Vai al contenuto

Problemi di comunicazione


Messaggi consigliati

Ciao a tutti. Ho una vita apparentemente tranquilla, con moglie, figli e lavoro..... però.

Però non riesco a parlare delle cose più importanti e più intime con i miei familiari. Mi sforzo, mi analizzo, affronto i vari problemi e cerco le risposte (a volte vengono altre no), ma poi tutto rimane dentro di me, non riesco ad esternarlo e a parlarne. Perchè? Mia moglie dice che non sono stato abituato a parlare di queste cose, per cui faccio fatica. Ma forse c'è di più. Forse ritornano le mie paure di non essere accettato, le mie insicurezze e problematicità adolescenziali. O forse sono semplicemente io, che non reagisco di fronte alle aggressioni verbali, che non reagisco... forse perchè quando l'ho fatto l'ho sempre pagata cara la reazione, e allora con tempo mi sono costruito un cuscinetto che smorza le reazioni. Ho parlato con uno psicologo che mi ha consigliato un approccio cognitivo ai miei problemi. Sono ancora all'inizio, ma mi sembra che siano utrili i consigli e le metodologie utilizzate. Ma ritorno al mio collo di bottiglia: rimane tutto dentro di me, e se cerco di farlo timidamente uscire non è mai come me lo dicevo dentro di me. Forse è un problema di comunicazione, bloccata dalle mie paure.

Ho scritto un sacco di forse.

Forse ho bisogno di parlare di queste cose con persone estranea e quindio anche meno coinvolte......

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


ciao!

allora inizia a parlare di quello che pensi e del perchè non riesci a conforntarti con gli altri... perchè alla fine è questo il problema: se non riesci ad esprimere ciò che pensi non hai il confronto con gli altri. Prova a parlarne con noi e, nel nostro piccolo, cercheremo di ascoltarti. In ogni caso, considera che la psicoterapia non è una bacchetta magica, quindi dovrai avere un pò di pazienza e sicuramente ti aiuterà a capire il perchè di questa tua reazione. Potrebbe avere ragione tua moglie, che sicuramente ti conosce bene: magari è semplicemente un problema di educazione...

e allora dai sù... :muttley:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao e benvenutissimo.

Allora, io credo che smorzare le proprie emozioni, le proprie sensazioni e tenersele dentro sia davvero molto triste.

Pensa che bello e che sollievo farle uscire, e condividerle con le persone a cui tieni. Però se questo ti risulta difficile, beh eccoci qui, perfetti sconosciuti, con la quale è molto più facile aprirsi.

Spiegaci innanzi tutto, quali sono le cose che ritieni intime e importanti.. Di cosa vorresti parlare con tua moglie?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao.Volevo dirti che ho fatto la banalissima riflessione sul fatto che tu sei un maschio! Molto dipende da questo.I maschi imparano a parlare piu tardi e per loro l'attività verbale risulta piu fastidiosa.Anche col mio compagno e con i miei precedenti uomini (non tanti.....) è sempre stato cosi.Figurimoci poi parlare di cose intime.Ci vuole il momento giusto,la confidenza etc .Sembra la scoperta dell acqua calda,ma non pensare di essere una mosca bianca ,parti da qua e poi se vuoi apriti un po' ......al femminile.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Allora comincerò riflettendo su quello che mi avete scritto e dirvelo.

Ha ragione coccynella: gli uomini hanno maggiore difficoltà ad aprirsi su questioni intime e (spesso) "fragili". Non sono il superuomo che fa tutto bene, conosco i miei limiti, li ammetto anche pubblicamente e anzi tendo a sottovalutarmi, cosa che sto cercando di correggere. Per cui (almeno nel mio caso) la difficoltà a parare non dipende dalla paura di mostrare un lato debole della mia persona. Forse (ci sto riflettendo ora), la difficoltà risale al modello di padre che ho avuto.

Mio padre è morto improvvisamente 3 anni e mezzo fa. Era un uomo un po' burbero, ma buono di carattere e che ci voleva bene. Era un uomo dei suoi tempi, che non aveva dialoghi profondi con i suoi figli (ho una sorella più piccola di un anno), lasciando la questione a mia mamma. Con mio padre non ho mai avuto una confidenza, un consiglio, un appoggio. L'ho cercato, in maniera goffa ed impacciata, in verità, ma ho trovto dall'altra parte una persona ancora più incapace di me a comunicare. Altri modelli maschili non ho avuto, tranne mio zio dal quale ho cercato di apprendere una maggiore colloquialità, ma più di riflesso che direttamente. Col tempo mi sono trovato un equilibrio interno nei rapporti con mio padre che sono via via migliorati con la mia crescita. Ma che non sono mai arrivati ad un livello di confidenza tale da essere soddisfatto. Ho sempre detto a mia mamma che avrei preferito un abbraccio da mio padre piuttosto che soldi in tasca. Ma non l'ho mai detto a lui. Per paura di ferirlo, perchè dentro di me sapevo che anche lui ci stava male. Sono quelle strane cose non dette, che però sai vere.

Le mie emozioni, cara S@ra, nascono genuine e forti, solo che col tempo sono riuscito (bella impresa!) a godermele dentro, senza esternarle. E questo, alla lunga, mi ha sì protetto da dolori, ma mi ha anche accentuato la mia difficoltà a parlare. E mi rendo conto da poco tempo che ha generato in me un bruttissimo senso di passività con cui vivo la vita. Non una iniziativa, non un'idea precisa e pensata su argomenti in generale. Mi sembra di vivere e prendere decisioni sul momento, senza poi valutare bene le implicazioni che hanno. Ma almeno su questo punto mi sto rendendo ben conto, e comincio ad ottenere risultati, che è necessario prendere posizione, me lo chiede mia moglie, me lo chiedono i miei figli. E piano piano acquisto sicurezza, valutando ed imparando dagli errori commessi, dopo che ho cominciato a guardare bene in fondo a me stesso.

Ecco un altra sensazione sgradevole: il non aver continuato a guardare dentro di me per tanti, tanti anni, finite le classiche crisi esistenziali adolescenziali. Ho dato ormai quei problemi per risolti (e in parte è vero), ma non ho saputo (o voluto?) affrontare i cambiamenti della vita che scorreva. Quando è successo è stato traumatico, ed ho avuto la forza di superare quel momento. L'impegno per guardarsi nell'anima quotidianamente è quanto di più difficile ho affrontato e molto spesso temo di non farcela. Ma non mollo. Almeno sono tenace e perseverante di carattere.

Se non vi siete stancati delle mie chiacchere, e avete domande o riflessioni, scrivete.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.