Vai al contenuto

Messaggi consigliati

 

Pubblicità


  • Risposte 97
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

la loro forza e' la dottrina che e' infallibile!!!

Right! E la loro debolezza è che non è l'unica dottrina infallibile

(tutte le dottrine lo sono :D ), e allora si ritrovano a dover fare

la guerra sotto una dottrina pacifista.

Triste cosa la schizofrenia :(

E' come dire che non si tratta dell'unica verità, e che quando troviamo così tante verità in giro -e sugli stessi argomenti- qualcosa forse non quadra. Fra l'altro un mio amico diceva che la verità, se esiste, non ha bisogno di essere difesa.

E poi, sul fatto che lo stato "se ne frega":

1) Dovremmo tornare alla galera per tradimento, che esisteva ancora in Italia 50 anni fa?

2) Avere rapporti fuori dal matrimonio per qualcuno è ancora peccato, per molti è un peccato non averne (dopo una ventina d'anni di matrimonio ci può essere un po' di stanchezza, baby);

3) Rifarsi le tette è peccato? :? Ohibò, non lo sapevo, ora che Gli racconto al Padreterno? :LOL:

3) Divorziare è peccato...già, ma qualcuno dice pure che è un peccato sposarsi, dato che il matrimonio è la tomba dell'amore;

4) L'aborto è una cosa drammatica per la donna, su questo è bene non scherzare.

Sapete qual è il vero peccato? Che la gente oggi è incapace di vivere una vera, sana e profonda moralità, svincolata dalla dottrina della chiesa.

Quoto tutto anzi quasi. La chiesa... anzi le "chiese" in questo momento

tendono ad essere piuttosto prevaricanti, a mio modo di vedere, e la

incapacità di cui parli la vedo, personalmente non l'approvo affatto ma

conosco anche il prezzo che si paga quando si cerca di rimanere

"svincolati", e spesso è davvero altissimo, magari anche solo per

svincolarsi su inezie innocue o comunque su cose che nel 2007 dovrebbero

essere assodate come appartenente alla c.d. sfera dei xxxx propri

(tipo se faccio sesso con una donna, un uomo, da solo o in gruppo, se

convivo sulla fiducia o se mi sposo sulla sfiducia, o cose del genere).

Quanto alle dottrine e alle verità multiple... non so... secondo me la

verità è una, ed è la banale realtà dei fatti. Per fare un esempio, io in

questo momento sono seduto su una sedia e non su un coccodrillo, e

questa è verità sufficientemente affidabile, mentre chiunque dice che

sono seduto su un coccodrillo dice una cosa non vera. Poi uno può

dare tutte le interpretazioni che vuole e vedere coccodrilli al posto di

sedie, son fatti suoi finché non vuole imporre le sue visioni.

Ovviamente questo è un enunciato di verità su un fatto semplice,

mentre su faccende più complesse spesso è difficile coglierla appieno,

magari addirittura impossibile, ma spesso ci si può avvicinare in modo

sufficientemente approssimato per le nostre diatribe quotidiane.

Le dottrine, invece, mi sembrano costrutti basati più su postulati e

conseguenti regole, che su cose affermabili come "verità".

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Quanto alle dottrine e alle verità multiple... non so... secondo me la

verità è una, ed è la banale realtà dei fatti.  

Ovviamente questo è un enunciato di verità su un fatto semplice,  

mentre su faccende più complesse spesso è difficile coglierla appieno,

magari addirittura impossibile, ma spesso ci si può avvicinare in modo

sufficientemente approssimato per le nostre diatribe quotidiane.

Le dottrine, invece, mi sembrano costrutti basati più su postulati e

conseguenti regole, che su cose affermabili come "verità".

