Vai al contenuto

Sfogo personale e consigli.... :(


judy90

Messaggi consigliati

Ciao a tutti! Sono una ragazza di 23 anni e volevo condividere con voi la mia storia...

Quando ho iniziato l'università ho conosciuto una ragazza con cui ho fatto subito amicizia e con la quale si è instaurato un rapporto di amicizia molto stretto e col tempo intimo. Siamo anche andate a convivere insieme ( entrambe fuori sede), passavamo tutto il giorno insieme anche perchè seguivamo lo stesso corso di studi. Lei ha da subito iniziato a comportarsi da "capo" della situazione e io, che purtroppo non riesco mai a dire la mia o a farmi valere, ci sono stata. Lei decideva quasi tutto per poi ritorcermi le colpe addosso perchè io non dicevo mai nulla. Mi diceva che doveva sempre fare le cose lei, che io me la prendevo comoda e che non l'aiutavo ( peccato che quando la volevo aiutare per lei non andava mai bene, diceva che non ero in grado di fare nulla e non vi sto a dire che la cosa mi ha abbattuta sempre di più). Nonostante questo, lei continua sempre di più ad aprirsi con me e un giorno mi rivela che lei ha subito abusi da bambina in famiglia. Quella sera sta anche male e io cerco di consolarla e calmarla come posso, l'abbraccio e le dico che va tutto bene. Dormo anche con lei quella notte perchè aveva paura a stare da sola. Le cose da quel giorno sono deteriorate sempre più, lei insiste a trattarmi come una pezza ( nel frattempo vivevamo in un appartamento solo io e lei) e litighiamo un giorno sì e uno no ( litighiamo... lei se la prende con me e io non ribatto quasi mai e mi carico di tutte le colpe). Dopo vari episodi tra cui un capodanno insieme trascorso a litigare e un suo commento brutto nei miei confronti dopo un esame da me passato con 30, io inizio a non sopportare più la situazione. Decido di stare a casa mia per un bel po' di tempo, per stare tranquilla. E qui che inizia la mia difesa seppur sbagliata nei suoi confronti. Inizio a trovare scuse e le racconto bugie per difendermi, per non sentirmi costantemente bombardata e giudicata, mi costruisco un muro nella speranza di soffrire di meno. Le ho raccontato di essere stata male in quei mesi di mia assenza e lei ci ha creduto. Quando sono tornata, ormai a quasi fine semestre per dare gli esami, lei mi dice di essere stata malissimo, che ha dato fuori e che finalmente ha deciso di intrapprendere un percorso con una terapista. Credevo che le cose sarebbero migliorate e invece sono precipitate. C'è stato un periodo neutro tra di noi,ma poi con l'inizio del nuovo anno è iniziato il declino. Io l'accompagnavo dalla terapista e l'aspettavo fuori dal palazzo, per sostenerla se la seduta l'avesse provata molto. Insomma, cercavo nel mio piccolo di fare quello che potevo per lei. Le sono andata incontro in tantissime cose, anche in quelle che non spettavano a me ( le ho prestato dei soldi che non ho mai preteso di volere indietro) ma nonostante questo lei mi rinfacciava che non ero un'amica, che non la capivo insensibile com'ero, egoista, respingente. Lei tra l'altro ha iniziato per gioco-scherzo a fare delle "scenette" ( come le chiamo io) con me, nel senso che faceva finta che io fossi un suo ragazzo, mi faceva sempre ripetere le cose, mi stava sempre addosso, mi ha iniziato a dare dei bacetti sulla bocca ( insomma, io ci stavo perchè lei mi diceva che aveva bisogno di manifestare il suo affetto, cosa che non aveva mai potuto fare con nessuno, lo facevo per lei e non per il fatto che sono omosessuale, poi in più giocava tanto sulla mia ineguatezza, sul fatto che fossi mascolina ( cosa non vera, sono molto pienotta e magari posso dare quell'impressione ma non sembro androgina), che mi vestissi male, che non sapessi cavarmela da sola ( lei ha cercato di smantellarmi in tutti i modi in cui sapeva che io ci sarei cascata, che l'avrei seguita per sempre perchè lei sapeva sempre cosa fare e cosa era meglio). Per la cronaca non sono omosessuale. Lei spesso si faceva toccare in queste scenette e io acconsentivo ( per chiarire non abbiamo mai avuto rapporti, tutto era con vestiti addosso), lei spesso girava in biancheria intima in casa ( e fin qui non vedo il problema, tante tra amiche lo fanno) ma a volte credo che lei ostentasse le sue forme apposta anche se io non