Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Ospite Erika

Buonasera, mi chiamo Erika e sono una ragazza di quasi 23anni . Vorrei scrivere la mia storia con la speranza di ricevere qualche consiglio , ma mi scuso in anticipo perché so che sarà un post parecchio lungo, essendo una situazione molto particolare. Premetto che sono sempre stata una grande appassionata di Giappone e spesso usavo Internet come mezzo per poter parlare e farmi degli amici giapponesi.

Tutto è iniziato nell'estate 2014 proprio con uno di questi miei amici "online" giapponesi. Io mi ero appena diplomata, lui appena laureato in Nuova Zelanda. Ci siamo ritrovati entrambi in un momento piatto della nostra vita in cui cercavamo di capire cosa fare nel futuro e non riuscivamo a trovare lavoro . Cosi ci scrivevamo tutto il giorno per farci compagnia e scoprire le nostre culture.

L ho adorato all'istante, è una persona con un bagaglio culturale ENORME, ha viaggiato in giro per il mondo fin da quando era piccolo, sa così tante cose e io potevo stare ore e ore a leggere dei suoi viaggi e ascoltare le sue storie. Sebbene anche lui (come tutti) abbia i suoi difetti (è molto freddo ad esempio e ha difficoltà a mostrare le sue emozioni) , io continuavo a pensare "voglio diventare come lui, voglio sapere tutte le cose che sa lui, adoro la sua intelligenza". Mi piaceva molto anche il fatto che rispettasse tutti e che per lui fosse un valore molto importante. Sono arrivata al punto di chiamarlo "niichan", che in giapponese significa "fratellone". Mi sono resa conto che l adorazione che provavo si era trasformata in amore circa un anno dopo, e, appunto, nel luglio 2015 ho preso coraggio e gli ho dichiarato i miei sentimenti. Devo dire che però le cose avevano già cominciato ad andare un po' male .. lui era impegnatissimo con la ricerca del lavoro (in Giappone è un inferno) e molto stressato, e io mi sentivo messa da parte , ero impaurita dal fatto che si potesse allontanare da me o che magari avesse trovato una ragazza ecc . Finivo spesso per scrivergli messaggi infiniti dati da questa paura che mi accecava totalmente perché sebbene tutto , sebbene anche io fossi sommersa dagli impegni , io lo mettevo sempre al primo posto . Il suo carattere non aiutava la cosa perché quando c è un problema , di qualsiasi tipo , lui "sparisce". Non risponde più ai messaggi , fa finta che non esisti. Per 2 giorni , 3 giorni, una settimana . E io diventavo pazza. Quando gli ho confessato i miei sentimenti lui era molto sorpreso, mi ha risposto che gli piacevo ma almeno per il momento solo come amica, ma che non voleva che la prendessi come un "no" perché effettivamente anche lui era un po' confuso sull argomento. In pratica mi ha chiesto un po' di tempo per pensarci .

Il tempo però passava... 1 mese , 3 mesi , 1 anno. E io comincio ad essere sempre più frustrata da questa situazione perché mi sentivo continuamente sotto esame, e la persona che prima mi dava quella sensazione cosi dolce, che mi scaldava il cuore e che chiamavo Fratellone era diventata la persona che mi causava uno stress allucinante , talvolta anche ad arrivare a crisi d'ansia . Mi trattava con freddezza , sembrava non gliene importasse nulla di me , gli dicevo che ero in ospedale e non mi chiedeva neanche perché . Sembrava davvero che parlare con me fosse diventato un dovere più che un piacere e che se aveva la scuola per evitare di farlo, lo evitava. Ormai era evidente che non aveva interesse nei miei confronti, figurarsi in senso amoroso . Ma lui continuava a nascondersi dietro la sua nuova scusa:" per prendere una decisione , ho bisogno di incontrarti di persona". (Stavo lavorando per poter andare in Giappone per studiare , quindi lui sapeva benissimo che prima o poi quel momento sarebbe arrivato ) . Io non capivo perché mi diceva così, perché in fin dei conti dopo oltre 2 anni che parlavamo tutti i giorni mi conosceva benissimo , sia i pregi sia i difetti , nei bei momenti e in quelli brutti in cui io scleravo e lo ricoprivo di insulti . In più tutta quella freddezza... che bisogno c'era di farmi aspettare per una risposta che a me sembrava così chiara ? Lo pregavo di dirmi "no , scusa , non mi piaci e non sentirò mai qualcosa per me" per potermene fare una ragione , ma niente . Lui continuava dritto come un treno a dirmi che non era vero ma allo stesso tempo a fregarsene di me . E intanto era arrivato a sparire anche per 2 settimane o, una volta , per un mese intero 