Mi hai fatto venire i brividi se senti cio che senti sei ad un passo dall'inconosciuto....basati sulla verità ma sempre anche quando va contro la tua cultura quello che io chiamo il tuo conosciuto.....

vuoi la verità sulla situazione dei gay......osserva....

vivi in uno stato , le decisioni le prende la maggioranza questo è un fatto giusto o ingiusto che sia......i gay coppia la maggioranza non li vuole....

aggiungere pultroppo non cambia la cosa...tu solo una cosa puoi fare accettarli tu....allora la maggioranza sarà uno di meno e mostrare a chi ti circonda la sofferenza che producono a pensarla in maniera "restrittiva"...

lo stato è la comunita di chi lo compone e le leggi regolano la cultura di queste persone....in italia evidentemente non siamo pronti a tutto cio ....saremo troppo legati al nostro conosciuto? Bene iniziamo noi ad abbandonarlo in toto, non dimenticare ma utilizzare cio che conosciamo per quello che serve io non prendo decisioni in base al mio conosciuto ma in base al presente che ho innanzi......solo allora sarai veramente libero,

perchè fino a prova contraria chiunque e soggetto al suo conosciuto (cultura, esperienze, amicizi, fedi, religioni, politica, amori) ed essere soggeti a cio è esserne schiavi dunque non liberi di cogliere sempre la verità......

a me piacerebbe riflettere tutti insieme non litigare.....basterebbe poco

ATTENERSI AI FATTI!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

nel 2003 visitai la chiesa di santa croce(?) a firenze , quella dietro

la cupola del brunelleschi per visitare le tombe dei nosti genii come galileo, macchiavelli, michelangelo ed altri. c'era una zitellaccia all'ingresso della chiesa e voleva che pagassi 8 euro per entrare. le dissi che io andavo per pregare e nn credevo che dio staccasse i biglietti. lei mi disse che se volevo pregare dovevo ritornare ad una certa ora e che dio nn si sarebbe in...zato!! :LOL::LOL: io le dissi che dovevo anche confessarmi e nn credo che c'era abbastanza tempo per rivelare tutti i peccati eppoi il prete si sarebbe scocciato. mi disse , senti facciamo una cosa , ti faccio pagare la meta' !! io le risposi che eravamo in 3 !! e lei mi disse ma sono tutti peccatori come te ? io le dissi """ molto di piu"!! allora dammi 10 euro

e facciamola finita!! :!: :!: :LOL::LOL:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

:LOL::LOL::LOL:

Mike, sei un grande, non è facile trattare con le zitellacce, e tu ci sei riuscito alla grande!!!! :LOL:

in questo caso l'unica strada era : pagare!!!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Scusate, ma mi pare che questo dibattito si sia trasformato in un battibecco, mi pare che non si stia arrivando da nessuna parte!

A quanto pare ognuno resta arroccato sulle proprie posizioni... Anticlericali e atei da una parte, cattolici dall'altra.

Volutamente non sono intervenuta, perché più che assistere a un confronto mi sembra di vedere una solo polemiche e di provocazioni...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Quanto alle dottrine e alle verità multiple... non so... secondo me la

verità è una, ed è la banale realtà dei fatti.  

Ovviamente questo è un enunciato di verità su un fatto semplice,  

mentre su faccende più complesse spesso è difficile coglierla appieno,

magari addirittura impossibile, ma spesso ci si può avvicinare in modo

sufficientemente approssimato per le nostre diatribe quotidiane.

Le dottrine, invece, mi sembrano costrutti basati più su postulati e

conseguenti regole, che su cose affermabili come "verità".

Mi hai fatto venire i brividi se senti cio che senti sei ad un passo dall'inconosciuto....basati sulla verità ma sempre anche quando va contro la tua cultura quello che io chiamo il tuo conosciuto.....

vuoi la verità sulla situazione dei gay......osserva....

vivi in uno stato , le decisioni le prende la maggioranza questo è un fatto giusto o ingiusto che sia......i gay coppia la maggioranza non li vuole....

aggiungere pultroppo non cambia la cosa...tu solo una cosa puoi fare accettarli tu....allora la maggioranza sarà uno di meno e mostrare a chi ti circonda la sofferenza che producono a pensarla in maniera "restrittiva"...

lo stato è la comunita di chi lo compone e le leggi regolano la cultura di queste persone....in italia evidentemente non siamo pronti a tutto cio ....saremo troppo legati al nostro conosciuto? Bene iniziamo noi ad abbandonarlo in toto, non dimenticare ma utilizzare cio che conosciamo per quello che serve io non prendo decisioni in base al mio conosciuto ma in base al presente che ho innanzi......solo allora sarai veramente libero,

perchè fino a prova contraria chiunque e soggetto al suo conosciuto (cultura, esperienze, amicizi, fedi, religioni, politica, amori) ed essere soggeti a cio è esserne schiavi dunque non liberi di cogliere sempre la verità......

a me piacerebbe riflettere tutti insieme non litigare.....basterebbe poco

ATTENERSI AI FATTI!

