Vai al contenuto

Ragazzino morto per uno spinello


Messaggi consigliati

Non credo affatto che chi faccia uso di spinelli sia una persona maggiormente riprovevole di chi non lo fa...solo credo che fumare cannabis ripetutamente possa indicare un qualche problema...che magari si cerca di risolvere in maniera inappropriata con il rischio di peggiorarlo...

Tutte le abitudini e i vizi personali possono essere (potenzialmente) sintomi di problemi

affrontati in modo inappropriato, ma altrettanto potenzialmente possono non esserlo.

Nel primo caso si rischia di peggiorare il problema attraverso l'abitudine, nel secondo caso

il problema è creato dall'opinione e talvolta anche da interventi fuori luogo e non richiesti

sulla libertà personale. Qui si potrebbe aprire una parentesi di criminologia molto molto

interessante (so che ti piace :icon_biggrin: ), ma si darebbe l'impressione di andare un po' OT. :icon_mrgreen:

Le personalità come quelle di Hittler poi sono personalità molto forti...e non necessitano nella loro pienezza...e nel loro egocentrismo di aiuti erboristici...

Anche per affrontare la fine ebbe bisogno di un aiuto farmacologico (il cianuro).

Non era della sua personalità, la forza... era della massa.

Dice il saggio cinese... l'uomo potente domina gli altli, l'uomo folte domina se stesso. :Bring It On:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 135
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

Hitler pare facesse uso di anfetamine... ecco perchè non lo definirei esattamente salutista... questo spigherebbe poi i suoi atteggiamenti maniacali ed estremi...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Hitler pare facesse uso di anfetamine... ecco perchè non lo definirei esattamente salutista... questo spigherebbe poi i suoi atteggiamenti maniacali ed estremi...

Faceva anche uso di potere autoritario assoluto, eppure lo definiamo comunque nazional... socialista :Bring It On:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
veramente usava la cocaina e la usava iniettata non tirata come tutte le ss del resto .. e questa è storia vera.. non lo sto inventando .

Non ho problemi a crederci. :Bring It On:

Era salutista nel senso che voleva imporre un sistema di rigide regole salutiste.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Tex...ti dispiacerebbe argomentare? :icon_biggrin:

certo olt!!

io credo che chi usa le canne poi in futuro c'e' molta possibilita' di usare droghe piu' pesanti. credo anche che un soggetto che usa la canna per una volta e poi riprova e' un perdente totale ed il fatto che i giovani hanno il diritto di provare lo sballo

nn e' altro che approvare gli sbagli fatti e trovare una scusa. si son perse centinaia di km d'inchiostro su' questo argomento

ed il punto e' che la canna con l'uso prolungato causa miriadi di malattie come schizofrenia, sterilita', psicosi e tantissime altre confermati da scenziati che nn avevano niente da quadagnare e nn lavoravano per terzi.

e' ripugnante leggere certa gente che ( nn voglio offendere e nn voglio fare nomi) si facevano le canne , dalle canne son passati alla cocaina , dalla cocaina all'alcol , all'estasi ed anche ai psicofarmaci per poi lamentarsi che certi farmaci nn funzionano. ma nn pensano che il nucleo dei neuroni e' gia' compromesso e nn c'e' niente in questo momento per

curarli. ho conosciuta una ragazza virtualmente 3 anni fa', aveva problemi di questo genere ed ho fatto il possibile

per aiutarla invanamente. cio che e' ignobile anche, e' che certa gente diavolizzano gli psicofarmaci , farmaci che hanno

salvato dalla pazzia tanta gente e difendono droghe illegali ben sapendo il danno che provocano. queste sono le stesse persone che leggono gli studi che vogliono loro perche' vogliono portare l'acqua al propio mulino.

i danni sociali che queste droghe causano sono immensi , ci sono rapine di tutti i tipi, ammazzano gente, disturbano l'ambiete famigliare e tante belle cose che molti di voi son sicuro siete a conoscenza.

io fumo e so' che fa' danni ma nn scrivo sul forum o parlo con persone e dico che e' ok fumare anzi dico il contrario.

questa gente che glorifica sta' robaccia nn capiscono i danni che creano a chi legge oppure ai bimbi.

gli inglesi introdussero l'oppio perche' nn avevano niente da barattare con i cinesi e sapevano che la gente facendone uso

diventavano dipendenti ed il commercio nel futuro era asicurato ..oltre ad altre ragioni geopolitiche!!!

si l'oppio nn e' la cannabis ma il danno e' lo stesso!!! questi soggetti che fanno uso abituale di certe droghe,

saranno sempre un peso per la societa' ed un pericolo per il pubblico!!!! chi scerza col fuoco prima o poi si

brucia!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
certo olt!!

io credo che chi usa le canne poi in futuro c'e' molta possibilita' di usare droghe piu' pesanti.

