Vai al contenuto

gelosia, mania di controllo, insicurezza...? aiuto!u


Messaggi consigliati

buongiorno a tutti,

vorrei descrivere un comportamento del mo compagno che sta mandando in crisi me, e di conseguenza la nostra coppia... ovvero... fin dove arriva la condivisione in una coppia, si deve spingere fino alle confidenze degli amici oppure esistono spazi di privacy che vanno rispettati? nel dettaglio, la questione di oggi (ma si è riproposta più volte nel corso degli anni, e quindi mi sta facendo riflettere su questo lato per me poco piacevole del suo carattere) è... una mia amica mi parla di un amico comune con cui deve vedersi in questi giorni; lui mi sta stressando perché vuole sapere lei cosa mi ha detto ma io, anche conoscendo il soggetto (una persona estremamente riservata) gli ho detto "non ti dico quello che mi ha detto una mia amica in confidenza, chiedi semmai al tuo amico o direttamente a lei, se muori dalla curiosità". lui si è offeso a morte, sostenendo che fra noi non ci dovrebbero essere segreti, e questo mio comportamento vuol dire che di lui non mi fido.... ma dico io.... di quali segreti sta parlando??? ovvio che non ci sono segreti fra noi in quello che riguarda noi, ma qui si parla di altre persone... delle confidenze di altre persone.... a me sembra una cosa fuori dal mondo che se la prenda per questo. io non mi permetterei MAI di chiedergli di raccontarmi le confidenze fatte a lui da un'altra persona.... sono strana io???

datemi qualche parere!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


Ciao. Dal tuo racconto si capisce abbastanza bene che la persona con cui stai assieme vuole conoscere ogni aspetto della tua vita nei minimi dettagli, perche' da quello che ho capito non e' la prima volta che se ne esce con cose come quella, quindi e' abbastanza ovvio che la cosa faccia parte della sua natura e che molto probabilmente succedera' ancora nel tempo. I rapporti di coppia sono costituiti appunto da 2 persone, che sono e saranno sempre diverse per natura ( per quanto simili possano sembrare ), quindi non si puo' specificare quale sia la linea di confine standard per la privacy, perche' varia da persona a persona in base alle proprie esigenze personali. Ci sono persone che non hanno proprio segreti nella vita e non gli importa nulla di raccontare tutto di se' o della propria quotidianita' anche al primo venuto, altre che preferiscono mantenere una forte riservatezza per motivi personali, ed altri ancora che dicono cio' che valutano giusto dire e il resto se lo tengono per se'. Tutto questo e' a discrezione personale e in un rapporto di coppia si deve trovare un giusto compromesso per non opprimere l'altro.

Cmq sia, il discorso che fai tu e' piu' che giusto direi, perche' tu dici chiaramente che le cose che riguardano te e lui, le racconti senza alcun problema, perche' immagino che per te sia molto importante condividere assieme alla tua persona ogni aspetto che comprende la storia tra voi due, e allo stesso tempo dici che una confidenza che ti fa una terza persona a te personalmente ( riguardo a un suo fatto personale ), rimane tra te e la persona interessata, e chi vuole conoscere i dettagli di quella storia, deve andare a chiederli giustamente al diretto interessato senza intermediari. Tutto questo a mio parere non fa una piega, perche' sono dell'idea che quando una persona ti confida un fatto personale, sia tuo dovere tenere quel discorso al di fuori di ogni altro contesto, specialmente se la persona che ti ha confidato quella cosa ti chiede di farlo. Quindi se il tuo compagno ha una curiosita' morbosa o vuole conoscere ogni parola che le persone ti dicono per qualche suo problema personale, gelosia, smania di controllo, ecc, e' bene che si dia una leggera calmata, perche' in questo modo lascia intendere che la fiducia nei tuoi confronti non e' molto solida o che cmq ha una tendenza al controllo...Il che non e' mai positivo. E' abbastanza sbagliato il paragone che lui fa a te, perche' in questo caso non si tratta minimamente di AVERE SEGRETI TRA DI VOI, perche' da quello che tu dici non ce ne sono, ma qui si parla semplicemente di UNA PERSONA CHE TI HA FATTO UNA CONFESSIONE PERSONALE, che e' ben diverso, quindi lui non puo' rigirare il discorso sfruttando questa cosa, perche' va semplicemente fuori tema, cercando una giustificazione, solo perche' non riesce a sapere cosa le persone ti raccontano, e credo che spinga un po' sul tuo senso di colpa.