Vorrei farti alcune domandine semplici semplici.

1) La c.d. "maggioranza" ti ha comunicato cosa vuole e ti ha nominato

suo portavoce? O ti nascondi dietro di lei?

2) Sai cosa significa l'espressione "stato di diritto"? E' un concetto sul

quale si basa il nostro ordinamento attuale (almeno sulla carta).

3) Che ne sai tu del "conosciuto" degli altri?

4) Considera questa frase sintomatica:

"per quello che serve io non prendo decisioni in base al mio

conosciuto ma in base al presente che ho innanzi" (Mio)

Sai quanti disastri e quanti morti si possono attribuire con ragionevole

certezza all'idiozia di questo criterio decisionale e quanti altri all'idiozia

del criterio speculare che rifiuta il presente per il "conosciuto"?

Quando si devono prendere decisioni, magari importanti, fatti ed esperienze,

dati e conoscenze, passato e presente non sono da mettere in alternativa

per decisione pregiudiziale, bensì da considerare con criterio e con

capacità di giudizio (si, proprio quella cosa che non piace agli uomini

con formaggino al posto del midollo e del cervello, che lo temono come se

fosse la peste). Se non si fa così si combinano disastri. Te ne posso elencare

quanti ne vuoi.

5) Quante sciocchezze sei in grado di scrivere in poche righe?

6) Sei un prete o un scientologo?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Scusate, ma mi pare che questo dibattito si sia trasformato in un battibecco, mi pare che non si stia arrivando da nessuna parte!

A quanto pare ognuno resta arroccato sulle proprie posizioni... Anticlericali e atei da una parte, cattolici dall'altra.

Volutamente non sono intervenuta, perché più che assistere a un confronto mi sembra di vedere una solo polemiche e di provocazioni...

:roll: Ma se sei tanto provocabile perché non segui un topic

sul cucito?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Scusami tanto Ste, ma mi pare che alcuni degli interventi che ho letto in questo topic (mi riferisco ad esempio all'ultimo intervento di Mio) mi sembrano dei veri e propri deliri, che di razionale hanno ben poco.

Sarai d'accordo con me che quando si leggono delle complete assurdità passa persino la voglia di rispondere...

Comunque ti faccio i complimenti, perché evidentemente hai più pazienza di me.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Scusami tanto Ste, ma mi pare che alcuni degli interventi che ho letto in questo topic (mi riferisco ad esempio all'ultimo intervento di Mio) mi sembrano dei veri e propri deliri, che di razionale hanno ben poco.

Sarai d'accordo con me che quando si leggono delle complete assurdità passa persino la voglia di rispondere...

Comunque ti faccio i complimenti, perché evidentemente hai più pazienza di me.

La mia pazienza è più uno sforzo che altro (in realtà preferirei anche

io parlare d'altro e in modo più rilassato :LOL: ).

Secondo me quando ci sono scontri al confine dell'idelogico è la natura

del dialogo stesso, dell'argomento, che fa apparire come deliri i discorsi

degli interlocutori. Ma non so se sono davvero deliri, se si ascolta bene e

si mettono insieme i tasselli c'è sempre una razionalità di fondo, anche

nel discorso più apparentemente irrazionale.

Semmai c'è da chiedersi se è una razionalità accettabile, condivisibile, da

rispettare senza condividere, o addirittura da contrastare. Non è facile.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ho sentito un gran frase dal Papa.....

"fatevi guidare da amore e verità"

se sa cio che ha detto a ha detto una gran cosa

A parlare si fa presto' date=' poi è chi sente o legge a dare un valore alle parole, a seconda della SUA profondità.

Per me "farsi guidare da amore e verità" significa sentire l'unione profonda con tutto il Creato e al tempo stesso comprendere l'altro nei suoi modi di essere che possono anche risultare antipatici e odiosi ad un'analisi superficiale. Non accetto queste parole dette da una persona che indossa abiti dal valore di decine di migliaia di euro, qualsiasi mestiere faccia, il papa o il dirigente di industria. Non mi risulta che Cristo portasse una tiara risplendente in testa, o girasse con un bastone ingioiellato. Nessuno lo obbliga a questo sfarzo, se volesse potrebbe evitarlo, no? Voi dite che è necessario perché si tratta di una suprema autorità religiosa? E non lo è forse anche il Dalai Lama, che indossa solo una lunga veste colorata?