Questa è una cosa che molti credono. Non so se è vera o no, ma se dovessi fidarmi

di ciò che posso vedere io tra le persone che conosco punterei sul "non vero".

Credo che ci sia un po' di confusione logica, nel seguente ragionamento:

"Molte delle persone che usano drighe pesanti sono partite da droghe leggere,

quindi, chi usa droghe leggere ha molte possibilità di usare droghe pesanti."

E' un sillogismo molto debole, qualunque scienziato serio direbbe che è sbagliato.

Da un punto di vista scientifico, per arrivare alla conclusione che l'uso di droghe

leggere porta con alte possibilità all'uso di droghe pesanti, non si prende l'insieme

dei soggetti che usano droghe pesanti per vedere quanti hanno fatto uso di droghe

leggere, ma si prende l'insieme dei soggetti che hanno fatto uso di droghe leggere

e si guarda quanti di essi sono poi passati all'uso di droghe pesanti. Se sono tanti,

vuol dire che la possibilità è alta, se sono pochi, vuol dire che la possibilità è bassa,

e rimarrebbe bassa anche se tutti i soggetti che usano droghe pesanti fossero passati

prima dalle droghe leggere.

Questo da un punto di vista scientifico, poi si può pensarla come si vuole ma se

si ragiona per "possibilità" è meglio essere un po' rigorosi sul metodo.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

la teoria che chi fa le canne diventa schizzofrenico .. è ridicola.

non ha null adi scientifico .

ci sarebbero migliaia di schizofrenici in giro ..

invece non è cosi' ..

statisticamente le due cose sono in relazione solo in un numero esiguo di casi.

questo si chiama terrorismo psicologico .

e comunque la droga che usano i giovani e che fa male non è la canna ma l' extasi ..

perchè si continua a parlare di canne. ??.

parliamo di discoteche parliamo dei minorenni che vanno a ballare e si calano e bevono ..

la canna non è neanche una droga in effetti ...

è solo una spezia come il pepe o il peperoncino oppure il sale oppure il curry...

la canna da solo un leggero senso di euforia .. tutto qui ..

invece nessuno si indigna che le pasticche girano tranquillamente in tutte le discoteche .. e che quelle si che rendono psicotici .. e quelle si che danneggiano la mente in modo irreversibile..

apriamo gli occhi per favore..

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non era della sua personalità, la forza... era della massa.

Su questo ho qualche dubbio...almeno all'inizio lui non era nessuno in particolare...quindi perchè lui e non un altro?

Ritengo invece che non si possono dare a Hittler tutte le colpe del nazismo...quelle effettivamente le deve condividere con la massa.

Comunque se vuoi ci possiamo aprire un topic a parte onde evitare di creare una discussione nella discussione :icon_biggrin:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Su questo ho qualche dubbio...almeno all'inizio lui non era nessuno in particolare...quindi perchè lui e non un altro?

Ritengo invece che non si possono dare a Hittler tutte le colpe del nazismo...quelle effettivamente le deve condividere con la massa.

Comunque se vuoi ci possiamo aprire un topic a parte onde evitare di creare una discussione nella discussione :icon_biggrin:

Se vuoi...

Comunque, colpe a parte (perché si finisce sempre lì?), la domanda "perché lui e non un altro?"

è una domanda che per stabilire dove sta la "forza" del singolo.. ha senso solo in gare sportive,

tipo i cento metri piani. Nella società è diverso, il potere è dato essenzialmente dal consenso e

non sono rari i casi in cui il consenso viene riposto in persone molto fragili personalmente, proprio

perché chi dà il consenso scambia i sintomi di fragilità per sintomi di forza. E viceversa.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Se vuoi...

Comunque, colpe a parte (perché si finisce sempre lì?), la domanda "perché lui e non un altro?"