A mio parere dovresti indagare un po' sui motivi per cui si comporta in questa maniera, perche' potresti capire molte cose che oggi ignori di lui. Quindi parlatene assieme, perche' essendo una coppia se c'e' un problema dovete parlarne, e il dialogo e' sicuramente una delle cose che di piu' aiutano una coppia a superare i loro problemi.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

vorrei tanto capire anche io meglio i suoi motivi, anche se temo di conoscerli già... semplicemente abbiamo un'idea del rapporto di coppia che non coincide. per lui non esiste avere confidenti all'esterno, qualsiasi problema o questione riguardante noi due (in singolo o in coppia) deve restare all'interno, io non dovrei confidarmi con chicchessia, se ho un problema devo parlarne solo con lui, se ho un dubbio, una paura, un malumore non devo dirlo a nessuno che non sia lui, altrimenti la gente cosa penserà di lui etc etc. la cosa che mi disturba oltre a questa mania di controllo è il fatto che dia per scontato che se parlo di lui, di noi con qualcuno, lo faccia per denigrarlo o comunque parlare male di lui; non capisce che se mai lo faccio, è magari per avere una prospettiva diversa del problema, per capire se sto prendendo le cose da un'angolazione sbagliata...quindi con l'intento opposto a quello che dice lui. se una cosa non la puoi risolvere, è inutile parlarne con chiunque!

quindi quando lui parla di segreti si riferisce a questo: chissà cosa vai a raccontare di me ai tuoi amici/amiche e invece a me le loro confidenze non le racconti... ho sentito frasi del tipo "vorrei sapere cosa dici a tizio e caio quando parlate, se non hai niente da nascondere dimmi cosa ti raccontano etc etc"... boh non so cosa pensare...

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Si, credo di capire che di base siete parecchio diversi sulle idee relative a come dovrebbe essere un rapporto di coppia, e trovo che il tuo modo di vivere sia piu' equilibrato del suo in questo caso. Tu devi capire questo...Il concetto di base e' che tu nella vita sei libera di scegliere tutto cio' che e' meglio per te, di cosa parlare e con chi, quando lo vuoi, perche' e' un diritto che abbiamo tutti quanti, poi voglio dire, tu in questo caso specifico semplicemente parli con le altre persone di varie cose, proprio per avere un contatto con quelle persone, che a loro volta ti mostreranno il loro pensiero e forse addirittura potrebbero darti una visione della vita totalmente differente alla tua, che possa persino trovare la soluzione ad un tuo problema ( gli amici servono anche a questo nella vita ). Quindi tutto il discorso che il tuo compagno ti fa, a mio modesto parere non e' giustificato, ne' ha molto senso, ma al contrario mostra soltanto un suo lato molto insicuro, in cui lui ha un vero problema, che sembrerebbe derivare proprio dalla sua grande paura che la gente possa farsi una certa idea di lui, e questo lo porta al comportamento che hai appena raccontato qui.

Non e' raro che molte persone siano influenzate largamente nella vita da cio' che le altre persone pensano di loro, anzi credo che la maggior parte della gente sia cosi', sempre col timore che il mondo in cui vivono possa pensare male di loro per qualcosa, come una passione diversa dal comune ( o dal banale ), un tipo di pensiero che si discosta dalla massa, un sogno irrealizzabile ma cmq molto importante, ecc, ecc. Non e' cosi' che funziona la vita, ma molti sono convinti che sia il modo piu' giusto per vivere e questo li portera' sempre ad essere schiavi di qualcosa, sempre e solo per un discorso di insicurezza personale, che tentano di colmare con questa smania di controllo e del sapere, in modo da poter almeno farsi un piano per limitare i danni. La verita' e' che pure se sei un santo, qualcuno avra' sempre qualcosa da dire su di te nella vita, e quindi e' inutile cercare con questa mentalita' di arginare un problema antico come il mondo, perche' in questo modo non si fa altro che limitare la propria personalita' e si rischia di diventare schiavi delle apparenze, visto che il resto viene solo celato agli occhi dei piu' per paure di vario tipo.