No, chi ha un aereo personale non si fa guidare da "amore e verità". Quindi non può neanche consigliarlo agli altri. :down[/quote']

Yep!

ma perchè se lo scrivo io tutti si arrabbiano e dicono che offendo i cattolici, seguendo la moda che vuole a tutti i costi screditare il papa :?:

Mah, io non capisco :roll:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ma perchè se lo scrivo io tutti si arrabbiano e dicono che offendo i cattolici, seguendo la moda che vuole a tutti i costi screditare il papa :?:  

Mah, io non capisco  :roll:

Sarà per via del "diritto naturale" che il papa cita tanto spesso :shock:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Vorrei farti alcune domandine semplici semplici.

1) La c.d. "maggioranza" ti ha comunicato cosa vuole e ti ha nominato

suo portavoce? O ti nascondi dietro di lei?

no è abbastanza evidente parlando con la gente........in italia pultroppo non accettano l'omossessualità come normalità....

2) Sai cosa significa l'espressione "stato di diritto"? E' un concetto sul

quale si basa il nostro ordinamento attuale (almeno sulla carta).

certo, ma cosa c'entra......

3) Che ne sai tu del "conosciuto" degli altri?

penso che sia lo stesso per tutti tranne che per piccole sfumature personali, ossia le esperienze il resto e tramandato da millenni ed è lo stesso di base per chiunque infatti siamo praticamente tutti uguali, salvo poco.....tutti inseguono i desideri, tutti vogliono possedere essere migliori, ecc...ec.....

4) Considera questa frase sintomatica:

"per quello che serve io non prendo decisioni in base al mio

conosciuto ma in base al presente che ho innanzi" (Mio)

Sai quanti disastri e quanti morti si possono attribuire con ragionevole

certezza all'idiozia di questo criterio decisionale e quanti altri all'idiozia

del criterio speculare che rifiuta il presente per il "conosciuto"?

Quando si devono prendere decisioni, magari importanti, fatti ed esperienze,

dati e conoscenze, passato e presente non sono da mettere in alternativa

per decisione pregiudiziale, bensì da considerare con criterio e con

capacità di giudizio (si, proprio quella cosa che non piace agli uomini

con formaggino al posto del midollo e del cervello, che lo temono come se

fosse la peste). Se non si fa così si combinano disastri. Te ne posso elencare

quanti ne vuoi.

inizia ad elencare ricordandomi quando il conosciuto, naturalmente escluso ogni campo tecnico e utile a comrpendere la totalità di cosa hai difronte....

5) Quante sciocchezze sei in grado di scrivere in poche righe?

Anch'io quando non riuscivo a capire le cose dicevo che erano sciocchezze

6) Sei un prete o un scientologo?

non sono cattolico.....l'ho scritto più volte------ne amo le spiegazioni dunque la scienza.....non credo che i perchè esistano dunque.......

ora ti chiedo io una cosa sei una donna o un uomo?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ma perchè se lo scrivo io tutti si arrabbiano e dicono che offendo i cattolici, seguendo la moda che vuole a tutti i costi screditare il papa :?:  

Mah, io non capisco  :roll:

Sarà per via del "diritto naturale" che il papa cita tanto spesso :shock:

sarà!!!! :shock:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
:LOL:  :wink:  :wink:  

Mike, sei un grande, non è facile trattare con le zitellacce, e tu ci sei riuscito alla grande!!!! :arrow:  

in questo caso l'unica strada era : pagare!!!!!

giusy, son talmente grande che mi ha fregato 10 euro!!!

cmq, scrivero' una poesia letta nn so' dove sulle zitelle!!! :LOL:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Scusami tanto Ste, ma mi pare che alcuni degli interventi che ho letto in questo topic (mi riferisco ad esempio all'ultimo intervento di Mio) mi sembrano dei veri e propri deliri, che di razionale hanno ben poco.

Sarai d'accordo con me che quando si leggono delle complete assurdità passa persino la voglia di rispondere...

