Vai al contenuto

Situazione soffocante in famiglia


Messaggi consigliati

Buonasera a tutti,

Potrei stare ore a parlare di quanto sia orrenda questa mia fase della vita, cercherò di essere sintetico. Mio padre ha tutta l'aria di essere uno di quei genitori che viste le frustrazioni della vita mal sopportano l'idea che il figlio possa avere una vita soddisfacente. Durante la mia adolescenza ha sempre cercato di limitarmi, di rendermi gestibile, manipolato, incerto di me stesso. Sono sempre stato un ragazzo chiuso molto insicuro socialmente, ho 22 anni e mai avuto l'ombra di una ragazza, solo pochi amici e spesso pure di scarsa qualità. Nella mia adolescenza mio padre ha letteralmente fatto terra bruciata nella mia vita rendendomi bloccato in qualsiasi cosa facessi, ingaggiando una vera e propria guerra contro la una libera personalità. Se non sono impazzito è perchè ho avuto un sogno, il sogno di essere l'opposto di quello che mi veniva chiesto di essere, cioè l'opposto di un burattino senza volontà né pensiero proprio: uno scienziato. Ho vissuto in questa passione di nascosto, visto che sono stato iscritto contro la mia volontà al liceo classico. Ma paradossalmente questo è stato un bene, perchè così ho potuto tenere distaccati i miei interessi dalla vita in famiglia. Tre anni fa ho scelto con grande entusiasmo l'università di fisica, nonostante i vari tentativi di farmi cambiare idea e i bronci di mio padre che mi voleva carabiniere. Quando ha capito che non poteva farmi cambiare idea, ha cominciato ad aggredirlo con una violenta pressione mentale, rinfacciandomi i soldi dell'università, il sostentamento quotidiano, chiamandomi suo "operaio" che deve "produrre" (dare le materie). Questo perchè non voleva che per la prima volta in vita mia mi riconoscessi in quello che facevo e mi sentissi a capo di me stesso. Così la mia passione è stata soffocata, ho reagito con un blocco totale, non ho perso la passione, ma non riesco ad essere sereno nello studio ed a lasciarmi trasportare dall'interesse verso la materia, che è diventato così un macigno insostenibile. Davanti al libro mi sento come se avessi un coltello puntato alla gola, incapace di rilassarmi e spaziare con la mente per capire meglio e memorizzare cosa leggo perchè la pressione emotiva che ho addosso mi spinge a pensare solo al "non fare arrabbiare mio padre". Questo blocco ha compromesso gravemente il mio godimento di quello che faccio, ormai praticamente nullo, e la mia creatività. Mi sento espropriato da me stesso, soffocato, il mio sogno non è più un riparo dalla meschinità di mio padre, ma, anzi, ha bisogno a sua volta di essere al riparo. Non mi addentro nel descrivervi le angherie di questo genitore perchè non voglio inorridirvi ulteriormente.

Il tempo passa ed io devo liberarmi, ma so che solo con la mia completa indipendenza economica potrò permettermelo. So che sembrerà un discorso bambinesco, fuori dal mondo od ovvio, ma ho urgentemente bisogno di potermi permettere una vita da solo, qualsiasi essa sia. Basta che abbia la minima dieta possibile, quel tanto che basta per non denutrirmi, un letto, un buco da chiamare casa, ed il tempo per poter studiare nonostante il lavoro, recuperando la mia passione, recuperando me stesso, prima che sia troppo tardi. Vi prego, se avete suggerimenti, qualunque essi siano dite pure, anche la cosa più assurda va bene purché abbia un senso. Spiegatemi dove devo scappare per cominciare a vivere. Mentalmente sono un bambino, non mi è mai stata permessa una concezione lucida e comprensiva del mondo del lavoro, perché potessi essere il più sottomesso possibile, quindi spiegatemi come fare, ammesso che ci sia un modo, vi ringrazio di cuore.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


Allora la tua situazione è abbastanza complicata. Hai parlato solo di tuo padre, se posso chiedere la madre non c'è l'hai? Perché se c'è l'avessi potrei consigliarti in modo diverso. In caso contrario posso dirti di cercare una casa in affitto che non costa tanto. Se non riesci a permettertene nemmeno una potresti provare a fare il governante in una casa. In quel caso andresti a vivere in casa di altra gente (che diventeranno poi i tuoi capi), dovresti pulire, lavare i piatti, stirare, cucinare, fare quello che fanno le casalinghe in pratica, e verresti anche pagato. Ovviamente non penso che facendo già il governante riusciresti a mantenere il tuo attuale lavoro. Se no (so che non ha senso ciò che ti sto per dire perché l'avrai già fatto immagino) dovresti cercare di parlare con tuo padre per fargli capire che non è giusto che lui si intrometta nelle tue decisioni perché la vita è tua e solo tu hai il diritto di scegliere ciò che è meglio per te (ovviamente compiuti i diciotto anni). Dopo questo discorso, se è ancora contrario e ti obbloga a fare ciò che vuole lui, potresti anche provare a ricattarlo dicendo che se non ti lascia la possibilità di scegliere te ne vai di casa. Dicendogli questo forse cambierà idea. Se hai qualcos'altro da chiedermi fai pure❤.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.