Ogni cosa che hai raccontato di lui, mi lascia pensare questo, perche' le risposte che ti ha dato portano tutte nella stessa direzione, in cui e' abbastanza chiaro che lui teme molto il pensiero altrui che lo riguarda, motivo per il quale mantiene costantemente questo basso profilo e tenta in tutti i modi di mantenere ogni discorso all'interno del suo piccolo mondo, che in questo caso e' la vostra coppia. Ecco perche' ti chiede di raccontargli tutto, sia di quello che pensi tu, che di quello che pensano gli altri, in modo che lui possa farsi i suoi pensieri e piani relativi alla cosa, senza esporsi mai troppo in prima persona. A me dispiace che lui sia cosi', perche' non gli fa bene, ma soprattutto mi dispiace perche' non credo che tu faccia nulla di male nel fare quello che fai, perche' tu semplicemente vivi la tua vita e hai un contatto equlibrato con gli altri rapportandoti con loro, come e' giusto che sia.

Cmq sia e' ovvio che cosi' come stanno le cose non va bene per voi, e dovete in qualche modo trovare il modo di far quadrare la cosa, altrimenti tutto questo non fara' altro che amplificarsi col tempo...Parlatene assieme a fondo e seriamente, perche' e' l'unico modo che avete per capirvi e per trovare una valida soluzione per il bene della vostra coppia ^_^ Anche perche' lui non e' che sia nato in questa maniera, ma molto probabilmente questo suo modo di essere deriva da qualche esperienza negativa che in qualche modo lo ha portato col tempo a ragionare in quel modo, e a difendersi perennemente da qualcosa nella vita.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

cosa lo abbia portato a doversi difendere non lo so sinceramente, è capitato di parlarne a più riprese e quello che traspare è proprio che lui pensa che sia giusto così, ovvero non sente il bisogno di avere un confidente di qualsiasi genere che non sia il partner (non so come abbia fatto nei momenti in cui non aveva una fidanzata!), in realtà non ama molto parlare dei problemi in generale, le parole gliele devi cavare di bocca... mentre io non sono così, amo parlare, discutere, analizzare... son proprio fatta così. e siccome lui non ama parlare, e oltretutto quando lo facciamo spesso da i suoi consigli in maniera un po' aggressiva quindi mi sembra che più che consigliarmi, voglia giudicarmi o comunque spiegarmi lui come dovrei fare le cose perché io non sono capace, finisce che io ho bisogno fisiologico di sfogarmi con le amiche... perché a volte uno ha voglia di sfogarsi e basta, senza che tutte le volte arrivi la paternale su avresti dovuto dire, avresti dovuto fare....

anche a me dispiace per lui che sia così, sia perché vive isolato, sia perché si attacca così morbosamente a me, un po' come il primogenito geloso quando nasce il secondo figlio... sia perché tanto non potrà MAI avere tutto sotto controllo quindi è destinato a soffrire, essere ferito etc etc

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Non posso che essere d'accordo con tutto il tuo discorso, perche' ogni volta che aggiungi una parte approfondendo di piu' la personalita' di lui, mi rendo conto che sono cose che gia' mi aspettavo di sentire. E' molto probabile che lui come molti, abbia la tendenza a non parlare delle proprie cose personali, perche' ha la sua visione di come devono essere fatte le cose e molto probabilmente si fida poco delle persone in generale, che da una parte puo' essere un bene ma dall'altra un vero male a seconda dei casi. Molte persone sono totalmente introverse, altre solo per le cose importanti e personali, ecc, ma il punto e' che molto probabilmente lui e' diventato cosi' o perche' e' stato ferito da qualcuno o perche' si e' messo in testa che tenersi le cose per se' aiuta a vivere meglio, perche' meno la gente ha spunti per parlare e meno problemi possono esserci ( questo secondo la sua visione ovviamente ).

Riguardo al suo modo di essere e al modo in cui con te affronta i discorsi che gli fai, penso che sia dovuto solamente al suo carattere, pero' lui dovrebbe capire bene che tu non sei lui e che quindi i suoi metodi bruschi non rappresentano per nulla la tua personalita', quindi e' del tutto inutile affrontare un discorso cosi', perche' come vedi sembra piu' un giudizio sul tuo operato che un consiglio per aiutarti a risolvere i tuoi problemi personali riguardo a qualcosa che gli racconti. Purtroppo e' una cosa molto comune, perche' spesso la gente dimentica che noi non siamo loro e che quindi quello che a loro sembra ottima come soluzione, per noi e' molto difficile da mettere in pratica, e quindi quel metodo non puo' funzionare in quei casi.