Comunque ti faccio i complimenti, perché evidentemente hai più pazienza di me.

in effetti andare contro ad un mondo così bello e razionale e da irrazionali.......

comunque è una tua idea se vuoi mostrarne la verità fallo...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Scusami tanto Ste, ma mi pare che alcuni degli interventi che ho letto in questo topic (mi riferisco ad esempio all'ultimo intervento di Mio) mi sembrano dei veri e propri deliri, che di razionale hanno ben poco.

Sarai d'accordo con me che quando si leggono delle complete assurdità passa persino la voglia di rispondere...

Comunque ti faccio i complimenti, perché evidentemente hai più pazienza di me.

in effetti andare contro ad un mondo così bello e razionale e da irrazionali.......

comunque è una tua idea se vuoi mostrarne la verità fallo...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ora ti chiedo io una cosa sei una donna o un uomo?

Sono un uomo, solo un uomo. Tu invece?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

caro Ste,

penso che tu mi abbia frainteso in toto....

io credo che ognuno dovrebbe essere libero di fare cio che vuole e come vuole basti non ledere la libertà altrui....

pultroppo nel nostro paese decide la maggioranza (questo perme è la legge del più forte ed è errata) e in italia secondo la mia personale opinione c'è troppa discriminazione verso i diversi , diversi dai canoni Italiani cosa che io trovo infantile e stupida.....

Per quanto concerne il conosciuto il disorso è lungo potemmo parlane ma sarei inconludente.....posso solo dirti che "il me" che io chiamo conosciuto ha preso forma è governa le nostre vite.....prendi ad esempio l'offesa.....ti chiamo "STUPIDO!" ti arrabbi......

ma chi ho leso.....con un suono....la tua immagine o la tua essenza....

il tuo se? Erro.....correggimi a me pare ovvio ma magari sbaglio.....

Il mondo è governato dal suo passato e guarda il futuro scordandosi e non comprendendo che l'unica cosa che esiste ,ossia il presente, e schiavo di cio che non esiste passato e futuro.....

sul fatto che ti ho chiesto il sesso era curiosità sono nuovo è faccio confusione tra di voi.....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

poi un conto è usare il pensiero per costruire un ponte o una casa ,,,,mi pare necessario un conto per odorare un fiore o sentire un suono.....

ne parleremo avanti se sei interessato....

ciao

e buona serata....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
caro Ste,

penso che tu mi abbia frainteso in toto....

Sono sempre gli altri che fraintendono, eh? :LOL:

Per quanto concerne il conosciuto il disorso è lungo potemmo parlane ma sarei inconludente.....posso solo dirti che "il me" che io chiamo conosciuto ha preso forma è governa le nostre vite.....prendi ad esempio l'offesa.....ti chiamo "STUPIDO!" ti arrabbi......

ma chi ho leso.....con un suono....la tua immagine o la tua essenza....

il tuo se?

Dipende. L'offesa non colpisce sempre e solo l'amor proprio, a volte

procura danni di tipo diverso ed in modo diverso, e colpendo non il

se del destinatario ma altrove. Prendi ad esempio un Re che dà dello

stupido ad un suddito che di suo se ne fregherebbe. L'offesa colpisce

il suddito attraverso le reazioni degli altri sudditi, che lo eviteranno

come la peste o, peggio, lo sceglieranno come capo dei ribelli senza

nemmeno chiedergli se è d'accordo.

Troppa attenzione al "sè" fa perdere il grandangolo sulla vita :LOL:

Erro.....correggimi a me pare ovvio ma magari sbaglio.....

Il mondo è governato dal suo passato e guarda il futuro scordandosi e non comprendendo che l'unica cosa che esiste ,ossia il presente, e schiavo di cio che non esiste passato e futuro.....

Ti correggo volentierissimo: il mondo ha memoria eccome, e la sua

evoluzione futura dipende anche dalla sua storia pregressa. Ma non ha

molto a che vedere con la schiavitù... il "dipendere", in sè, è una cosa

neutra.

sul fatto che ti ho chiesto il sesso era curiosità sono nuovo è faccio confusione tra di voi.....

No problem. Se leggi anche i topic dove non scrivi... le persone dicono

molte cose di se stesse, anche quando parlano d'altro. :wink:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
  • 7 years later...

Chi sono io per giudicare?

Papa francesco

E ora come la mettiamo?

Doveva vincere l Argentina...se lo meritava poi....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

E' contento che abbiano vinto i crauti perché l'Argentina vince ogni morte di papa...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.