Vai al contenuto

Pianto convulsivo adolescenti


Messaggi consigliati

Buongiorno,

mia figlia adolescente alcune volte, dopo un normale pianto iniziale, dirompe in un pianto affannoso ossia una specie di singhiozzo con respiri molto corti e apparentemente incontrollabli che dura due a volte tre minuti. Lei sente arrivare questa ondata ma non riesce a controllarla. Questo accade in situazioni di rimprovero, di forte disappunto o in generale in situazioni apparentemente difficili da gestire. Chiedo cortesemente se puo' essere un comportamento spesso riscontrabile in questa fascia di età (adolescenti) se può passare con il tempo e la crescita e cosa si puo' fare nell'immediato per impedire il passaggio dal pianto normale a quello convulso. Grazie a chi vorrà essermi di aiuto. 

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


Salve. Il primo passo è senza dubbio un controllo presso uno pneumologo (od altri medici comunque specializzati in disturbi della respirazione).

In queste situazioni, in ogni caso, la componente emotiva è importante perché, anche fosse a tutti gli effetti un fatto puramente biologico, ciò potrebbe avere un impatto negativo nella vita sociale ed emotiva di sua figlia. Questa piattaforma è aperta a tutti: le chieda di iscriversi con un account e di scrivermi un messaggio privato, la aiuterò come posso (sono laureato in Psicologia)

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Il 5/4/2022 alle 14:32 , AlessioFoglia ha scritto:

Salve. Il primo passo è senza dubbio un controllo presso uno pneumologo (od altri medici comunque specializzati in disturbi della respirazione).

In queste situazioni, in ogni caso, la componente emotiva è importante perché, anche fosse a tutti gli effetti un fatto puramente biologico, ciò potrebbe avere un impatto negativo nella vita sociale ed emotiva di sua figlia. Questa piattaforma è aperta a tutti: le chieda di iscriversi con un account e di scrivermi un messaggio privato, la aiuterò come posso (sono laureato in Psicologia)

Buongiorno, grazie per il consiglio (non avevo pensato all'aspetto biologico) ma preferirei per il momento non "dare peso" a questo atteggiamento e vorrei capire come procedere nel migliore dei modi. Capisco che per interposta persona e' complicato ma al momento eviterei di coinvolgerla direttamente. Ho un dialogo aperto con mia figlia se ci fossero altre indicazioni o esperienze simili mi piacerebbe ascoltarle. Grazie

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    • Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.