Vai al contenuto

Perdita lavoro causa ansia e panico


Messaggi consigliati

Buongiorno, 

Lavoro da qualche anno in una piccola azienda. Il lavoro l'ho avuto perché ho cercato di riqualificarmi essendo che ero disoccupato e non ho competenze spendibili sul mercato. Ho sempre sofferto il posto di lavoro, è sempre stato difficile per me andare ogni mattina a lavorare. Mi sento del tutto demotivato e quello che faccio non mi gratifica per niente, sopporto e basta. La paga è molto scarsa e non mi permette di fare nulla, non ci pago neanche l'affitto con quello che prendo e vivo a casa dei miei genitori.

Soffro da molti anni di ansia e problemi connessi tra cui forse anche depressione. Attualmente non so cosa fare perché non riesco più ad andare al lavoro con continuità, ho crisi di ansia e spesso prendo giorni di malattia, prendo delle medicine prescritte dal mio medico. Al lavoro mi stanno facendo intendere che loro non possono fare nulla per me ( avevo chiesto se per cortesia potevo avere almeno una mia postazione lontano dal rumore perché l'ufficio è piccolo e io sono nel corridoio, avevo chiesto che il titolare per favore andasse a litigare in un'altra stanza e non davanti a me che non centro niente, m a io sono nel corridoio quindi devo sentire tutto e questo mi crea ulteriore ansia). I colleghi mi vedono come un rompipalle, non sono mai risultato simpatico.


Fuori dal lavoro la mia vita sociale è zero, passo quasi tutto il tempo a casa.

Penso che il prossimo passo sarà la perdita del lavoro, vedo che non riesco a reagire in questa situazione e nessuno può fare nulla per me. Ho provato anche a cercare un altro lavoro, ma l'ansia è stata talmente forte che ho dovuto rinunciare a colloqui che ero riuscito faticosamente a ottenere.

Qualcuno ha mai avuto situazioni simili e può darmi qualche consiglio? 

Grazie 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Buongiorno Rxx,

innanzitutto, premettendo che non sono uno psicologo, mi permetto di dirti che nel caso in cui desiderassi ricevere il parere di uno specialista prova a contattarne uno (potresti per esempio servirti del servizio di consulenza psicologica gratuita messo a disposizione da www.psichehelp.it chiamando il numero gratuito 3278115091). Detto questo, mi permetto di risponderti sulla base di ciò che hai scritto, orientandomi con quella che non è altro che la mia esperienza di vita personale.

Parto dall'idea che quelli che definisci attacchi d'ansia con problemi annessi dai quali ne potrebbe conseguire una sorta di depressione potrebbero essere correlati al tuo senso d'insoddisfazione nel fare qualcosa che, appunto, come tu stesso dici, non ti gratificherebbe per nulla.

Di sicuro il rumore e le continue influenze negative (le urla del capo) che continui ad assorbire, non ti sono per niente d'aiuto, soprattutto in un caso del genere; anche perché non fanno altro che accentuare il tuo senso di angoscia e d'intolleranza nei confronti di questo lavoro che inizia a starti sempre più stretto.

Un altro punto a tuo sfavore credo consista nel non avere una vita sociale, o comunque delle distrazioni o degli interessi a cui dedicarti oltre al lavoro.

Se fossi un tuo collega, probabilmente anch'io ti vedrei come un rompiscatole; in quanto l'ansia dalla quale ti lasci divorare potrebbe arrivare a suscitare le antipatie degli altri colleghi, in quanto ne deduco che, molto probabilmente le uniche interazioni che avrai con loro si baseranno su continue lamentele ed eventuali sfoghi (verbali o non verbali che siano) in merito al modo in cui vivi questa tua situazione lavorativa. A volte basta semplicemente un volto demotivato o una semplice smorfia d'insofferenza per appesantire la giornata di qualcun altro (soprattutto la giornata lavorativa di qualcun altro).

Motivo per cui ti consiglierei di non abbandonare questo lavoro, in quanto ti sta permettendo di prendere coscienza riguardo alcuni tuoi atteggiamenti mentali che ti portano a provare sensi d'insoddisfazione e di eventuale inadeguatezza. Prova a vederne il lato positivo, poiché avresti modo di lavorare anche su te stesso prendendo spunto proprio da ogni singolo generatore d'ansia.

Inoltre ti consiglierei anche di concentrarti un po' di più su ciò che fai, senza cercare "scuse" esterne; per poter di conseguenza arrivare a far meglio ciò che dovresti portare a compimento (esempio, il tuo lavoro correlato al tuo bisogno di placare le tue ansie). Se riuscissi a concentrarti un po' di più in ciò che fai, a poco a poco ti renderai conto che tra i confini del tuo silenzio interiore, le urla del capo (ad esempio) inizieranno a essere sempre più sfumate e soprattutto sempre più esterne a te, piuttosto che interiorizzarle permettendo di amplificare l'eco dell'ansia.