Cosi arriviamo a gennaio 2017. In cui dopo l ennesima litigata ,è sparito "per sempre". Non ha più neanche visualizzato un messaggio. In quel periodo ho fatto un sacco di xxxxxxx, tutte con lo scopo di provare a dimenticarlo. Stavo malissimo. Non ero più padrona di me stessa , mi sentivo disillusa e tradita . Lui era un pensiero costante e assillante che non mi faceva dormire alla notte ma per orgoglio non gli ho più scritto neanche un messaggio dal gennaio fino a luglio . A luglio , dopo essermi trasferita in Giappone, ho realizzato che proprio questa situazione non la potevo accettare . Io gli avevo dato tutto , sostenuto in ogni minima difficoltà , mi fidavo così tanto che avrei potuto dargli la mia vita in mano ma niente. Mi aveva ferita. Io non accettavo la fine di un amicizia che per me era così importante in un modo cosi meschino. Da luglio a fine settembre l ho letteralmente tempestato di messaggi , chiedendogli un "addio". Volevo solo quello , per poter finire in un modo un pelo più dignitoso ... e perché speravo che appunto quella parola mi aiutasse a realizzare che era tutto finito. Quella sensazione , quelle giornate, era tutto finito . Da luglio a settembre lui non ha neanche visualizzato i messaggi. Si comportava come se io non fossi mai esistita e non stessi esistendo , ora aveva il suo nuovo lavoro , i suoi nuovi amici , non c era spazio per me. Ero solo io quella che stava soffrendo come un cane. Quello è stato il momento in cui ufficialmente sono caduta in un baratro . Il fatto che lui si comportasse come se io non esistessi, mi faceva sentire DAVVERO come se io non stessi esistendo . Non provavo più gioia (sebbene appunto fossi in Giappone , che era stato da sempre il mio sogno più grande ) , non mi interessava più di nulla , se potevo rimanevo a sonnecchiare per tutti il giorno perché "beh almeno finché dormo non soffro". Il dolore per essere trattata così , l incredulità .. era un dolore talmente forte da diventare fisico .

a settembre ho osato scrivere nella sua bacheca Facebook "scusa se ti scrivo anche qui, ma non ce la faccio più ... ti prego , finiamola in maniera intelligente e pacifica...", e lui , infastidito del fatto che essendo Facebook tutti potessero leggere, dopo 9 mesi in cui mi ha ignorata, finalmente mi ha scritto. "Ok allora... Non sono cosi cattivo da rinnegare tutto, ma allo stesso tempo non ho energia per risponderti . Scusa se non ti ho risposto, ma sistemare tutto è dura". Che vuol dire ?!!?!? Ero allibita. E anche molto arrabbiata .. lui non mi aveva risposto per lui, così magari non avrebbe più ricevuto 3000 messaggi al giorno , e nemmeno per me, che magari avrei smesso di soffrire. E nemmeno per la nostra amicizia . L aveva fatto solo perché altre persone avrebbero potuto leggere quel messaggio . "Gli altri " erano più importanti di lui , di me, di tutto quello che avevamo condiviso negli anni precedenti . Cosi , ho scritto ancora una volta nella sua bacheca , dato che era l unico modo per avere una reazione . Lui mi ha risposto ancora "ok, addio ". Io :" grazie ". Lui :" grazie a te, per i bei momenti e anche quelli brutti ". Io:" ti scriverò un ultimo messaggio e poi prometto che non riceverai più nulla da me". Cosi sono scoppiata e gli ho raccontato delle cose che non gli avevo mai detto riguardanti la mia infanzia e che mi hanno segnata parecchio .. L ho fatto perché spesso avevamo avuto delle litigate su certi argomenti ma io non avevo mai avuto il coraggio di raccontare quelle cose. Sono scoppiata , ma credo di aver fatto bene perché raccontando quelle cose lui poteva capire il perché di molte mie reazioni. Lui ha visualizzato il messaggio 3 giorni dopo , e una settimana dopo mi ha scritto :"ti voglio bene". Io ho risposto "ti voglio bene anche io , grazie ".