Cmq si e' abbastanza evidente che lui sia molto attaccato a te, forse morbosamente come dici infatti, e questo spiegherebbe perche' vuole sempre sapere ogni cosa che ti riguarda, in modo da poterti controllare in qualche maniera ( sempre secondo la sua visione ovviemente ). L'insicurezza e' una brutta bestia e spesso porta le persone ad avere i comportamenti piu' disparati. C'e' chi la manifesta con un semplice eccesso di timidezza, ma ci sono anche altre persone che non diresti mai che sono insicuri in apparenza, ma che guardandoli attentamente nei loro molteplici atteggiamenti o discorsi, lasciano intendere di avere una grande paura dentro di loro riguardo a qualcosa, e nei rapporti tra persone sono molto comuni. Cio' che dici e' la pura verita', nessuno di noi per quanto bravo nelle previsioni o calcolatore fino al midollo potra' mai avere tutto sotto controllo, perche' l'imprevisto arrivera' sempre prima o poi nella vita, quindi e' del tutto inutile cercare di tenere sotto controllo le cose, anzi e' anche deleterio a mio parere. In quei casi e' come vivere perennemente con un fucile puntato alla testa, tormentati continuamente dal pensiero che se non si ha tutto sotto controllo potrebbe accadere qualcosa di brutto...E quella roba fa vivere molto male, a seconda dell'intensita' con cui una persona vive con quella mentalita' ( Qualcuno ha parlato di ansia? XD )

Link al commento
Condividi su altri siti

 

ti riporto le frasi che ho sentito più vere.... mi hai tolto le parole di bocca!

"tenersi le cose per se' aiuta a vivere meglio, perche' meno la gente ha spunti per parlare e meno problemi possono esserci"

ecco questa è proprio la sua filosofia, ovvero spesso nelle discussioni mi è capitato di sentirmi dire "non avresti dovuto dire questo o quello, perché fornisci appigli alle persone per attaccarti etc"... questo può essere vero con i conoscenti, ma non certo con amici e familiari! (nota bene che io non ho molti amici che considero tali, li conto sulle dita di una mano, ma di quei pochi mi fido in maniera cieca ovvero, per me è una certezza che non mi dovrò mai difendere da loro, e che non mi farebbero mai del male volontariamente o con intento cattivo; per cui il problema dell'appiglio non si pone, perché una persona che per me è amica non cercherà mai appigli ai miei danni!). questo stare continuamente sulla difensiva mi stanca un sacco, perché non è il modo di vivere e di stare al mondo, io sono riservata con la maggior parte delle persone, ma ho quelle 3-4 persone del mio cuore con cui sono completamente a mio agio e mi spoglio di tutte le maschere... anche con lui sono così, ma lui vorrebbe che lo fossi SOLO con lui e non mi sta bene!

"spesso la gente dimentica che noi non siamo loro e che quindi quello che a loro sembra ottima come soluzione, per noi e' molto difficile da mettere in pratica, e quindi quel metodo non puo' funzionare in quei casi."

ecco questo è l'altro grosso scoglio: soprattutto lui ha un carattere molto esuberante e quindi è sempre convinto che la sua ottima soluzione sia la migliore di tutte, e non esita a fartelo notare ("non dovevi fare così, ma piuttosto così"; "in questa circostanza dovresti fare così e così" etc), e quindi oltre al giudizio c'è anche questa tendenza a "organizzarmi le giornate" che proprio mi va stretta, infatti ci scontriamo spesso (io non sono nemmeno un bel caratterino... manco i miei mi dicevano cosa dovevo fare, figurati se me lo deve insegnare lui!)

"ma ci sono anche altre persone che non diresti mai che sono insicuri in apparenza, ma che guardandoli attentamente nei loro molteplici atteggiamenti o discorsi, lasciano intendere di avere una grande paura dentro di loro riguardo a qualcosa"

lui è una di queste persone! io sono una del primo tipo, ovvero, un po' timida (anche se ora da adulta sono diciamo "sbocciata" come personalità e infatti ho molti meno problemi a fare amicizia e relazionarmi con le persone), sempre a mettere in dubbio i sentimenti degli altri x me, ma non per cose loro, ma perché metto in dubbio il mio valore come persona, se una persona mi doveva chiamare e non lo fa, istinto mi fa pensare "ho forse detto qualcosa che non dovevo?" perché appunto, la mia autostima sta crescendo da grande ma da piccola faceva schifo (per cause familiari che non sto a descrivere); lui invece sembra solare, esuberante, al centro del palcoscenico ma a ben guardare, è insicuro eccome; se lo critichi o lo prendi in giro, pensa subito che tu lo stia attaccando sul piano personale e si difende come se dovesse difendersi dall'attacco di pearl harbour, e questo fa male al dialogo di coppia, perché finisce che io ingoio tutto per paura di sollevare sempre discussioni infinite....