è una domanda che per stabilire dove sta la "forza" del singolo.. ha senso solo in gare sportive,

tipo i cento metri piani. Nella società è diverso, il potere è dato essenzialmente dal consenso e

non sono rari i casi in cui il consenso viene riposto in persone molto fragili personalmente, proprio

perché chi dà il consenso scambia i sintomi di fragilità per sintomi di forza. E viceversa.

Ho aperto un topic nella sezione Argomenti...mi piacerebbe parlare con voi tutti di questo "personaggio"...cosa ne pensate a riguardo...come definireste la sua personalità a livello psicologico...

Mi scuso con Cucciolo se sono andata OT :):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Il discorso che legalizzare le droghe - mi auguro intendessi quelle "leggere", non eroina, cocaina etc. - riduca la criminalità è discutibile, perché anche se lo Stato si mette a vendere le canne, gli spacciatori continueranno a vendere tutte le altre droghe. E allora che cosa proponi? Che lo stato venda anche la cocaina????

Il discorso di "aumentare gli introiti" francamente mi pare l'ultimo elemento da considerare. Lo scopo dello Stato è favorire il bene comune, non aumentare i propri profitti, perché lo Stato per definizione non è un'impresa privata.

Dici che lo Stato non può proibire qualcosa che "agisce solo sul corpo di chi ne fa uso", ma innanzitutto dimentichi che il tossicodipendente, oltre a rovinare la propria vita, rovina anche quella di chi gli sta intorno, familiari in primis. Secondariamente, se il tuo discorso fosse valido, allora bisognerebbe anche legalizzare il suicidio.

Se permetti le istituzioni dovrebbero fare il possibile per evitare che le persone si auto-distruggano o comunque danneggino la propria salute.

Continui a ripetere che legalizzare le droghe non danneggia chi non fa uso di droghe... Ma non è vero!

Ma, a dire il vero quando parlo di droghe io intendo tutte le droghe.

L'aumento degli introiti e la riduzione delle spese dovute alla proibizione sono benefici che alimentano il grande motore statale. Non so che concetto tu abbia di "bene comune", ma visto che la gente vuole drogarsi privarli di questa libertà che riguarda solo loro è sicuramente un'imposizione di bene.

Lo Stato ha le scuole, fa le sue belle campagne antidroga, ma tanta gente che ha raggiunto la maggiore età preferisce comunque drogarsi, è una loro libera scelta, invece devono rivolgersi a dei criminali e muoversi nell'illegalità solo perché nella grande visione attuale del "bene comune" il diritto di fare di sé ciò che si vuole non è contemplata.

Non parlai delle famiglie perché non volevo allungare il discorso, ma sentivo che sarebbero uscite fuori:

le famiglie ne escono danneggiate solo moralmente, economicamente non subiscono danni perché la droga statale costerà poco e non saranno obbligate a fornire denaro ai membri del nucleo per le droghe; il danno morale avviene solo se la famiglia reputa il drogarsi una cosa sbagliata e motivo di disperazione. Che poi se uno finisce col drogarsi pesante probabilmente la famiglia non è stata capace di educarlo al non consumo, non è stata capace di offrirgli alternative, quindi sono problemi loro se soffriranno perché uno dei loro membri fa uso controllato di droghe.

Poi non vedo perché il suicidio sia illegale, dopotutto solo i singoli individui possono dare valore alle cose, anche alla propria vita, se uno vuole porre fine alla propria esistenza ha sicuramente associazioni e, forse, anche persone a cui rivolgersi per farsi dare una mano, ma se non vuole lottare: a mai più rivederci, è stato un piacere.

Le istituzioni fanno molte campagne contro la droga, contro il fumo, contro l'alcol ma non devono mai superare la libera scelta individuale, e visto che comunque le persone si fanno del male lo stesso meglio catalogarle e lasciarle fare sotto il controllo dello Stato, che investirà i soldi guadagnati dalla vendita di droghe per far vivere meglio o risolvere i problemi di chi li vuole risolvere davvero.

La grande differenza nei nostri discorsi è che secondo te esiste il vero bene e noi tutti (tranne me)ne siamo addirittura a conoscenza, quindi possiamo anteporre il vero bene alla libertà dei singoli; secondo me il vero bene, se esiste, sicuramente non l'abbiamo trovato e per questo lo Stato deve trovare le soluzioni più oggettive e più pratiche possibili, che non schiaccino la libertà del singolo.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Questa è una cosa che molti credono. Non so se è vera o no, ma se dovessi fidarmi

di ciò che posso vedere io tra le persone che conosco punterei sul "non vero".