le davo soddisfazione. Sta di fatto che lei continuava a volere un ragazzo nella sua vita ( a volte credo più per il sesso che per altro) ma per il suo problema era terrorizzata dai ragazzi ( terrorizzata fino a un certo punto). Nei mesi sono passati tanti ragazzi di cui lei ripetutamente si innamorava ( lei si era e credo lo sia ancora oggi fissata che tutti la guardavano, che tutti la volevano e che le ragazze erano invidiose di lei) credendo che questi le facessero il filo ma non era così. Mi sono ritrovata in un circolo vizioso dove io le dovevo tenere la parte mentre andavamo a fare la posta a questi poveri disgraziati che non erano mai interessati. Purtroppo è successo che ad un corso abbiamo incontrato un ragazzo ( molto molto bello) e la cosa è ripartita. E qui ho commesso l'errore più grande di tutti: lui fa un po' il galletto e si mette molto in mostra e a lezione ha fatto certe cose che potevano far presumere che lui fosse interessato a lei ( tendeva a sedersi sempre dietro di noi, si atteggiava come e quando poteva... insomma chiaro no?). Un giorno in cui io non ero presente a lezione lei mi dice che lui le si è sdraiato quasi addosso sul banco e che era come se lui volesse farsi accarezzare i capelli da lei). Io non so se sia vero questo fatto ma purtroppo per mia sopravvivenza le ho iniziato a farle ricamare sopra questo ragazzo, sperando lasciasse perdere l'altro che c'era nello stesso periodo perchè la situazione stava diventando imbarazzante. Speravo anche che questo ragazzo non l'avremmo più rivisto e così la cosa sarebbe finita li e invece sono stata sfortunata perchè il caso ce l'ha rimesso davanti e non vi dico che lei ha iniziato a credere che lui fosse quello giusto. Questo ragazzo però non si è mai fatto avanti e tutt'ora non l'ha fatto, usa l'indifferenza, credo che non voglia darle una risposta negativa e così la ignora bellamente, la evita. Lei gli ha anche scritto e fatto richiesta di amicizia su facebook ma lui non ha mai risposto nè accettato.Però non l'ha mai nemmeno bloccata per dirle di lasciarlo in pace, insomma, non capisco. Purtroppo le mie bugie di sopravvivenza mi si sono ritrorte contro e la situazione nei mesi è degenerata ed io ero costretta a mentire su tante cose ( sempre per sopravvivere alla convivenza e far andare avanti l'anno), ho retto finchè ho potuto e poi sono scoppiata. Non ce la facevo più a sentirmi giudicata in tutto e per tutto. La sera del suo compleanno che siamo uscite mi ha detto che si vergogna ad uscire con me per come mi vesto, e penso per come sono ( sono grassa). Ho iniziato una dieta ma per ME non per lei, ma lei non mi sosteneva un granchè. Non ho più retto la situazione e mi sono ribellata. In realtà sono fuggita a casa mia dove, con l'aiuto dei miei ho preso un monolocale per me. Ho fatto tutto di nascosto perchè sapevo che era l'unico modo per fuggire da lei a carte già fatte. L'ho affrontata per telefono molto calma, dicendole che non ne potevo più e che avevo bisogno del tempo per stare da sola. Lei ovviamente l'ha presa male, ha tentato di farmi cambiare idea ma io sono rimasta ferma sui miei punti una volta tanto e ho chiuso. Lei non si è più fatta sentire ( prima mi riempiva di messaggi, 100 e più al giorno, chiamate anche quando io andavo a casa per il weekend dai miei genitori, ero ossessionata dal mio cellulare quando vedevo un nuovo messaggio, eppure ci stavo perchè se no si sarebbe arrabbiata e me l'avrebbe fatta pagare, e io volevo stare tranquilla visto che studio fuori sede). Ha cercato di cambiarmi perchè probabilmente così com'ero non andava bene, anche se lei si è sempre detta la paladina della giustizia e che non ha mai giudicato nessuno in vita sua. Io sono una persona molto tranquilla che vive e lascia vivere, non sono circondata da flotte di amici ma pochi e buoni. Sono anche una che se mi parli non mangio nessuno anzi, sono solare e se posso cerco di aiutarti come posso. Lei è sempre stata gelosa di me ( e questo una volta se l'è lasciato scappare, del rapporto con i miei ecc.... che poi non capisco perchè una dovrebbe essere gelosa di me che non sono né bella, né ricca, sono mediamente intelligente, non ho il ragazzo e sono timida...) e credo che tante delle sue frustrazioni le abbia riversate su di me.