in realtà basterebbe semplicemente che lui mi ascoltasse, frenando la sua tendenza a dovermi risolvere i problemi a modo suo, lasciandomi invece il tempo e l'opportuinità di fare, sbagliare, e imparare, perchè io mi confidassi più con lui che con gli amici... perché alla fine mi piacerebbe avere questo tipo di dialogo che invece nel nostro rapporto è un po' "zoppo"

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Eh si direi che dopo queste cose che hai aggiunto il quadro sia abbastanza chiaro su chi e' lui e come ovviamente opera nella sua vita e in quella altrui...Come ti dicevo ieri, ogni volta che aggiungi un pezzo mi dai solo una conferma in piu' sulle ipotesi plausibili che avevo immaginato, ma non perche' io sia bravo nelle previsioni o in qualcosa, ma semplicemente perche' sono le espressioni caratteriali piu' comuni delle persone, e salvo casi veramente rari, ognuno ha un po' la tendenza a comportarsi da MANUALE diciamo. Come avrai notato, io porto esempi molto comuni quando parlo, proprio perche' bisogna partire dalla semplicita' per poi andare a capire meglio man mano che le persone raccontano. Pero' come sicuramente avrai capito qui e ovviamente dalle tue esperienze di vita, la gente pur essendo tutta diversa, rientra cmq in alcuni schemi di base, che aiutano a capire dove portera' il passo successivo riguardo la loro personalita'. Sembra una contraddizione essere tutti diversi ma cmq parecchio simili nell'operato agli altri vero? Pero' tirando le somme ( senza generalizzare ovvio ) e' cosi' che alla fine sono le persone.

Cmq si, ancora una volta mi trovo d'accordo sul tuo modo di pensarla, perche' a me pare solo che TU sia quella che nella coppia cerca di far quadrare veramente bene le cose ma nella maniera piu' naturale, ossia semplicemente vivendo la vita, mentre LUI per i suoi motivi personali, in parte sviscerati qui, tende a mostrare troppo la sua personalita' sovrastante, come se lui sapesse come funziona la vita e tu no. Il problema come dicevamo ieri e' che purtroppo e' lui che si deve rendere conto che la diversita' tra persone implica una diversa ottica del mondo e un diverso metro di misura emozionale sulle stesse cose, e che questa diversita' non potra' mai essere eliminata, ma solo compresa e aiutata se e' necessario. Una coppia che funziona e' costituita da 2 persone che vivono in maniera diversa, ma che allo stesso tempo non si opprimono a vicenda, ma bensi' colmano ognuno le lacune dell'altro, come due meta' complementari. Purtroppo mi rendo conto che trovare tutto cio' in amore e' raro, specie oggi con la mentalita' che c'e' e con la scarsa pazienza nel voler almeno CAPIRE gli altri, ma e' possibile...Questo sicuramente si.

La tua mentalita' e' la piu' equilibrata a mio parere, perche' nonostante tu sia timida di natura, sei cresciuta e dai alle cose e alle persone il giusto peso. Se sono importanti li coltivi, se sono ostili li contrasti, ecc, ecc, ma tutto questo senza fasciarti la testa prima del tempo, valutando semplicemente cosa succede nella vita AMMESSO CHE DEBBA SUCCEDERE. Lui non e' cosi', lui e' insicuro, e si e' costruito quella sua meravigliosa corazza scintillante per proteggersi da tutto e da tutti, ma la verita' e' che come tutti quanti, e' una corazza che fa acqua da tutte le parti, e per di piu' e' un peso costante ( ed inutile ) da portare nella vita di tutti i giorni. Come vedi piu' che utile, per lui e' solo un peso, perche' il suo continuo difendersi da tutto lo porta a difendersi anche da TE, con i suoi consigli visti come perle di saggezza, la sua smania di controllo, e il suo attaccamento morboso nei tuoi confronti...Senza contare che alla lunga lo porta a chiudersi in se' stesso e che alla fine quello che mostra nella vita con il suo esibizionismo non e' altro che una facciata o una maschera che nasconde la solitudine interiore.