dal quel giorno non l ho più sentito fino a novembre , perché come promesso non gli avevo più scritto nemmeno un messaggio . Anche se ovviamente stavo morendo dentro. A novembre mi ha scritto lui :" ora realizzo quanto sono stato infantile, avrei potuto fare molto di più sia riguardo te che riguardo me stesso". E da lì ci siamo scambiati un paio di messaggi in cui mi raccontava del suo lavoro e io dei miei studi . Ho fatto finta di stare alla grande. Che dovevo fare ? Non ero lì per fargli pena né per sembrare ridicola.. e non ho avuto il coraggio di chiedergli di incontrarci , e quello è stato il rimorso dei mesi successivi .

io gli ho scritto poi a gennaio in un momento di crisi...gli ho scritto che avevo intenzione di suicidarmi e che lo ringraziavo per tutto, che se non fosse stato per lui lo avrei fatto ancora prima ... ed era vero . Tutto quello che volevo in quel momento era smettere di provare quel dolore e quel senso di smarrimento ... il mio programma era stare in Giappone fino a fine marzo , poi tornare in Italia e farla finita ..Il pensiero che presto tutto sarebbe finito mi tranquillizzava. 

Poi lui mi ha scritto a febbraio . Ha detto "sono egoista ma non riesco ancora abbandonarti totalmente " e... beh , i miei sogni in quel momento sono divenuti realtà.. lui mi ha chiesto di incontrarci.

da qui in poi la faccio breve perché sta diventando davvero un post chilometrico.

ci siamo incontrati molte volte da febbraio fino alla fine di marzo , in cui sono ritornata in Italia. Ed è stato fantastico . Avevamo un armonia incredibile . Ci divertivamo, stavamo bene... alla fine abbiamo cominciato a comportarci come fossimo una coppia. È stato spiazzante per tutti e due. Non nascondo che abbiamo fatto anche l amore una volta.. per lui era la prima volta. È stato bellissimo. L ho fatta un Po breve per accorciare, ma ovviamente abbiamo discusso e ci siamo chiariti , non è stato un cambiamento dall oggi al domani . L ultima volta in cui ci siamo visti lui ha pianto perché non voleva che tornassi in Italia . È stato dolcissimo . Mi ha detto di prendermi cura di me stessa. Ci siamo "lasciati" con l intenzione di costruire un rapporto di amicizia un Po più sano in cui lui non sparisce ogni volta che vuole evitare una discussione e io non sclero e non lo assillo ogni volta in cui non mi va bene qualcosa ...

per il momento siamo tra alti e bassi ma va decisamente meglio di prima ... 

solo che faccio ovviamente molta fatica a fidarmi e mi sento completamente dipendente da lui . Nei giorni in cui lui è troppo impegnato con il lavoro e non mi scrive a me sembra di morire , tremo al pensiero che possa lasciarmi ancora..ho deciso di farmi aiutare da uno psicologo perché mi rendo conto che è una relazione tossica , ma sto aspettando di avere un Po più di stabilità economica per iniziare una "terapia".. sia per risolvere i miei problemi d ansia , sia per questa dipendenza .. nel frattempo spero di ricevere qualche consiglio qui .. e di trovare persone che mi comprendano perché vedo come la gente faccia fatica a capire il mio stato d animo ... 

grazie 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Manuele, sei ubriaco? Tutto bene?

 

Erika, non sono uno psicologo ma so che seguire così tanto una persona può portare a logorare se stessi. 

Anche io attualmente mi ritrovo a superare un blocco che ho da 8 anni per una ragazza, e non ne esco in alcun modo. Tutto quello che posso dirti è che il primo passo da fare è accettare la situazione. Sono ancora fermo a quello io... Non riesco a credere che se ne sia andata. Sono passati 8 anni ma ogni giorno mi sembra il primo, e cado in questo vuoto, perché dopo di lei mi sono accorto che non c'era più nulla.

 

Rimango a seguire il post perchè è un argomento che mi interessa molto, spero risponderai.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite Erika
8 ore fa, UnderSans dice:

Manuele, sei ubriaco? Tutto bene?

 

Erika, non sono uno psicologo ma so che seguire così tanto una persona può portare a logorare se stessi. 

Anche io attualmente mi ritrovo a superare un blocco che ho da 8 anni per una ragazza, e non ne esco in alcun modo. Tutto quello che posso dirti è che il primo passo da fare è accettare la situazione. Sono ancora fermo a quello io... Non riesco a credere che se ne sia andata. Sono passati 8 anni ma ogni giorno mi sembra il primo, e cado in questo vuoto, perché dopo di lei mi sono accorto che non c'era più nulla.

 

Rimango a seguire il post perchè è un argomento che mi interessa molto, spero risponderai.

