Vai al contenuto

Pubblicità

Accedi per seguirlo  
Vincent93

Voglio morire

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, sono nuovo...

Sono un ragazzo di 26 anni, che a quanto pare piace alle ragazze, anche se non sono altissimo, né muscoloso, ma in compenso sono molto intelligente. Potrei scrivere un libro sul perché sono stanco di tutto e vorrei farla finita, ma scriverò le cose più rilevanti...

Ho un rapporto pessimo con i miei genitori, se ne fregano di ogni cosa, anche quando mi vedono triste come se avessi visto la morte in faccia, sono solo capaci a rompermi le scatole, e questo non fa altro che far aumentare la mia rabbia che cova dentro me; sono sempre solo, non ho amici, e per questo ho trascorso l'intera estate chiuso in casa, buttato nel mio letto a cercare d'ammazzare il tempo con il telefono, anche se questa situazione cambierà appena non appena apriranno le scuole, perché frequento un corso serale. Alla mia età non sono ancora riuscito ad avere una macchina, e questo mi crea non pochi problemi, dal lavoro, allo spostarmi in generale, al pensare che quella ipotetica ragazza che mi piace, possa preferire un altro piuttosto che me, perché lui, a differenza mia, può portarla al cinema o da qualche altra parte, e ovviamente in tutto questo i miei se ne fregano, e tutto ciò mi pesa molto. Ho molti rimpianti della mia infanzia, perché ho trascorso la mia adolescenza da depresso: non avevo amici, stavo tutto il tempo davanti alla play e dai 17 anni in su anche al pc e scambiavo la notte con il giorno, perché avevo delle fragilità psicologiche che quasi mi costringevano a stare in casa, mentre tutti gli altri ragazzi della mia età si realizzavano, studiando, ed io, ogni mattina, prima di andarmene al letto, sfinito dalla nottata trascorsa al pc o alla play, li guardavo dalla finestra di casa mia, mentre salivano sul treno per recarsi a scuola, ecco perché a 26 ancora frequento un corso serale. Ho tantissimi rimpianti e pentimenti sul mio passato, rimpianti e pentimenti che ogni giorno della mia vita pesano sempre più, come un grosso macigno sulla schiena, che nascondo banalmente con un sorriso... Non ho mai avuto un rapporto sessuale completo, e ciò mi pesa davvero tanto, perché anch'io vorrei poter avere una relazione stabile e duratura, dove oltre ad avere un normale rapporto sessuale, vorrei vivermi la vita con la mia ragazza. Tante volte penso che morirò senza mai aver avuto un rapporto sessuale completo, lo so, è banale, ma ci penso sempre... Come se non bastasse, da qualche giorno sto davvero, davvero male, perché a causa dei genitori della mia ragazza, non la sento da quasi una settimana e il non sapere se sta solo aspettando che le acque si calmino per cercarmi o non mi vuole più, mi manda in collera, per questo faccio appena un pasto in tutto il giorno, sto perennemente buttato sul letto, piango in sogno e tanto altro. Mi sento solo, mi sento come se nessuno mi sopportasse, come se non andassi bene a nessuno, come se non facessi parte di questa società, ecco perché dormo il giorno e sto sveglio la notte, ecco perché sto sempre giù, ecco perché credo sempre di meno sull'umanità, ecco perché piano piano mi sto spegnendo, ecco perché sono quasi apatico, ecco perché preferirei dormire, dormire e dormire, ecco perché vorrei farla finita...

Non riesco a vedermi in un normale futuro con una compagnia, ma da solo, schiavo della solitudine e in grossi problemi economici.

L'unico modo che uso per evadere da tutto questo è il porno, per quei pochi minuti riesce a farmi distrarre, ma non sapete quanto vorrei poter fare l'amore con una ragazza vera...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Ti capisco, io a 27 anni ho una brutta malattia che da un paio d'anni dopo un peggioramento imprevisto mi ha portato a passare gran parte delle mie giornate sul letto con un tubo nella trachea, non ho una donna, non ho mai avuto nemmeno mezzo rapporto sessuale e nell'ultimo anno sono diventato ansioso fino ad avere qualche attacco di panico quando resto anche 5' da solo in casa. 

 

PS
Spero vivamente che non hai fatto qualche caxxata durante questi 9 giorni dalla pubblicazione del post. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Avere un rapporto sessuale non risolverà i tuoi problemi. Quello che dobbiamo fare è trovare il coraggio di non vergognarci di essere più fragili delle persone che ci stanno attorno. Non tutti riescono ad affrontare le difficoltà della vita in modo risoluto e rimettersi in piedi in un niente, per alcuni la difficoltà maggiore sta nel trovare la forza di provare a lottare e ci possono volere anni per farlo. Io sono come te, ho iniziato a stare male e ad isolarmi verso i 15 anni e da allora non sono più riuscita ad instaurare amicizie, il che mi portava a passare le giornate da sola. Ormai mi sono abituata così tanto alla solitudine che quando la gente cerca di avvicinarsi inevitabilmente allontano tutti. Gli ultimi anni di liceo ho iniziato a fare assenze su assenze perché non riuscivo più ad affrontare la minima difficoltà, per me ogni piccolo ostacolo diventava un muro invalicabile. Così ho lasciato la scuola e ho vissuto l'anno peggiore della mia vita sentendomi la peggio merda dell'universo, incapace di reagire alla vita. Dopo qualche anno sono riuscita a prendere il diploma e poiché i sensi di colpa per aver lasciato la scuola non mi lasciavano in pace, ho preso la decisione di andare all'università per ricominciare da zero in un'altra città. Che te lo dico a fare, mi sento ancora così, come se non fossi fatta per stare al mondo, come se non meritassi nemmeno di sprecare ossigeno. Quando sento le notizie di cronaca nera mi sento addirittura in colpa: perché loro che volevano vivere sono stati privati della vita e io che non sono capace di apprezzarla sono ancora qui? Ma nonostante tutto, mi rendo conto che oggi sono più forte e che riesco ad affrontare cose che prima non avrei mai immaginato di affrontare. Quando guardo indietro e mi rendo conto di aver fatto un passo in avanti, anche se piccolo, ciò mi dà coraggio e mi mantiene ancorata a questa esistenza. So che non passerà mai, qualunque scelta o svolta possa prendere la mia vita mi porterò dietro questo macigno che si chiama depressione. Non c'è niente che possiamo fare se non accettarla come una parte di noi e imparare col tempo a volerci bene e trattare noi stessi piuttosto che con odio, come tratteremmo un amico caro che soffre: con comprensione e gentilezza. Se solo ci riuscissimo sempre.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Un consiglio a tutti quelli che si trovano in situazioni simili: cercate una associazione di volontariato ( ce ne sono tantissime, sicuramente una anche nella vostra città o paese ),  quelle associazioni che si occupano di aiutare gli ultimi, quelli che hanno fame, non hanno una casa, le persone non autosufficienti, i malati... Mai come in casi come questi, aiutare gli altri in modo concreto aiuterà anche voi, darà un senso alla vostra vita, vi aiuterà ad aprirvi al mondo e a "lavorare" con altre persone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.