Vai al contenuto

Esperimento piccolo Albert e condizionamento alla paura. Può essere naturale?


Messaggi consigliati

John Watson dimostrò come la paura provenga da un condizionamento artificiale. (Per chi non lo sapesse il dottore prese un bambino di un anno, il piccolo Albert, e lo mise a contatto con un topolino bianco, inizialmente non ne ebbe paura, ma poi il dottore fece un rumore assordante che spaventò il bambino in modo tale che ne rimase condizionato e da quel giorno in poi manifestò sempre una paura verso i topolini bianchi e verso gli oggetti che li assomigliavano).

Stavo pensando, non siamo forse tutti vittime di un condizionamento di questo tipo, ma naturale? Pensate alla paura illogica del viscido e alle reazioni che abbiamo a contatto con sostanze di questo tipo. Apparentemente non hanno un senso. Ma tutti da feti siamo stati nell'embrione che è un ambiente "viscido", e forse il primo processo di crescita è un processo molto doloroso, per cui potremmo aver associato intimamente la sensazione di viscido al dolore, e ne siamo rimasti condizionati per tutta la vita manifestando quel senso di ribrezzo ogni volta che vediamo sostanze viscide e gelatinose. Cosa ne pensate?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


John Watson dimostrò come la paura provenga da un condizionamento artificiale. (Per chi non lo sapesse il dottore prese un bambino di un anno, il piccolo Albert, e lo mise a contatto con un topolino bianco, inizialmente non ne ebbe paura, ma poi il dottore fece un rumore assordante che spaventò il bambino in modo tale che ne rimase condizionato e da quel giorno in poi manifestò sempre una paura verso i topolini bianchi e verso gli oggetti che li assomigliavano).

Stavo pensando, non siamo forse tutti vittime di un condizionamento di questo tipo, ma naturale? Pensate alla paura illogica del viscido e alle reazioni che abbiamo a contatto con sostanze di questo tipo. Apparentemente non hanno un senso. Ma tutti da feti siamo stati nell'embrione che è un ambiente "viscido", e forse il primo processo di crescita è un processo molto doloroso, per cui potremmo aver associato intimamente la sensazione di viscido al dolore, e ne siamo rimasti condizionati per tutta la vita manifestando quel senso di ribrezzo ogni volta che vediamo sostanze viscide e gelatinose. Cosa ne pensate?

Secondo me è una bella ipotesi. credo che il condizionamento alla paura riempia molti aspetti della nostra vita senza che ce ne rendiamo conto e che molte dipendenze e assuefazioni derivino proprio dal fatto che non sappiamo come affrontarle queste paure in quanto irrazionali. però per quanto riguarda il viscido non saprei perchè comunque la condizione fetale è spesso ricercata anche nella vita adulta in maniera inconscia e di solito è associata a protezione e sicurezza. no?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.