Tra l'altro, se fossi al posto tuo, strutturerei le mie giornate in modo da avere anche degli spazi di tempo per me stesso, dedicandomi a qualcosa che più mi piace fare. Ricordi quando al ritorno da scuola i genitori per indurci a fare i compiti cercavano di dare un ordine alle nostre priorità dicendoci: "prima il dovere e poi il piacere?"

Bene, dopo aver lavorato concediti dei momenti di piacere (sano e gratificante). E anche dei momenti di silenzio interiore, per ricaricarti di energia. Pensare troppo può risultare dannoso e confusionario nella stessa misura in cui questo nostro "ineducato" e insano modo di pensare arriva a tradursi in confusione reale.

Allo stesso tempo mettiti in moto per cercare un lavoro migliore, senza lasciare quello attuale finché non sarà il momento di salire sul gradino successivo, piuttosto che lasciarti cadere dalle scale. Credo che nella vita di ognuno di noi, ogni cosa che ci si presenti vada di pari passo con il nostro "livello evolutivo". Per adesso hai bisogno di affrontare questo step, questo esame, per poi passare a quello successivo andando avanti in quello che non è altro che il tuo personale percorso di crescita e di scoperta: la tua vita.

Infine, mi sento di dirti di provare a fare un piccolo sforzo nel cercare di vedere nelle interazioni con gli altri dei riflessi che ti invitino a conoscerti meglio. Cerca di essere un po' più "simpatico" con i tuoi riflessi (e soprattutto con te stesso e con il tuo modo di pensare). Solo così, potrebbe derivarne un'immagine più nitida e più degna di essere apprezzata; in primis da te stesso. Evita di essere "negativo", perché è proprio il tuo punto di vista a determinare l'andamento degli eventi e la formazione del tuo modo di essere.

Scrivendo, per esempio:

Quote

Penso che il prossimo passo sarà la perdita del lavoro, vedo che non riesco a reagire in questa situazione e nessuno può fare nulla per me.

non fai altro che esteriorizzare a livello conscio una tua (quasi speranzosa) previsione inconscia destinata a realizzarsi, perché in parte è come se tu volessi che ciò accada, intravedendo in questa possibilità una sorta di liberazione dalla quale potrebbe derivarne un miglioramento della tua condizione attuale. Come se le tue ansie e le tue insofferenze dipendessero esclusivamente da qualcosa di esterno (il tuo lavoro), quando in realtà non è così. Potresti anche cambiare lavoro e potresti anche trovarne uno migliore, ma finché non riuscirai a reagire capendo che chi deve fare qualcosa per te stesso sei tu e non gli altri, le cose continueranno a ripresentarsi finché non avrai imparato che il tuo punto di vista dipende solo da te, non dagli altri.

Prova a pensare a una borsa il cui lato frontale è pieno di colori e quello posteriore è nero. Per adesso è come se ti stessi focalizzando nel considerare l'intera borsa di colore nero semplicemente perché la tua prospettiva ti rimanda, (per riflesso mentale), la visione del nero. Prova a cambiare punto di vista, iniziando a focalizzarti su altre angolazioni di quella stessa borsa, potresti stupirti nel ritrovarti a visualizzare un arcobaleno che non avevi mai considerato. Permettendo così al sole di potersi far largo fra le tue nuvole mentali.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ringrazio per i suggerimenti e il lungo post ma parte di quello che intendi ho già provato a farlo. Riguardo al punto di vista purtroppo anche con la buona volontà non riesco più di tanto a cambiarlo. Per me oggettivamente andare in quell'ambiente mi fa stare male, per questo dico che sarebbe meglio lasciare. Restare non mi sta portando a nulla mi sta solo peggiorando la vita. La carriera e tutte queste belle cose per me non esistono perché io ho sempre pensato al lavoro come un mezzo per avere i soldi per fare altro e tuttora non riesco a vedere niente di positivo nel stare a fare cose che non interessano per ore senza alcuna soddisfazione.

Per me guardare il lato positivo in questa situazione equivale ad ingannarmi, a pretendere che vada tutto bene. Posso farlo per un giorno ma il giorno dopo sono di nuovo da capo. Riguardo all'antipatia dei colleghi, se gli sono antipatico non so cosa farci. Non riesco a fingere di essere simpatico, se sto male dovrei sorridere? sarei un ipocrita.

Purtroppo ci sono stati dei litigi pesanti con alcuni colleghi e comunque ripeto, se sto male non è colpa loro ma, loro sono comunque concausa del problema, se mi avessero trattato meglio in passato ora forse si starebbe meglio.

 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

 

Quote

La carriera e tutte queste belle cose per me non esistono perché io ho sempre pensato al lavoro come un mezzo per avere i soldi per fare altro e tuttora non riesco a vedere niente di positivo nel stare a fare cose che non interessano per ore senza alcuna soddisfazione.