Ciao, grazie per la tua risposta, ormai avevo perso la speranza e pensavo che tutti mi avrebbero risposto come il tipo qua sopra... molto educato...

mi dispiace molto per la tua storia, 8 anni sono un eternità ... io non ce la farei mai , devi essere molto forte.. ti capisco perfettamente ..

hai mai chiesto aiuto ad un professionista ?.. io ne sento davvero il bisogno ... ovvio che lo psicologo non ti risolve i problemi , ma almeno ti indirizza nella via giusta ..

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
17 minuti fa, Guest Erika dice:

Ciao, grazie per la tua risposta, ormai avevo perso la speranza e pensavo che tutti mi avrebbero risposto come il tipo qua sopra... molto educato...

mi dispiace molto per la tua storia, 8 anni sono un eternità ... io non ce la farei mai , devi essere molto forte.. ti capisco perfettamente ..

hai mai chiesto aiuto ad un professionista ?.. io ne sento davvero il bisogno ... ovvio che lo psicologo non ti risolve i problemi , ma almeno ti indirizza nella via giusta ..

Innanzitutto non preoccuparti è stato solo un caso ci sono molte persone disponibili in questo forum, anche se sono iscritto da poco ho trovato qualcuno con cui condividere le mie sensazioni.

Riguardo al chiedere a uno psicologo... ho già trattato questo argomento anche in altri topic.

Non mi fido, il rischio che io trovi qualcuno che vuole solo spillarmi soldi/impasticcarmi di roba che diventi la mia droga è troppo alto, per ora mi sto facendo da ""psicologo"" da solo. Sembra strano ma non è molto complesso, ma la splitudine mi ha portato ad analizzarmi da fuori e ricercare studiando il funzionamento della mente e tutto ciò che può aiutarmi. Per fare ciò utilizzo un diario che scrivo da 3 anni, annotando le mie sensazioni. Facendo così è più semplice analizzarmi.

Ad ogni modo questo è il tuo topic non il mio, se vuoi approfondire la cosa non esitare a scrivermi in privato, sono sempre disponibile praticamente.

 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite Elena Bene

Voglio ringraziare DR.LUKA LELE per avermi riportato il mio amante entro 48 ore. Quando mio marito mi ha lasciato ero così stanco e frustrato fino a quando ho cercato aiuto in internet e ho visto così tante chiacchiere sul Dr LUKA LELE di drlelespelltemple@outlook.com o whatsapp lui +2348151729226 e ho deciso di provarlo e lo contatto e spiegare i miei problemi a lui e ha lanciato un incantesimo d'amore per il mio che io uso per ottenere indietro mio marito.Se vuoi ottenere il tuo amante indietro contatto DR.LUKA LELE via email: drlelespelltemple1@gmail.com o whatsapp him +2348151729226 DR. LUKAS LELE il grande uomo che è in grado di riportare l'amore perduto. E cura anche tutti i tipi di malattie

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
6 minuti fa, Guest Elena Bene dice:

Voglio ringraziare DR.LUKA LELE per avermi riportato il mio amante entro 48 ore. Quando mio marito mi ha lasciato ero così stanco e frustrato fino a quando ho cercato aiuto in internet e ho visto così tante chiacchiere sul Dr LUKA LELE di drlelespelltemple@outlook.com o whatsapp lui +2348151729226 e ho deciso di provarlo e lo contatto e spiegare i miei problemi a lui e ha lanciato un incantesimo d'amore per il mio che io uso per ottenere indietro mio marito.Se vuoi ottenere il tuo amante indietro contatto DR.LUKA LELE via email: drlelespelltemple1@gmail.com o whatsapp him +2348151729226 DR. LUKAS LELE il grande uomo che è in grado di riportare l'amore perduto. E cura anche tutti i tipi di malattie

E che gusto ci sarebbe nel riportare indietro qualcuno che non ti ama davvero?
Ponendo che la magia sia qualcosa di reale in questo universo (e non lo è) , non sceglierei mai di farlo.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
  • 1 month later...

Erika tu mi fai sentire tutto il peso della condizione umana.

Come puoi immergerti in un mare di niente come questo?

Quale ambiente fatto di nulla devi avere attorno per poggiare la tua esistenza sul rapporto epistolare con un nerd giapponese che si fa la sua prima s*****ta a 20 e passa anni?

Leggendo ero preso tra l'incredulità e la pena.

Sia detto in ogni declinazione positiva, ma, davvero ho provato tanta pena.

Spero tu stia meglio e soprattutto ti renda conto che la vita è altrove.

 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.