Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Ciao a tutti,

spero possiate aiutarmi. Cerco di raccontare brevemente il mio problema. Ho 26 anni e in passato ho avuto solamente due storie importanti: il mio primo ragazzo, storia durata tra alti e bassi tre anni, in cui litigavamo sempre, lui aveva mille difetti ma io ne ero perdutamente innamorata e mi struggevo per lui che metteva sempre i suoi mille interessi prima di me...io venivo sempre dopo. E' stata una sofferenza per me che alla fine è terminata quando ho conosciuto un altro ragazzo. Lui, precedente fidanzato con una mia amica, mi ha detto fin da subito che non voleva niente di serio e all'inizio è stato così. Poi io mi sono innamorata, lui no, ho scoperto che oltre a me aveva anche altre donne, ho sofferto tantissimo ma l'ho dimenticato. Sono passati 4 anni ormai e ho avuto varie persone ma mai niente di serio, per mancanza di interesse mio e loro. Alla fine tre mesi fa spunta S. Un ragazzo che conoscevo da tempo per vari amici in comune. Lui era fidanzato da 11 anni e l'anno scorso si è sposato. A gennaio si è separato. A maggio ci vediamo ad un matrimonio di un'amica in comune e cominciamo a scriverci. Io subito mi trovo interessata a lui, con mille paure di trovarmi di nuovo davanti al solito "ho appena chiuso una storia seria (figuriamoci qui c'era un matrimonio di mezzo) e non mi va di impegnarmi". Invece tutto il contrario, la prima volta che usciamo lui mi dice che non è fatto per le avventure e si innamora subito di me. Tutte le mie amiche che conoscevano anche lui mi mettono in guardia. "Stai attenta, una storia di 11 anni non finisce così, vedrai che se lei ci ripensa lui torna da lei. Tu sei solo un tappa buchi, una stampella per superare il dolore, ecc.." Io me ne frego e decido di continuare. I primi due mesi sono idilliaci. Mi sento felicissima, mi sembra di aver trovato il ragazzo perfetto per me. Abbiamo un sacco di passioni in comune, prima su tutte la fotografia. E' paziente, comprensivo, dolce, affettuoso, attento, interessato a me e alla mia vita. Mi fa sentire amata, desiderata, una regina. Fin da subito comincio a dormire a casa sua dal venerdi al lunedì e durante le ferie di agosto mi trasferisco da lui per le vacanze. Un giorno, di punto in bianco, arriva l'attacco di panico (ne ho sofferto anche in passato, per motivi diversi). Ansia, vomito, palpitazioni. Rifiuto di stare con lui. Riesco solo a dormire tutto il giorno per non pensare e quando mi sveglio piango perchè non so più cosa provo per lui. Mi sembra di non riconoscermi più, di non capirmi più. Non sento per lui l'amore incondizionato che sentivo per i miei precedenti ragazzi, non ho sempre voglia di sentirlo e di vederlo e anzi, più lui mi sta sopra più io lo rifiuto e mi sento soffocata. Per diversi giorni non l'ho visto nè sentito, sperando di capire qualcosa. Sono stata malissimo, depressa, nervosa, sempre sull'orlo del pianto. Sensi di colpa per aver detto e fatto cose che ora non mi sentivo più di dire o di fare. Ho cominciato a pensare di non essere così presa come pensavo. In fondo con gli altri ero una persona diversa. Vivevo per loro e ogni loro gesto verso di me mi sembrava una conquista, un regalo, un premio tanto agoniato e alla fine ottenuto. Da lì è iniziata la paura di vederlo. Vivevo con il terrore di capire che non è la persona per me. Passato qualche giorno mi tranquillizzo e decido di rivederlo. Sto bene con lui, mi diverto, rido, sono felice come prima. Ma a volte lo guardo e penso di non provare niente per lui, un attimo dopo penso di amarlo. Un giorno sono felice e penso che sia l'uomo della mia vita, il giorno dopo mi sveglio con le palpitazioni. Ho imparato a gestire un pò quest'ansia, a distrarmi, a fare le cose che facevo prima che arrivasse lui e spesso mi passa ma non riesco più a vivere questa storia tranquillamente.. C'è sempre qualcosa che non va. Cosa ne pensate? Spero che sentire qualche parere di persone completamente estranee alla storia possa aiutarmi.

Un grazie di cuore a chiunque voglia rispondermi.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Ciao arya,

scusami posso farti una domanda..ma hai mai preso qualche medicinale come un antidepressivo? perchè sbalzi d'umore così repentini mi ricordano molto l'effetto di farmaci del genere..

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao Socrata,

no non ho mai preso antidepressivi. Non so se c'entra qualcosa, ma quel periodo avevo iniziato ad usare l'anello anticoncezionale. Negli effetti indesiderati questi sintomi erano descritti, ma la mia ginecologa mi disse che sono effetti talmente rari che non poteva essere il mio caso.. Io ho comunque smesso subito di usarlo, ma solo ora, dopo più di due mesi inizio a stare meglio e a controllare il mio umore. Secondo te potrebbe essere stato anche quello? In ogni caso, tutt'ora, rimane l'ansia e l'insicurezza che ho descritto..

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.