Credo che ci sia un po' di confusione logica, nel seguente ragionamento:

"Molte delle persone che usano drighe pesanti sono partite da droghe leggere,

quindi, chi usa droghe leggere ha molte possibilità di usare droghe pesanti."

E' un sillogismo molto debole, qualunque scienziato serio direbbe che è sbagliato.

Da un punto di vista scientifico, per arrivare alla conclusione che l'uso di droghe

leggere porta con alte possibilità all'uso di droghe pesanti, non si prende l'insieme

dei soggetti che usano droghe pesanti per vedere quanti hanno fatto uso di droghe

leggere, ma si prende l'insieme dei soggetti che hanno fatto uso di droghe leggere

e si guarda quanti di essi sono poi passati all'uso di droghe pesanti. Se sono tanti,

vuol dire che la possibilità è alta, se sono pochi, vuol dire che la possibilità è bassa,

e rimarrebbe bassa anche se tutti i soggetti che usano droghe pesanti fossero passati

prima dalle droghe leggere.

Questo da un punto di vista scientifico, poi si può pensarla come si vuole ma se

si ragiona per "possibilità" è meglio essere un po' rigorosi sul metodo.

ciao ste', questa e' una mia opinione e nn c'e' niente di scentifico in tutto cio'!!!

ma se interroghi chi usa cocaina ed altre sostanze molto probabilmente la maggioranza dira'

che la prima droga illegale che hanno assunto , e' stata la cannabis , joints, mariuana o come le chiamate voi in italia.....

canna.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
la teoria che chi fa le canne diventa schizzofrenico .. è ridicola.

non ha null adi scientifico .

ci sarebbero migliaia di schizofrenici in giro ..

invece non è cosi' ..

statisticamente le due cose sono in relazione solo in un numero esiguo di casi.

questo si chiama terrorismo psicologico .

e comunque la droga che usano i giovani e che fa male non è la canna ma l' extasi ..

perchè si continua a parlare di canne. ??.

parliamo di discoteche parliamo dei minorenni che vanno a ballare e si calano e bevono ..

la canna non è neanche una droga in effetti ...

è solo una spezia come il pepe o il peperoncino oppure il sale oppure il curry...

la canna da solo un leggero senso di euforia .. tutto qui ..

invece nessuno si indigna che le pasticche girano tranquillamente in tutte le discoteche .. e che quelle si che rendono psicotici .. e quelle si che danneggiano la mente in modo irreversibile..

apriamo gli occhi per favore..

si apriamo gli occhi e vai a dare una sbriciolata sugli studi scentifici fatti sulla cannabis ! chi assume regolarmente questa droga va' incontro am molte malattie fra cui la schizofrenia , la psicosi e centinaia di altre malattie!!!

tu dici che la cannabis e' come il peperoncino solo perche' e' una sosstanza naturale ma l'oppio nn e' sostanza naturale oppure la cocaina? bhe dovrei fare una ricerca su questi due droghe da me citate ma sono sicuro che sono sostanze naturali!!!! come sono sostanze naturali parecchi veleni ricavati da foglie, da funghi e d altre cose che sembrano innocue!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ciao ste', questa e' una mia opinione e nn c'e' niente di scentifico in tutto cio'!!!

ma se interroghi chi usa cocaina ed altre sostanze molto probabilmente la maggioranza dira'

che la prima droga illegale che hanno assunto , e' stata la cannabis , joints, mariuana o come le chiamate voi in italia.....

canna.

Questo dimostrerebbe la seguente verità (con la "v" minuscola):

"L'uso di droghe pesanti è spesso preceduto dall'uso di droghe leggere".

Non dimostra quest'altro enunciato (che non è una "opinione" ma una "tesi"):

"L'uso di droghe leggere è spesso seguito dall'uso di droghe pesanti".

Anche questo potrebbe essere vero ma va dimostrato in altro modo.

Poi ci sarebbe un'altra questione da aprire:

se interroghi chi fa uso di droghe (leggere o pesanti), molto probabilmente

la maggioranza dirà che prima faceva uso di latte e biscotti.

Cosa ne deduciamo? :im Not Worthy:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Questo dimostrerebbe la seguente verità (con la "v" minuscola):

"L'uso di droghe pesanti è spesso preceduto dall'uso di droghe leggere".

Non dimostra quest'altro enunciato (che non è una "opinione" ma una "tesi"):

"L'uso di droghe leggere è spesso seguito dall'uso di droghe pesanti".

