Vai al contenuto

Non so che fare con lei!


Messaggi consigliati

Salve.
Sono un uomo di 48 anni e due mesi fa mi ha lasciato (lei ha quasi 1 anno più di me). Mi ha detto che non le arriva nulla di quello che dico di provare per lei, che non sono maturo, che non la capisco, che gli serve una persona che la trascini, che il rapporto non cresce, ... Queste frasi me le ha sempre ripetute da quando ci siamo conosciuti nel 2011 e in questi anni non ricordo una frase carina o un apprezzamento sul mio modo di essere (a parte un "oramai sei uno di casa"). Il nostro rapporto è sempre stato un tira e molla, non convivevamo e nè eravamo sposati.
Ho sempre avuto difficoltà nel relazionarmi con lei, come avessi una sorta di freno che mi ha sempre impedito di essere con lei spontaneo.
Il mio disagio nei suoi confronti (e dubbi) sono dovuti a certi suoi comportamenti da sempre presenti:
- definirmi amico di fronte alla comitiva ma poi per famiglia e parenti ero il compagno (a casa tutti mi stimavano e mi portavano in pianta di mano);
- mi ha da sempre definito immaturo, incapace di capirla, infantile, incapace di mettermi nei panni degli altri, insicuro, ecc...;
- Il giorno del matrimonio di un suo cugino lo scorso anno un parente gli chiese "è il tuo fidanzato?" e lei "quale fidanzato?";
- Lo scorso anno eravamo in auto fermi al semaforo quando vede un ragazzo in bici e dice "che tipo interessante" (giuro che per un secondo mi è passata l'idea di lasciarla a piedi);
- Quando ero a casa da solo con lei, visto che ci si vedeva una volta o due a settimana, spesso passava il tempo a rispondere alle chat di scuola (lei insegna da circa 4 anni) e io stavo lì che mi ripetevo spesso "ma cha ca77o ci faccio qui?");
- Ultimamente mi ripeteva che aveva la testa oramai fusa e che non era in grado di prendere decisione su nulla e che dovevo essere io a decidere anche per lei. A me sto discorso non stava bene, se si è in due in due si deve decidere;
- Mi ha accusato di non essere in grado di mettermi nei panni degli altri in quanto non sono capace di capire cosa voglio da me stesso;
- Negli ultimi tempi mi accusava di cercare la sua approvazione (non mi sembra sbagliato cercare l'approvazione della propria donna, o no?) e che non la stimolassi abbastanza. Lei ha una situazione particolare a casa, deve occuparsi della madre che da anni ha problemi di salute (ha un fratello e una sorella ma se ne fregano). Io ho perso mio padre nel 1992 (avevo appena compiuto 18 anni) e poi l'unica mia sorella di 42 anni nel 2007. Da allora sono rimasto con mia madre, dovendomi sobbarcare ogni giorno la sua giustificata tristezza e negli ultimi anni i problemi legati all'età (ha 84 anni). E questo mi ha pesato tantissimo, non ho mai trovato la forza di andarmene di casa per non lasciarla da sola, cambiando anche il mio carattere e dando una mazzata al mio entusiasmo. Mi accusa di non comprendere il dolore degli altri e di essere lontano dalla realtà. Io sinceramente, anche per quello che mi è capitato, non credo mi si possa attribuire quanto detto da lei. Certo, vivere con un genitore anziano ti limita in tante cose, non hai quella libertà di prendere e partire per 15 gg, stai sempre in ansia;
- Lei ha da sempre avuto rapporti difficili in famiglia, è in continua discussione con i loro componenti e spesso afferma di essere circondata di persone che non la capiscono;
- In questi anni ha sempre addossato le colpe del nostro rapporto "fermo" su di me, mai una volta che l'abbia sentita dire "dipende anche da me".

Io credo che un rapporto debba fondarsi sul rispetto reciproco, se una persona ti considera meno di niente e incapace di farla felice come si fa ad essere spontanei e propositivi? E non credo che le responsabilità siano quasi tutte additabili a uno dei due.

Nell'ultimo incontro gli avevo proposto la convivenza credendo fosse un primo passo importante verso la concretizzazione del rapporto, ma nessuna reazione, nè positiva nè negativa. Poi ho provato a baciarla ma si è girata.

Il giorno dopo l'ho invitata ad uscire e mi disse che non gli andava, poi alla fine mi sono ritrovato a parlare al telefono da solo.

