamentale. E' essenziale che la terapia abbia una durata limitata nel tempo e non lunghissima.

Il primo passo che puoi FARE, concretamente, quindi, è trovare un bravo piscoterapeuta e METTERE IN PRATICA le indicazioni che ti fornirà durante la terapia.

Cerca di adottare un approccio positivo, fiducioso, cioè immagina vividamente e ripetutamente come con la terapia e col tuo impegno le cose miglioreranno sempre più, finchè sarai serena ed autonoma.

Un caro abbraccio e tienici aggiornati :D:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Mi fa piacere che tu abbia comperso, nonostante il mio tono "severo", che vorrei aiutarti :B):

So che non è semplice. Ma, riflettici, difficile non significa impossibile.

Secondo me non ti serve nessuna molla, perchè la tua mente funziona benissimo :sun: , a parte il fatto che continui a ripetere comportamenti nocivi per te stessa e per i tuoi cari, dato che resti ancorata a delle convinzioni su di te, sugli altri e sulla vita, distorte.

Penso che nel tuo caso il supporto di uno psicoterapeuta possa essere utile.

Ti consiglio di sceglierlo attentamente, perchè è importante che sia preparato e che il percorso terapeutico che farete assieme non sia semplicemente una sequenza di banali occasioni di sfogo da parte tua. Io ne sceglierei uno che pratica la terapia cognitivo-comportamentale. E' essenziale che la terapia abbia una durata limitata nel tempo e non lunghissima.

Il primo passo che puoi FARE, concretamente, quindi, è trovare un bravo piscoterapeuta e METTERE IN PRATICA le indicazioni che ti fornirà durante la terapia.

Cerca di adottare un approccio positivo, fiducioso, cioè immagina vividamente e ripetutamente come con la terapia e col tuo impegno le cose miglioreranno sempre più, finchè sarai serena ed autonoma.

Un caro abbraccio e tienici aggiornati :D:

....caro amico,

la mia mente nn funziona benissimo.....perchè se così fosse nn sarei qui a chiedermi cosa fare........

....dovrei imparare a dominare la mia insicurezza......a nn farmi travolgere da insane paure........

........spero che la psicolaga con cui ho appuntamento lunedì pomeriggio mi aiuti a trovare la giusta strada......

io ho molta fiducia in questi colloqui.....

..........grazie

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

l'appuntamento.. a volte ti serve per chiarire, a volte ti agita così tanto che invece di chiarire nasconde..

il lavoro è solo tuo ..se il sentimento che hai di te ti oscura il viso o se lo rende bello sereno..

Non può essere la realtà ad oscurare il cielo, ma gli occhiali che porti quello che vedi, puoi stare da per tutto avere davanti muri, ed esere lo stesso contento di esserci e di voler bene.

al contrario puoi avere tutto e non essere contenta perchè quello che vedi si è oscurato da un sentimento sbagliato così forte da impedire la tua ragione di urlare ed uscire da te. dalla tua colpevolezza insensata..

ti auguro di aprire il cuore alla tua umanità .. rischiela poi raccontala alla psicologa ..e a noi. Ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

....caro amico,

la mia mente nn funziona benissimo.....perchè se così fosse nn sarei qui a chiedermi cosa fare........

....dovrei imparare a dominare la mia insicurezza......a nn farmi travolgere da insane paure........

........spero che la psicolaga con cui ho appuntamento lunedì pomeriggio mi aiuti a trovare la giusta strada......

io ho molta fiducia in questi colloqui.....

..........grazie

Secondo me la tua mente funziona bene invece.

Anche se non ho più scritto ho continuato a leggere e mettersi in discussione come fai tu è indice di una grande sensibilità, forse sei un po'insicura come dici, probabilmente come tutti avrai i tuoi timori, ma sei la prima a riconoscerlo e a volervi porre rimedio il che non è da tutti.

Credo che parte di quella strada che stai cercando tu l'abbia già percorsa :):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Secondo me la tua mente funziona bene invece.

Anche se non ho più scritto ho continuato a leggere e mettersi in discussione come fai tu è indice di una grande sensibilità, forse sei un po'insicura come dici, probabilmente come tutti avrai i tuoi timori, ma sei la prima a riconoscerlo e a volervi porre rimedio il che non è da tutti.

Credo che parte di quella strada che stai cercando tu l'abbia già percorsa :):

.........a volte mi sembra di girare in tondo.......di ripercorrere sempre le stesse strade lunghe e tortuose......che nn portano a nulla.....

....l'insicurezza e la mancanza di stima mi rendono fragile.........me ne rendo conto.....ed è forse questo a farmi ancora + male.....

sapere...... e nn riuscire a fare nulla......

cara Lis, le tue parole mi danno veramente tanta forza.......e ne ho veramente tanto bisogno.

ti abbraccio

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

l'appuntamento.. a volte ti serve per chiarire, a volte ti agita così tanto che invece di chiarire nasconde..

il lavoro è solo tuo ..se il sentimento che hai di te ti oscura il viso o se lo rende bello sereno..

