Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Mi dispiace molto per la tua storia e ti capisco a pieno...io sono stata con un uomo per 12 anni,non vedevo altro che lui,ormai ero succube di lui e della sua instabilità che attribuivo allo stress lavorativo,al suo essere considerato "pecora nera" da chiunque. Mi attribuiva colpe che non avevo e di cose che immaginava lui. Poi all'improvviso tutto passava e lui rientrava in uno stato di euforia..questi stati d'animo si ripetevano quasi tutti i giorni.Ho cercato in tutti i modi di aiutarlo,ma senza successo. Poi c'è stata la svolta, ha chiuso in maniera molto eclatante la nostra storia. Io ero distrutta e non riuscivo a riprendermi,fin quando non ho capito che avevo bisogno di aiuto,sono andata da una psicologa...e sono passati quasi 2 anni ed io ne sono uscita completamente. Ti consiglio di farlo perché non è una relazione sana e non ti porterà a nulla,mi dispiace dirtelo. Se hai bisogno di aiuto,contattami pure

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
  • 6 months later...

Pubblicità


 
  • 4 months later...

eccomi qui, anche io nel calderone degli ex usciti distrutti da una relazione con una border.

Non sto qui a raccontarvi tutta la storia durata 2 anni, posso però dirvi che non ne sapevo nulla, mi aveva parlato di tantissime sue problematiche passate a livello psicologico e psichico, ma mai di un disturbo della personalità.

il copione è il solito, all'inizio ti idealizzano, ti senti speciale come non mai, vogliono fare tutto con te. Poi pian piano arrivano le accuse insensate, le svalutazioni, persino le umiliazioni...e tu non capisci ma accetti tutto perchè ami profondamente quella persona.

Certo io non sono stato perfetto, ma le cose fondamentali non sono mai mancate. L'ho amata, supportata nei momenti difficili, le ho dato tante sicurezze che non aveva, l'ho sempre rispettata e mai denigrata, ho cercato di accontentarla in quasi tutte le cose e ho mantenuto il rapporto il più vivo possibile.

Purtroppo con una border tutto questo NON basta, perché se sei perfetto allora ti dice che la abbandonerai di sicuro e quindi partono accuse, umiliazioni, cattiverie, fino a farti perdere pazienza e sicurezza, portandoti all'esasperazione e all'allontanamento. 

Se non sei perfetto, oltre a regalarti cattiverie e umiliazioni si nutrono delle tue insicurezze e ti lasciano appena trovano qualcun altro di "valido" per loro, accusandoti di essere stato sbagliato, insicuro, egoista ecc

Insomma, o sei forte e scappi ai primi evidenti segnali, oppure se per amore decidi di rimanere finirai per essere lasciato o tradito, o entrambe le cose.

Sono persone terrorizzate dall'abbandono a tal punto che si plasmano per essere esattamente quello di cui tu hai bisogno, ma prima o poi scopri che hanno semplicemente indossato una maschera per tutto il tempo, che non sono realmente cosi e che non ti hanno mai amato, ma solo idealizzato e poi svalutato. Loro vorrebbero amare ma non ci riescono perché privi di empatia verso sé stessi e verso gli altri, e questo li fa soffrire molto. Per prevenire un eventuale abbandono, alle prime situazioni che non gradiscono (ad esempio basta un ritardo o la cancellazione di un appuntamento o viaggio) il disturbo genera dentro di loro dei pensieri intrusivi che però vengono riconosciuti come giusti e legittimi, e che permettono loro di "distaccarsi" e di cercare qualcun altro per poterti tradire o scaricare senza rimanere soli.

Nonostante tutto, dopo 8 mesi ci piango ancora e mi mancano tanto i momenti belli, ma poi guardo in faccia la realtà e mi rendo conto che quella persona non è mai esistita.Non ce l'ho con lei, l'ho perdonata ma senza dimenticare, essendo io un caregiver ho capito che sono solo anime buone intrappolate in una psiche malata.

Cercheranno sempre qualcuno più emozionante e meno stabile di te (il narcisista è perfetto), e quel qualcuno sarà in cima ai loro pensieri perché li aiuta a sentirsi vivi e apprezzati. Solo i border ad alto funzionamento posso sperare di rendersi conto del disturbo e  imparare a conviverci, ma devono stare a lungo sotto terapia farmacologica ed andare da uno psicoterapeuta per sempre. Ovviamente in pochissimi lo fanno, trattandosi di disturbo egosintonico alla fine la colpa diventerà sempre dello psicologo, del medico, del partner o del familiare di turno.

Purtroppo sono persone distruttive, manipolatrici e autosabotatrici, ma sono anche molto affascinanti. Soffrono tantissimo ma non ne comprendono la causa e non sono in grado di rimediare o imparare dagli errori passati.

Se potete evitate di perseverare nella relazione ma abbiate compassione di loro perché non lo fanno apposta.

 

 

 

 

 

 

 

 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.