Credo che finché continuerai a pensarla in questi termini, per te continuerà a essere così.

Naturalmente ti auguro di ricrederti e di realizzarti.

Allo stesso tempo, però, mi domando: "perché chiedere consigli all'interno di un Forum, se già sai come intendi agire?"

La decisione spetta solo a te a prescindere da eventuali approvazioni o disapprovazioni da parte degli altri.

Il mio non voleva essere un invito a fingere di essere simpatico e/o a essere ipocrita, ma a trovare un modo per reagire e per cercare, tra te e te, il miglior modo per affrontare e superare gli ostacoli. Prendendoli come spunti di riflessione per comprenderti e per comprendere meglio ciò che la vita può farti capire.

Troverai chi ti dirà: "tieni duro" e chi ti dirà "lascia", ma non credi che in questo modo potrebbe scaturirne una maggiore confusione?

Solo tu puoi sapere quello che stai attraversando. E se lasciare questo lavoro per te significa guadagnarne in salute, cosa aspetti?

Secondo me hai già deciso. Ma allo stesso tempo, nonostante potrai sicuramente contare sull'appoggio dei tuoi, ti chiederai:

"E dopo? Cosa farò?" Se già consideri la tua vita sociale pari a zero, come pensi che potrebbe essere dopo?

Naturalmente ti auguro con tutto il cuore che tutto possa andarti per il meglio. Ma non fare l'errore di restare ad aspettare che il prossimo lavoro, oltre a essere migliore, possa caderti dal cielo. E soprattutto non rinchiuderti in casa più di quanto tu non lo faccia già.

 

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Non capisco comunque quello che intendi. Prendere gli ostacoli come punti di riflessione in che senso? Puoi fare un esempio concreto?

Non sono sicuro nel come agire ma a questo punto mi vedo senza scelte quindi non vedo alternative al lasciare.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Prendere gli ostacoli che si presentano lungo il nostro cammino come spunti per riflettere su cosa dobbiamo imparare da quelle determinate difficoltà.

Ogni difficoltà che incontriamo porta con sé una grande lezione che ci permette di imparare una determinata ARTE per poter superare un determinato STEP.

Esempio concreto:

Un determinato studente ha deciso di iscriversi in una determinata università.

Pertanto, oltre a studiare, è tenuto a presentarsi agli esami. Può però succedere che, per un motivo o per un altro, pur presentandosi a un determinato esame, non lo superi. Quindi il conseguimento del suo obiettivo (superare l'esame) viene ostacolato, da un qualunque motivo che non gli permetta di superarlo (ansia, poca preparazione, timore di non essere abbastanza preparato, o anche a causa di una troppa preparazione che lo mandi in confusione e possibilmente proprio per paura di sbagliare -a rispondere alle domande del prof.- sbaglia).

Lì per lì, a caldo, gli risulta più sbrigativo credere e convincersi che il prof. sia stato "pessimo" avendogli fatto domande particolarmente specifiche. (Quindi gli verrà più semplice individuare il problema all'esterno; negli altri).

Però, successivamente inizia a riflettere su cosa l'abbia portato a non superare quell'esame.

Ci pensa, ci ripensa e poi però (piuttosto che abbandonare l'università) si rimette sui libri a mente serena e ci riprova, finché non lo supera.

Perché lui è uno studente determinato a voler imparare e a volersi laureare.

Allo stesso modo, la vita, ci mette nelle condizioni di dover superare determinati esami. E finché non li supereremo, potremmo anche andare dall'altra parte del mondo, ma quelle prove da dover affrontare ce le ritroveremo sempre presenti, nella stessa misura in cui ci servono a crescere.

 

Ostacolo.jpg

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ti ho risposto. Ma probabilmente il messaggio che ho postato ha bisogno di essere verificato e approvato.

Pur non conoscendoti mi spiace molto per il modo in cui stai affrontando questa tua situazione lavorativa.

E mi spiace anche che tu la viva così:

Quote

quello che faccio non mi gratifica per niente, sopporto e basta. La paga è molto scarsa e non mi permette di fare nulla,  non ci pago neanche l'affitto con quello che prendo.

 

Però sono dell'idea che le esperienze servano. E al posto tuo mi sentirei decisamente più ricco nel riuscire a sfruttare questa situazione per lavorare

soprattutto su me stesso; in modo da non trascinarmi dietro determinate problematiche anche in un potenziale lavoro futuro.

Quanto meno, pur non essendo in possesso di qualifiche e/o competenze spendibili sul mercato, (così come dici tu), al prossimo colloquio ci andrei con più sicurezza e più esperienza. Per di più, sempre se fossi al posto tuo, non dovendo far fronte alle spese necessarie per vivere da solo (dal momento che vivi con i tuoi e che oltre al lavoro staresti sempre in casa), cercherei di investire quei pochi soldi guadagnati per qualificarmi in qualcosa che mi dia modo di far ciò che più mi piacerebbe fare.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.