Vai al contenuto
  • Pubblicità

ChiaraBaggins

chi mandiamo a quel paese ?

Messaggi consigliati

no, la mia visione del mondo intero

Piuttosto direi la gente cara Mirtilla.

Il mondo e' bello ,conosco dei posti

veramente incantevoli dove la natura

regna e nn tradisce mai.

Cmq su' con la vita.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Certo Tex! su e giù con la vita, per restare in equilibrio ;)

E la natura è il mio mondo.. unica dimensione reale.. il resto sono solo illusioni :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Certo Tex! su e giù con la vita, per restare in equilibrio ;)

E la natura è il mio mondo.. unica dimensione reale.. il resto sono solo illusioni :)

Intravedo energia solare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

Intravedo energia solare.

solare ma anche lunare ora! e oggi mando a quel paese i rumori violenti e le ansie

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

I mendicanti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Cos' è in realtà la depressione, un uomo infelice è depresso o è semplicemente infelice, un uomo triste è depresso o è semplicemente triste, un uomo svogliato o pigro è depresso o semplicemente svogliato e pigro o è la somma di tutto che fa di un uomo depresso..il non voler lottare, cosa che se vuoi sopravvivere devi fare per forza, fa di una persona una persona depressa..una vita che come principio ha, che devi lottare per ottenere qualcosa, è una vita che tralasciando religione e cose varie, va vissuta o il dubbio è lecito, visto il principio su cui si basa..il non far niente annoia nello stesso tempo, qualora ci fosse data la possibilità di non lottare per ottenere le cose..il lottare come principio è l'unica tassa imposta in natura, anche la natura ha una sua tassa da pagare, il nascere fa di noi esseri debitori, il debito si paga lottando per sopravvivere, niente viene regalato ma tutto va conquistato..o vivi o muori..forse semplicemente ci dovremmo guardare allo specchio e mandarci a quel paese..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

E pur i tempi felici erano quando queste cose non le capivo, quando tempo e spazio non avevano nessun significato, niente aveva un significato, ma tutto significava qualcosa, sto parlando di quando ero piccolo, avvolte penso che l'apprendere qualcosa sia un peso nelle nostre spalle, nella nostra coscienza della realtà. .eppure lottiamo per questo oltre che per la nostra sopravvivenza, per appesantire le nostre coscenze di significato..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Si diventa grandi nel momento in cui si acquista la consapevolezza, tra le altre cose, della morte e della sofferenza. Nostra o delle persone a noi care. Da quel momento in poi tutto cambia, la spensieratezza tipica dell'infanzia ci abbandona e andiamo avanti tra mille dubbi e mille domande che non hanno altra risposta che quella che ognuno di noi si da, dio, il caso, madre natura, il destino e via discorrendo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

L'errore forse sta quindi nel darne per forsa un senso quando in realtà un senso non lo ha..forse la vera ricetta della felicità è questa, non dare senso alle cose, le persone si sballano per questo, perché in quel momento nulla a più senso e sono felici, solo che nel mondo di oggi strutturato meccanicamente, non puoi permetterti di non dar senso alle cose, allora sei costretto a vivere una felicità fatta di momenti, costruiti con fatica e se ti permetti di essere felice inteso come ho scritto, allora sei un nulla facente o un eterno bambino o un drogato..forse mi sta venendo la sindrome di Peter pan..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Non ho idea di quale sia la strada migliore per trovare la felicità.

Forse potrebbe essere fare quello che ci viene naturale ma spesso di solo quello non si vive ed ecco che ci si trova invischiati in situazioni che ci stanno strette, che ci si sente fuori posto ...

Di certo ti posso dire che ogni volta che ci tenevo tanto a qualcosa questo qualcosa andava male e allora ho smesso di cercare di essere felice, di fatto non lo sono ma almeno non perdo più tempo a cercare di esserlo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.