In questi 2 mesi esatti le non ho più provato nè a scrivere nè a chiamarla (nemmeno lei, che anzi non ha mai letto un mio messaggio e mi ha rifiutato due chiamate) ma nel frattempo ho riflettuto sulle mie responsabilità. Sicuramente mi sono messo spessissimo nella posizione che fosse lei a decidere dove andare e cosa fare, quando proponevo qualcosa c'era sempre da ridire e alla fine mi sono detto "fai decidere lei, tanto a me va bene perchè l'importante è che sia contenta lei", dando per scontato che andasse bene.

Possibile non provi più un minimo di sentimento per me? Come si fa a cancellare dalla testa e dal cuore una persona?

Mi sta passando per la mente l'idea di inviarle una lettera (che magari potrei anche condividere con voi se volete) in cui riconosco le mie mancanze (ma vorrei farle notare anche le sue) più che altro per mettere definitivamente la parola fine dicendole ciò che di persona negli anni non sono stato in grado di dirle (mie responsabilità ma anche le sue).
Tra l'altro ho il telecomando del cancello che vorrei rispedirgli.
Che ne pensate?

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


ci sta scriverle una lettera per chiarire definitivamente alcune cose, in bocca al lupo. Se ti fa piacere pubblica pure qua la lettera 🙂

Link al commento
Condividi su altri siti

 
In questo momento, pisi ha scritto:

ci sta scriverle una lettera per chiarire definitivamente alcune cose, in bocca al lupo. Se ti fa piacere pubblica pure qua la lettera 🙂

Salve.

Di seguito la lettera per avere un consiglio da parte di persone sicuramente meno coinvolte di me emotivamente e più preparate. Premetto che nella lettera ho intenzionalmente evitato di polemizzare.

Ciao ......

In questo periodo ho riflettuto su molte cose, guardando dentro di me cercando di capire gli atteggiamenti e le mancanze che negli anni ti hanno delusa, ma non solo.

Spesso ho dato per scontato troppe cose lasciandoti appesa a una mia risposta o a una mia decisione mostrandoti senza volerlo mancanza di rispetto e considerazione facendoti sentire messa da parte, aspettandomi più di quanto tu potessi darmi in alcuni momenti non comprendendo fino in fondo il perché di certi tuoi atteggiamenti e parole anche nei miei confronti, non certo piacevoli ma in parte giustificati dalla delusione nei miei confronti.

Di conseguenza mi sono messo sulla difensiva provando disagio e distaccandomi, limitandomi anche nei gesti più spontanei, diventando anche indeciso, invece di lavorare sui miei atteggiamenti per farti sentire parte integrante della mia vita presente e futura, essere più presente non solo fisicamente soprattutto nei momenti più difficili senza chiedermelo, non aspettare che fossi tu a proporre per prima qualcosa anche di diverso per distrarti dai problemi quotidiani, parlarti del futuro creando quella quotidianità che è mancata.

So benissimo cosa si prova arrivare a 50 anni ed accorgersi di avere in mano poco, ritrovarsi un sacco di responsabilità sulle spalle, aver dovuto rinunciare a tante cose, dover convivere giorno dopo giorno con un senso di amarezza e insoddisfazione profondi. Sicuramente sono mancati alcune parole e iniziativa anche da parte mia che avrebbero fatto bene ad entrambi.

Purtroppo, non posso cambiare il passato ma farne tesoro per crescere come persona e come uomo, responsabilizzandomi e ponendomi obiettivi diversi da quelli che ho avuto fino ad ora, partendo da quello che di buono ho migliorando i lati che non vanno bene.

Dietro la tua apparente durezza si nasconde una bella persona, a cui sono legate le sensazioni più belle e dolci della mia vita. Il tempo trascorso con te e con la tua famiglia è stato un bellissimo regalo, mi hai fatto capire che bisogna sempre cercare il meglio e mai accontentarsi, soprattutto in un rapporto. E’ per questo che accetto, condivido e comprendo la tua decisione perché potrà aiutarci a riconoscere ognuno le proprie responsabilità per non ripetere in futuro certi errori.

Ti auguro tutto il bene e la felicità che meriti in ogni campo e a cui troppe volte hai dovuto rinunciare per tanti motivi, accanto a chi saprà farti stare bene e dove vorrai tu.

Grazie.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    • Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.