Non può essere la realtà ad oscurare il cielo, ma gli occhiali che porti quello che vedi, puoi stare da per tutto avere davanti muri, ed esere lo stesso contento di esserci e di voler bene.

al contrario puoi avere tutto e non essere contenta perchè quello che vedi si è oscurato da un sentimento sbagliato così forte da impedire la tua ragione di urlare ed uscire da te. dalla tua colpevolezza insensata..

ti auguro di aprire il cuore alla tua umanità .. rischiela poi raccontala alla psicologa ..e a noi. Ciao

dolce amica,

so che devo lavorare tanto su me stessa.......ma la strada che finora ho percorso nn mi ha portato a nulla......è per questo che chiedo aiuto.....

.....le risposte sono dentro di me.....ma probabilmente sono troppo nascoste...ed io, da sola, nn riesco a vederle......

parlare con la psicologa mi ha aiutato a fare un po di ordine in quella miriade di pensieri che girano nella mia mente.

so che la strada è lunga........e tortuosa.......ma sono decisa.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

..........eccomi qui.....dopo un fine settimana da incubo......

....mia figlia ha pianto tutto il tempo........ma nn sono riuscita a capire il perchè....

l'ho abbracciata, coccolata......accarezzata, nella speranza di alleviarle un po di dolore.........ma nn sono riuscita a fare nemmeno questo.

.......che fare??????

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

..........eccomi qui.....dopo un fine settimana da incubo......

....mia figlia ha pianto tutto il tempo........ma nn sono riuscita a capire il perchè....

l'ho abbracciata, coccolata......accarezzata, nella speranza di alleviarle un po di dolore.........ma nn sono riuscita a fare nemmeno questo.

.......che fare??????

Le hai trasmesso la tua presenza, sa che ci sei, non è poco credimi.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
.......che fare??????

Stalle vicino E BASTA, senza pretendere di sapere cosa le sia accaduto o di trovare la soluzione al suo problema (ammesso che ne esista uno reale).

In molte situazioni delicate non possiamo aiutare la persona a cui teniamo, nonostante voremmo tanto farlo. In questi casi, come notava Lis, stare vicini alla persona "in crisi" significa tantissimo, significa: "Io ti voglio bene e per questo sono qui con te. Se troverai qualcosa che posso fare per aiutarti, basterà che me lo dica e la farò."

Se NON SARAI INVADENTE, se lascerai a tua figlia il suo spazio, costantemente, non una volta tanto, per un periodo più o meno lungo, vedrai che LEI SI FIDERA' SEMPRE PIU' E SI AVVICINERA' SEMPRE PIU'. Quando accadrà (se sarai così brava da creare le condizioni giuste affinchè accada), RICORDA di ASCOLTARE e non partire a razzo con le tue ricette di felicità.

Un abbraccio ;)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Le hai trasmesso la tua presenza, sa che ci sei, non è poco credimi.

...........continuerò ad esserci sempre........sperando di trasmettergli il mio amore.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Stalle vicino E BASTA, senza pretendere di sapere cosa le sia accaduto o di trovare la soluzione al suo problema (ammesso che ne esista uno reale).

In molte situazioni delicate non possiamo aiutare la persona a cui teniamo, nonostante voremmo tanto farlo. In questi casi, come notava Lis, stare vicini alla persona "in crisi" significa tantissimo, significa: "Io ti voglio bene e per questo sono qui con te. Se troverai qualcosa che posso fare per aiutarti, basterà che me lo dica e la farò."

Se NON SARAI INVADENTE, se lascerai a tua figlia il suo spazio, costantemente, non una volta tanto, per un periodo più o meno lungo, vedrai che LEI SI FIDERA' SEMPRE PIU' E SI AVVICINERA' SEMPRE PIU'. Quando accadrà (se sarai così brava da creare le condizioni giuste affinchè accada), RICORDA di ASCOLTARE e non partire a razzo con le tue ricette di felicità.

Un abbraccio ;)

......nn sono mai stata una mamma invadente.....anche se in verità.... a volte vorrei entrare nella sua mente e leggere i suoi pensieri......!!!!

.....è difficile per tanti aprirsi e confidarsi.....soprattutto a 17 anni......e la capisco.........

...........aspetto.....sperando di averle trasmesso tanto amore.....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
...nn sono mai stata una mamma invadente.....anche se in verità.... a volte vorrei entrare nella sua mente e leggere i suoi pensieri......!!!!
Roberta, quando dico invadente non intendo che inopportunamente cerchi di farti i fatti suoi, ma, come ho scritto, che cerchi di decidere al posto suo.

Certo che il fatto che vorresti leggere i suoi pensieri la dice lunga...

I pensieri sono suoi ed è giusto che te ne metta a parte solo se e quando desidera farlo.

..aspetto.....sperando di averle trasmesso tanto amore.....
Brava, impara ad aspettare, senza fare niente se non essere sempre disponibile ad ascoltarla, per essere presente quando lei vorrà parlarti. Come dobbiamo fare per convicerti che tua figlia SA che l'ami?

Il punto è che, per quanto possa sembrare strano, troppo amore fa male.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.




×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.