Poi parliamoci chiaro...Tu hai il dono di poter vivere la tua vita come meglio credi, e non mi sembra che tu stia sprecando il tempo o sbagliando il modo di vivere, visto che di persone fidate ne hai ( cosa importantissima nella vita ), sei obiettiva sui tuoi difetti e hai saputo capire dove sei cambiata in meglio e perche', non hai paura di metterti in gioco, ed infine cerchi solo un rapporto che funzioni bene...Quindi non vedo proprio dove sia il problema se tu sei fatta cosi', e questo lui deve capirlo, perche' alla lunga il suo carattere potrebbe stancare, e questo sarebbe un peccato e un'ulteriore sconfitta per lui. Lui deve trovare il modo di mettere l'orgoglio da parte e iniziare davvero ad ascoltare, perche' cosi' non fa altro che danneggiare se' stesso purtroppo.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

infatti la cosa che più mi dispiace è proprio che questa sua insicurezza lo porti a dire che se ho altri confidenti vuol dire che non mi fido di lui e quindi lui non si può fidare di me... mi dispiace perché io nell'ultimo anno ho avuto una specie di scatto, uno di quei momenti della vita in cui improvvisamente metti meglio a fuoco quello che sei e quello che vuoi, e sarebbe bello poter far crescere insieme il nostro rapporto... mentre lui in questa mia crescita, che mi ha portato serenità, accettazione di me e in modo naturale, anche alla vicinanza di altre persone (perché quando stai bene, le persone ti si avvicinano, e sei nella giusta condizione per farle avvicinare), vede una minaccia, un allontanamento, quasi un tradimento del nostro rapporto che non è più "esclusivo". io non devo insegnargli come vivere, secondo me trovando altre persone fidate starebbe meglio, ma se a lui va bene anche così, non sarò certo io a criticarlo; però deve capire che il suo modo di vivere a me va stretto, che io affronto la mia insicurezza e la scarsa stima che ho di me stessa circondandomi di persone che amo, che mi amano, e che mi dimostrano con il loro affetto che sono una persona a cui vale la pena di voler bene (cosa che nei mometni più neri di tristezza, a volte, metto in dubbio). non riesco a mettere la mia felicità nelle mani di una sola persona, è troppo pericoloso... e carica quella persona di una responsabilità ingiusta.

poi come dici tu, io cerco un rapporto sano e che mi faccia stare bene... non una persona con cui dormire e con cui passare le ferie. purtroppo quello che ho capito in questi ultimi mesi è che nel nostro rapporto la comunicazione è carente, e se vogliamo portarlo avanti, per me è necessario lavorarci su...

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Si, diciamo che il problema principale e' che tu in qualche modo sei cresciuta o maturata in una persona che prima non eri, e spesso accade cosi' con uno schiocco di dita dal nulla, perche' lo spunto per fare le cose puo' essere sia frutto di uno studio attento e di scelte ponderate, che semplicemente un'ispirazione che poi fa mutare te e la tua vita, ma che cmq portano sempre a un cambiamento personale...Lui diciamo che ha la sua mentalita' e forse questo lo ha portato ad avere paura, come se tu in qualche modo andassi avanti nella tua vita e lui invece rimanesse statico, vedendoti allontanare. Pero' il concetto e' che questa e' solo al sua visione della cosa e non la tua realta', che a mio parere e' solo la crescita personale di un individuo, che in questo caso sei tu, e tutte queste cose portano sempre dei cambiamenti nella nostra vita, perche' nessuno rimane immutabile nel tempo, ma muta a seconda dei desideri e le esperienze di vita...Tutto qui. Tu hai scelto le persone, lui evidentemente no, e penso che sia questa la differenza sostanziale tra voi due...Il resto sono solo conseguenze.

Tu non e' che avendo rapporti con gli altri TOGLI qualcosa a lui, ma semplicemente dai piu' opportunita' umane alla tua vita, e se posso dirti una cosa, a mio parere e' sempre la cosa migliore, perche' come dicevi tu stessa, non si puo' mettere la propria felicita' nelle mani di una sola persona nella vita, perche' e' pericoloso e da a quella persona una responsabilita' troppo grande da gestire...Senza contare che siamo umani e potremmo lasciare questo mondo in qualsiasi momento per qualsiasi motivo, lasciando l'altro con un vuoto immenso perche' ha SOLO NOI. Non e' un caso che noi esseri umani siamo cosi' tanti, perche' altrimenti ci avrebbero creato a coppie fisse e messi ognuno nel suo piccolo angolino di mondo, poi vabbe' c'e' chi la pensa cosi' riguardo alle persone, perche' e' rimasta delusa da tutti e via dicendo, ma sono cose che capitano a seconda dei casi e degli eventi della vita di ognuno di noi. C'e' chi ha conosciuto solo brutte persone, chi ha visto cambiare brave persone in emeriti bastardi, e chi semplicemente ha avuto la fortuna di conoscere solo persone che hanno portato del buono nella loro vita, ma siamo tutti sulla stessa barca, solo che dipende da quello che succede e quello che vogliamo nella vita. Tante volte la sfortuna e' solo perche' siamo noi che facciamo scelte sbagliate nella vita, negando l'evidenza di cose che sarebbe stato meglio evitare. Ma e' cosi' che si impara...PROVANDO.