So che è molto lungo e ho tralasciato molte cose importanti ma volevo condividere la mia storia e, sapere le vostre opinioni. Io dal mio canto non mi vanto di quello che ho fatto, sono piena di sensi di colpa e mi sento la persona più orribile del pianeta. Lei mi ha cercato di allontanare dai miei ( anche se lei dice il contrario, che sono io quella che l'ha fatto, ma del resto è sempre stata lei a dirmi che i suoi erano orribili) e dalle miei vecchie amiche e ci è riuscita. Viveva in simbiosi con me. Ora che vivo da sola sto cominciando a vivere di nuovo, mi sto ricostruendo quello che lei ha abbattutto in 3 anni ma non posso fare a meno di pensare che è tutta colpa mia e che tutto quello che mi diceva era per il mio bene e che erano cose vere. So che lei si è rifatta una vita e convive con altra gente ora, facciamo corsi diversi ( lei segue già la specialistica io finisco la triennale) e credo che probabilmente abbia messo in giro voci maligne su di me. Li per li la cosa mi tange poco ma mi dà fastidio perchè in fondo credo di essere una persona buona, che se gli altri mi rispettano e mi vogliono bene io dò anche tutta me stessa per loro. A volte dò tutto anche a chi non se lo merita, forse.

Grazie a tutti.
Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


E' un forum morto (una volta era una figata) e quindi non ti risponderà nessuno, eccetto me.

Ho delle tendiniti alle mani quindi posso scrivere poco.

Da quello che hai scritto sei una persona buona, generosa, sensibile, onesta e probabilmente tanto altro. Hai solo bisogno di crescere.

Crescendo prenderai tante fregature come questa, è il destino di noi buoni, e tutte ti serviranno per rafforzarti, per imparare a difenderti. Metterai su una difesa alla volta, alla fine non avrai più problemi con nessuno o quasi.

Sappi solo che quelli/e come te hanno diritto anche più degli altri a vivere una vita felice, non farti mai problemi a mandare a quel paese chi ti mette il bastone tra le ruote, nella maggior parte dei casi è solo invidioso di te e semplicemente non ti merita. Sbagli decisamente nel pensare che la tua amica non lo fosse nei tuoi confronti, lo era eccome.

Cerca di cancellare i tuoi sensi di colpa perchè invece allontanandoti hai dimostrato amor proprio, prima ti stavi autodistruggendo. Essi fiera di aver dato una chance a te stessa per ricominciare a vivere e se ti fa sentire più bella e meglio con te stessa dimagrisci pure. L'importante è che ora pensi a TE e non a compiacere qualcuno che non ha fatto altro che renderti infelice.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

E' un forum morto (una volta era una figata) e quindi non ti risponderà nessuno, eccetto me.

Ho delle tendiniti alle mani quindi posso scrivere poco.

Da quello che hai scritto sei una persona buona, generosa, sensibile, onesta e probabilmente tanto altro. Hai solo bisogno di crescere.

Crescendo prenderai tante fregature come questa, è il destino di noi buoni, e tutte ti serviranno per rafforzarti, per imparare a difenderti. Metterai su una difesa alla volta, alla fine non avrai più problemi con nessuno o quasi.

Sappi solo che quelli/e come te hanno diritto anche più degli altri a vivere una vita felice, non farti mai problemi a mandare a quel paese chi ti mette il bastone tra le ruote, nella maggior parte dei casi è solo invidioso di te e semplicemente non ti merita. Sbagli decisamente nel pensare che la tua amica non lo fosse nei tuoi confronti, lo era eccome.

Cerca di cancellare i tuoi sensi di colpa perchè invece allontanandoti hai dimostrato amor proprio, prima ti stavi autodistruggendo. Essi fiera di aver dato una chance a te stessa per ricominciare a vivere e se ti fa sentire più bella e meglio con te stessa dimagrisci pure. L'importante è che ora pensi a TE e non a compiacere qualcuno che non ha fatto altro che renderti infelice.

Grazie mille per le parole di conforto che mi hai dato! Non sapevo che il forum non fosse più molto frequentato comunque... Sì, guarda ora inizio a capire più che mai che il passo che ho fatto pochi mesi fa è stato forse come un gettare una scialuppa in mare e remare il più lontano possibile per salvarmi,ora capisco che me lo dovevo, ero stufa di soffrire, per poi cosa? Mi avesse almeno dato un riscontro! Hai ragione quando mi dici che queste esperienze mi serviranno per crescere e cercherò di far tesoro di tutta questa vicenda per guardarmi bene intorno d'ora in avanti.

Ti ringrazio davvero! Spero tu possa guarire presto dalla tendinite! :)

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    • Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.