Vai al contenuto

Durante la tua infanzia, ti ha mai scosso o colpito un libro in modo particolare?  

34 utenti hanno votato

  1. 1.

    • Si, quale?
      26
    • No
      8


Messaggi consigliati

 

Pubblicità


  • Risposte 68
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

Tantissimi. Il primo che ho letto, a 7 anni, che mi ha colpito enormemente, è stato IL GIORNALINO DI GIAN BURRASCA.

Ma tu, Ale, soffri di SONDAGGITE? 8)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Tantissimi. Il primo che ho letto, a 7 anni, che mi ha colpito enormemente, è stato IL GIORNALINO DI GIAN BURRASCA.  

Ma tu, Ale, soffri di SONDAGGITE?      8)

Eheheh, :D , no tranquillo. :wink: :D

Con stima, Alessandro Martinelli.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

le fiabe di Andersen....le trovavo emotivamente massacranti.infatti,rilette anni dopo mi sono resa conto che non erano esattamente ciò che si definisce *fiabe per bambini*

S.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

"Aniceto", libro di cui ricordo ben poco e non so chi lo abbia scritto.Mi ricordo però che,leggendo quel libro, per la prima volta sperimentai lo straniamento dalla realtà grazie all'immersione nel mondo di un libro e rimasi stupita da questo effetto.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

"La capanna dello zio Tom", letto a 8 anni: per mesi avevo difficoltà a dormire. So che da allora la mia maestra e i miei genitori controllavano attentamente le mie letture.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

BA-LENA.

è un libro che quando ero piccola tenevo sempre con me [ insieme alla pimpa ].

questo libricino tratta di questa piccola balena che nasce in un fiume, fin da piccola dice che vuole arrivare al mare; lei cresce durante il suo tragitto, ed arrivata al mare che era adulta, viene catturata dai pescatori ed uccisa... squartata in due per l'esattezza... o.o

ecco.. fa riflettere... io ero sempre sulla pagina di ba-lena squartata... mi faceva vedere la rude realtà della società, e mi faceva capire che arrivare al traguardo stabilito poi porta a problematiche serie, come in questo caso la morte... nemmeno a dire che ba-lena era troppo giovanne.. no... lei era adulta... se l'è spassata solo per un giorno e poi i cattivi l'hanno uccisa...

sei arrivato alla tua aspirazione da sempre... ma a questo punto probabilmente è meglio che non ci arrivava...

vi va a voi esperti di parlare un pò di questo libricino? o è una cosa stupida? oO

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
"La capanna dello zio Tom", letto a 8 anni: per mesi avevo difficoltà a dormire. So che da allora la mia maestra e i miei genitori controllavano attentamente le mie letture.

Grazie Liliana per aver risposto.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
BA-LENA.

è un libro che quando ero piccola tenevo sempre con me [ insieme alla pimpa ].

questo libricino tratta di questa piccola balena che nasce in un fiume, fin da piccola dice che vuole arrivare al mare; lei cresce durante il suo tragitto, ed arrivata al mare che era adulta, viene catturata dai pescatori ed uccisa... squartata in due per l'esattezza... o.o

ecco.. fa riflettere... io ero sempre sulla pagina di ba-lena squartata... mi faceva vedere la rude realtà della società, e mi faceva capire che arrivare al traguardo stabilito poi porta a problematiche serie, come in questo caso la morte... nemmeno a dire che ba-lena era troppo giovanne.. no... lei era adulta... se l'è spassata solo per un giorno e poi i cattivi l'hanno uccisa...

sei arrivato alla tua aspirazione da sempre... ma a questo punto probabilmente è meglio che non ci arrivava...

vi va a voi esperti di parlare un pò di questo libricino? o è una cosa stupida? oO

Grazie Chiara per aver risposto.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Tantissimi. Il primo che ho letto, a 7 anni, che mi ha colpito enormemente, è stato IL GIORNALINO DI GIAN BURRASCA.  

Ma tu, Ale, soffri di SONDAGGITE?      8)

ahahahahah Sondaggite... :D

Anche a me piacque tantissimo Gian Burrasca e un motivo c'è ... In fondo io sono Gian Burrasca!!! :wink:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Tantissimi. Il primo che ho letto, a 7 anni, che mi ha colpito enormemente, è stato IL GIORNALINO DI GIAN BURRASCA.  

Ma tu, Ale, soffri di SONDAGGITE?      8)

ahahahahah Sondaggite... :D

Anche a me piacque tantissimo Gian Burrasca e un motivo c'è ... In fondo io sono Gian Burrasca!!! :wink:

:) :D :LOL::wink:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

anahahahah anche io prima ero come alessandro...

postavo, postavo e postavo... anche solo per scrivere: "hahahaha" per esmepio... facevo sondaggi perchè amo smaneggiare tutto nel pc e quindi postavo anche cose assurde...

difatti lo capisco! :wink:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
anahahahah anche io prima ero come alessandro...

postavo, postavo e postavo... anche solo per scrivere: "hahahaha" per esmepio... facevo sondaggi perchè amo smaneggiare tutto nel pc e quindi postavo anche cose assurde...

difatti lo capisco!  :wink:

Ciao Chiara, io credo che piu sondaggi si fanno piu ci confrontiamo, confrontarsi nella vita è molto importante.

Alessandro Martinelli.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
  • 3 weeks later...
Nella tua infanzia quale libro ti ha scosso o colpito di più?

 Alessandro Martinelli.

Nel mio caso, il libro è (sono) i racconti horror di H. P. Lovecraft.

Avevo 15 anni;

Lovecraft è un autore la cui visione del mondo è quella di un meccanicismo cosmico e universale (vagamente apparentabile a quello di Leopardi ma molto più concretizzato sul piano fisico), spaventoso, in cui l'uomo, i suoi sentimenti, le sue certezze valgono zero, insidiati come sono da mostruose entità aliene...

quella lettura mi ha segnato per sempre.... (esagero!... ma solo un poco) :wink:

ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Nella tua infanzia quale libro ti ha scosso o colpito di più?

 Alessandro Martinelli.

Nel mio caso, il libro è (sono) i racconti horror di H. P. Lovecraft.

Avevo 15 anni;

Lovecraft è un autore la cui visione del mondo è quella di un meccanicismo cosmico e universale (vagamente apparentabile a quello di Leopardi ma molto più concretizzato sul piano fisico), spaventoso, in cui l'uomo, i suoi sentimenti, le sue certezze valgono zero, insidiati come sono da mostruose entità aliene...

quella lettura mi ha segnato per sempre.... (esagero!... ma solo un poco) :wink:

ciao

Letto, Martinelli.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

da ragzzo ho letto mouline rouge parla dell vita di toulose lautrec

un uomo che è stato rifiutato dal mondo perchè era storpio, è diventato un grande pittore ma la sua solitudine non finiva mai è morto cadendo per le scale ripide dove viveva e dipingeva scappava dai ragni e dagli scrafaggi prodotti dalle allucinazioni dell' assenzio .

mi sono sentito molto vicino a lui perchè come lui mi sento e mi sentivo rifiutato dal mondo.

non che non avesse amici o affetto ma lui sapeva di essere diverso incompatibile col mondo.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
  • 2 months later...

"Taor delle caverne", quello si che è stato un libro che mi ha presa!

L'ho letto d'estate e avrei voluto essere Taor, a misurarmi con la caccia e tutte le prove della natura!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

Ovviamente per me :

Robinson Crosuè

Il libro Cuore

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.




×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.