Cmq secondo me lui si immagina che se tu hai altri rapporti con le persone oltre lui, lui viene messo da parte in qualcosa, quando invece dovrebbe essere il centro del tuo mondo. Pero' io vorrei dirgli questo...A me sembra che tu rispetto a tante altre persone hai scelto lui come compagno, quando con 7 miliardi di persone ne avresti di scelta, quindi lui sicuramente ha un posto in prima fila nella tua vita, visto che appunto tu sei una donna che non cerca avventure o robetta da 4 soldi, come uno che le scalda il letto o che le tiene compagnia quando e' annoiata e poi arrivederci e grazie, ma cerchi semplicemente un uomo che capisca chi sei e che ti renda felice come tu vuoi rendere felice lui...Ecco quello che vedo. Il problema non e' mai la diversita' tra due persone, ma solo che non si puo' essere rigidi in un rapporto di coppia alla pari, ma ognuno deve fare la sua parte per l'altro, altrimenti ci troviamo di fronte alla classica storia tra padrone e schiavo sempre.

Effettivamente la comunicazione tra voi e' carente, perche' lui non ha molta voglia di capire le cose o di provare ad essere diverso da quello che e' per te, quindi comprendo benissimo il tuo disagio e i tuoi pensieri, perche' se questa storia deve funzionare...Come dici tu stessa, qualcosa deve cambiare e bisogna lavorarci su.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
  • 2 weeks later...

CIAO A TUTTI SONO GIULIA ho 21 anni ho bisogno di aiuto sto malissimo vorrei morire !!!!io sto da otto mesi con un uomo di 40 anni che lavora all areonautica e che fa il personal trainer quindi per lavoro su fb pubblica foto di ragazze magari in costume ecc a me all inizio andava bene poi ho cominciato a controllarlo chiederglielo rompergli ,fino a che ha detto che gli ho rovinato la vita !ho cominciato a vedere le sue cose passata su fb facendo la gelosa se metteva foto ed aveva dei commenti quando lui da prima si conoscermi avev amiche donne molte e prepara ragazze A DELLE GARE ecc ,questo avviene perché io sono insicura troppo gelosa e lo volevo cambiare !!!premetrendo anche che lui per lavoro vive all isola d Elba ma ha casa sei genitori qui a Roma vicino a me e per viaggiare ecc spende molti soldi e a volte rimanere ANVHE senza !!!comw posso fare per curare questa mia insicurezza gelosia malata ossessiva!!!che fa male a me e agli altri ???vi prego aiutate mi vi supplico !!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Vi prego risponderemi io ho già chiamato la mia ex psicologa perché io lo amo nn voglio perderlo per la mia malattia però con la mia psicologa parlerò per telefono che ha lo studio fuori Roma e cosi i miei nn lo sanno e nn devo dare una spiegazione e una cosa mia lei ha detto riserverà un ora al telefono per me una o due volte a settimana però vorrei un consiglio anche da voi vi prego rispondetemi vi prego !!!

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Ciao Giulia. Da quello che ho letto stai vivendo una delle situazioni piu' comuni, in cui tu ti stai rapportando con una persona molto differente da te come carattere e in cui avete un divario di eta' abbastanza consistente ( anche se quello non e' mai un vero ostacolo in amore ). Il discorso qui e' basato appunto su vari fattori tra cui alcuni secondari come il posto dove vive lui, ma piu' che altro e' basato proprio sulla tua insicurezza che nei rapporti amorosi si tramuta spesso poi in gelosia, mania del controllo, ecc, ecc. Tu hai detto una cosa fondamentale che e' appunto " IO LO VOLEVO CAMBIARE ". Questo e un errore che tantissime persone sottovalutano e commettono spesso, ignorando il fatto basilare che cambiare le persone con le nostre azioni e' IMPOSSIBILE. La gente non cambia perche' glielo imponi tu ( in quel caso indossano solo una maschera in piu' ), la gente cambia solo a seconda di quanto crede sia positivo quel cambiamento e in base a quanto noi siamo importanti per loro, smussando gli angoli del proprio carattere per creare una sorta di compromesso reciproco. Non ti devi mai illudere che tu possa essere in grado di cambiare veramente qualcuno, perche' quel qualcuno cambiera' solo quando sara' convinto che il cambiamento sia quello che davvero vuole per se', e questo deve essere molto chiaro, perche' tutto quello che otterrai facendo cosi' e' una persona che cela alla tua vista la sua vera essenza per compiacerti, dandoti un'illusione per il semplice QUIETO VIVERE.

