Vai al contenuto

Mamma


Lisa.amy

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, sono una ragazza di 17 anni. Scrivo qui perché ho bisogno di sfogarmi, ho appena litigato con mia madre per l'ennesima volta; il motivo è una stupidaggine ma comunque mi ha fatta innervosire. In breve: é Halloween e sarei voluta uscire con delle mie amiche (che sono tante però nessuna é molto stretta o troppo affidabile se non forse una), con alcune sono stata in ballo fino alla fine mentre altre erano tutte già organizzate. Non c'entra niente però anche questa cosa mi dispiace perché sento di star buttando via la mia adolescenza in questo modo, l'unica sera che avevo provato a bere un po' con delle mie amiche ho avuto una crisi e mi sono ritrovata in ospedale (di questo magari ne parlerò in un altro momento).      Comunque tornando a noi, anche mia madre poteva fare delle cose ma per sua decisione ha voluto aspettare per capire cosa volessi fare io (perché se avessi fatto qualcosa mi avrebbe dovuta portare e venire a prendere, però voglio dire c'è anche mio padre quindi...). Quando me l'ha detto io ho detto "ma no vai pure" e lei non ha comunque voluto. Alla fine non ho fatto niente e nemmeno lei perché ha aspettato troppo e ieri sera mi ha proposto di andare in una città, la domenica pomeriggio, che è vicino a dove abito, in più la sera non uscendo con i miei amici dovevo uscire con lei e mia nonna. Oggi mi ero già vestita per andare in questa città e ho iniziato a cercare dei pantaloni di mia madre (che però di solito uso io) perché dovevo mettermeli stasera e non li trovavo quindi sia io che lei ci siamo messe a cercarli anche se le avevo detto che ci conveniva andare prima che venisse tardi e se poi non li trovavamo andavano fuori loro due ed io stavo a casa (so che sembra un capriccio e forse lo è anche ma sinceramente mi sono stancata che le cose vadano sempre in un altro modo e io poi mi devo adeguare, adesso basta o le cose si adeguano a me oppure non faccio più niente), tanto comunque non cambiava nulla visto che in teoria dovevano uscire solo loro due, io mi sono aggiunta dopo perché alla fine non facevo niente. Lei si è arrabbiata e ha detto che era stanca e che non andavamo neanche fuori il pomeriggio. C'è io ero già pronta, mi ero anche lavata i capelli al mattino apposta, mi sono molto innervosita, anche perché dopo lei ha iniziato a darmi le colpe del fatto che lei non facesse niente questo weekend quando è stata proprio lei a decidere di non prendere impegni, cioè io non le ho chiesto niente perché dice così, questa cosa mi ha fatto andare in bestia, giuro, ho iniziato ad urlarle contro perché mi è salito il nervoso. Sono scappata in camera per non tirarle qualcosa in testa veramente perché stavo andando veramente fuori di me. Ho sbattuto la porta e ho iniziato a buttare per terra tutto quello che vedevo. Ho pianto dalla rabbia e mi son chiesta come ho fatto a non urlare più forte, a non prenderla a male parole o anche a lanciarle qualcosa addosso (niente di pericoloso, intendo tipo cuscini o cose morbide). Non sono violenta e neanche irascibile, anzi sono una persona che riesce abbastanza a contenersi, quando sono arrabbiata al massimo offendo pesantemente ma non metto mai le mani addosso, non urlo nemmeno, posso arrivare ad alzare un pochino la voce ma oggi veramente sono uscita dal mio range di voce. Mia madre è l'unica persona che riesce a farmi arrabbiare così tanto, giuro nessun altro potrebbe farmi innervosire così, neanche mio padre. Non riuscivo a smettere di piangere, non so neanche se continuavo a piangere per il nervoso o per altro ma continuavo. Per sfogarmi ho iniziato anche a pistrarmi i capelli senza sosta, oltretutto la piastra è uno strumento che cerco di evitare perché rovina molto i capelli solo che il mio intento era proprio quello in quel momento, non tanto rovinarmi i capelli ma farmi in generale del male. Mi sono anche puntata la torcia del telefono negli occhi, so che non ha senso però sentivo il bisogno di farmi del male, non so perché. Non è la prima volta che quando provo un sentimento negativo reagisco in questo modo. Questa cosa devo dire che l'avevo un po' anche da piccola, mi ricordo che quando non riuscivo a fare qualcosa per esempio nei compiti iniziavo a darmi dei pugni in testa il più forte possibile come sorta di punizione e ineffetti mi aiutava a stare meglio (nonostante il dolore fisico che mi procuravo). Dopo sono riuscita a calmarmi, adesso infatti sto meglio, comunque non voglio più parlarle per almeno una settimana, ma non scherzo cioè non vorrei neanche vederla ma vivendoci insieme non posso farne a meno. Non voglio essere cattiva, voglio molto bene a mia madre e so che lei ne vuole a me, però a volte non so cosa darei perché lei fosse molto diversa da come è in realtà.                                                    Vabe arrivati a questo punto ringrazio chi ha letto tutto e l'unica cosa che mi viene da chiedere è: avete qualche consiglio? 

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    • Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.