Anche questo potrebbe essere vero ma va dimostrato in altro modo.

Poi ci sarebbe un'altra questione da aprire:

se interroghi chi fa uso di droghe (leggere o pesanti), molto probabilmente

la maggioranza dirà che prima faceva uso di latte e biscotti.

Cosa ne deduciamo? :im Not Worthy:

Che anche il cibo può essere una droga e generare dipendenza e condurre alla morte se assunto in dosi elevate o non assunto affatto...il problema alla fine non sono gli spinelli ma quello che si cerca negli spinelli...il problema non è paragonare gli spinelli all'eroina ma capire cosa ci spinge a farne un uso improprio... ed infine eliminare una volta per tutte i miti dell'artista maledetto che per tirare fuori la sua personalità ha bisogno di estraniarsi dalla realtà, del ragazzo incompreso che si rifugia nell'oblio dell'euforia o della rilassatezza per poter accettare la vita.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

RISPOSTA A DARIO:

Non ti nascondo che sono rimasta scioccata dalla tua risposta.

Le famiglie in cui un figlio o una figlia è tossicodipendente secondo te ne escono danneggiate solo "moralmente"???

Mai sentito parlare di ragazzi che per procurarsi i soldi per comprare la cocaina rubano in casa, vendono tutto quello che possono, diventano violenti, distruggono letteralmente la vita dei loro familiari?

Forse se andassi in una comunità e parlassi con dei ragazzi ex-tossicodipendenti, ti renderesti conto davvero di come la droga annienti le persone e le porti a fare cose tremende.

Non credo proprio che la Costituzione contempli il "diritto a drogarsi". Contempla al contrario il diritto alla vita e alla salute delle persone.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Che anche il cibo può essere una droga e generare dipendenza e condurre alla morte se assunto in dosi elevate o non assunto affatto...

Sbajato. Ne deduciamo che chi fa uso di latte e biscotti ha un'elevata possibilità di diventare drogato. :icon_rolleyes:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non credo proprio che la Costituzione contempli il "diritto a drogarsi". Contempla al contrario il diritto alla vita e alla salute delle persone.

La Costituzione garantisce la tutela della salute, non te la impone.

La Costituzione contempla esplicitamente il diritto a non essere sottoposti a trattamenti sanitari,

se non per disposizione di legge. Se tu ti droghi, e io ti sottopongo a cure forzate senza il tuo consenso,

compio nei tuoi confronti un reato (che credo si chiami, in legalese, 'violenza privata').

Ad esempio: nessuno può costringerti a non ubriacarti, però la polizia può (anzi deve) ritirarti la patente

e costringerti a fare esami per verificare che non sei alcoolista prima di ridartela, se ti becca a guidare in

stato di ebbrezza. Questo perché ubriacarti è un diritto (son xxxx tuoi), mentre guidare in stato di ebbrezza

non lo è, ma anzi è un'infrazione con la quale metti a repentaglio la sicurezza altrui.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
RISPOSTA A DARIO:

Non ti nascondo che sono rimasta scioccata dalla tua risposta.

Le famiglie in cui un figlio o una figlia è tossicodipendente secondo te ne escono danneggiate solo "moralmente"???

Mai sentito parlare di ragazzi che per procurarsi i soldi per comprare la cocaina rubano in casa, vendono tutto quello che possono, diventano violenti, distruggono letteralmente la vita dei loro familiari?

Forse se andassi in una comunità e parlassi con dei ragazzi ex-tossicodipendenti, ti renderesti conto davvero di come la droga annienti le persone e le porti a fare cose tremende.

Non credo proprio che la Costituzione contempli il "diritto a drogarsi". Contempla al contrario il diritto alla vita e alla salute delle persone.

La droga costa poco, è la criminalità che la vende a prezzi altissimi.

Non ho mai sentito di persone che hanno rovinato la famiglia per comprare le sigarette, ad esempio, non vedo perché la potrebbero rovinare per via della droga venduta a buon prezzo dallo stato.

La droga annienterà le persone, ma sono loro che scelgono di iniziare.

Legalizzare significa prendere atto che le persone si vogliono drogare e si drogheranno, quindi ridurre al minimo i danni per la società, agendo per la via più pratica (e non per la "più giusta", secondo il senso comune, dato che la via "più giusta" non esiste).