Tu devi comprendere che ognuno di noi e' quello che e', con i suoi pregi e i suoi difetti, e che anche quando c'e' un amore di mezzo nessuno sara' mai come l'altro vuole, se non e' gia' cosi' di natura, ma al massimo smusserà piccole parti di se' stesso per avere un rapporto meno problematico. Purtroppo l'affinita' reciproca e' rara da trovare ( anche se esiste sicuramente ), quindi le soluzioni sono sempre e solo 2 nel caso non la si possieda gia'. 1) Si accetta e si ama l'altro per quello che e' come l'altro fara' con noi visto che siamo tutti imperfetti per natura umana 2) Si tenta di lavorare assieme sul proprio carattere per andare incontro alle esigenze della persona amata, parlando assieme seriamente dei vari problemi che si hanno e cercando assieme la soluzione che sia ottimale o migliore per ambo le parti...Punto e basta. Tutto il resto e' solo apparenza, che col tempo genera bugie su bugie verso se' stessi e verso gli altri ( e nella maggior parte dei casi e' cosi' in amore ) portando le persone a stare assieme per motivi di vario tipo, e molto differenti dall'amore inteso proprio come fulcro vitale di una storia.

Tu devi accettare il fatto che non ruota tutto attorno alla tua persona, e che indifferentemente dal fatto che tu esista o meno, le persone vivranno sempre come meglio credono. E' inutile controllare le persone, perche' se vogliono possono tradirti anche se le controlli 24 ore su 24, come e' inutile essere gelosi oltre certi limiti che non siano solamente una manifestazione di quanto tu tenga a quel rapporto. Ogni squilibrio genera una reazione che ti porta a cadere da un lato o dall'altro e quello che tu devi trovare per te stessa e' UN TUO EQUILIBRIO PERSONALE, prima di intraprendere una relazione seria ( come immagino che tu voglia dato che ti fai tutti questi problemi ). Se non ce la fai da sola ad attuare questo cambiamento per te stessa, fatti giustamente aiutare da una persona del settore ( visto che gia' sai a chi rivolgerti ) ma tieni sempre a mente che SE TU NON SEI CONVINTA DI VOLER CAMBIARE questi tuoi difetti caratteriali, non ci sara' persona al mondo che potra' aiutarti a farlo. Quindi giovane donna, inizia a rilassarti un po', smetti di cercare di controllare gli avvenimenti della vita e le persone ( perche' nessuno ne e' in grado al mondo ) viviti la vita ogni momento NEL PRESENTE ( perche' il passato e' passato e il futuro e' un mistero e noi viviamo solo e sempre nel presente ) e valuta le persone che vuoi nella tua vita solo in base alle loro azioni ( le parole lasciale perdere )...Non fare mai processi alle intenzioni ma valuta solo cosa e' meglio per te in base a come le persone si comportano, e vedrai che se troverai qualcuno affine al tuo modo di essere, non avrai bisogno di pensare a nulla, perche' la vostra storia filera' liscia come l'olio senza mai un problema e senza mai una richiesta, o almeno vivrete il piu' del tempo in armonia senza troppi casini di mezzo...Questo io ti dico.

Cmq sia tu al momento dici di essere innamorata e credo che questo sia plausibile visto che sei venuta qui a raccontare la tua storia e visto quanta ansia e paura ti crea la situazione che stai vivendo. Quindi direi che visto che tieni molto a questo uomo, dovrai trovare la forza di volonta' di cambiare alcuni lati del tuo carattere facendoti aiutare da lui a farlo. E se lui ti vuole bene nella stessa maniera e' molto probabile che assieme troverete la soluzione...Ma se cosi' non e', renditi conto che per quanto dura sia, lui non e' la persona che fa per te, e quindi non dovresti in nessun modo forzare le cose o cercare di far funzionare un rapporto che per incompatibilita' non funzionera' mai...Facendoti perdere anni preziosi della tua vita, che potresti spendere benissimo in altro modo con magari una persona molto piu' affine al tuo modo di essere.

Detto questo, te saluto bella mia e spero che sta storia se risolva dato che ce tieni molto ^_^

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.