Se il drogato poi compierà atti di violenza in famiglia, saranno i familiari a dover provvedere alla propria sicurezza denunciando il fatto, così come fanno oggi.

La differenza è che se oggi chi ha un figlio drogato, e che si indebita con la criminalità, in casa molte volte se ne accorge quando quello è diventato cadavere, con la legalizzazione le famiglie prenderanno più facilmente atto che il figlio si droga e, se riterranno opportuno, provvederanno come meglio credono.

Non che mi piaccia sapere che i ragazzi si ammazzano con la droga, oggi, e rischieranno di farlo con la droga legalizzata, in un ipotetico futuro, ma non posso affermare con certezza che drogarsi in sé sia male perché ognuno è artefice del proprio destino e sceglie cosa fare, l'importante è che non faccia danni tangibili agli altri, e se li fa lo Stato interviene.

Bisognerebbe spaziare un pochino, pensare a questi individui che scelgono di drogarsi (consapevolmente, legalmente, in età adulta) e che forniranno fondi per curare il cancro, aprire parchi giochi per bambini, migliorare le scuole, finanziare la polizia, invece che diventare fornitori di soldi per la mafia che organizzerà estorsioni, racket, inquinamento della politica ed impegnerà la polizia in attività ai limiti dell'umano (che poi è ciò che avviene oggi praticamente).

Se posso fare una considerazione tendenziosa io credo che qui ci sia la tendenza a confondere legalità e giustizia, come se le due cose fossero collegate.

La giustizia, intesa come scelta tra giusto e sbagliato, è una cosa totalmente personale ed inviduale.

La cosa legale è la cosa più pratica per far muovere la società.

Scegliere di drogarsi o meno è una cosa che riguarda il singolo individuo, legalizzare le droghe e la via più pratica perché limita i danni.

Non ci sono prove che legalizzando le droghe il consumo aumenterà, anzi probabilmente diminuirà perché le droghe portano soldi alle casse dello Stato, soldi che, si spera, verranno reinvestiti per migliorare le scuole, le strade, la vita. Le persone saranno troppo impegnate a fare altro per andare a drogarsi.

Fermo restando che stiamo parlando di un apparato Statale che funzioni, che non può essere quello Italiano attuale.

Per finire non partirei mai dalla nostra costituzione come esempio di "ciò che andrebbe fatto" o di "buon esempio" in genere, visto che è piena di articoli molto discutibili (e discussi), contraddittori. Giusto per citare la parte riguardante la salute, stabilisce che lo Stato tutela la salute dei cittadini ma poi a me sembra che sia proprio lo Stato a vendere le sigarette.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

Risposta a Dario:

Per me parlare della droga (soprattutto se per droga intendiamo cocaina, eroina, ecstasy) è parlare di vita o di morte delle persone.

Che la cocaina ad esempio porti alla morte credo sia assodato, non negherai anche questo.

Chi vende droga è, di fatto, un assassino.

Lo Stato non può essere un assassino.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Risposta a Dario:

Per me parlare della droga (soprattutto se per droga intendiamo cocaina, eroina, ecstasy) è parlare di vita o di morte delle persone.

Che la cocaina ad esempio porti alla morte credo sia assodato, non negherai anche questo.

Chi vende droga è, di fatto, un assassino.

Lo Stato non può essere un assassino.

Le sigarette uccidono prima o poi e, simili alle droghe, causano dipendenza.

Pertanto lo Stato è già un assassino, dobbiamo far proibire anche le sigarette.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Che anche il cibo può essere una droga e generare dipendenza e condurre alla morte se assunto in dosi elevate o non assunto affatto...il problema alla fine non sono gli spinelli ma quello che si cerca negli spinelli...il problema non è paragonare gli spinelli all'eroina ma capire cosa ci spinge a farne un uso improprio... ed infine eliminare una volta per tutte i miti dell'artista maledetto che per tirare fuori la sua personalità ha bisogno di estraniarsi dalla realtà, del ragazzo incompreso che si rifugia nell'oblio dell'euforia o della rilassatezza per poter accettare la vita.

QUOTO :Thinking:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Visto il tuo enorme acume in materia Ste...da oggi sei ufficialmente nominato Dottore in erba :Thinking: ... :rofl3:

Allora pretendo il coretto della gogliardia padovana riservato ai neolaureati:

"Dottoooore... dottooooore.... dottore del buso del... vaffan... vaffan..." :sex:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.